formula 1

McLaren ritrova il 4° posto con un
grande Norris e un ritrovato Ricciardo

Sorpasso. La McLaren si riprende il quarto posto nella classifica costruttori ai danni della Alpine-Renault grazie a un clamo...

Leggi »
formula 1

Alonso diventa il pilota che
ha corso il maggior numero di GP

Trecentocinquanta. 350. La statistica relativa ai piloti che hanno disputato il maggior numero di Gran Premi nella storia del...

Leggi »
World Endurance

Cadillac affida la sua LMDh a Ganassi
Al via con Bamber, Lynn e Westbrook

Michele Montesano Cadillac ha rivelato la formazione con cui affronterà la stagione 2023 del FIA WEC. A gestire la Cadillac...

Leggi »
formula 1

Perez e la safety car a Singapore:
cosa lascia perplessi della direzione gara

Sergio Perez ha potuto festeggiare la sua quarta vittoria in Formula 1, con quella che lui stesso ha definito "la miglio...

Leggi »
GT World Challenge

Montmelò, gara
Marciello prende anche l’Endurance
Cairoli trascina Dinamic al successo

È stato un tripudio tricolore quello andato in scena a Montmelò, dove i piloti italiani sono stati grandi protagonisti del fi...

Leggi »
formula 1

Perez re dei circuiti cittadini
Doppio podio per la Ferrari

Ma chi c'era sulla Red Bull-Honda numero 11? Sergio Perez o Max Verstappen? No, nessun dubbio. A dominare un difficilissi...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
2 Ott [8:33]

Road Atlanta, gara
Vittoria e titolo per l'Acura Shank

Marco Cortesi

Vittoria in gara e nel campionato IMSA per il team Meyer Shank alla Petit Le Mans 2022. Tom Blomqvist, Oliver Jarvis e Helio Castroneves hanno lottato in pista e decisivo è stato un veloce pit-stop finale, che ha portato l'Acura bianco-rosa ad assumere la leadership proprio davanti ai rivali diretti per il campionato, i piloti del team Taylor. Dopo aver condotto nelle fasi iniziali, l'altra Acura ufficiale, con Filipe Albuquerque subentrato a Ricky Taylor e Brendon Hartley, si è lanciata all'inseguimento ma il portoghese ha toccato una Mercedes GT3 doppiata, rompendo una sospensione. Sono così sfumate anche per quest'anno le speranze di titolo, con un nuovo secondo posto. Il team Shank, già vincitore di Daytona e secondo a Watkins Glen, ha incamerato anche la Endurance Cup.

Il team Ganassi si autoelimina
A dominare la corsa, almeno nelle fasi precedenti, erano state le Cadillac del team Ganassi, che entrando nelle fasi conclusive, si trovavano comodamente al comando. Tuttavia, Earl Bamber e Renger Van Der Zande si sono toccati in curva 1, finendo in sabbia. Così, altre Cadillac, quelle del team ActionExpress, hanno completato il podio. Per il team Ganassi, la vettura di Van Der Garde-Bourdais-Dixon ha terminato quarta a 4 giri. Un violento incidente ha invece messo KO il team JDC Miller.

Vittoria e titolo per Tower in LMP2
Quinta assoluta ha concluso la vettura vincente (e campione) della classe LMP2, l'areca del team Tower con Deletraz-Farano-Andrade. Proprio lo svizzero è stato protagonista del sorpasso decisivo nel finale, ai danni di Juan Pablo Montoya. Seconda ha così chiuso la vettura del duo Montoya padre e figlio, più Henrik Hedman. Un altro protagonista della lotta per il titolo, l'immancabile Ben Keating, è uscito di pista nelle prime fasi. La gara LMP3 è andata al team Andretti con Jarett Andretti, Josh Burdon e Gabby Chaves, mentre il vantaggio della vigilia è bastato a Jon Bennett e Colin Braun per vincere il titolo nonostante un quinto posto.

GTD davanti alle GTD-Pro
Situazione grottesca tra le GT3 con le cinque GTD "non pro" che hanno finito la gara davanti al migliore degli equipaggi top a causa della procedura di pass-around divisa per classe. I leader della GTD "normale" hanno passato i Pro per riaccodarsi al gruppo guadagnando un giro, ma a quel punto al volante c'erano i piloti più forti, che non si sono fatti prendere. Così ha concluso al vertice la Acura NSX del team Gradient, prima vittoria per la squadra, con Simpson-Bechtolsheimer-Farnbacher. Titolo invece per l'Aston Martin del team Heart of Racing, sesta di categoria, con Roman De Angelis, Maxime Martin e Ian James.

Ferrari squalificata in GTD-Pro, titolo a Porsche
Vittoria Ferrari sfumata in GTD Pro. Daniel Serra aveva tagliato il traguardo per primo passando la Lexus di Jack Hawksworth, ma il brasiliano ha guidato per più di 4 ore in un periodo di 6, cosa vietata dal regolamento, per un totale di 4 ore e 11 minuti. Vittoria in gara per Hawksworth quindi, insieme a Kyle Kirkwood e Ben Barnicoat. La sfida nella classe regina delle GT3 è stata eccezionale, con quattro vetture che si sono confrontate insieme nell'ultima ora arrivando più volte al contatto. Seconda alla fine la BMW di De Philippi-Edwards-Krohn, mentre terza ha chiuso la Porsche Pfaff di Jaminet-Campbell-Nasr, a cui è bastato prendere il via per conquistare il titolo.

Sabato 1 ottobre, 2022, gara

1 - Jarvis/Blomqvist/Castroneves (Acura DPi) - Meyer Shank - 423 giri
2 - Pla/Derani/Conway (Cadillac DPi) - AXR - 4”369
3 - Rockenfeller/Kobayashi/Johnson (Cadillac DPi) - AXR - 1 giro
4 - van der Zande/Bourdais/Dixon (Cadillac DPi) - Ganassi - 4 giri
5 - Farano/Deletraz/Pinto de Andrade (Oreca 07) - Tower - 5 giri
6 - Hedman/Montoya/Montoya (Oreca 07) - DragonSpeed USA - 5 giri
7 - Thomas/Pierson/Nunez (Oreca 07) - PR1 Mathiasen Motorsports - 5 giri
8 - Bamber/Lynn/Hunter-Reay (Cadillac DPi) - Ganassi - 5 giri
9 - Taylor/Albuquerque/Hartley (Acura DPi) - WTR - 9 giri
10 - Andersen/Fjordbach/Scherer (Oreca 07) - High Class - 9 giri
11 - Andretti/Chaves/Burdon (Ligier JS P320) - Andretti - 22 giri
12 - Balogh/Grist/Siegel (Ligier JS P320) - Jr III Racing - 22 giri
13 - Barbosa/Jakobsen/Pino (Ligier JS P320) - Sean Creech - 22 giri
14 - Robinson/Fraga/van Berlo (Ligier JS P320) - Riley - 23 giri
15 - Bennett/Braun/Kurtz (Ligier JS P320) - CORE Autosport - 24 giri
16 - Mantella/Marcelli/Sarchet (Duqueine D08) - AWA - 26 giri
17 - Fidani/Bell/Kern (Duqueine D08) - AWA - 28 giri
18 - Simpson/Bechtolsheimer/Farnbacher (Acura NSX) - Gradient - 36 giri
19 - Iribe/Pepper/Priaulx (McLaren 720S) - Inception - 36 giri
20 - Foley/Auberlen/Dinan (BMW M4) - Turner Motorsport - 37 giri
21 - Hardwick/Robichon/Heylen (Porsche 911R) - Wright - 37 giri
22 - Sellers/Snow/Johansson (BMW M4) - Paul Miller Racing - 37 giri
23 - Hawksworth/Barnicoat/Kirkwood (Lexus RC F) - VasserSullivan - 37 giri
24 - De Phillippi/Edwards/Krohn (BMW M4) - BMW M Team RLL - 37 giri
25 - Campbell/Jaminet/Nasr (Porsche 911R) - Pfaff Motorsports - 37 giri
26 - Gunn/Riberas/Gamble (Aston Martin Vantage) - HORT - 37 giri
27 - Garcia/Taylor/Catsburg (Corvette C8.R) - Corvette - 37 giri
28 - Skeen/McAleer/Mueller (Mercedes-AMG GT3) - Korthoff - 38 giri
29 - De Angelis/Martin/James (Aston Martin Vantage) - HORT - 38 giri
30 - Mann/Perez Companc/Vilander (Ferrari 488) - AF CORSE - 38 giri
31 - Buhk/Grenier/Goetz (Mercedes-AMG GT3) - WeatherTech Racing - 38 giri
32 - Serra/Rigon/Calado (Ferrari 488) - Risi Competizione - 37 giri
33 - Conwright/Holzer/Yount (Lamborghini Huracan) - NTE/SSR - 38 giri
34 - Lacorte/Sernagiotto/De Pauw (Ferrari 488) - Cetilar Racing - 39 giri
35 - Ward/Ellis/Dienst (Mercedes-AMG GT3) - Winward Racing - 40 giri
36 - Goldburg/Shields/Maxson (Ligier JS P320) - Performance Tech - 68 giri
37 - Ferriol/Legge/Boulle (Porsche 911R) - Team Hardpoint - 159 giri
38 - Merriman/Dalziel/Rasmussen (Oreca 07) - Era Motorsport - 174 giri
39 - Vautier/Westbrook/Duval (Cadillac DPi) - JDC Miller - 253 giri
40 - Montecalvo/Telitz/Heistand (Lexus RC F) - VasserSullivan - 265 giri
41 - Keating/Jensen/Huffaker (Oreca 07) - PR1 Mathiasen - 321 giri
42 - Potter/Lally/Pumpelly (Aston Martin Vantage) - Magnus - 361 giri
43 - Megennis/Lewis/Westphal (Lamborghini Huracan) - Peregrine - 401 giri

1 Ott [19:58]

Road Atlanta, qualifica
Pole utile per Meyer Shank

Marco Cortesi

Pole position e punti utili in classifica per il team Meyer Shank, che nella battaglia tutta Acura con il WTR ha visto prevalere il "suo" Tom Blomqvist. La vettura del team di Wayne Taylor è uscita di pista col figlio Ricky al volante, ma ha concluso terza alle spalle della prima Cadillac di casa Ganassi di Bamber/Lynn/Hunter-Reay. Davanti a tutti, insieme a Blomqvist ci saranno anche Ollie Jarvis ed Helio Castroneves. Il quarto posto è andato a un'altra Cadillac, ma del team JDC Miller, con Tristan Vautier selezionato per la sessione. Quinta la vettura di Van Der Zande insieme a Sebastien Bourdais e Scott Dixon, mentre in coda si sono piazzate altre due vetture americane by Dallara, quelle del team ActionExpress con al volante Kamui Kobayashi e Pipo Derani.

In pole LMP2 ha chiuso Steven Thomas per il team PR1 Mathiasen seguito dalla vettura del team High Class di Dennis Andersen e da quella dell'eterno Ben Keating, sempre con PR1. Quarti i leader di casa Tower con John Famano. In LMP3, la sfida tra Kay Van Berlo e Malthe Jakobsen si è risolta a favore del primo, per il team Riley.

In GTD Pro, gran pole di Jack Hawksworth con la migliore delle Lexus, seguita dall'Aston Martin Heart of Racing di Alex Riberas. Pole di Madison Snow in GTD "normale" con la BMW del Paul Miller Racing.

Venerdì 1 ottobre, 2022, qualifica

1 - Jarvis/Blomqvist/Castroneves (Acura DPi) - Meyer Shank - 1'08"555
2 - Bamber/Lynn/Hunter-Reay (Cadillac DPi) - Cadillac Racing - 1'08"788
3 - Taylor/Albuquerque/Hartley (Acura DPi) - WTR - 1'08"802
4 - Vautier/Westbrook/Duval (Cadillac DPi) - JDC Miller MotorSports - 1'08"853
5 - van der Zande/Bourdais/Dixon (Cadillac DPi) - Cadillac Racing - 1'08"905
6 - Rockenfeller/Kobayashi/Johnson (Cadillac DPi) - Ally Cadillac - 1'08"984
7 - Pla/Derani/Conway (Cadillac DPi) - Whelen Engineering Racing - 1'09"075
8 - Thomas/Pierson/Nunez (ORECA LMP2 07) - PR1 Mathiasen Motorsports - 1'11"939
9 - Andersen/Fjordbach/Scherer (ORECA LMP2 07) - High Class Racing - 1'12"021
10 - Keating/Jensen/Huffaker (ORECA LMP2 07) - PR1 Mathiasen Motorsports - 1'12"328
11 - Farano/Deletraz/Pinto de Andrade (ORECA LMP2 07) - Tower Motorsport - 1'12"360
12 - Hedman/Montoya/Montoya (ORECA LMP2 07) - DragonSpeed USA - 1'13"570
13 - Merriman/Dalziel/Rasmussen (ORECA LMP2 07) - Era Motorsport - 1'13"896
14 - Robinson/Fraga/van Berlo (Ligier JS P320) - Riley Motorsports - 1'15"517
15 - Barbosa/Jakobsen/Pino (Ligier JS P320) - Sean Creech Motorsport - 1'15"625
16 - Andretti/Chaves/Burdon (Ligier JS P320) - Andretti Autosport - 1'17"030
17 - Fidani/Bell/Kern (Duqueine D08) - AWA - 1'17"809
18 - Bennett/Braun/Kurtz (Ligier JS P320) - CORE Autosport - 1'17"813
19 - Balogh/Grist/Siegel (Ligier JS P320) - Jr III Racing - 1'18"417
20 - Goldburg/Shields/Maxson (Ligier JS P320) - Performance Tech - 1'18"693
21 - Hawksworth/Barnicoat/Kirkwood (Lexus RC F) - VasserSullivan - 1'18"835
22 - Gunn/Riberas/Gamble (Aston Martin Vantage) - Heart of Racing Team - 1'19"043
23 - Sellers/Snow/Johansson (BMW M4) - Paul Miller Racing - 1'19"118
24 - De Phillippi/Edwards/Krohn (BMW M4) - BMW M Team RLL - 1'19"279
25 - Serra/Rigon/Calado (Ferrari 488) - Risi Competizione - 1'19"352
26 - Mantella/Marcelli/Sarchet (Duqueine D08) - AWA - 1'19"357
27 - Garcia/Taylor/Catsburg (Chevrolet Corvette C8R) - Corvette Racing - 1'19"444
28 - Megennis/Lewis/Westphal (Lamborghini Huracan) - Peregrine - 1'19"506
29 - Conwright/Holzer/Yount (Lamborghini Huracan) - NTE/SSR - 1'19"522
30 - De Angelis/Martin/James (Aston Martin Vantage) - Heart of Racing Team - 1'19"546
31 - Montecalvo/Telitz/Heistand (Lexus RC F) - VasserSullivan - 1'19"560
32 - Buhk/Grenier/Goetz (Mercedes-AMG) - WeatherTech Racing - 1'19"620
33 - Skeen/McAleer/Mueller (Mercedes-AMG) - Team Korthoff Motorsports - 1'19"823
34 - Campbell/Jaminet/Nasr (Porsche 911R) - Pfaff Motorsports - 1'19"942
35 - Ward/Ellis/Dienst (Mercedes-AMG) - Winward Racing - 1'19"977
36 - Mann/Perez Companc/Vilander (Ferrari 488) - AF CORSE - 1'20"022
37 - Hardwick/Robichon/Heylen (Porsche 911R) - Wright Motorsports - 1'20"025
38 - Lacorte/Sernagiotto/De Pauw (Ferrari 488) - Cetilar Racing - 1'20"041
39 - Iribe/Pepper/Priaulx (McLaren 720S) - inception racing - 1'20"390
40 - Potter/Lally/Pumpelly (Aston Martin Vantage) - Magnus Racing - 1'21"431
41 - Ferriol/Legge/Boulle (Porsche 911R) - Team Hardpoint - 1'21"470
42 - Simpson/Bechtolsheimer/Farnbacher (Acura NSX) - Gradient Racing -
43 - Foley/Auberlen/Dinan (BMW M4) - Turner Motorsport -

20 Ago [11:13]

Acura ha svelato la ARX-06 LMDh
Sarà spinta da un V6 biturbo da 2.4 litri

Michele Montesano

In occasione della Monterey Car Week in California, Acura ha presentato la ARX-06, la LMDh con cui la Casa giapponese gareggerà nella classe GTP dell’IMSA WeatherTech SportsCar Racing a partire dalla prossima stagione. L’esordio avvererà in occasione della 24 Ore di Daytona e a portare in pista il prototipo saranno il Wayne Taylor Racing e il Meyer Shank Racing.

Dopo aver effettuato i primi
test in Francia, fra il Paul Ricard e Magny-Cours, la LMDh è stata trasportata in America dove verrà sottoposta ad ulteriori sessioni di collaudo e simulazioni gara. Nel frattempo, Acura ha finalmente tolto i veli dalla sua ARX-06, mostrando le sue linee definitive oltre a svelare alcuni dati tecnici del prototipo.



Basata sul telaio Oreca LMP2, la ARX-06 è nata in sinergia fra la struttura francese diretta da Hugues de Chaunac, la HPD (Honda Performance Development) e l’Acura Design Studios. Confermato l’elaborato frontale a doppio elemento con il musetto sormontato da un profilo alare che collega i due fari, il tutto per migliorare l’efficienza e la stabilità aerodinamica sull’asse anteriore.

Anche nella vista laterale si può notare il minuzioso studio eseguito fra galleria del vento e CFD. I passaruota anteriori inglobano gli specchietti retrovisori, mentre le fiancate inferiormente sono rastremate e sopra presentano gli sfoghi per raffreddare la Power Unit. Il cupolino dell’abitacolo è sormontato da un generoso airbox. Questo prosegue con una pinna che arriva fino all’alettone posteriore per stabilizzare il retrotreno della vettura e ridurre gli angoli di imbardata.



Per quanto concerne il propulsore, in Acura hanno optato per un V6 biturbo da 2.4 litri con un angolo della V a 90° per abbassare il baricentro e migliorare le capacità dinamiche del veicolo. Inoltre, la camera di combustione è stata progettata per funzionare con carburante sintetico, prodotto da fonti rinnovabili e a basse emissioni di carbonio. Grazie all’esperienza maturata in Formula 1, sono stati sviluppati e realizzati interamente da HPD il brake-by-wire, il software che gestisce il controllo dinamico del veicolo oltre ai sistemi che controllano la parte ibrida, costituita dal motogeneratore Bosch e dalle batterie di Williams Advanced Engineering. A completare il pacchetto la trasmissione della Xtrac.

Rispetto agli altri produttori, Acura porterà in pista la LMDh con il propulsore più piccolo. La Casa nipponica si dovrà confrontare con il V8 biturbo 4.0 litri di BMW, il V8 biturbo 4.6 della Porsche e addirittura il V8 5.5 di Cadillac. Ciò nonostante Pierre Descamps, a capo del reparto HPD che si è occupato della progettazione del propulsore che spingerà la ARX-06, ha assicurato che la Power Unit sarà in grado di garantire i 500 kW sull’asse posteriore consentiti dal regolamento.




7 Ago [20:41]

Road America, gara
Albuquerque e Taylor accorciano

Marco Cortesi

Vittoria per Filipe Albuquerque e Ricky Taylor nell'appuntamento IMSA di Road America. Dopo essersi tenute in sordina nelle fasi iniziali con pista bagnata, le Acura si sono trovate al vertice nell'ultimo stint anche grazie alla strategia dei cambi pilota. Alla fine, Albuquerque, con un incredibile sorpasso con due ruote sull'erba e un doppiato di mezzo nei confronti di Oliver Jarvis, ha portato il successo al Wayne Taylor Racing che ha anche ridotto il gap in classifica dal Meyer Shank Racing. 

Per il secondo posto, Jarvis, che con il team di Michael Shank ha lottato tutta la corsa con un assetto non perfetto, si è trovato aggredito a 10 minuti dalla fine da Earl Bamber e dopo una toccata da parte del neozelandese, Jarvis si è deconcentrato, impattando violentemente nel muro e di fatto terminando così le ostilità con una safety-car finale. Bamber, in coppia con Alex Lynn, ha preceduto sul traguardo la seconda vettura di casa Ganassi di Bourdais-Van der Zande.

La cosa incredibile è che non solo la vettura di Jarvis ha continuato con solo il muso rotto, ma ha concluso quarta grazie alla safety-car. Peccato per Tristan Vautier e Richard Westbrook. Il team JDC Miller nelle prime fasi aveva azzeccato il passaggio alle rain in occasione di un temporale guadagnando quasi un giro, ma le caution hanno azzerato il vantaggio e il passo non si è rivelato sufficiente.

Vittoria sfumata nel finale per Louis Deletraz e il team Tower in LMP2, dopo che lo svizzero era arrivato addirittura a occupare il secondo posto assoluto con gomme rain dopo lo stint iniziale di John Farano. Delétraz, che si trovava a corto di carburante, è stato raggiunto e passato nel finale da Ryan Dalziel per l'Era Motorsport.

In LMP3, successo per Gar Robinson e Felipe Fraga per il team Riley. Ha pesato una penalità. Penalità decisiva invece per Kraut-Andrews, che hanno lottato al vertice con la loro Duqueine D08 e centrato il podio. KO, colpiti da un'altra vettura, Joao Barbosa e Malthe Jacobsen.

In GTD-Pro la gara è stata più lineare, con la Lexus di Ben Barnicoat e Jack Hawksworth quasi sempre al comando nonostante gli attacchi della Porsche del team Pfaff di Campbell-Jaminet e della Corvette di Garcia-Milner. In GTD, il successo è andato alla Mercedes di Philip Ellis e Bryce Ward. La vettura di Stoccarda è sembrata avere un vantaggio importante. Tra i più competitivi anche Daniel Juncadella, al debutto a Road America. Lo spagnolo ha però "bruciato" il semaforo rosso in uscita box durante una caution, venendo penalizzato.

Domenica 7 agosto 2022, gara


1 - Taylor/Albuquerque (Acura DPi) - WTR - 64 giri
2 - Bamber/Lynn (Cadillac DPi) - Cadillac - 1"463
3 - van der Zande/Bourdais (Cadillac DPi) - Cadillac - 1"981
4 - Jarvis/Blomqvist (Acura DPi) - MSR - 3"819
5 - Vautier/Westbrook (Cadillac DPi) - JDC Miller - 7"003
6 - Pla/Derani (Cadillac DPi) - AXRacing - 7"189
7 - Merriman/Dalziel (ORECA LMP2 07) - Era Motorsport - 19"642
8 - Farano/Deletraz (ORECA LMP2 07) - Tower Motorsport - 20"358
9 - Andersen/Scherer (ORECA LMP2 07) - High Class - 21"147
10 - Thomas/Nunez (ORECA LMP2 07) - PR1 Mathiasen - 21"944
11 - Kelly/Pierson (ORECA LMP2 07) - PR1 Mathiasen - 24"339
12 - Hedman/Montoya (ORECA LMP2 07) - DragonSpeed USA - 35"124
13 - Robinson/Fraga (Ligier JS P320) - Riley Motorsports - 2 giri
14 - Bell/Fidani (Duqueine D08) - AWA - 2 giri
15 - Bennett/Braun (Ligier JS P320) - CORE Autosport - 2 giri
16 - Balogh/Grist (Ligier JS P320) - Jr III Racing - 2 giri
17 - Dickerson/Sarchet (Ligier JS P320) - MLT Motorsports - 2 giri
18 - French/Shields (Ligier JS P320) - Performance Tech - 2 giri
19 - Kraut/Andrews (Duqueine D08) - JDC-Miller - 3 giri
20 - Hawksworth/Barnicoat (Lexus RC F) - VasserSullivan - 3 giri
21 - Campbell/Jaminet (Porsche 911 R) - Pfaff Motorsports - 3 giri
22 - Garcia/Taylor (Chevrolet Corvette C8R) - Corvette - 3 giri
23 - Gunn/Riberas (Aston Martin Vantage) - HORT - 3 giri
24 - Andretti/Chaves (Ligier JS P320) - Andretti - 3 giri
25 - Ward/Ellis (Mercedes-AMG GT3) - Winward Racing - 4 giri
26 - Megennis/Westphal (Lamborghini Huracan) - Peregrine - 4 giri
27 - Montecalvo/Telitz (Lexus RC F) - VasserSullivan - 4 giri
28 - Sellers/Snow (BMW M4) - Paul Miller Racing - 4 giri
29 - Conwright/Holzer (Lamborghini Huracan) - NTE/SSR - 4 giri
30 - De Angelis/Martin (Aston Martin Vantage) - HORT - 4 giri
31 - Hardwick/Heylen (Porsche 911 R) - Wright - 4 giri
32 - Skeen/McAleer (Mercedes-AMG GT3) - Korthoff - 5 giri
33 - Eversley/Read (Acura NSX) - Rick Ware Racing - 5 giri
34 - Foley/Auberlen (BMW M4) - Turner Motorsport - 5 giri
35 - MacNeil/Juncadella (Mercedes-AMG GT3) - WeatherTech - 5 giri
36 - De Phillippi/Edwards (BMW M4) - BMW M Team RLL - 8 giri
37 - Barbosa/Jakobsen (Ligier JS P320) - Sean Creech - 24 giri

6 Ago [19:45]

Road America, qualifica
Pole di Albuquerque con rossa finale

Marco Cortesi

Pole position per Filipe Albuquerque a Road America, con il portoghese dell'Acura (nella foto ©IMSA) che, dopo le libere dominate dalle Cadillac di Ganassi, ha battuto la vettura by Dallara di Alex Lynn. Ad aiutarlo, l'esemplare gemello di Detroit, con Bourdais finito nelle barriere a tre minuti dal termine. Senza la bandiera rossa, le cose sarebbero forse andate diversamente. A beneficiare, anche l'altra Acura, quella di Meyer-Shank, che ha chiuso terza con al volante Tom Blomqvist. A seguire, Richard Westbrook per JDC Miller.

In LMP2, pole di Steven Thomas sull'Oreca di PR1-Mathiasen, mentre Malthe Jacobsen, che corre col veterano Joao Barbosa, ha segnato la pole in LMP3.

In GTD-Pro, Jack Hawksworth ha confermato con la pole il suo ottimo stato di forma dopo il rientro da un infortunio in allenamento. Ha preceduto la Porsche con Matt Campbell e la Corvette guidata da Antonio Garcia. La pole della classe GTD "normale" è andata a Robby Foley con la BMW del team Turner.

Sabato 6 agosto 2022, qualifica

1 - Taylor/Albuquerque (Acura DPi) - WTR - 1'48"915
2 - Bamber/Lynn (Cadillac DPi) - Cadillac Racing - 1'49"097
3 - Jarvis/Blomqvist (Acura DPi) - MSR - 1'49"841
4 - Vautier/Westbrook (Cadillac DPi) - JDC Miller - 1'50"322
5 - Pla/Derani (Cadillac DPi) - AXRacing - 1'50"369
6 - Thomas/Nunez (ORECA LMP2 07) - PR1 Mathiasen - 1'54"137
7 - Kelly/Pierson (ORECA LMP2 07) - PR1 Mathiasen - 1'54"271
8 - Merriman/Dalziel (ORECA LMP2 07) - Era Motorsport - 1'54"677
9 - Andersen/Scherer (ORECA LMP2 07) - High Class - 1'54"678
10 - Farano/Deletraz (ORECA LMP2 07) - Tower - 1'54"809
11 - Hedman/Montoya (ORECA LMP2 07) - DragonSpeed USA - 1'54"833
12 - Barbosa/Jakobsen (Ligier JS P320) - Sean Creech - 1'59"434
13 - Andretti/Chaves (Ligier JS P320) - Andretti - 2'00"163
14 - Robinson/Fraga (Ligier JS P320) - Riley - 2'00"969
15 - Dickerson/Sarchet (Ligier JS P320) - MLT - 2'01"083
16 - French/Shields (Ligier JS P320) - Performance Tech - 2'01"369
17 - Bennett/Braun (Ligier JS P320) - CORE Autosport - 2'02"778
18 - Balogh/Grist (Ligier JS P320) - Jr III Racing - 2'03"907
19 - Kraut/Andrews (Duqueine D08) - JDC-Miller - 2'04"307
20 - Hawksworth/Barnicoat (Lexus RC F GT3) - VasserSullivan - 2'05"365
21 - Campbell/Jaminet (Porsche 911 GT3R) - Pfaff - 2'05"618
22 - Garcia/Taylor (Chevrolet Corvette C8R GTD) - Corvette - 2'05"829
23 - Bell/Fidani (Duqueine D08) - AWA - 2'05"942
24 - Foley/Auberlen (BMW M4 GT3) - Turner Motorsport - 2'06"084
25 - Montecalvo/Telitz (Lexus RC F GT3) - VasserSullivan - 2'06"224
26 - Megennis/Westphal (Lamborghini Huracan GT3) - Peregrine - 2'06"237
27 - Skeen/McAleer (Mercedes-AMG GT3) - Korthoff - 2'06"275
28 - De Phillippi/Edwards (BMW M4 GT3) - BMW M Team RLL - 2'06"289
29 - Ward/Ellis (Mercedes-AMG GT3) - Winward Racing - 2'06"297
30 - Gunn/Riberas (Aston Martin Vantage GT3) - HORT - 2'06"517
31 - De Angelis/Martin (Aston Martin Vantage GT3) - HORT - 2'06"631
32 - Sellers/Snow (BMW M4 GT3) - Paul Miller Racing - 2'06"674
33 - MacNeil/Juncadella (Mercedes-AMG GT3) - Riley - 2'07"895
34 - Hardwick/Heylen (Porsche 911 GT3R) - Wright - 2'07"999
35 - van der Zande/Bourdais (Cadillac DPi) - Cadillac Racing - s.t.
36 - Conwright/Holzer (Lamborghini Huracan GT3) - NTE/SSR - s.t.
37 - Eversley/Read (Acura NSX GT3) - Rick Ware Racing - s.t.

19 Lug [17:05]

Acura completa la due giorni di test
della ARX-6 LMDh a Magny-Cours

Michele Montesano

Anche Acura Motorsport ha fatto debuttare in pista la sua LMDh. Dopo un breve shakedown sul tracciato del Paul Ricard, la ARX-06 ha completato una due giorni di test a Magny-Cours. Per la Casa nipponica è ufficialmente iniziata la marcia di avvicinamento verso la prossima stagione, in cui la vettura debutterà nella classe GTP dell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship.

Il prototipo LMDh, costruito in collaborazione e sulla base del telaio Oreca LMP2, ha percorso i primi chilometri con i piloti Ricky Taylor e Matt McMurry, quest’ultimo presente nella doppia veste di ingegnere del veicolo di HPD. Acura ha effettuato i primi collaudi in Francia proprio nei circuiti adiacenti alle factory dell’azienda diretta da Hugues de Chaunac per convalidare il progetto. La vettura verrà poi portata in America dove seguiranno altre sessioni di test già entro la fine del mese.


Le prime foto hanno mostrato il frontale con doppio profilo confermando quanto visto nel rendering rilasciato più di un mese fa. Ad un primo sguardo sia il muso che le fiancate sembrano decisamente rastremate. La veste aerodinamica è stata studiata dall’Acura Design Studio in collaborazione con Honda Performance Development e Oreca. I dettagli del motore non sono stati ancora rilevati ma, secondo indiscrezioni, la ARX-6 sarà spinta da un 3.5 V6 biturbo, evoluzione dell’attuale ARX-05 DPi, abbinato al Kers realizzato in mono-fornitura dalla Bosch.

David Salters, presidente e direttore tecnico di HPD, si è detto entusiasta dell’esito dei primi test: “Siamo ancora all’inizio, ma devo dire di essere abbastanza soddisfatto sia dello shakedown del Paul Ricard che delle prove a Magny-Cours svoltesi anche in notturna. Tutti i membri di HPD, Oreca e i team Wayne Taylor Racing e Meyer Shank Racing (che gestiranno le ARX-6 in pista) hanno lavorato all’unisono per questo debutto. Ora inizierà il vero e duro lavoro!”


5 Lug [15:15]

Mosport, gara
Ganassi torna al successo

Marco Cortesi

Si rompe l'egemonia Acura nell'IMSA col successo di casa Cadillac e Dallara nell'appuntamento di Mosport. La pista canadese, estrema e rischiosa, con poche vie di fuga e curvoni ciechi, ha regalato spettacolo e sorprese. Dopo aver preso la vetta avendo una sosta più corda, la vettura del team Meyer Shank, guidata da Oliver Jarvis è stata passata dalla Cadillac di Renger Van Der Zande che, insieme a Sebastien Bourdais ha riportato al vertice il team Ganassi.

Gara da dimenticare invece per la seconda vettura nappo-americana del team Taylor, coinvolta in due contatti. Il primo, con l'altra Cadillac Ganassi di Earl Bamber, penalizzato successivamente. Il secondo, nelle fasi finali, con la Cadillac ActionExpress di Pla-Derani, poi terza al traguardo. Ricky Taylor e Filipe Albuquerque hanno concluso settimi, vedendo il traguardo ma venendo scavalcati dai compagni di marca.

In LMP3, il successo è andato a Colin Braun e Jon Bennett, sempre più leader di campionato. In GTD-Pro, dominio dell'equipe locale Pfaff Motorsport composta da Campbell-Jaminet, che ha comandato tutto il tempo precedendo la Corvette di Garcia-Taylor. In classe GTD "liscia" seconda vittoria consecutiva per il team Heart Of Racing con Roman De Angelis e Maxime Martin.

Domenica 3 luglio 2022, gara

1 - van der Zande/Bourdais (Cadillac DPi) - Cadillac Racing - 1'05"991
2 - Jarvis/Blomqvist (Acura DPi) - Meyer Shank Racing W/Curb-Agajanian - 1'05"987
3 - Pla/Derani (Cadillac DPi) - Whelen Engineering Racing - 1'06"363
4 - Bamber/Lynn (Cadillac DPi) - Cadillac Racing - 1'06"067
5 - Vautier/Westbrook (Cadillac DPi) - JDC Miller MotorSports - 1'06"679
6 - Taylor/Albuquerque (Acura DPi) - Konica Minolta Acura ARX-05 - 1'06"115
7 - Bennett/Braun (Ligier JS P320) - CORE Autosport - 1'12"539
8 - Andretti/Chaves (Ligier JS P320) - Andretti Autosport - 1'12"818
9 - Balogh/Grist (Ligier JS P320) - Jr III Racing - 1'12"523
10 - Fidani/Marcelli (Duqueine D08) - AWA - 1'12"985
11 - Campbell/Jaminet (Porsche 911 GT3R) - Pfaff Motorsports - 1'17"018
12 - Garcia/Taylor (Chevrolet Corvette C8R GTD) - Corvette Racing - 1'16"872
13 - Gunn/Riberas (Aston Martin Vantage GT3) - Heart of Racing Team - 1'17"148
14 - De Angelis/Martin (Aston Martin Vantage GT3) - Heart of Racing Team - 1'16"922
15 - Ward/Ellis (Mercedes-AMG GT3) - Winward Racing - 1'16"891
16 - MacNeil/Juncadella (Mercedes-AMG GT3) - WeatherTech Racing - 1'16"565
17 - De Phillippi/Edwards (BMW M4 GT3) - BMW M Team RLL - 1'16"986
18 - Eversley/Read (Acura NSX GT3) - Rick Ware Racing - 1'17"267
19 - Barnicoat/Kobayashi (Lexus RC F GT3) - VasserSullivan - 1'16"669
20 - Foley/Auberlen (BMW M4 GT3) - Turner Motorsport - 1'17"289
21 - Sellers/Snow (BMW M4 GT3) - Paul Miller Racing - 1'17"098
22 - Montecalvo/Telitz (Lexus RC F GT3) - VasserSullivan - 1'17"769
23 - Robinson/Andrews (Ligier JS P320) - Riley Motorsports - 1'12"795
24 - Barbosa/Willsey (Ligier JS P320) - Sean Creech Motorsport - 1'14"798

2 Lug [22:42]

Mosport, qualifica
Blomqvist ancora in pole

Marco Cortesi

Seconda pole consecutiva per Tom Blomqvist in IMSA. Il pilota britannico di origini svedesi ha condotto il team Shank al vertice nel ritorno della categoria sul difficile tracciato canadese di Mosport, uno dei più tosti (e pericolosi) del Nord America. Le Acura su base Oreca si sono rivelate ancora difficilissime da battere, e al secondo posto ha concluso Ricky Taylor con la ARX-05 del team paterno. Nel pacchetto Cadillac-Dallara, a prevalere è stato il team JDC-Miller con Tristan Vautier. A seguire, le vetture dei team Ganassi con Alex Lynn e ActionExpress con Olivier Pla.

In LMP3, la pole è andata a Jarett Andretti con il team omonimo, seguito da Gar Robinson e da Ari Balogh (tra le altre cose CTO di Airbnb).

Pole position di casa per il team Pfaff. La compagine canadese di casa Porsche ha contato sul giro veloce di Matthieu Jaminet. Secondo posto per la Lexus di Montecalvo-Telitz, seguita dall'Aston Martin di Gunn-Riberas già in evidenza a Watkins Glen. Da segnalare l'esordio con la seconda Lexus di Kamui Kobayashi a sostituire l'infortunato Jack Hawksworth dopo aver partecipato alla 6 ore del Glen.

Sabato 2 luglio 2022, qualifica

1 - Jarvis/Blomqvist (Acura DPi) - Meyer Shank - 1'04"394
2 - Taylor/Albuquerque (Acura DPi) - WTR - 1'04"462
3 - Vautier/Westbrook (Cadillac DPi) - JDC Miller MotorSports - 1'04"895
4 - Bamber/Lynn (Cadillac DPi) - Cadillac Racing - 1'05"082
5 - Pla/Derani (Cadillac DPi) - Whelen Engineering Racing - 1'05"126
6 - van der Zande/Bourdais (Cadillac DPi) - Cadillac Racing - 1'05"266
7 - Andretti/Chaves (Ligier JS P320) - Andretti Autosport - 1'13"102
8 - Robinson/Andrews (Ligier JS P320) - Riley Motorsports - 1'13"174
9 - Balogh/Grist (Ligier JS P320) - Jr III Racing - 1'13"815
10 - Bennett/Braun (Ligier JS P320) - CORE Autosport - 1'14"056
11 - Fidani/Marcelli (Duqueine D08) - AWA - 1'14"832
12 - Barbosa/Willsey (Ligier JS P320) - Sean Creech - 1'15"121
13 - Campbell/Jaminet (Porsche 911 GT3R) - Pfaff Motorsports - 1'15"468
14 - Montecalvo/Telitz (Lexus RC F GT3) - VasserSullivan - 1'15"633
15 - Gunn/Riberas (Aston Martin Vantage GT3) - HOR Team - 1'15"890
16 - De Phillippi/Edwards (BMW M4 GT3) - BMW M Team RLL - 1'15"899
17 - Garcia/Taylor (Chevrolet Corvette C8R GTD) - Corvette - 1'15"955
18 - De Angelis/Martin (Aston Martin Vantage GT3) - HOR Team - 1'15"975
19 - Sellers/Snow (BMW M4 GT3) - Paul Miller Racing - 1'16"004
20 - Ward/Ellis (Mercedes-AMG GT3) - Winward Racing - 1'16"039
21 - Barnicoat/Kobayashi (Lexus RC F GT3) - VasserSullivan - 1'16"071
22 - Foley/Auberlen (BMW M4 GT3) - Turner Motorsport - 1'16"156
23 - Eversley/Read (Acura NSX GT3) - Rick Ware Racing - 1'16"250
24 - MacNeil/Juncadella (Mercedes-AMG GT3) - WeatherTech Racing - 1'17"071

PrevPage 1 of 10Next

News

IMSA
v

FirstPrevPage 1 of 2NextLast
FirstPrevPage 1 of 2NextLast

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone