GT Internazionale

IGTC – 12 Ore di Bathurst
Vittoria al cardiopalma per Mercedes

Michele Montesano Con il trionfo nella 12 Ore di Bathurst Jules Gounon, Luca Stolz e Kenny Habul hanno aperto la stagione 2...

Leggi »
formula 1

Verstappen, il simulatore nel motorhome
“Lo userò dopo le sessioni in pista”

Helmut Marko l’aveva sparata grossa negli scorsi giorni, affermando che Max Verstappen avrebbe fatto installare un simulatore...

Leggi »
indycar

Alla scoperta di Thermal Club
La città morta e il Coachella Festival

Marco Cortesi‍La scelta del circuito di Thermal Club, in California, per i test collettivi dell'IndyCar ha destato molta ...

Leggi »
World Endurance

ByKolles perde la causa contro
Sanderson, a rischio il marchio Vanwall

Michele Montesano Per la Vanwall la presenza nel FIA WEC si sta rivelando sempre più una corsa a ostacoli. La ByKolles, str...

Leggi »
formula 1

La Red Bull mostra a
New York la livrea della RB19

La presentazione della nuova Red Bull? No, la RB19 non c'era e la vedremo forse in un filming day a Silverstone o diretta...

Leggi »
formula 1

La Ford ritorna nel Mondiale F1
Sarà il motorista della Red Bull

Pochi istanti prima della presentazione della Red Bull 2023, è arrivato l'annuncio ufficiale del ritorno in Formula 1 del...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
30 Ott [10:29]

Suzuka, gara 2
Nojiri chiude in bellezza

Jacopo Rubino

Tomoki Nojiri archivia in grande stile la stagione di Super Formula, festeggiando il suo secondo successo dell'anno. Messo in cassaforte il titolo 2022 dopo gara 1 di ieri, il pilota del team Mugen si è aggiudicato a Suzuka gara 2, l'ultima in calendario: la vittoria è arrivata dopo la partenza dalla pole-position, siglata nella qualifica del mattino, e con una marcia d'autorità al comando. Nojiri non ha ceduto la vetta del gruppo nemmeno per il pit-stop obbligatorio, effettuato al giro 13 in regime di safety car per il contatto fra Giuliano Alesi e Nobuharu Matsushita. Alla ripresa, il fresco bicampione ha di nuovo dettato il ritmo, tagliando il traguardo con quasi 7" di vantaggio su Hiroki Otsu.

L'alfiere di casa Dandelion allo start aveva subito scavalcato Ritomo Miyata, lento ad avviarsi, e infilato così anche da Ukyo Sasahara. Il vincitore della corsa del sabato, poco dopo il suo cambio gomme, si è però toccato con Sho Tsuboi danneggiando l'ala anteriore: costretto ad un'altra sosta, è scivolato nelle retrovie.

Miyata (Tom's) ha completato il podio, mentre Sacha Fenestraz, a sua volta autore del cambio gomme sotto neutralizzazione, ha avuto la meglio su Tsuboi per terminare quarto. Questo risultato consegna al franco-argentino i gradi di vicecampione, battendo per due punti Ryo Hirakawa che è giunto oggi alle sue spalle, quinto. Nel 2023 Fenestraz sarà impegnato in Formula E da alfiere Nissan.

Sesto Naoki Yamamoto, alla presenza numero 100 nella serie, mentre alla fine Tsuboi è precipitato fuori dalla top 10, chiudendo dodicesimo dietro a Yuhi Sekiguchi: entrambi hanno dovuto incassare lo spettacolare doppio sorpasso di cui è stato autore Kamui Kobayashi in curva 1.

Una prima fase di safey-car era stata chiamata in apertura per il crash di Nirei Fukuzumi, con bandiera verde sventolata al terzo giro.

Domenica 30 ottobre 2022, gara 2

1 - Tomoki Nojiri (Dallara-Honda) - Mugen - 31 giri 1'01'20"630
2 - Hiroki Ohtsu (Dallara-Honda) - Dandelion - 6"857
3 - Ritomo Miyata (Dallara-Toyota) - Tom's - 8"000
4 - Sacha Fenestraz (Dallara-Toyota) - Kondo - 10"549
5 - Ryo Hirakawa (Dallara-Toyota) - Impul - 13"862
6 - Naoki Yamamoto (Dallara-Honda) - Nakajima - 14"803
7 - Toshiki Oyu (Dallara-Honda) - Nakajima - 18"707
8 - Atsushi Miyake (Dallara-Honda) - Goh - 31"953
9 - Tadasuke Makino (Dallara-Honda) - Dandelion - 32"799
10 - Kamui Kobayashi (Dallara-Toyota) - KCMG - 33"017
11 - Yuhi Sekiguchi (Dallara-Toyota) - Impul - 34"492
12 - Sho Tsuboi (Dallara-Toyota) - Inging - 39"733
13 - Kenta Yamashita (Dallara-Toyota) - Kondo - 40"664
14 - Sena Sakaguchi (Dallara-Toyota) - Inging - 40"854
15 - Kazuya Oshima (Dallara-Toyota) - Rookie - 41"854
16 - Ukyo Sasahara (Dallara-Honda) - Mugen - 42"475
17 - Giuliano Alesi (Dallara-Toyota) - Tom's - 43"540
18 - Yuji Kunimoto (Dallara-Toyota) - KCMG - 47"920
19 - Ren Sato (Dallara-Honda) - Goh - 1'01"350

Giro più veloce: Ren Sato 1'39"362

Ritirati
12° giro - Nobuharu Matsushita
1° giro - Nirei Fukuzumi

Il campionato
1.Nojiri 154 punti; 2.Fenestraz 89; 3.Hirakawa 87; 4.Miyata 64; 5.Makino 61; 6.Sasahara 57; 7.Sekiguchi 43; 8.Oyu 43; 9.Otsu 33; 10.Yamamoto 32

29 Ott [12:38]

Svelata l’aerodinamica del 2023
Meno carico aerodinamico, più sorpassi

Michele Montesano

In occasione dei test di Suzuka, che hanno preceduto il fine settimana di gare, è stata svelata la nuova aerodinamica che equipaggerà le monoposto di Super Formula a partire dalla prossima stagione. Sfruttando l’attuale telaio SF19, costruito da Dallara, si è cercato di realizzare una vettura in grado di favorire i sorpassi, di generare meno carico aerodinamico e, soprattutto, essere più ecosostenibile. Obiettivo, quest’ultimo, non facile soprattutto se si parla di motorsport ma che, con le giuste modifiche, potrà diventare realtà.

Nell’arco dell’anno, i collaudatori Hiroaki Ishiura e Koudai Tsukakoshi hanno condotto una serie di test di sviluppo su 2 vetture laboratorio, accumulando oltre 8000 km percorsi. Entrambi i piloti si sono detti piacevolmente sorpresi delle modifiche aerodinamiche, in particolar modo nel guidare in scia. Questo miglioramento è stato ottenuto grazie all’introduzione di un nuovo diffusore in grado di deviare i flussi turbolenti, e sporcati dal corpo vettura, verso l’alto lasciando così maggior aria pulita nei confronti dell’auto che segue (nella foto sotto il confronto con l'attuale SF19 e il nuovo kit aerodinamico).



Sempre in questa direzione va letto il nuovo disegno dell’alettone anteriore, rivisto sia per quanto riguarda il profilo principale che gli endplate. L’obiettivo è quello di convogliare aria verso il fondo piatto e non al di fuori della sagoma degli pneumatici riducendo così i vortici nocivi. Per lo stesso motivo anche il flap posteriore presenta una forma a cucchiaio rovesciato, in grado di generare carico nei tratti misti e, al contempo, garantire una buona velocità di punta.

Anche il cofano motore, pur restando la pinna sul dorso per garantire maggior stabilità in curva, è stato interessato dal nuovo pacchetto aerodinamico. Così come le fiancate, che ora scendono verso il pavimento in maniera più accentuata. Tutte le modifiche nel complesso hanno ridotto il carico aerodinamico del 10%, stimabile in 1” al giro in più sulla maggior parte dei circuiti del calendario. Ma, come il motorsport ci ha insegnato, al termine del test a Suzuka la cifra effettiva si è ridotta all’8%.



Il progetto chiamato ‘Next 50’ spinge anche per l’introduzione di materiali più sostenibili come alcune zone del cofano motore e delle pance realizzate in fibra di lino Bcomp. Inoltre anche gli pneumatici Yokohama saranno prodotti con una percentuale maggiore di materiali riciclati. Mentre, seppur brevemente testato durante l’anno, è stata accantonata per ora l’idea di utilizzare un carburante ecosostenibile. Anche se basata sul telaio SF19, introdotto nel 2019, la monoposto subirà un cambio di denominazione diventando SF23CN, dove la sigla ‘CN’ sta appunto per Carbon Neutral, e resterà in attività per altre 3 stagioni prima di andare definitivamente in pensione.

Ma non è tutto oro quel che luccica. Pare che alcuni team abbiamo espresso riserve in merito all’introduzione del nuovo pacchetto di aggiornamenti. A far tentennare le squadre è l’attuale situazione economica oltre all’indebolimento dello Yen, se confrontato con il dollaro USA, che renderà l’acquisto delle componenti realizzate dalla Dallara più costose rispetto ad un anno fa. A tal proposito Yoshihisa Ueno, a capo dell’organizzazione della serie JRP, ha annunciato che una decisione finale sarà presa a dicembre in concomitanza dei test invernali.

29 Ott [10:11]

Suzuka, gara 1
Nojiri si conferma sul trono

Jacopo Rubino

Tomoki Nojiri si conferma campione della Super Formula: come lo scorso anno, il portacolori del team Mugen si è aggiudicato il titolo con d'anticipo. Decisivo questa volta il secondo posto in gara 1 a Suzuka, tappa conclusiva del calendario 2022 articolata su doppia sfida. Dopo la pole-position messa a segno in qualifica, che gli ha fruttato altri tre punti, a Nojiri bastava terminare oggi sul podio per archiviare la pratica. Missione compiuta, chiudendo alle spalle del compagno Ukyo Sasahara, e con questa doppietta Mugen si aggiudica anche la corona fra le squadre.

Nojiri è diventato così il primo pilota dopo Tsugo Matsuda, vincitore nel 2007 e 2008, a scrivere per due edizioni consecutive il proprio nome nell'albo d'oro della massima serie giapponese, che all'epoca si chiamava ancora Formula Nippon.

Nojiri è scattato bene dalla pole, andando ai box per il cambio gomme al giro 11. Appena rientrato in pista, però, ha dovuto lasciar andare Sasahara, che aveva effettuato il pit-stop nella tornata precedente e aveva quindi i pneumatici già in temperatura. Da quel momento Sasahara ha preso il largo, tagliando il traguardo con 12" di vantaggio, mentre Nojiri si è accontentato della piazza d'onore.

A maggior ragione, considerando la giornata opaca vissuta da quelli che erano i suoi antagonisti per la conquista del titolo, Ryo Hirakawa e Sacha Fenestraz: nono al traguardo l'alfiere di casa Impul, addirittura sedicesimo il franco-argentino. Adesso appaiati a 81 punti in classifica generale, in gara 2 di domani si giocheranno la palma di vicecampione.

A completare il podio è stata invece un'altra vettura motorizzata Honda, quella di Ren Sato, complice la sosta lenta di Ritomo Miyata che aveva ritardato il cambio gomme fino al giro 25, viaggiando da leader provvisorio. Quarto posto per Toshiki Oyu, che in partenza era stato subito superato da Sasahara, e nel finale ha invece dovuto guardarsi negli specchietti per il recupero di Miyata.

Sabato 29 ottobre 2022, gara 1

1 - Ukyo Sasahara (Dallara-Honda) - Mugen - 31 giri 53'00"126
2 - Tomoki Nojiri (Dallara-Honda) - Mugen - 12"589
3 - Ren Sato (Dallara-Honda) - Goh - 14"212
4 - Toshiki Oyu (Dallara-Honda) - Nakajima - 19"638
5 - Ritomo Miyata (Dallara-Toyota) - Tom's - 19"995
6 - Yuhi Sekiguchi (Dallara-Toyota) - Impul - 21"206
7 - Tadasuke Makino (Dallara-Honda) - Dandelion - 23"151
8 - Sho Tsuboi (Dallara-Toyota) - Inging - 25"941
9 - Ryo Hirakawa (Dallara-Toyota) - Team Impul - 26"423
10 - Sena Sakaguchi (Dallara-Toyota) - Inging - 27"631
11 - Naoki Yamamoto (Dallara-Honda) - Nakajima - 29"535
12 - Atsushi Miyake (Dallara-Honda) - Goh - 33"444
13 - Hiroki Otsu (Dallara-Honda) - Dandelion - 35"643
14 - Kenta Yamashita (Dallara-Toyota) - Kondo - 42"243
15 - Nirei Fukuzumi (Dallara-Honda) - Drago - 44"485
16 - Sacha Fenestraz (Dallara-Toyota) - Kondo - 44"851
17 - Nobuharu Matsushita (Dallara-Honda) - B-Max - 46"689
18 - Kamui Kobayashi (Dallara-Toyota) - KCMG - 48"700
19 - Kazuya Oshima (Dallara-Toyota) - Rookie - 55"137
20 - Yuji Kunimoto (Dallara-Toyota) - KCMG - 57"781
21 - Giuliano Alesi (Dallara-Toyota) - Tom's - 58"552

Giro più veloce: Atsushi Miyake 1'40"056

Il campionato
1.Nojiri 131 punti; 2.Hirakawa 81; 3.Fenestraz 81; 4.Makino 59; 5.Sasahara 57; 6.Miyata 51; 7.Sekiguchi 43; 8.Oyu 39; 9.Tsuboi 30; 10.Yamamoto 27

21 Ago [11:37]

Motegi, gara 2
Sekiguchi dopo tre anni

Jacopo Rubino

Dopo Naoki Yamamoto, nel weekend di Motegi anche Yuhi Sekiguchi ha interrotto una lunga astinenza da vittoria in Super Formula: aggiudicandosi gara 2, ha riassaporato il successo che gli mancava di più di tre anni. L'ultimo lo aveva centrato infatti nel 2019, ad Autopolis. Per il team Impul è maturata addirittura la doppietta, con Ryo Hirakawa, su strategia opposta, che nel finale ha cercato di strappare la vittoria al compagno di colori.

Sekiguchi si è fermato ai box al giro 10 quando era sesto, trovando poi strada libera visto che i rivali davanti non si erano ancora fermati. In questo modo ha potuto sfruttare al massimo il vantaggio dei pneumatici Yokohama freschi, così da rendere efficace l'undercut e ritrovarsi al comando al giro 30, quello in cui è stato Hirakawa a compiere la sosta. L'alfiere Toyota nel WEC è rientrato in pista quarto, superando Tomoki Nojiri e Tadasuke Makino, per poi andare a caccia della vettura gemella di Sekiguchi, che all'ultima tornata si è difeso con i denti nella piega di curva 11.

Il muretto Impul, che non festeggiava un 1-2 da quattordici anni, non ha quindi dato ordini di scuderia per facilitare la caccia al titolo di Hirakawa, che in gara 1 di sabato ha perso punti preziosi uscendo nella ghiaia. Makino ha completato il podio, mentre ha chiuso quarto il capoclassifica Nojiri, che salendo a 113 lunghezze ha quasi ipotecato lo scettro: il suo margine su Sacha Fenestraz (oggi sesto) è aumentato infatti a +32, mentre Hirakawa è distante 34 punti. Ne restano disponibili ancora 46 nell'ultimo round di Suzuka, che si disputerà ancora su doppia manche il 29-30 ottobre.

Quinto il poleman Toshiki Oyu, che al giro 12 è incappato in un pit-stop più lento del previsto, ma soprattutto ha pagato l'undercut dei rivali, come Fenestraz partito al suo fianco in prima fila. Cambio gomme ritardato invece per Ren Sato e Ukyo Sasahara, settimo e ottavo al traguardo, mentre Sena Sakaguchi e Sho Tsuboi, entrambi portacolori Inging, hanno completato la top 10.

Questa volta è rimasto a secco il tricampione Yamamoto, sedicesimo e penalizzato di 5" per un contatto con Kazuya Oshima. Giuliano Alesi, dopo aver rischiato di non prendere il via per problemi tecnici, aveva recuperato terreno ma si è poi dovuto arrendere definitivamente.

Domenica 21 agosto 2022, gara 2

1 - Yuhi Sekiguchi (Dallara-Toyota) - Impul - 37 giri 59'31"699
2 - Ryo Hirakawa (Dallara-Toyota) - Impul - 0"943
3 - Tadasuke Makino (Dallara-Honda) - Dandelion - 2"450
4 - Tomoki Nojiri (Dallara-Honda) - Mugen - 4"713
5 - Toshiki Oyu (Dallara-Honda) - Nakajima - 5"985
6 - Sacha Fenestraz (Dallara-Toyota) - Kondo - 7"222
7 - Ren Sato (Dallara-Honda) - Goh - 8"096
8 - Ukyo Sasahara (Dallara-Honda) - Mugen - 14"316
9 - Sena Sakaguchi (Dallara-Toyota) - Inging - 25"715
10 - Sho Tsuboi (Dallara-Toyota) - Inging - 26"211
11 - Naoki Yamamoto (Dallara-Honda) - Nakajima - 39"358
12 - Nobuharu Matsushita (Dallara-Honda) - B-Max - 40"470
13 - Yuji Kunimoto (Dallara-Toyota) - KCMG - 42"326
14 - Hiroki Otsu (Dallara-Honda) - Dandelion - 42"877
15 - Ritomo Miyata (Dallara-Toyota) - Tom's - 43"165
16 - Atsushi Miyake (Dallara-Honda) - Goh - 43"799
17 - Kamui Kobayashi (Dallara-Toyota) - KCMG - 1'09"145
18 - Kazuya Oshima (Dallara-Toyota) - Rookie - 1'23"217

Giro più veloce: Kazuya Oshima 1'33"930

Ritirati
30° giro - Kenta Yamashita
27° giro - Giuliano Alesi
4° giro - Nirei Fukuzumi

Il campionato
1.Nojiri 113 punti; 2.Fenestraz 81; 3.Hirakawa 79; 4.Makino 55; 5.Miyata 43; 6.Sekiguchi 38; 7.Sasahara 37; 8.Oyu 30; 9.Yamamoto 27; 10.Tsuboi 27

20 Ago [20:33]

Motegi, gara 1
La rinascita di Yamamoto

Jacopo Rubino

Il tricampione Naoki Yamamoto torna a ruggire: vincendo gara 1 a Motegi ha interrotto un digiuno che durava dal 2020, quando conquistò il suo ultimo titolo. Passato dal team Dandelion a Nakakima, il pilota della pattuglia Honda ha vissuto un 2021 da dimenticare e il 2022 gli aveva riservato fin qui ancor meno soddisfazioni. Ma in questo weekend, che si disputa su doppia manche, è arrivata la svolta, persino a sorpresa.

Yamamoto ha brillato già in qualifica, siglando la pole-position, e ha condotto in testa l'intera corsa. Ma il compito non è stato scontato: con la pioggia venuta a cadere nelle fasi di pre-griglia, quando tutti hanno montato pneumatici wet, la partenza è avvenuta in regime di safety-car e la bandiera verde è stata sventolata al giro 4. Yamamoto ha dovuto tenere sotto controllo Sacha Fenestraz, che si è reso ancora più pericoloso alla ripresa dopo un'altra neutralizzazione, chiamata dall'uscita di pista di Ryo Hirakawa al giro 27. Yamamoto ha però tenuto i nervi saldi per aggiudicarsi il successo.

Fenestraz, tra la piazza d'onore e la battuta a vuoto di un deludente Hirakawa, diventa comunque il principale avversario in classifica generale del leader Tomoki Nojiri, terzo al traguardo. L'alfiere Mugen è riuscito a salire sul podio con il sorpasso a Toshiki Oyu, poi ritirato per problemi al cambio, e adesso ha 30 punti di margine sul franco-argentino di casa Kondo.

Quarta posizione per Tadasuke Makino, che ha preceduto Sho Tsuboi, sesto invece Kenta Yamashita. In extremis, Ukyo Sasahara ha strappato il settimo posto a Ritomo Miyata, mentre Yuhi Sekiguchi e Hiroki Otsu hanno completato la top 10.

È rimasto mani vuote Giuliano Alesi, che sotto safety-car aveva giocato la carta del cambio gomme, ma dopo essere diventato nono il francese è stato protagonista di un testacoda che gli ha fatto perdere terreno. Inoltre, ha dovuto scontare una penalità di 5", scivolando tredicesimo.

sabato 20 agosto 2022, gara 1

1 - Naoki Yamamoto (Dallara-Honda) - Nakajima - 37 giri 1'14'32"841
2 - Sacha Fenestraz (Dallara-Toyota) - Kondo - 5"337
3 - Tomoki Nojiri (Dallara-Honda) - Mugen - 7"210
4 - Tadasuke Makino (Dallara-Honda) - Dandelion - 12"628
5 - Sho Tsuboi (Dallara-Toyota) - Inging - 13"575
6 - Kenta Yamashita (Dallara-Toyota) - Kondo - 16"112
7 - Ukyo Sasahara (Dallara-Honda) - Mugen - 17"622
8 - Ritomo Miyata (Dallara-Toyota) - Tom's - 19"323
9 - Yuhi Sekiguchi (Dallara-Toyota) - Impul - 29"138
10 - Hiroki Otsu (Dallara-Honda) - Dandelion - 29"911
11 - Nobuharu Matsushita (Dallara-Honda) - B-Max - 31"493
12 - Ren Sato (Dallara-Honda) - Goh - 35"948
13 - Giuliano Alesi (Dallara-Toyota) - Tom's - 38"624
14 - Kamui Kobayashi (Dallara-Toyota) - KCMG - 38"898
15 - Yuji Kunimoto (Dallara-Toyota) - KCMG - 41"697
16 - Sena Sakaguchi (Dallara-Toyota) - Inging - 43"917
17 - Kazuya Oshima (Dallara-Toyota) - Rookie - 47"375

Giro più veloce: Naoki Yamamoto 1'49.399

Ritirati
30° giro - Nirei Fukuzumi
30° giro - Atsushi Miyake
30° giro - Toshiki Oyu
27° giro - Ryo Hirakawa

Il campionato
1.Nojiri 104 punti; 2.Fenestraz 74; 3.Hirakawa 64; 4.Makino 44; 5.Miyata 43; 6.Sasahara 34; 7.Yamamoto 27; 8.Tsuboi 26; 9.Matsushita 21; 10.Oyu 21

18 Lug [12:47]

Fuji, gara
Sasahara fa il colpaccio

Jacopo Rubino

Anche per Ukyo Sasahara è venuto il momento di festeggiare la prima affermazione in Super Formula: il pilota del team Mugen ha vinto il sesto round stagionale disputato al Fuji, già sede (su doppia manche) della tappa di apertura. Sasahara in griglia era solo tredicesimo, ma una serie di episodi ha propiziato il colpaccio. Decisiva è stata soprattutto la sfortuna del poleman Yuhi Sekiguchi, che poche curve dopo aver effettuato il pit-stop ha perso la ruota posteriore destra, richiamando la safety-car al giro 26. Fin lì Sekiguchi era stato praticamente perfetto, viaggiando sempre al comando.

Sasahara, che non si era ancora fermato ai box, ha quindi sfruttato la situazione per compiere il proprio cambio gomme, ritrovandosi davanti a Sho Tsuboi che aveva invece compiuto la sosta obbligatoria giusto nella tornata precedente. Questione di coincidenze.

Dal restart al bandiera a scacchi restavano da disputare dieci giri, con Sasahara andato a trionfare davanti al portacolori del team Inging e al compagno di squadra Tomoki Nojiri. Con il gradino più basso del podio, il campione in carica ha rafforzato la leadership in classifica generale salendo a 93 punti. I principali avversari nella lotta per il titolo, Ryo Hirakawa e Sacha Fenestraz, sono entrambi usciti di scena per incidente: Hirakawa in avvio è stato toccato da Toshiki Oyu, mentre il franco-argentino al giro 3 ha picchiato violentemente contro le barriere dopo un contatto ricevuto da Naoki Yamamoto, causando il primo intervento della safety-car. Sia Oyu e Yamamoto, alfieri del team Nakajima, sono stati sanzionati con un drive-through.

Quarta posizione per Ritomo Miyata di casa Tom's, davanti a Tadasuke Makino e Ren Sato, che come il vincitore Sasahara ha tratto vantaggio dal pit-stop in regime di neutralizzazione. Nel finale lo junior Red Bull ha scavalcato Kenta Yamashita, poi settimo. Fuori gioco Giuliano Alesi, per problemi alla vettura durante il suo cambio gomme, e Nobuharu Matsushita che nemmeno ha preso il via, andando in testacoda nel giro di ricognizione.

Domenica 17 luglio 2022, gara

1 - Ukyo Sasahara (Dallara-Honda) - Mugen - 40 giri 1'10'52"708
2 - Sho Tsuboi (Dallara-Toyota) - Inging - 2"098
3 - Tomoki Nojiri (Dallara-Honda) - Mugen - 7"549
4 - Ritomo Miyata (Dallara-Toyota) - Tom’s - 8"854
5 - Tadasuke Makino (Dallara-Honda) - Dandelion - 13"454
6 - Ren Sato (Dallara-Honda) - Goh - 14"116
7 - Kenta Yamashita (Dallara-Toyota) - Kondo - 15"660
8 - Yuji Kunimoto (Dallara-Toyota) - KCMG - 18"438
9 - Naoki Yamamoto (Dallara-Honda) - Nakajima - 19"258
10 - Toshiki Oyu (Dallara-Honda) - Nakajima - 21"269
11 - Nirei Fukuzumi (Dallara-Honda) - Drago - 22"350
12 - Sena Sakaguchi (Dallara-Toyota) - Inging - 27"097
13 - Kazuya Oshima (Dallara-Toyota) - Rookie - 28"396
14 - Kamui Kobayashi (Dallara-Toyota) - KCMG - 30"040
15 - Hiroki Otsu (Dallara-Honda) - Dandelion - 30"696

Giro più veloce: Ukyo Sasahara 1'24"011

Ritirati
26° giro - Yuhi Sekiguchi
21° giro - Giuliano Alesi
3° giro - Sacha Fenestraz
2° giro - Atsushi Miyake
1° giro - Ryo Hirakawa

Non partito
Nobuharu Matsushita

Il campionato
1.Nojiri 93 punti; 2.Hirakawa 64; 3.Fenestraz 57; 4.Miyata 40; 5.Makino 36; 6.Sasahara 30; 7.Matsushita 21; 8.Oyu 20; 9.Tsuboi 20; 10.Miyake 18

20 Giu [10:17]

Sugo, gara
La prima di Fenestraz

Jacopo Rubino

Per Sacha Fenestraz è venuto finalmente il momento di festeggiare la prima vittoria in Super Formula: il pilota franco-argentino ha conquistato la gara di Sugo, riportando al trionfo dopo tre anni di astinenza il team Kondo, con cui ha esordito nella serie giapponese nel 2020. Secondo in griglia, Fenestraz è subito balzato in testa sfruttando una partenza poco brillante del poleman Tomoki Nojiri, ma ad essere cruciali sono state soprattutto le diverse scelte strategiche.

Le prime 14 tornate, in pratica, si sono svolte per intero in regime di neutralizzazione: la safety-car è stata chiamata subito all'opera per il ritiro di Kenta Yamashita, speronato da Naoki Yamamoto, mentre alla ripresa un problema ai freni ha causato l'uscita di pista di Nobuharu Matsushita, con distacchi nuovamente azzerati. La finestra dei pit-stop obbligatori, al giro 10, si è quindi aperta sotto SC.

Fenestraz e la maggioranza del gruppo ha effettuato il cambio gomme appena consentito, ma sette rivali sono rimasti fuori: su tutti Ritomo Miyata, che da leader provvisorio è arrivato ad avere oltre 25" di vantaggio sul transalpino, che era rimasto bloccato dietro ad Atsushi Miyake. Al giro 46, forse dopo aver atteso troppo a lungo, il portacolori di casa Tom's si è fermato ai box rientrando soltanto in sesta posizione. Fenestraz è così tornato al comando in modo definitivo, precedendo Toshiki Oyu che aveva superato a sua volta Nojiri durante le soste. La bandiera a scacchi è stata sventolata al giro 49, rispetto ai 53 programmati, allo scadere del tempo limite di 60 minuti.

Il campione in carica Nojiri, pur relegato sul gradino più basso del podio, resta comunque in vetta alla classifica generale con 81 punti: 12 sono frutto delle quattro pole-position consecutive messe a segno. L'alfiere Mugen ha comunque guadagnato terreno su Ryo Hirakawa che, reduce dalla vittoria assoluta alla 24 Ore di Le Mans con la Toyota, ha chiuso settimo in rimonta dalla sedicesima casella sullo schieramento, dopo una qualifica deludente in cui è stato rallentato dal traffico.

Tadasuke Makino, quarto, è stato il meglio piazzato fra i piloti del gruppo che ha posticipato il cambio gomme: era rientrato quinto ma successivamente si è lasciato alle spalle Hiroki Otsu, suo compagno di squadra in Dandelion. In zona punti anche Nirei Fukuzumi, Yuji Kunimoto e Ukyo Sasahara.

Domenica 19 giugno 2022, gara

1 - Sacha Fenestraz (Dallara-Toyota) - Kondo - 49 giri 1'10'32"529
2 - Toshiki Oyu (Dallara-Honda) - Nakajima - 5"304
3 - Tomoki Nojiri (Dallara-Honda) - Mugen - 7"021
4 - Tadasuke Makino (Dallara-Honda) - Dandelion - 7"146
5 - Hiroki Otsu (Dallara-Honda) - Dandelion - 10"887
6 - Ritomo Miyata (Dallara-Toyota) - Tom’s - 11"654
7 - Ryo Hirakawa (Dallara-Toyota) - Impul - 14"965
8 - Nirei Fukuzumi (Dallara-Honda) - Drago - 18"071
9 - Yuji Kunimoto (Dallara-Toyota) - KCMG - 19"162
10 - Ukyo Sasahara (Dallara-Honda) - Mugen - 19"474
11 - Sho Tsuboi (Dallara-Toyota) - Inging - 21"335
12 - Naoki Yamamoto (Dallara-Honda) - Nakajima - 22"406
13 - Giuliano Alesi (Dallara-Toyota) - Tom’s - 22"691
14 - Kazuya Oshima (Dallara-Toyota) - Rookie - 25"183
15 - Yuhi Sekiguchi (Dallara-Toyota) - Impul - 28"218
16 - Ren Sato (Dallara-Honda) - Goh - 32"954
17 - Kamui Kobayashi (Dallara-Toyota) - KCMG - 33"188
18 - Atsushi Miyake (Dallara-Honda) - Goh - 35"028
19 - Sena Sakaguchi (Dallara-Toyota) - Inging - 40"544

Giro più veloce: Tadasuke Makino 1'07"256

Ritirati
8° giro - Nobuharu Matsushita
1° giro - Kenta Yamashita

Il campionato
1.Nojiri 81 punti; 2.Hirakawa 64; 3.Fenestraz 57; 4.Miyata 32; 5.Makino 30; 6.Matsushita 21; 7.Oyu 19; 8.Miyake 18; 9.Otsu 16; 10.Sekiguchi 13

23 Mag [10:32]

Autopolis, gara
Hirakawa da ottavo a primo

Jacopo Rubino

Sul circuito di Autopolis è maturata per Ryo Hirakawa la seconda vittoria dell'anno in Super Formula: il pilota Impul si porta a -7 in classifica generale dal campione in carica Tomoki Nojiri, deluso per aver terminato solo quarto dopo la terza pole-position consecutiva. Gran prova invece quella di Hirakawa, ottavo in griglia ma subito capace di portarsi al terzo posto. Dopo la safety-car intervenuta per l'incidente di Toshiki Oyu, Hirakawa ha superato anche Tadasuke Makino, diventando secondo; un'altra neutralizzazione, dovuta al crash di Kamui Kobayashi provocato da Sho Tsuboi, ha azzerato ancora i distacchi e si è resa decisiva la strategia dei cambi gomme.

Hirakawa ha infatti prolungato lo stint fino al giro 20, mentre il portacolori del team Mugen si era già fermato ai box al giro 15, subendo l'overcut e senza trovare il ritmo con il nuovo set di pneumatici: oltre a perdere terreno da Hirakawa, è così rimasto dietro anche a Sacha Fenestraz e al rookie Atsushi Miyake, premiati dalla scelta di ritardare la propria sosta. Nojiri è quindi rimasto giù dal podio per la prima volta nel 2022, ma mantiene la leadership in graduatoria con 67 punti, e sembra avere in Hirakawa l'unico reale antagonista nella caccia al titolo. Fenestraz ha festeggiato il suo miglior risultato della carriera nella massima serie giapponese.

Ritomo Miyata, scattato a rilento, ha chiuso quinto braccando nel finale Nojiri, sesta posizione invece per Tadasuke Makino, davanti a Ukyo Sasahara. Nobuharu Matsushita, vincitore della precedente gara a Suzuka, ha agguantato l'ultimo punto in palio rimontando dalla 19esima casella sullo schieramento, a causa di una qualifica negativa.

Fra i ritirati, oltre ai già citati Oyu e Kobayashi finiti contro le barriere, anche Giuliano Alesi. Escluso dall'ordine d'arrivo Nirei Fukuzumi, dodicesimo sotto la bandiera a scacchi, perché il suo pit-stop è stato effettuato in anticipo rispetto alla finestra regolamentare.

Il prossimo appuntamento della Super Formula, che segnerà il giro di boa della stagione 2022, è in programma il 19 giugno a Sugo.

Domenica 22 maggio 2022, gara

1 - Ryo Hirakawa (Dallara-Toyota) - Impul - 42 giri 1'11'58"025
2 - Sacha Fenestraz (Dallara-Toyota) - Kondo - 2"309
3 - Atsushi Miyake (Dallara-Honda) - Goh - 12"507
4 - Tomoki Nojiri (Dallara-Honda) - Mugen - 21"820
5 - Ritomo Miyata (Dallara-Toyota) - Tom's - 22"391
6 - Tadasuke Makino (Dallara-Honda) - Dandelion - 32"568
7 - Ukyo Sasahara (Dallara-Honda) - Mugen - 33"570
8 - Sena Sakaguchi (Dallara-Toyota) - Inging - 34"646
9 - Hiroki Otsu (Dallara-Honda) - Dandelion - 35"577
10 - Nobuharu Matsushita (Dallara-Honda) - B-Max - 36"409
11 - Yuji Kunimoto (Dallara-Toyota) - KCMG - 39"717
12 - Kenta Yamashita (Dallara-Toyota) - Kondo - 46"359
13 - Sho Tsuboi (Dallara-Toyota) - Inging - 58"931
14 - Naoki Yamamoto (Dallara-Honda) - Nakajima - 1 giro
15 - Kazuya Oshima (Dallara-Toyota) - Rookie - 1 giro
16 - Yuhi Sekiguchi (Dallara-Toyota) - Impul - 1 giro
17 - Ren Sato (Dallara-Honda) - Goh - 2 giri

Giro più veloce: Atsushi Miyake 1'28"747

Ritirati
37° giro - Giuliano Alesi
5° giro - Kamui Kobayashi
1° giro - Toshiki Oyu

Squalificato
Nirei Fukuzumi

Il campionato
1.Nojiri 67 punti; 2.Hirakawa 60; 3.Fenestraz 35; 4.Miyata 27; 5.Makino 22; 6.Matsushita 21;
7.Miyake 18; 8.Sekiguchi 13; 9.Yamashita 10; 10.Otsu 9

25 Apr [11:53]

Suzuka, gara
Matsushita mago della pioggia

Jacopo Rubino

Nel diluvio di Suzuka è arrivata la prima vittoria in Super Formula di Nobuharu Matsushita e del team B-Max: nono in griglia, il pilota ex F2 è stato protagonista di una splendida prestazione su asfalto bagnato, con la pioggia andata a intensificarsi nelle fasi finali. Nella sua risalita Matsushita è diventato presto quinto, poi ha superato Sho Tsuboi e Kenta Yamashita, mentre a quattro giri dal termine ha avuto la meglio su Tadasuke Makino e si è lanciato a caccia del poleman Tomoki Nojiri, al comando sin dal via. Alla penultima tornata Matsushita ha compiuto il sorpasso decisivo sul campione in carica, relegato in piazza d'onore ma sempre leader della classifica generale

Makino, alfiere Dandelion, ha completato un podio riservato a vetture con motore Honda, mentre per la pattuglia Toyota il migliore è stato Sacha Fenestraz, quarto in solitaria. Il francese ha sofferto come molti rivali di una forte usura dei pneumatici rain, precedendo la coppia KCMG formata da Kamui Kobayashi e Yuji Kunimoto, che su ordine di squadra ha dato strada al compagno.

A seguire Ryo Hirakawa, che ha rimediato ad una brutta partenza recuperando fino al settimo posto, precedendo Hiroki Otsu, Naoki Yamamoto e Ren Sato. Appena sedicesimo Kenta Yamashita, scattato in prima fila al fianco di Nojiri ma andato in crisi di gomme, giocando senza successo la carta della sosta ai box (non obbligatoria con gara wet). Difficoltà di fissaggio della ruota anteriore destra hanno per giunta rallentato le operazioni, costandogli tempo prezioso.

Ritomo Miyata ha dovuto guidare senza la radio funzionante, e senza quindi poter comunicare con il muretto box, mentre a dispetto delle condizioni ostiche l'unico a ritirarsi è stato Atsushi Miyake, fermato da noie al cambio.

Domenica 24 aprile 2022, gara

1 - Nobuharu Matsushita (Dallara-Honda) - B-Max - 31 giri 1'01'18"681
2 - Tomoki Nojiri (Dallara-Honda) - Mugen - 5"053
3 - Tadasuke Makino (Dallara-Honda) - Dandelion - 8"113
4 - Sacha Fenestraz (Dallara-Toyota) - Kondo - 18"419
5 - Kamui Kobayashi (Dallara-Toyota) - KCMG - 21"894
6 - Yuji Kunimoto (Dallara-Toyota) - KCMG - 44"604
7 - Ryo Hirakawa (Dallara-Toyota) - Impul - 46"381
8 - Hiroki Otsu (Dallara-Honda) - Dandelion - 47"809
9 - Naoki Yamamoto (Dallara-Honda) - Nakajima - 51"564
10 - Ren Sato (Dallara-Honda) - Goh - 52"487
11 - Yuhi Sekiguchi (Dallara-Toyota) - Impul - 53"087
12 - Sena Sakaguchi (Dallara-Toyota) - Inging - 1'03"453
13 - Toshiki Oyu (Dallara-Honda) - Nakajima - 1'13"308
14 - Ukyo Sasahara (Dallara-Honda) - Mugen - 1'17"697
15 - Giuliano Alesi (Dallara-Toyota) - Tom's - 1'18"337
16 - Kenta Yamashita (Dallara-Toyota) - Kondo - 1'19"426
17 - Nirei Fukuzumi (Dallara-Honda) - Drago - 1'28"460
18 - Ritomo Miyata (Dallara-Toyota) - Tom's - 1'28"956
19 - Kazuya Oshima (Dallara-Toyota) - Rookie - 1'30"411
20 - Sho Tsuboi (Dallara-Toyota) - Inging - 1 giro

Giro più veloce: Tomoki Nojiri 1'55"285

Ritirati
26° giro - Atsushi Miyake

Il campionato
1.Nojiri 56 punti; 2.Hirakawa 40; 3.Matsushita 20; 4.Fenestraz 20; 5.Miyata 19; 6.Makino 16; 7.Sekiguchi 13; 8.Yamashita 10; 9.Kobayashi 8; 10.Miyake 7

11 Apr [10:00]

Fuji, gara 2
Nojiri piazza subito la replica

Jacopo Rubino

Il campione in carica Tomoki Nojiri ha risposto a Ryo Hirakawa, chiudendo da leader della classifica il primo weekend stagionale della Super Formula, disputato al Fuji su doppia manche. Nojiri ha vinto gara 2 davanti al rivale del team Impul, che aveva anticipato la sosta ai box ma è stato risuperato in pista dal portacolori Mugen, sfruttando i pneumatici più freschi montati al giro 26. Un primo e un secondo posto per entrambi quindi, in questo fine settimana, ma a far la differenza in graduatoria sono i risultati delle qualifiche: Nojiri ha raccolto tre punti extra con la pole-position nella qualifica di domenica, mentre Hirakawa ha preso un +1 bonus con il terzo tempo nel turno di sabato.

A completare il podio è stato Ritomo Miyata, alfiere Tom's, giunto al traguardo non lontano da Hirakawa, premiato però dalla strategia dopo essersi trovato addirittura sesto nella prima fase della corsa. Quarta posizione per Kenta Yamashita (Kondo), seguito da Atsushi Miyake e da Yuhi Sekiguchi, che ha invece effettuato il pit-stop nel finale per portare a termine la rimonta dalla sedicesima piazzola al via.

Altra grande delusione per Ukyo Sasahara, che come in gara 1 (quando era poleman) ha stallato in griglia, vanificando il terzo crono marcato in qualifica. Sasahara, decimo, ha poi raccolto l'ultimo punto disponibile alle spalle di Hiroki Otsu, Giuliano Alesi e Kamui Kobayashi. La partenza è stata un problema, di nuovo, anche per Ren Sato, tredicesimo all'arrivo.

Unico ritirato Tadasuke Makino, urtato al primo giro da Nobuharu Matsushita richiedendo un breve intervento della safety-car. Peccato invece per Sacha Fenestraz: a causa di problemi ai freni emersi proprio dopo il restart, il franco-argentino è incappato in un testacoda e un'escursione fuori pista (con foratura), abbandonando le speranze di bissare il podio di gara 1.

Domenica 10 aprile 2022, gara 2

1 - Tomoki Nojiri (Dallara-Honda) - Mugen - 41 giri 1'01'10"882
2 - Ryo Hirakawa (Dallara-Toyota) - Impul - 1"659
3 - Ritomo Miyata (Dallara-Toyota) - Tom’s - 2"494
4 - Kenta Yamashita (Dallara-Toyota) - Kondo - 15"042
5 - Atsushi Miyake (Dallara-Honda) - Goh - 15"839
6 - Yuhi Sekiguchi (Dallara-Toyota) - Impul - 18"206
7 - Hiroki Otsu (Dallara-Honda) - Dandelion - 31"087
8 - Giuliano Alesi (Dallara-Toyota) - Tom’s - 35"048
9 - Kamui Kobayashi (Dallara-Toyota) - KCMG - 35"940
10 - Ukyo Sasahara (Dallara-Honda) - Mugen - 36"338
11 - Toshiki Oyu (Dallara-Honda) - Nakajima - 37"914
12 - Sho Tsuboi (Dallara-Toyota) - Inging - 39"702
13 - Ren Sato (Dallara-Honda) - Goh - 40"658
14 - Naoki Yamamoto (Dallara-Honda) - Nakajima - 41"518
15 - Yuji Kunimoto (Dallara-Toyota) - KCMG - 43"342
16 - Nirei Fukuzumi (Dallara-Honda) - Drago - 51"471
17 - Sena Sakaguchi (Dallara-Toyota) - Inging - 52"643
18 - Kazuya Oshima (Dallara-Toyota) - Rookie - 58"096
19 - Nobuharu Matsushita (Dallara-Honda) - B-Max - 1’19"086
20 - Sacha Fenestraz (Dallara-Toyota) - Kondo - 1 giro

Giro più veloce: Yuhi Sekiguchi 1'23"665

Ritirati
1° giro - Tadasuke Makino

Il campionato
1.Nojiri 38 punti; 2.Hirakawa 36; 3.Miyata 19; 4.Sekiguchi 13; 5.Fenestraz 11; 6.Yamashita 8; 7.Miyake 7; 8.Makino 5; 9.Sasahara 5; 10.Oyu 4

PrevPage 1 of 10Next

News

Super Formula
v

Nessuna Notizia trovata.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone