formula 1

La McLaren sorprende:
a Montecarlo livrea Gulf

La McLaren sorprende tutti: al Gran Premio di Monaco correrà con un'inedita livrea arancio-azzurro Gulf, una delle più ic...

Leggi »
F4 Italia

Le Castellet - Gara 3
Tramnitz prende il largo

1 - Tim Tranmitz - US Racing - 14 giri - 33'00"8222 - Oliver Bearman - VAR - 1"6683 - Vlad Lomko - US Racing - ...

Leggi »
F4 Italia

Le Castellet - Gara 2
Tramnitz resiste a Browning

1 - Tim Tranmitz - US Racing - 14 giri - 33'51"4232 - Luke Browning - US Racing - 0"6873 - Kirill Smal - Prema ...

Leggi »
indycar

Indy Road - Gara
VeeKay si prende la prima vittoria

1 - Rinus VeeKay (Dallara-Chevy) - ECR - 86 giri2 - Romain Grosjean (Dallara-Honda) - Coyne - 4"9510 3 - Alex Palou (Dal...

Leggi »
F4 Italia

Le Castellet - Gara 1
Smal e Prema in solitaria

Victor Bernier e Luke Browning sono stati penalizzati di 1" dai commissari di gara per non aver rispettato i track limit...

Leggi »
F4 Italia

Le Castellet - Qualifica 1-2
Smal, Bearman e Tramnitz in pole

1 - Kirill Smal - Prema - 2'04"0952 - Tim Tranmitz - US Racing - 2'04"2303 - Oliver Bearman - VAR - 2'0...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
26 Apr [9:49]

Suzuka, gara
Nojiri fa 2 su 2

Jacopo Rubino

La Super Formula 2021 continua nel segno di Tomoki Nojiri, che sul circuito di Suzuka ha vinto il secondo round in calendario
dopo quello di apertura al Fuji. Una mini-impresa, perché dal 2018 nessun pilota era riuscito a centrare due successi consecutivi nella serie giapponese: l'ultimo era stato Naoki Yamamoto, l'attuale campione in carica. Nojiri questa volta è passato al comando grazie alla sfortuna del poleman Nirei Fukuzumi, che al giro 9 ha patito il cedimento della gomma posteriore destra nel rettilineo che precede la curva 130R. Con la sospensione danneggiata, l'ingresso ai box è stato una resa.

Da quel momento, Nojiri è rimasto davanti a tutti fino al traguardo. Ryo Hirakawa è stato il suo principale inseguitore, ma senza essere grado di tentare un vero attacco né dopo i rispettivi pit-stop, con potenziale undercut, né dopo la safety-car chiamata poco più tardi dallo spettacolare crash di Yuji Kunimoto, quasi ribaltato (ma illeso) contro le barriere della 130R. Anche in questo caso per colpa di un pneumatico ko.

A completare il podio è stato Ukyo Sasahara, che in Dandelion sostituisce il convalescente Tadasuke Makino, mentre Yuhi Sekiguchi è giunto quarto in volata su Hiroki Otsu, il quale ha dovuto rimboccarsi le maniche dopo una pessima partenza dalla terza casella, siglando pure il best lap.

Solo ottavo Yamamoto, che passato al team Nakajima continua a faticare: nel finale è stato messo nel mirino dal debuttante Giuliano Alesi, che la Toyota ha subito lanciato in Super Formula sulla vettura Tom's dell'assente Kazuki Nakajima, impossibilitato a tornare in territorio nipponico dall'Europa così come Kamui Kobayashi, per i rispettivi impegni nel WEC.

Alesi, già in azione nei test invernali e al via anche nella Super Formula Lights, se l'è cavata bene all'esordio, chiudendo ottavo in qualifica con tanto di accesso alla Q3. Scattato male in gara, dopo aver ritardato il più possibile la sosta assieme al compagno Ritomo Miyata (poi 6°), ha superato Kenta Yamashita e Toshiki Oyu per diventare nono e raccogliere due punti. Tredicesimo Nobuharu Matsushita, rientrato in griglia con l'unica Dallara-Honda schierata da B-Max.

Domenica 25 aprile 2021, gara

1 - Tomoki Nojiri (Dallara-Honda) - Mugen - 30 giri 56'53"047
2 - Ryo Hirakawa (Dallara-Toyota) - Impul - 1"452
3 - Ukyo Sasahara (Dallara-Honda) - Dandelion - 4"186
4 - Yuhi Sekiguchi (Dallara-Toyota) - Impul - 9"914
5 - Hiroki Otsu (Dallara-Honda) - Mugen - 10"521
6 - Ritomo Miyata (Dallara-Toyota) - Tom’s - 11"854
7 - Sho Tsuboi (Dallara-Toyota) - Inging - 14"777
8 - Naoki Yamamoto (Dallara-Honda) - Nakajima - 14"780
9 - Giuliano Alesi (Dallara-Toyota) - Tom’s - 15"103
10 - Toshiki Oyu (Dallara-Honda) - Nakajima - 16"302
11 - Sena Sakaguchi (Dallara-Toyota) - Inging - 19"107
12 - Kenta Yamashita (Dallara-Toyota) - Kondo - 21"442
13 - Nobuharu Matsushita (Dallara-Honda) - B-Max - 22"183
14 - Yuichi Nakayama (Dallara-Toyota) - Kondo - 22"652
15 - Kazuya Oshima (Dallara-Toyota) - Rookie - 24"379
16 - Kazuto Kotaka (Dallara-Toyota) - KCMG - 25"915
17 - Tatiana Calderon (Dallara-Honda) - Drago Corse - 29"363

Giro più veloce: Hiroki Otsu 1'40"417

Ritirati
15° giro - Yuji Kunimoto
10° giro - Nirei Fukuzumi

Il campionato
1.Nojiri 45 punti; 2.Hirakawa 23; 3.Oyu 19; 4.Sasahara 18; 5.Fukuzumi 14; 6.Miyata 9; 7.Sekiguchi 8; 8.Yamamoto 8; 9.Otsu 6; 10.Tsuboi 4

4 Apr [10:52]

Fuji - Gara
Nojiri inizia al meglio

Jacopo Rubino

Pole e vittoria nella gara inaugurale al Fuji: per Tomoki Nojiri la stagione 2021 di Super Formula è iniziata nel migliore dei modi, ma anche per la Honda che ha monopolizzato il podio grazie a Toshiki Oyu secondo e a Nirei Fukuzumi terzo. Il campione in carica Naoki Yamamoto, passato al team Nakajima, dopo qualifiche complicate ha invece recuperato dalla sedicesima piazzola in griglia fino al sesto posto.

Al pronti-via Nojiri si era visto superare da Oyu, capace di prendere un piccolo margine, ma il portacolori Mugen si è riavvicinato fino a prendere il comando al giro 10 con una grande manovra all'ingresso della chicane Dunlop. Da quel momento ha marciato verso la quarta affermazione personale in Super Formula. Nojiri ha effettuato il pit-stop obbligatorio il più tardi possibile, addirittura al terzultimo passaggio, quando sul circuito del Fuji stava ormai cadendo qualche goccia di pioggia. Non abbastanza per abbandonare le slick, ma portarle in temperatura è stato molto più complicato, tanto da dover fare zig-zag in rettilineo.

Oyu, andato ai box al giro 25, ha infatti ridotto il gap in modo minaccioso, guadagnando 2"5 solo nella tornata conclusiva e tagliando il traguardo staccato di appena 1"5, siglando per giunta best lap. Anticipare la sosta ha pagato, per l'alfiere di casa Nakajima, il quale ha potuto rifarsi dei precedenti attacchi subiti da Fukuzumi e da Ukyo Sasahara, i due piloti Dandelion.

Nominato per questo weekend come sostituto del convalescente Tadasuke Makino, Sasahara ha poi terminato quinto alle spalle di Ryo Hirakawa, leader della pattuglia Toyota. Il portacolori Kondo ha scelto a sua volta di posticipare il cambio gomme fino al giro 38. Va detto che Sasahara, vincitore della F3 Asia 2019, ha pagato dazio per una sosta ai box lenta e per il tempo perso lottando con Yamamoto. Nella sua scalata, anche il detentore del titolo è stato penalizzato da un pit-stop poco efficace, che ha un po' ha vanificato il suo ottimo inizio.

A secco il veterano Kazuki Nakajima (11°), uscito di pista nelle prime curve dovendo schivare Yuhi Sekiguchi, incappato in una foratura per il contatto con Hiroki Otsu. Poteva centrare un bel risultato Sho Tsuboi, a muro nelle fasi conclusive mentre era sesto. Tredicesima la colombiana Tatiana Calderon, unica presenza non giapponese al via di questo round.

Domenica 4 aprile 2021, gara

1 - Tomoki Nojiri (Dallara-Honda) - Mugen - 41 giri 58'30"222
2 - Toshiki Oyu (Dallara-Honda) - Nakajima - 1"576
3 - Nirei Fukuzumi (Dallara-Honda) - Dandelion - 3"737
4 - Ryo Hirakawa (Dallara-Toyota) - Impul - 19"236
5 - Ukyo Sasahara (Dallara-Honda) - Dandelion - 26"481
6 - Naoki Yamamoto (Dallara-Toyota) - Nakajima - 29"890
7 - Ritomo Miyata (Dallara-Toyota) - Tom's - 30"470
8 - Yuji Kunimoto (Dallara-Toyota) - KCMG - 39"880
9 - Sena Sakaguchi (Dallara-Toyota) - Inging - 43"771
10 - Kazuya Oshima (Dallara-Toyota) - Rookie - 47"159
11 - Kazuki Nakajima (Dallara-Toyota) - Tom's - 52"607
12 - Kenta Yamashita (Dallara-Toyota) - Kondo - 53"967
13 - Tatiana Calderon (Dallara-Honda) - Drago Corse - 55"223
14 - Yuichi Nakayama (Dallara-Toyota) - Kondo - 56"480
15 - Kazuto Kotaka (Dallara-Toyota) - KCMG - 58"200
16 - Hiroki Otsu (Dallara-Honda) - Mugen (Dallara-Honda) - 1 giro
17 - Yuhi Sekiguchi (Dallara-Toyota) - Impul - 2 giri
18 - Sho Tsuboi (Dallara-Toyota) - Inging - 5 giri

Giro più veloce: Toshiki Oyu 1'22"639

Il campionato
1.Nojiri 23 punti; 2.Oyu 17; 3.Fukuzumi 11; 4.Hirakawa 8; 5.Sasahara 7; 6.Yamamoto 5; 7.Miyata 4; 8.Kunimoto 3; 9.Sakaguchi 2; 10.Oshima 1

3 Apr [10:25]

Super Formula 2021 al via,
caccia al tricampione Yamamoto

Jacopo Rubino

Al Fuji, questo weekend scatta la Super Formula 2021: parte la caccia al campione Naoki Yamamoto sullo stesso circuito dove si è chiusa la passata stagione. Ma il pilota della pattuglia Honda, ora con tre titoli in tasca, per la terza volta in quattro anni ha cambiato scuderia passando da Dandelion a Nakajima e nei test ufficiali (disputati a Suzuka e poi proprio al Fuji) non è sembrato rendere al meglio. Gli avversari ne possono approfittare, a cominciare dal vicecampione Ryo Hirakawa, che nelle prove è stato invece molto veloce con la Dallara-Toyota del team Impul.

In generale, comunque, si preannunciano molti protagonisti in grado di alternarsi al vertice: su tutti Nirei Fukuzumi, pronto al salto di qualità con Dandelion, così come Kenta Yamashita con il team Kondo. L'età media in griglia intanto continua a scendere, grazie a un'altra infornata di giovani in cui spicca Ritomo Miyata, dominatore 2020 della Super Formula Lights, e promosso a tempo pieno nella line-up Tom's per sostituire Nick Cassidy. Il neozelandese, vincitore dell'edizione 2019, si è congedato dalla massima serie nipponica per monoposto per affrontare l'impegno in Formula E con Virgin. Ma attenzione anche a Tomoki Nojiri, Toshiki Oyu, Sho Tsuboi e al rookie Sena Sakaguchi.

Per qualche pilota la presenza al via può restare un'incognita, a causa delle restrizioni sui collegamenti con il Giappone dovuti al COVID-19, con le relative quarantene: il veterano Kazuki Nakajima ci sarà nel round inaugurale, ma come Kamui Kobayashi, assente questo fine settimana, rischia di saltare più di una tappa dovendo dare priorità al WEC. Per adesso la macchina di Kobayashi è affiata a Kazuto Kotaka, junior Toyota.

Al Fuji l'unica partecipazione straniera sarà quella di Tatiana Calderon, che ripete l'esperienza con Drago Corse: non accadeva da parecchio tempo. Il francese Sacha Fenestraz (Kondo) e il debuttante Yves Baltas (B-Max) non hanno potuto esserci dopo aver già saltato i test collettivi. Si spera intanto nel pronto recupero di Tadasuke Makino, colpito da menigente a dicembre e ricoverato per un mese un ospedale. Per adesso la sua vettura del team Dandelion viene guidata da Ukyo Sasahara.

A livello regolamento, una grande novità è nell'utilizzo del push-to-pass (denominato OTS, Overtake System) che in gara potrà essere usato fino a un massimo di 200 secondi totali, contro i precedenti 100, a favore dello spettacolo. Nel format degli appuntamenti la qualifica torna al sabato, con la Q1 divisa in due gruppi e i migliori 7 di entrambi che accedono alla Q2. Gli 8 più veloci si sfideranno nella Q3 per la pole-position: la prima in palio se l'è presa oggi Nojiri.

Il calendario 2021 della Super Formula

4 aprile - Fuji
25 aprile - Suzuka
16 maggio - Autopolis
20 giugno - Sugo
29 agosto - Motegi
3 ottobre - Okayama
31 ottobre - Suzuka

Gli iscritti al primo round

Nakajima (Honda)
Naoki Yamamoto, Toshiki Oyu

Dandelion (Honda)
Nirei Fukuzumi, Ukyo Sasahara

Drago Corse (Honda)
Tatiana Calderon

Mugen (Honda)
Hiroki Otsu, Tomoki Nojiri

Kondo (Toyota)
Kenta Yamashita, Yuichi Nakayama

KCMG (Toyota)
Kazuto Kotaka, Yuji Kunimoto

Rookie Racing (Toyota)
Kazuya Oshima

Impul (Toyota)
Yuki Sekiguchi, Ryo Hirakawa

Tom's (Toyota)
Kazuki Nakajima, Ritomo Miyata

Inging (Toyota)
Sho Tsuboi, Sena Sakaguchi

20 Dic [11:13]

Fuji, gara
Yamamoto si prende il terzo titolo

Jacopo Rubino

Naoki Yamamoto è campione Super Formula per la terza volta in carriera, dopo i titoli 2013 e 2018, e si consacra fra i grandi della massima serie giapponese per monoposto. Nella tappa del Fuji che ha chiuso la stagione 2020, al pilota del team Dandelion è bastato centrare la quinta piazza, giusto davanti a Ryo Hirakawa con cui era leader in classifica a pari merito. I due principali pretendenti al trono oggi hanno lottato anche corpo a corpo, con Yamamoto a imporsi per bissare l'impresa di due anni fa: trionfare sia in Super Formula che nel Super GT.

La corsa è andata nelle mani di Sho Tsuboi, già vincitore ad Okayama, subito salito al comando sfruttando l'incertezza al via del poleman Tomoki Nojiri. Il portacolori di casa Inging è tornato definitivamente in testa dopo i cambi gomme, e nel finale ha dovuto controllare negli specchietti Toshiki Oyu. Terza posizione per l'ex F2 Nobuharu Matsushita, al primo podio nella categoria.

Quarto il campione uscente Nick Cassidy, che conclude l'avventura nel Sol Levante prima dell'impegno in Formula E con Virgin. Bella prova per il neozelandese, in rimonta addirittura dal fondo della griglia: in mattinata si era visto cancellare i due migliori tempi della Q1 per track limits, e in gara ha ritardato il più possibile la sosta obbligatoria.

A seguire, come detto, Yamamoto e Hirakawa: l'alfiere Impul, con gomme già in temperatura avendo anticipato il pit-stop, era riuscito a superare il diretto rivale al giro 16, ma in quello seguente ha incassato la replica sul rettilineo, complice il push-to-pass. Hirakawa più tardi si rifatto sotto, cercando la manovra decisiva per il titolo, ma senza successo. Anzi, è stato "rallentato" da Cassidy, che uscendo dai box si è inserito proprio fra lui e Yamamoto (poi sorpassato), e da Ukyo Sasahara che si è avvicinato pericolosamente.

Davvero sfortunato Nojiri, che ai box ha perso terreno per problemi nel fissaggio di un dado e al giro 30 si è infine dovuto ritirare per la foratura del pneumatico anteriore sinistro. Alla vigilia, insieme a Cassidy, Nojiri completava il poker di nomi rimasti in lizza per il campionato, ed entrambi, in momenti diversi della giornata, hanno sperato nel colpaccio. Ma è andata peggio a Yuhi Sekiguchi e a Charles Milesi, nemmeno partiti, fra un motore Toyota in fiamme nel warm-up e un testacoda nel giro di ricognizione.

Domenica 20 dicembre 2020, gara

1 - Sho Tsuboi - Inging - 40 giri 56'13"803
2 - Toshiki Oyu - Nakajima - 0"687
3 - Nobuharu Matsushita - B-Max - 1"522
4 - Nick Cassidy - Tom's - 2"268
5 - Naoki Yamamoto - Dandelion - 6"361
6 - Ryo Hirakawa - Impul - 7"550
7 - Ukyo Sasahara - Mugen - 8"541
8 - Sacha Fenestraz - Kondo - 24"737
9 - Kazuki Nakajima - Tom's - 25"360
10 - Kenta Yamashita - Kondo - 25"785
11 - Kamui Kobayashi - KCMG - 29"569
12 - Hiroaki Ishiura - Inging - 30"496
13 - Hiroki Otsu - Nakajima - 30"966
14 - Kazuya Oshima - Rookie - 40"493
15 - Yuji Kunimoto - KCMG - 41"319
16 - Nirei Fukuzumi - Dandelion - 1'03"943
17 - Tatiana Calderon - Drago - 1 giro

Giro più veloce: Nirei Fukuzumi 1'21"391

Ritirati
29° giro - Tomoki Nojiri

Non partiti
Charles Milesi
Yuhi Sekiguchi

Il campionato
1.Yamamoto 62; 2.Hirakawa 60; 3.Tsuboi 50; 4.Cassidy 50; 5.Nojiri 47; 6.Oyu 41; 7.Yamashita 35; 8.Fukuzumi 29; 9.Kunimoto 29; 10.Ishiura 27

6 Dic [10:52]

Suzuka, gara 2
Oyu fa centro, Cassidy e Yamamoto out

Jacopo Rubino

Toshiki Oyu è il sesto vincitore diverso in sei manches disputate nel 2020 dalla Super Formula: il pilota del team Nakajima, al primo centro nella massima serie giapponese, si è aggiunto alla lista trionfando in gara 2 a Suzuka. Oyu era partito secondo, ma al giro 9 ha ereditato il comando dopo la rottura del motore Toyota del campione in carica Nick Cassidy, poleman nella qualifica del mattino.

Altro stop "clamoroso", sempre per problemi tecnici, è stato quello di Naoki Yamamoto, che ieri aveva conquistato gara 1 salendo in vetta alla classifica generale. Il suo ritiro è avvenuto appena alla quinta tornata, durante la fase di safety-car provocata dall'incidente di Sacha Fenestraz che era in lotta con Kamui Kobayashi. L'ex F1 è stato costretto ad una sosta ai box d'emergenza per i danni all'ala anteriore.

Yamamoto è così rimasto fermo a 55 punti, riagganciato da Ryo Hirakawa che ha chiuso settimo, recuperando dalla 14esima casella in griglia. La leadership assoluta è quindi condivisa, e il titolo verrà assegnato nel round conclusivo del Fuji in programma fra due settimane: in lizza ci sono inoltre Tomoki Nojiri (47) e il neozelandese Cassidy (46), ma bisognerà considerare anche gli scarti.

Piazza d'onore al traguardo per Nirei Fukuzumi, che ha chiuso in scia a Oyu. Al termine dell'ultima neutralizzazione, causata dall'uscita (per foratura) di Yuji Kunimoto al giro 19, e con tutti i pit-stop obbligatori ormai effettuati, l'alfiere di casa Dandelion aveva il battistrada Oyu nel mirino, ma non ha mai avuto la possibilità concreta di attaccarlo. Sul gradino più basso del podio Yuhi Sekiguchi, seguito da Sho Tsuboi e Nojiri, partito 17esimo.

La giornata nera del team Tom's è stata completata dai guai di Kazuki Nakajima, incappato nel cedimento della gomma posteriore destra quasi in contemporanea al propulsore ko del compagno Cassidy.

Domenica 6 dicembre 2020, gara 2

1 - Toshiki Oyu (Dallara-Honda) - Nakajima - 30 giri 1'02'59"044
2 - Nirei Fukuzumi (Dallara-Honda) - Dandelion - 0"462
3 - Yuhi Sekiguchi (Dallara-Toyota) - Impul - 10"449
4 - Sho Tsuboi (Dallara-Toyota) - Inging - 10"975
5 - Tomoki Nojiri (Dallara-Honda) - Mugen - 15"092
6 - Kenta Yamashita (Dallara-Toyota) - Kondo - 16"765
7 - Ryo Hirakawa (Dallara-Toyota) - Impul - 17"391
8 - Tadasuke Makino (Dallara-Honda) - Nakajima - 19"224
9 - Kazuya Oshima (Dallara-Toyota) - Rookie - 19"321
10 - Hiroaki Ishiura (Dallara-Toyota) - Inging - 20"763
11 - Ukyo Sasahara (Dallara-Honda) - Mugen - 21"786
12 - Tatiana Calderon (Dallara-Honda) - Drago - 23"238
13 - Charles Milesi (Dallara-Honda) - B-Max - 23"424
14 - Nobuharu Matsushita (Dallara-Honda) - B-Max - 24"260
15 - Kamui Kobayashi (Dallara-Toyota) - KCMG - 28"499
16 - Kazuki Nakajima (Dallara-Toyota) - Tom's - 1 giro

Giro più veloce: Nirei Fukuzumi 1'38"805

Ritirati
19° giro - Yuji Kunimoto
9° giro - Nick Cassidy
6° giro - Naoki Yamamoto
2° giro - Sacha Fenestraz

Il campionato
1.Hirakawa 55 punti; 2.Yamamoto 55; 3.Cassidy 47; 4.Nojiri 46; 5.Yamashita 34; 6.Fukuzumi 30; 7.Kunimoto 29; 8.Tsuboi 28; 9.Ishiura 27; 10.Oyu 26

5 Dic [11:05]

Suzuka, gara 1
Yamamoto trionfa e va al comando

Jacopo Rubino

Vittoria e leadership in graduatoria per Naoki Yamamoto in gara 1 a Suzuka, dove la Super Formula disputa un weekend su doppia manche. Il portacolori del team Dandelion, fresco bicampione Super GT, è scattato dalla pole-position, ha condotto con autorità, ma non si può dire che la corsa sia stata priva di "insidie", visti gli episodi che hanno reso necessari ben tre ingressi della safety-car. Uno degli incidenti ha visto protagonista l'ormai ex capoclassifica Ryo Hirakawa, coinvolto al giro 24 in uno spettacolare contatto con Ukyo Sasahara in curva 1, a cui sono scampati Sho Tsuboi e Kamui Kobayashi. La vettura di Sasahara si è quasi ribaltata, ma il pilota è uscito dall'abitacolo senza troppe difficoltà.

Alla ripartenza restavano due tornate da affrontare, con Yamamoto riuscito a ricostruire un piccolo margine e ritrovare il successo che gli mancava dalla tappa 2019 di Sugo. Piazza d'onore per Kazuki Nakajima, di nuovo al volante della Dallara-Toyota di casa Tom's, terza per Yuji Kunimoto, che grazie a una buona strategia ha ritrovato il podio in Super Formula a distanza di due anni.

Le precedenti neutralizzazioni sono state causate da Tadasuke Makino, subito contro le barriere alla curva Dunlop per una foratura, e al giro 19 dall'ex F2 Nobuharu Matsushita, che ha picchiato forte alla 130R. Pochi istanti prima Yamamoto era andato ai box per il cambio gomme obbligatorio, e i pit-stop degli avversari hanno restituito al campione 2013-2018 il comando definitivo.

Quarto Kobayashi, quinto il campione in carica Nick Cassidy che raccoglie 6 punti utili per cercare di riconfermarsi sul trono. Sosta ritardata per Hiroaki Ishiura e Tomiki Nojiri, rispettivamente sesto e settimo. L'alfiere Mugen, trionfatore nello scorso round di Autopolis, è stato costretto a rimontare dal fondo del gruppo per un problema elettronico pre-gara, che ha annullato il secondo crono siglato in qualifica.

Sempre noie tecniche hanno invece messo ko Nirei Fukuzumi, autore di un ottimo inizio, e hanno impedito di prendere il via a Yuhi Sekiguchi, fuori gioco già nel giro di ricognizione: la procedura è stata ripetuta e la distanza accorciata da 29 a 28 passaggi. Il rookie Sacha Fenestraz ha interrotto la sfortunata striscia di tre ko consecutivi chiudendo decimo. Tredicesima la colombiana Tatiana Calderon.

Sabato 5 dicembre 2020, gara 1

1 - Naoki Yamamoto (Dallara-Honda) - Dandelion - 28 giri 1'03'27"718
2 - Kazuki Nakajima (Dallara-Toyota) - Tom's - 1"349
3 - Yuji Kunimoto (Dallara-Toyota) - KCMG - 3"946
4 - Kamui Kobayashi (Dallara-Toyota) - KCMG - 4"404
5 - Nick Cassidy (Dallara-Toyota) - Tom's - 4"825
6 - Hiroaki Ishiura (Dallara-Toyota) - Inging - 5"841
7 - Tomoki Nojiri (Dallara-Honda) - Mugen - 6"345
8 - Toshiki Oyu (Dallara-Honda) - Nakajima - 6"788
9 - Kenta Yamashita (Dallara-Toyota) - Kondo - 7"186
10 - Sacha Fenestraz (Dallara-Toyota) - Kondo - 7"954
11 - Charles Milesi (Dallara-Honda) - B-Max - 9"715
12 - Kazuya Oshima (Dallara-Toyota) - Rookie - 9"997
13 - Tatiana Calderon (Dallara-Honda) - Drago - 12"211

Giro più veloce: Naoki Yamamoto 1'37"850

Ritirati
25° giro - Sho Tsuboi
24° giro - Ukyo Sasahara
24° giro - Ryo Hirakawa
18° giro - Nobuharu Matsushita
11° giro - Nirei Fukuzumi
1° giro - Yuhi Sekiguchi
1° giro - Tadasuke Makino

Non partito
Yuhi Sekiguchi

Il campionato
1.Yamamoto 55 punti; 2.Hirakawa 51; 3.Cassidy 46; 4.Nojiri 42; 5.Yamashita 29; 6.Kunimoto 29; 7.Ishiura 26; 8.Nakajima 23; 9.Tsuboi 20; 10.Makino 17

15 Nov [17:15]

Autopolis, gara
Nojiri vince su Yamamoto

Jacopo Rubino

Ad Autopolis, quarta tappa 2020 della Super Formula, ha vinto Tomoki Nojiri: per il pilota Mugen è il secondo successo nella categoria dopo quello a Sugo del 2014, suo anno d'esordio. Autore della pole-position nelle qualifiche del mattino, Nojiri è tornato al comando a due tornate dal traguardo, quando Naoki Yamamoto ha effettuato il pit-stop obbligatorio. Il portacolori del team Dandelion ha ritardato la sosta all’estremo, in una corsa dove due fasi di safety-car hanno creato differenti "binari" strategici.

Forte del maggior grip, Yamamoto nei due passaggi rimanenti ha ricucito l’intero distacco su Nojiri, che si era invece fermato in apertura, ma non è riuscito a riprendersi la vetta. Forse avrebbe dovuto fermarsi con un giro di anticipo . Per lui piazza d’onore, mentre a completare un podio tutto motorizzato Honda è stato Tadasuke Makino, che in Super Formula non aveva mai chiuso in top 3.

Protagonista di un incidente in qualifica, il capoclassifica Ryo Hirakawa non è andato oltre il dodicesimo posto, restando così a mani vuote. L’alfiere di casa Impul ha comunque conservato la leadership assoluta, cedendo "solo” 4 punti nei confronti del principale inseguitore Nick Cassidy, ora a -11. Il neozelandese campione in carica ha infatti chiuso settimo, dopo aver effettuato a sua volta la sosta ai box nelle battute conclusive, proprio come Yamamoto e Ukyo Sasahara (14°, ma aveva stallato in partenza).

Quarta posizione per Yuji Kunimoto, seguito da Kenta Yamashita e da un bravo Nobuharu Matsushita, che ha fatto il suo rientro nella categoria dopo aver chiuso l’impegno in F2. Nella line-up B-Max Motopark, Matsushita ha sostituito in questo weekend Sergio Sette Camara, schierato nello scorso round. Si è rivista in azione anche Tatiana Calderon, mentre ha compiuto il suo esordio Charles Milesi, nel 2019 al via della vecchia F3 Japan. Il francese ha dovuto attendere la "prima" in Super Formula per le restrizioni sui viaggi dovute all’emergenza Covid-19, giungendo 15°. Assenti, per la concomitanza con il WEC in Bahrain, sia Kazuki Nakajima che Kamui Kobayashi. Gli ufficiali Toyota sono stati sostituiti rispettivamente da Ritomo Miyata (8° e impegnato in contemporanea nella Super Formula Lights) e Yuichi Nakayama.

Le due neutralizzazioni sono state causate dai problemi accaduti a Sacha Fenestraz e Sho Tsuboi, entrambi alla ruota posteriore sinistra. Davvero sfortunatissimo il rookie franco-argentino, che dopo l’ottimo inizio a Motegi ha incassato tre ritiri consecutivi senza avere colpe, questa volta perdendo il cerchione. Il collega del team Inging ha invece patito una foratura, uscendo di pista seppur a bassa velocità.

Domenica 15 novembre 2020, gara

1 - Tomoki Nojiri (Dallara-Honda) - Mugen - 42 giri 1'07'11"228
2 - Naoki Yamamoto (Dallara-Honda) - Dandelion - 0"663
3 - Tadasuke Makino (Dallara-Honda) - Nakajima - 9"735
4 - Yuji Kuminoto (Dallara-Toyota) - KCMG - 10"760
5 - Kenta Yamashita (Dallara-Toyota) - Kondo - 11"455
6 - Nobuharu Matsushita (Dallara-Honda) - B-Max Motopark - 12"114
7 - Nick Cassidy (Dallara-Toyota) - Tom's - 13"273
8 - Ritomo Miyata (Dallara-Toyota) - Tom's - 17"519
9 - Nirei Fukuzumi (Dallara-Honda) - Dandelion - 19"660
10 - Toshiki Oyu (Dallara-Honda) - Nakajima - 23"593
11 - Yuhi Sekiguchi (Dallara-Toyota) - Impul - 24"379
12 - Ryo Hirakawa (Dallara-Toyota) - Impul - 25"276
13 - Hiroaki Ishiura (Dallara-Toyota) - Inging - 28"272
14 - Ukyo Sasahara (Dallara-Honda) - Mugen - 29"400
15 - Charles Milesi (Dallara-Honda) - B-Max Motopark - 36"400
16 - Tatiana Calderon (Dallara-Honda) - Drago - 37"326
17 - Kazuya Oshima (Dallara-Toyota) - Rookie - 37"794
18 - Yuichi Nakayama (Dallara-Toyota) - KCMG - 56"079

Giro più veloce: Naoki Yamamoto 1'26"960

Ritirati
12° giro - Sho Tsuboi
5° giro - Sacha Fenestraz

Il campionato
1.Hirakawa 51; 2.Cassidy 40; 3.Nojiri 36; 4.Yamamoto 32; 5.Yamashita 27; 6.Ishiura 21; 7.Tsuboi 20; 8.Kuminoto 18; 9.Makino 17; 10.Fenestraz 15

PrevPage 1 of 10Next

News

Super Formula
v

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone