formula 1

Caldo e usura gomme a Silverstone:
ecco la criptonite della Mercedes W11

Jacopo Rubino - XPB Images

Nel secondo round a Silverstone, la Mercedes in versione 2020 si è ...

Leggi »
Europeo

Rally di Roma Capitale
L'ERC riparte da Lukyanuk

Jacopo Rubino

La stagione 2020 dell'European Rally Championship doveva cominciare a marzo, sugli sterrat...

Leggi »
PrecedentePagina 1 di 10Successiva
14 Lug [10:00]

TCR Europe SIM Racing Series
Zolder, successo di Nagy e Davidovski

Michele Montesano

Cambiano i circuiti ma non cambia la musica, il mattatore della TCR Europe SIM Racing Series è sempre Daniel Nagy. Anche sul tracciato virtuale di Zolder l’ungherese ha siglato la pole e conquistato Gara 1. Nella seconda frazione di gara il successo è andato a Viktor Davidovski alla sua prima vittoria stagionale.

Prima di scendere in pista ci sono stati gli strascichi legati all’appuntamento precedente di Monza. A essere penalizzati sono stati entrambi i vincitori. Mikel Azcona, vincitore della prima manche, è stato retrocesso al quarto posto, a salire sul gradino più alto del podio è stato Jimmy Clairet. A ereditare la vittoria di gara due è stato Abdulla Ali Al-Khelaifi, poiché a Nagy è stata comminata una sanzione di 10 secondi per taglio di pista.

Come al solito in qualifica Nagy è stato ancora il punto di riferimento del plotone delle vetture turismo, siglando l’ennesima pole stagionale. Partito dal palo di Gara 1 il pilota Hyundai ha gestito per tutti i 14 giri senza mai essere impensierito dagli inseguitori. Gilles Magnus, scattato in seconda posizione, è stato sorpreso da Teddy Clairet. Nelle retrovie una carambola ha coinvolto Davidovski e le Peugeot di Jimmy Clairet e Aurélien Comte, con quest’ultimo che è stato costretto al ritiro. Magnus nell’arco del primo giro ha prontamente recuperato la seconda posizione ai danni di Clairet, ma ormai era già troppo tardi per puntare alla vittoria.

Dalla decima posizione Nicolas Baert ha approfittato delle varie situazioni per risalire in quinta. Mentre le prime posizioni erano pressoché congelate, a dare spettacolo ci ha pensato Luca Filippi. L’italiano è stato per diversi giri nella scia della Cupra di Al-Khelaifi prima di sferrare l’attacco decisivo. Filippi ha approfittato anche dell’uscita di Gustavo Moura per salire in sesta posizione. A trionfare, con una gara letteralmente dominata, è stato Nagy seguito da Magnus e Clairet. Ai piedi del podio Bence Boldizs che ha preceduto l’Audi di Baert.

Gara 2 ha visto partire dalla pole Davidovki, autore di un buon avvio seguito da Moura e Al-Khelaifi. Allo start un tamponamento ha coinvolto i pretendenti al titolo. Nagy è uscito nella prima curva per via di un contatto con Teddy Clairet, anche Boldizs si è girato dopo essere stato toccato da Magnus. Filippi ha subito attaccato e superato Al-Khelaifi conquistando la zona podio. Comte, partito ultimo, al termine del primo passaggio era già risalito in quinta posizione.

Mentre Davidovski controllava la gara, Magnus ha iniziato un recupero forsennato. Dapprima, al terzo passaggio, ha superato Al-Khelaifi per poi infilare Filippi. Il belga successivamente ha messo nel mirino Moura, i due sono arrivati ai ferri corti con il portoghese che è uscito di pista. Ne hanno approfittato Filippi, tornato terzo, e Nagy autore di una gara tutta in rimonta. Davidosvski ha colto così il suo primo successo nella TCR Europe SIM Racing Series. Seconda posizione per Magnus, primo podio per il nostro Filippi. Quarto posto per Nagy che allunga in campionato, seguito da Boldizs e Baert.

8 Lug [22:58]

TCR Europe SIM Racing Series
Monza, trionfano Azcona e Nagy

Michele Montesano

Il quinto evento della TCR Europe SIM Racing Series, andato in scena sul tracciato virtuale di Monza, è stato ricco di sorpassi, sportellate e colpi di scena. Il tempio della velocità sarebbe potuto essere il teatro dell’ennesimo monologo di Daniel Nagy. Ma un problema di connessione ha eliminato l’ungherese quando stava per tagliare vittoriosamente il traguardo di Gara 1. A trionfare è stato così Mikel Azcona che ha combattuto contro Gilles Magnus fino alla Parabolica. Nagy si è poi rifatto con gli interessi andando a conquistare la seconda manche.

In una griglia insolitamente scarna a siglare la pole è stato ancora una volta Nagy. L’ungherese ha conquistato la quinta prima fila consecutiva. L’alfiere Hyundai è partito in maniera impeccabile dalla prima piazzola. Bence Boldizs, scattato dalla seconda posizione, ha provato a impensierirlo. Il pilota della Zengo Motorsport però presto ha dovuto fare i conti con Magnus, che nella staccata della prima variante l’ha spinto fuori pista. Magnus, rallentato a sua volta, è stato superato da Teddy Clairet, Azcona e Luca Filippi. Un errore dell’italiano, arrivato in derapata alla Roggia, ha permesso a Magnus di tornare a ridosso della Cupra di Azcona.

Nagy ha preso immediatamente il largo guadagnando sei secondi su Clairet. Subito dietro Azcona e Magnus si sono scambiati la terza posizione più volte. Il tandem si è portato a ridosso della Peugeot del francese. È stato Magnus a rompere gli indugi superando Clairet alla Ascari, entrambi hanno perso motricità sui cordoli favorendo il ritorno di Azcona. La battaglia per il secondo posto è durata fino all’ultima curva con Azcona che ha avuto la meglio su Magnus. Ma il fattaccio è successo pochi secondi prima quando Nagy, trionfatore incontrastato, sul rettilineo di arrivo si è disconnesso. Nello stupore di tutti a ereditare la vittoria è stato Azcona, seguito da Magnus e Nicolas Baert. Ai piedi del podio Clairet che ha preceduto Viktor Davidovski e Filippi.

A partire dal palo di Gara 2 è stato Abdulla Ali Al-Khelaifi che è stato subito beffato da Lewis Kent. A seguire Julien Briché e Boldizs. Nelle retrovie un furioso Nagy, partito ultimo, al termine del primo giro è risalito in settima posizione. L’ungherese, nell’arco di due tornate, è arrivato a ridosso del podio superando senza troppe remore Baert. Il belga ha provato a reagire ma si è ritrovato in una lotta corpo a corpo con Filippi. Nel mentre Al-Khelaifi ha riconquistato la prima posizione ai danni di Kent. Filippi ha provato a tenere la terza posizione ma un contatto in Parabolica l’ha fatto scivolare nelle retrovie.

Verso metà gara Nagy ha liquidato la pratica Kent sverniciandolo in rettilineo, per poi mettersi subito all’inseguimento del leader. Dopo aver superato anche Al-Khelaifi, il pilota Hyundai ha rapidamente costruito un margine di cinque secondi sul diretto inseguitore Clairet. Il francese nel frattempo è risalito al secondo posto. Terza posizione conquistata da Baert, dopo una strenua lotta fra Magnus e Azcona. Solamente ottavo il nostro Filippi dopo un gara tutta d’attacco.

15 Giu [16:45]

TCR Europe, Target Competition
nel 2020 ancora con i fratelli Bäckman

Michele Montesano

Andreas e Jessica Bäckman saranno ancora nelle file del Target Competition per la stagione 2020 della TCR Europe. Entrambi infatti sono stati confermati nel programma Customer Racing Junior Driver di Hyundai Motorpsort. Oltre ai fratelli svedesi, la casa coreana ha annunciato all'interno del suo programma, riservato ai giovani piloti, anche Daniel Nagy e il campione della TCR Australia Will Brown.

I Bäckman faranno ancora una volta parte del team altoatesino Target Competition e guideranno le Hyundai i30 N TCR. Nella scorsa stagione della TCR Europe Andreas Bäckman è stato a lungo in lizza per la vittoria. Lo scandinavo è giunto quarto in classifica finale, oltre ad aver ottenuto il primo posto sul circuito del Montmelò e diversi piazzamenti a podio nell’arco del campionato.

Con l’entusiasmo alle stelle per il doppio annuncio Bäckman ha così commentato la notizia: “È eccitante essere, per il secondo anno consecutivo, uno fra i piloti prescelti dal programma junior di Hyundai Motorsport. Siamo felicissimi e onorari che la casa coreana continui a credere in noi e nelle nostre capacità. Faremo tutto il possibile per ripagarli della loro fiducia.”

Gli fa eco la sorella Jessica: “Quest’opportunità ci mette nelle migliori condizioni per crescere professionalmente. Il nostro obiettivo resta sempre lo stesso: competere nel WTCR contro i migliori piloti turismo del mondo.”

Anche il 2020 della Bäckman è stato positivo con un podio nella trasferta di Hockenheim della TCR Europe. Oltre ai buoni risultati ottenuti nella TCR Scandinavia e Germany, che gli sono valsi la chiamata per difendere i colori nazionali nei FIA Motorpsort Games dello scorso novembre.

10 Giu [21:59]

TCR Europe SIM Racing Series
Le Castellet, Comte profeta in patria

Michele Montesano

Il quarto appuntamento della TCR Europe SIM Racing Series è andato in scena sul tracciato virtuale del Paul Ricard. La musica non è cambiata: con Daniel Nagy che ha conquistato la sua quinta vittoria stagionale, allungando in classifica generale. Nella seconda manche però, a salire sul gradino più alto del podio, è stato l’idolo di casa Aurélien Comte.

In gara 1 a partire dal palo è stato nuovamente Nagy. L’ungherese finora ha monopolizzato tutte le qualifiche della stagione. Allo spegnimento dei semafori il pilota Hyundai è scattato bene, proteggendosi dagli attacchi del compagno di colori Mat’o Homola. Dietro i due alfieri BRC Racing si sono fatti largo Gilles Magnus e Jimmy Clairet.

Nagy ha subito allungato nei confronti di Homola, mettendo in cassaforte la doppietta. Al terzo passaggio Clairet si è dovuto difendere dagli attacchi di Niels Langeveld e Tamás Tenke. I tre piloti sono arrivati al contatto in curva uno, con Bence Boldizs che ne ha approfittato salendo in quarta posizione. A seguire Langeveld e la Cupra di Tenke. Ad avere la peggio è stato proprio Clairet scivolato in settima posizione, davanti al fratello Teddy. Nono Mikel Azcona, decima la Peugeot 308 guidata da Comte.

A partire dalla pole nella seconda frazione di gara è stato Andrej Studenic. Il pilota Honda è stato subito beffato da un arrembante Comte partito dalla terza piazzola. In scia al francese Azcona ha conquistato il secondo posto. Prodigioso lo start di Homola, partito undicesimo, è risalito in terza posizione dopo aver approfittato dei vari contatti. Il pilota BRC ha poi infilato l’alfiere Cupra al secondo passaggio istallandosi in seconda piazza. Azcona, dopo aver subito il sorpasso, ha perso leggermente il controllo della sua Leon cedendo il gradino più basso del podio a Viktor Davidovski.

Homola, dopo aver ricucito il gap nei confronti di Comte, ha iniziato a pressare il francese. Ottimo anche lo spunto iniziale del leader di campionato Nagy. L’ungherese nell’arco di poche tornate si è portato alle spalle della Honda di Davidovski. Negli ultimi passaggi l’attenzione è stata completamente catturata dalla lotta di testa. Homola ha provato più volte a superare Comte riuscendoci al penultimo giro, ma il francese ha prontamente replicato riprendendosi la leadership. È andata meglio a Nagy che ha sorpassato Davidovski conquistando il terzo posto. Prima vittoria del campionato virtuale per Comte, seguito da Homola, Nagy e Davidovski. Dietro una tripletta Audi con, nell’ordine, Magnus, Langeveld e Nicolas Baert. Ottavo posto per Jimmy Clairet, che ha preceduto le Cupra di Boldizs e Azcona.

6 Giu [15:20]

TCR Europe, Oriola in Honda
Brutal Fish completa la line-up

Michele Montesano

Sarà Pepe Oriola il terzo pilota del team Brutal Fish Racing per la TCR Europe. Lo spagnolo guiderà la Honda Civic Type-R TCR della compagine slovacca. Oltre ad Oriola nel box ci saranno il già confermato Dan Lloyd e il proprietario nonché pilota Martin Ryba.

Il pilota iberico torna così in un campionato di più alto respiro. Ricordiamo che Oriola è stato il driver più giovane a prendere parte ad una gara del WTCC. Fin dai suoi primi passi nelle vetture turismo è stato sempre un uomo Seat. Mostrandosi in ogni occasione competitivo, tanto da conquistare il titolo di vice campione della TCR International Series nel 2015. La passata stagione ha visto lo spagnolo provare l’assalto alla TCR Asia con una Hyundai i30 N giungendo terzo, oltre a trionfare nella TCR Spa 500.

Un raggiante Oriola ha così commentato il recente accordo: “Sono felice di unirmi al team Brutal Fish Racing e correre nella TCR Europe. Sia il calendario che il livello del campionato sono molto elevati, vorrei ringraziare il team per aver creduto in me. Sono sicuro che con Daniel e Martin potremo raggiungere i nostri obiettivi ovvero lottare per il titolo. Dopo questo duro periodo ritrovarsi in una squadra così professionale e in un campionato così prestigioso è un onore. Con l’esperienza dei miei compagni, sommata alla mia, sono sicuro che otterremo importanti risultati.”

Gli fa eco Ryba, proprietario e pilota del Brutal Fish Racing: “Siamo felici di annunciare il nostro terzo pilota, dando il benvenuto a Pepe nella nostra famiglia. La sua professionalità, esperienza e velocità è nota a tutti. Sono sicuro si troverà bene con noi. Con Pepe e Daniel pensiamo di essere pronti a lottare per entrambi i titoli della TCR Europe.”

27 Mag [22:03]

TCR Europe SIM Racing Series
Hungaroring, dominio Hyundai BRC

Michele Montesano

Il terzo round della TCR Europe SIM Racing Series, andato in scena sul tracciato dell’Hungaroring, ha visto il dominio delle Hyundai i30 N del team BRC. Dániel Nagy, in gara 1, ha portato a casa il quarto successo nella serie virtuale. Mentre, nella seconda manche, è toccato al suo compagno di colori Mat’o Homola conquistare il gradino più alto del podio.

Ancora una volta Nagy ha conquistato la pole position, la terza consecutiva. Il pilota ungherese ha subito preso le redini della gara 1 fino al traguardo. Il contatto, in curva due, fra Homola e Niels Langeveld ha permesso a Gilles Magnus di conquistare il secondo posto. Il pilota Audi ha cercato invano di recuperare il gap nei confronti del leader Nagy. Purtroppo per il belga un problema all’acceleratore, all’ottavo passaggio, l’ha costretto al ritiro. Ad approfittarne Aurélien Comte che, ereditato il secondo posto, si è dovuto vedere dagli attacchi di Langeveld fino alla bandiera a scacchi.

Quarto posto per Tamás Tenke, seguito dai due fratelli Clairet Jimmy e Teddy con le loro Peugeot 308. Sfortunato il nostro Kevin Ceccon, il pilota Alfa ha militato per diversi giri in tredicesima piazza prima di ritirarsi. Così a ereditare la sua posizione è stato Gianni Morbidelli, seguito dalla Hyundai di Luca Filippi.

In gara 2 a partire dal palo è stato Nicolas Baert che, allo spegnimento dei semafori, ha subito dovuto fare i conti con Viktor Davidovski e Bence Boldizs. Nelle retrovie il leader di campionato Nagy è stato coinvolto in un contatto multiplo che ha visto protagonisti anche Morbidelli, Ceccon, Clairet e Tenke. Il terzetto di testa ha iniziato subito a battagliare. Approfittando della bagarre Jimmy Clairet e Homola hanno ricucito il divario dai primi.

Nell’arco delle prime fasi di gara Boldizs ha provato a infilare Davidovski, i due sono arrivati al leggero contatto, con il pilota Cupra che ha dovuto lasciare spazio anche a Clairet. Il francese ha poi approfittato di un errore del pilota Honda per salire in seconda posizione. Baert e Clairet sono arrivati ai ferri corti nelle ultime tornate, con il pilota Peugeot che ha tamponato l’Audi del leader. I due sono usciti di pista con Homola che ha avuto vita facile a conquistare la prima posizione, seguito da Boldizs. Clairet, rientrato in pista, è riuscito a limitare i danni mantenendo il gradino più basso del podio. Magnus è stato autore di una grande rimonta, concludendo quarto dopo essere partito dal fondo. Male gli italiani, Filippi quindicesimo seguito da Morbidelli, ancora una volta out Ceccon.

22 Mag [22:20]

TCR Europe, nuovo calendario:
prima tappa in agosto a Le Castellet

Michele Montesano

Fumata bianca: finalmente è stato reso noto il calendario definitivo della TCR Europe. Ormai si è perso il conto di quante volte sia stata modificata la prima bozza. Purtroppo la situazione attuale, dovuta alla pandemia del Coronavirus, ha creato non pochi problemi a tutto il motorsport. Nell’ultima stesura, a rientrare è il circuito del Paul Ricard che aprirà la stagione. Mente è stato confermato Jarama come atto finale del campionato.

Nulla da fare per la doppia trasferta italiana, ipotesi ventilata solamente dieci giorni fa. Il circuito di Le Castellet sembrava destinato ad uscire fuori dal campionato, ma in extremis si è riuscito a trovare una casella libera a fine agosto. Sarà quindi il circuito francese ad aprile le danze, nel weekend del 21-23 agosto, della TCR Europe.

Confermata la tappa di Zolder, a metà settembre, che nell’ultima bozza avrebbe dovuto aprire la stagione agonistica. Così come l’appuntamento del 25-27 settembre nel tempio della velocità dell’autodromo di Monza. A metà ottobre si farà tappa, come preventivato, al Montmelò. Le vetture Turismo correranno poi a Spa, in concomitanza con la classica 24 Ore del 25 ottobre. Nel secondo weekend di novembre sventolerà l’ultima bandiera a scacchi sul circuito spagnolo di Jarama.

Soddisfatto il promoter Paulo Ferreira: “Abbiamo avuto l’opportunità di recuperare la gara del Paul Ricard ad agosto e ne abbiamo subito approfittato. Ciò significherà iniziare in anticipo la stagione, rispetto a quanto annunciato in precedenza. Considerando i ritardi e le varie restrizioni imposte dall’attuale situazione, crediamo di aver fatto del nostro meglio. Ci tengo a ringraziare tutti i team e gli addetti ai lavori per l’immensa collaborazione.”

Il calendario 2020   

23 agosto - Le Castellet
13 settembre - Zolder
27 settembre - Monza
11 ottobre - Barcellona
24 ottobre - Spa-Francorchamps
8 novembre - Jarama

13 Mag [22:19]

TCR Europe SIM Racing Series
Red Bull Ring, Nagy ci prende gusto

Michele Montesano

Sul Red Bull Ring è andato in scena il secondo appuntamento della TCR Europe SIM Racing Series. A dividere il gradino più alto del podio sono stati Dániel Nagy e Niels Langeveld. L’ungherese ha continuato la sua striscia positiva con la terza vittoria consecutiva. A porre fine alla sua cavalcata trionfale è stato il portacolori del Comtoyou Audi Langeveld che, nella seconda manche, è stato autore di una gara perfetta.

In gara 1 Nagy è partito in maniera impeccabile dalla pole, mettendo immediatamente dietro Gilles Magnus. Il pilota di casa Hyundai BRC ha badato semplicemente a mantenere la leadership fino alla bandiera a scacchi. Tamás Tenke ha conquistato una terza posizione tutto sommato facile, infatti dietro di lui è impazzata la bagarre. Il terzetto composto da Teddy Clairet, Mikel Azcona e Mat’o Homola ha dato spettacolo.

Lo spagnolo ha cercato in tutti i modi di superare la Peugeot, ma alla fine si è dovuto difendere dagli attacchi di Homola. Il pilota Hyundai ha infilato il campione europeo 2018 che, dopo un leggero contatto, ha ceduto la posizione anche a Bence Boldizs. Langeveld è riuscito all’ultimo passaggio a scavalcare Andreas Bäckman salendo in undicesima posizione. Quindicesimo il nostro Luca Filippi su Hyundai i30 N, al debutto ufficiale nella veste di SIM driver. Diciannovesimo Kevin Ceccon, mentre ultimo e ritirato Gianni Morbidelli.

A partire dalla pole di gara 2 è stato Bäckman che si è fatto subito infilare da Langeveld. Il pilota Audi ha così letteralmente preso il largo. Nagy nel primo giro è stato urtato al posteriore scivolando al quattordicesimo posto. Il podio virtuale di Andrej Studenic è durato solamente due giri, con Azcona che ha avuto la meglio nei confronti del pilota Honda. Ad approfittarne anche Homola e Clairet. Ottimo lo start di Magnus che è riuscito a salire dall’undicesimo all’ottavo posto.

Nagy ha iniziato una rimonta furiosa per rientrare in top-10 superando in ordine Tenke, Julian Briché e Boldizs. Al quinto passaggio Azcona ha rotto gli indugi superando Bäckman e mettendosi all’inseguimento del battistrada Langeveld. Lo svedese poi ha perso contatto venendo superato anche da Homola, Magnus e Clairet. Nagy, risalito in settima piazza, nel corso del penultimo giro si è piegato all’attacco di Tenke. L’ungherese tuttavia ha ottenuto il miglior punteggio complessivo dell’evento aggiudicandosi i due pneumatici per l’appuntamento della TCR Europe di Monza. Per quanto riguarda i nostri portacolori: sedicesimo posto per Filippi, solamente ventunesimo Ceccon, ancora una volta ritirato Morbidelli.

11 Mag [19:02]

TCR Europe, confermata Spa
Saranno due le date in Italia?

Michele Montesano

Ci sono nuove indiscrezioni sul calendario della TCR Europe. Se l’ultima volta erano state rese note le prime tre gare, adesso sappiamo qualcosa in più sull’intero prosieguo della stagione. In particolare è stata confermata la gara di Spa come supporto all’omonima 24 Ore. Ma a rendere il tutto più interessante è la possibilità di una seconda data in Italia, oltre a quella di Monza, a novembre.

Partiamo con ordine, il campionato Turismo europeo vedrà il semaforo verde il 13 settembre sul tracciato di Zolder. Dopo la trasferta belga, si farà rotta nel tempio della velocità di Monza il 27 settembre. Il terzo appuntamento stagionale, originariamente previsto come atto conclusivo, sarà a Montmelò nel secondo weekend di ottobre.

Fin qui tutto confermato, le novità riguardano la seconda parte della stagione. È stata ufficializzata la tappa di Spa Francorchamps, con le vetture turismo che faranno da supporto alla 24 Ore in scena il 24-25 ottobre. Dopo che quest’ultima era stata spostata da luglio per via delle limitazioni causa Covid-19. La quinta trasferta è prevista per il weekend dell’8 novembre ma non si terrà in Francia, come da calendario. Infatti il circuito del Paul Ricard, causa le numerose concomitanze con altri campionati, verrà sostituito da una seconda tappa in Italia, resta ancora da definire su quale circuito. L’evento finale sarà a Jarama, ma si è ancora in attesa da parte della Federazione Spagnola per decidere la data definitiva.

Calendario 2020 provvisorio della TCR Europe

13 settembre - Zolder
27 settembre - Monza
11 ottobre - Barcellona
24 ottobre - Spa-Francorchamps
8 novembre - (Italia?)
TBC - Jarama

2 Mag [22:15]

TCR Europe SIM Racing Series
A Spa dominio incontrastato di Nagy

Michele Montesano

Spa ha dato il via alle danze della TCR Europe SIM Racing Series. Sul circuito belga a farla da padrone è stato Dániel Nagy. L’ungherese di casa Hyundai ha conquistato sia la pole position, che entrambe le gare. Il pilota del team BRC Racing avrà così a disposizione, come da regolamento, un paio di gomme Yokohama gratis da sfruttare nel primo weekend di gara della TCR Europe a Zolder.

Lo spettacolo offerto dai piloti che abitualmente competono nella serie Turismo europea è stato ricco di contatti e colpi di scena. Chi più chi meno i SIM driver si sono calati egregiamente nella realtà virtuale della piattaforma Assetto Corsa Competizione, gestito da DrivingItalia.net.

In gara 1 Nagy partito dalla pole si è letteralmente involato. L’ungherese ha preso il largo fin dalla prima curva, comandando in solitaria tutta la corsa fino alla bandiera a scacchi. Dietro il connazionale Bence Boldizs ha avuto vita facile, limitandosi a mantenere il vantaggio sui diretti inseguitori. Ad animare la manche sono stati Mikel Azcona e Gilles Magnus in lotta per la terza piazza. Lo spagnolo di casa Cupra ha cercato disperatamente di superare l’alfiere di casa Audi. Dopo diversi giri fianco a fianco i due, al quarto passaggio, sono arrivati al contatto regalando la terza posizione a Tamás Tenke. Azcona si è dovuto accontentare del quarto posto, mentre Magnus è scivolato all’undicesimo. Quattordicesimo il nostro Kevin Ceccon, sull’Alfa Romeo, seguito dalla Golf di Gianni Morbidelli.

La seconda manche ha visto partire dal palo Andreas Bäckman, in virtù della griglia invertita. Lo svedese è arrivato subito ai ferri corti con Magnus, che l’ha accompagnato fuori all’uscita di Les Combes. A prendere il comando è stato così Andrej Studenic, seguito da Teddy Clairet. Ad approfittare dello start caotico è stato Azcona che si è portato a ridosso del podio nel corso del primo giro. Anche Nagy ha trovato subito il ritmo giusto istallandosi in quinta piazza a suon di sorpassi.

Al terzo passaggio Azcona ha preso il comando delle operazioni superando dapprima Magnus e poi Studenic, seguito prontamente dal dominatore di gara 1. Il duo di testa ha continuato la bagarre con l’ungherese di Hyundai che ha studiato per diversi giri il pilota Cupra. Nagy ha rotto gli indugi al penultimo giro quando, sfruttando la scia della Leon, ha infilato lo spagnolo all’Eau Rouge. L’ungherese ha preso subito il largo andando a bissare il successo. Azcona si è dovuto accontentare del secondo gradino, seguito da Boldizs ancora una volta a podio. Per quanto riguarda i nostri: Morbidelli ha ottenuto il quindicesimo posto, più sfortunato Ceccon invischiato nell’incidente multiplo del primo giro e sceso nelle retrovie.

PrecedentePagina 1 di 10Successiva

News

TCR Series
v

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone