formula 1

Monaco - Libere 1
Leclerc fa gli onori di casa

Montecarlo è casa sua. Ci è cresciuto, le strade che formano il tracciato del Gran Premio le frequentava fin da piccolo sogna...

Leggi »
FIA Formula 2

Monaco - Qualifica
Pole di Lawson, ma da valutare

Pole-position con il giallo nella qualifica di Formula 2 a Montecarlo, letteralmente: l'autore del miglior tempo è stato ...

Leggi »
Rally

Loeb al via del Safari Rally
In Kenya con la Ford Puma Rally1

Michele Montesano L’indiscrezione circolava già nel corso del Rally del Portogallo, ma sono serviti altri giorni affinché t...

Leggi »
Regional by Alpine

Monaco - Qualifica
Dino lascia l'impronta

Con un gran giro finale Dino Beganovic è riuscito a strappare il miglior tempo assoluto nella qualifica di Monaco della Formu...

Leggi »
nascar

Raikkonen in NASCAR Cup
A Watkins Glen con Trackhouse

Sarà Kimi Raikkonen il primo pilota di caratura internazionale a correre con il team Trackhouse nell'ambito del nuovo pro...

Leggi »
formula 1

La McLaren è stufa di Ricciardo
E comincia a guardarsi attorno

Daniel Ricciardo sta deludendo. La McLaren pensava di aver fatto il miglior colpo di mercato possibile quando nel 2020, all&#...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
24 Mag [10:29]

TCR Europe, Le Castellet
Coronel vince, Girolami allunga

Michele Montesano

Bottino pieno per il Comtoyou Racing Team che, sul tracciato di Le Castellet, ha conquistato entrambe le gare della TCR Europe. Tom Coronel ha firmato pole e vittoria nella prima manche rilanciandosi in ottica campionato. Mentre il compagno di squadra Viktor Davidovski, scattato dalla prima posizione per via della griglia invertita in gara 2, è stato il primo pilota del Diamond Trophy a conquistare il successo nell’assoluto. Nel mentre, l’altro alfiere Audi Comtoyou Franco Girolami ha concluso le due gare rispettivamente al secondo e al quarto posto allungando in classifica generale.



Vittoria mai messa in discussione quella del poleman Coronel. L’olandese ha dovuto solamente gestire la partenza per poi involarsi verso il primo successo stagionale. Alle sue spalle inizialmente ci ha provato Felice Jelmini a metterlo sotto pressione. Però, al secondo passaggio, l’italiano della Hyundai è stato sorpassato da Girolami. Per tutto il resto della gara le posizioni di vertice sono rimaste congelate, con l’argentino mai in grado di recuperare il distacco dal suo team mate Coronel. Corsa priva di guizzi per John Filippi che ha mantenuto la quarta posizione dallo start fino alla bandiera a scacchi.

Klim Gavrilov ha approfittato della bagarre alle sue spalle per concludere quinto con un buon margine su Davidovski. Il pilota Audi è riuscito ad acciuffare il sesto posto assoluto, che gli è valso il successo nel Diamond Trophy, superando Pepe Oriola al terzultimo giro. Scattato dalla terza piazzola, Josh Files è stato rallentato da problemi elettrici sulla sua Elantra N chiudendo all’ottavo posto davanti al compagno del Target Competition Nicola Baldan. Problemi meccanici anche per Jack Young e Mat’o Homola, mentre primo punto nel TCR Europe per Giacomo Ghermandi grazie al quindicesimo posto assoluto.



Autore di un ottimo start in gara 2, Davidovski ha preso immediatamente il largo sugli inseguitori. Gavrilov, dopo aver passato Oriola nel primo giro, ha inizialmente preservato le gomme per poi cercare di recuperare terreno sul battistrada. Chiuso il gap su Davidovski, il russo però non è mai stato in grado di creare un’effettiva manovra di sorpasso. Risultato storico per il macedone che ha ottenuto il suo primo successo nel TCR Europe. Oriola ha completato il podio dovendosi difendere nell’ultimo giro da Coronel. L’olandese ha provato l’attacco al pilota Honda, ma è uscito fuori pista dovendo cedere anche la quarta posizione a Girolami.

Sesto posto per Filippi, autore di un sorpasso a metà gara ai danni della Cupra di Isidro Callejas. Ancora una volta Jelmini è stato il migliore fra i piloti Hyundai Target Competition. Ottavo al traguardo, l’italiano ha dovuto fare i conti con una Elantra N sbilanciata per via della rottura dello splitter nei primi giri. A completare la top 10 le Hyundai di Jáchym Galáš e Baldan. Nelle retrovie Young e Mike Halder, entrambi costretti a cambiare il propulsore delle Honda Civic fra le due manche. Sedicesimo Ghermandi dopo aver scontato un drive through per aver centrato Martin Ryba. A seguire Files costretto ad una sosta ai box per sistemare la carrozzeria che sfregava sullo pneumatico anteriore sinistro.

Sabato 21 maggio 2022, gara 1

1 - Tom Coronel (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 10 giri
2 - Franco Girolami (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 0"798
3 - Felice Jelmini (Hyundai Elantra N) - Target - 1"483
4 - John Filippi (Cupra Leon Competición) - SLR - 1"851
5 - Klim Gavrilov (Cupra Leon Competición) - Volcano - 4"684
6 - Viktor Davidovski (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 11"457
7 - Pepe Oriola (Honda Civic TypeR) - Brutal Fish - 12"404
8 - Josh Files (Hyundai Elantra N) - Target - 12"702
9 - Nicola Baldan (Hyundai Elantra N) - Target - 16"418
10 - Mike Halder (Honda Civic TypeR) - Halder - 18"793
11 - Isidro Callejas (Cupra Leon Competición) - Volcano - 22"594
12 - Jáchym Galáš (Hyundai Elantra N) - Janík - 22"998
13 - Stéphane Ventaja (Cupra Leon Competición) - Clairet - 25"617
14 - Martin Ryba (Honda Civic TypeR) - Brutal Fish - 27"691
15 - Giacomo Ghermandi (Cupra Leon Competición) - Lema - 31"055
16 - Michelle Halder (Honda Civic TypeR) - Halder - 32"741
17 - Evgenii Leonov (Cupra Leon Competición) - Volcano - 39"303
18 - Mat'o Homola (Hyundai Elantra N) - Janík - 1 giro
19 - Jack Young (Honda Civic TypeR) - Halder - 1 giro
20 - Gilles Colombani (Cupra Leon Competición) - Clairet - 1 giro

Giro più veloce: Tom Coronel 2'13"586

Domenica 22 maggio 2022, gara 2

1 - Viktor Davidovski (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 10 giri
2 - Klim Gavrilov (Cupra Leon Competición) - Volcano - 0"502
3 - Pepe Oriola (Honda Civic TypeR) - Brutal Fish - 2"407
4 - Franco Girolami (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 3"229
5 - Tom Coronel (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 3"383
6 - John Filippi (Cupra Leon Competición) - SLR - 4"613
7 - Isidro Callejas (Cupra Leon Competición) - Volcano - 9"331
8 - Felice Jelmini (Hyundai Elantra N) - Target - 9"504
9 - Jáchym Galáš (Hyundai Elantra N) - Janík - 13"014
10 - Nicola Baldan (Hyundai Elantra N) - Target - 15"240
11 - Stéphane Ventaja (Cupra Leon Competición) - Clairet - 15"846
12 - Evgenii Leonov (Cupra Leon Competición) - Volcano - 16"828
13 - Jack Young (Honda Civic TypeR) - Halder - 17"835
14 - Gilles Colombani (Cupra Leon Competición) - Clairet - 34"940
15 - Michelle Halder (Honda Civic TypeR) - Halder - 35"308
16 - Giacomo Ghermandi (Cupra Leon Competición) - Lema - 46"429
17 - Josh Files (Hyundai Elantra N) - Target - 1'04"905
18 - Mat'o Homola (Hyundai Elantra N) - Janík - 1 giro

Giro più veloce: Viktor Davidovski 2'13"926

Ritirati
Mike Halder (Honda Civic TypeR) - Halder
Martin Ryba (Honda Civic TypeR) - Brutal Fish

Il campionato
1.Girolami 133 punti; 2.Coronel 120; 3.Gavrilov 109; 4.Oriola 96; 5.Filippi 90; 6.Callejas 79; 7.Davidovski 78; 8.Files 77; 9.M. Halder 69; 10.Young 66.


12 Mag [11:06]

Nel 2023 fino a 5 campionati TCR ibridi
Adamo nuovo consulente tecnico WSC

Michele Montesano

Il TCR è in pieno fermento così come il suo vulcanico ideatore Marcello Lotti, a capo di WSC Ltd società che detiene i diritti della categoria. Con la maggior parte dei campionati Turismo già avviati, e appena concluso il primo weekend stagionale del WTCR, è tempo di guardare avanti e in particolare al futuro della classe. Il manager italiano ha confermato ai microfoni di TouringCarTimes che lo sviluppo del nuovo sistema ibrido procede secondo i piani e il primo test in pista è davvero imminente.

Lotti ha descritto anche per sommi capi in cosa consisterà questo upgrade che verrà sviluppato e realizzato in mono-fornitura per tutte le vetture TCR. Il sistema ibrido plug-in sarà costituito da una batteria da 48 V e, grazie a delle celle di nuova tecnologia, peserà solamente 3,5 kg. Il boost di potenza verrà attivato dal pilota tramite un pulsante e garantirà un incremento di 20-25 CV da utilizzare per pochi secondi. Il sistema ibrido si potrà montare su tutte le TCR omologate e verrà fornito ad un prezzo in linea con la filosofia della categoria Turismo.



Con più di 1000 vetture TCR costruite dal 2015 ad oggi, sarà però difficile costruire altrettanti kit in così poco tempo. L’interesse per il Turismo Mild Hybrid da parte delle Case automobilistiche impegnate è stato notevole, ma la produzione verrà avviata solamente a settembre per garantire la corretta fase di test e sviluppo. Per questo Lotti ha aperto le porte ad un massimo di 5 campionati per la ‘rivoluzione ibrida’. Questa scelta garantirà un elevato standard qualitativo e il giusto supporto alle vetture impegnate in pista. Punta di diamante sarà il WTCR, nel mentre WSC è in trattativa con i promoter degli altri campionati per decidere dove implementare le TCR ibride.

Un'altra novità che riguarda il mondo delle gare Turismo è l’arrivo di Andrea Adamo in qualità di Technical Advisor in WSC Ltd. L’ingegnere torinese può vantare un’esperienza ultra trentennale in ambito motorsport, e soprattutto nelle categorie Turismo. L’ex Team Principal di Hyundai Motorsport lavorerà a stretto contatto con il dipartimento tecnico di WSC per studiare le nuove tecnologie che verranno introdotte nei prossimi anni nel TCR e nell’ETCR.

9 Mag [12:24]

ETCR, Pau-Ville
Ekström è sempre lui l’uomo da battere

Michele Montesano

Mattias Ekström ha messo subito le cose in chiaro sullo storico circuito cittadino di Pau. Autore di un weekend perfetto, il campione in carica del PURE ETCR ha fatto capire che sarà ancora lui l’uomo da battere nel Turismo elettrico. Nonostante lo sviluppo continuo delle vetture, l’arrivo di nuovi piloti, un format del fine settimana leggermente rivisto e l’ETCR che ha acquisto l’ufficialità da parte della FIA, lo svedese si è confermato ancora una volta il ‘King of the Weekend’.

La marcia di avvicinamento verso la finale da parte di Ekström è stata impeccabile e priva di sbavature. Sulle stradine di Pau il pilota Cupra ha conquistato dapprima la pole e poi la vittoria nei quarti di finale del Pool Furious. Anche se quest’ultima si è rivelata una semplice formalità, dopo che Mikel Azcona e Giovanni Venturini sono arrivati al contatto nelle prime fasi di gara. Lo svedese ha poi completato il tutto con la vittoria nella semifinale di domenica presentandosi in pole all’atto finale del weekend. Anche nell’altro raggruppamento le Cupra e-Racer sono state le vetture più performanti, ciò nonostante sia le Hyundai Veloster che le Giulia di Romeo Ferraris hanno venduto cara la pelle.



Nella Super Finale del gruppo Fast i due piloti Cupra Adrien Tambay e Tom Blomqvist hanno immediatamente preso il largo. Più staccati Maxime Martin, Jean-Karl Vernay e Luca Filippi, mentre Norbert Michelisz è stato costretto a partire dalla pitlane per problemi tecnici sulla sua Veloster. Filippi è stato il primo ad attivare il boost superando in un colpo solo Martin e Vernay, in bagarre fra loro, portandosi così in terza posizione.

La risposta di Martin non si è fatta attendere, con il belga che si è ripreso la posizione ai danni del compagno di squadra. Anche Vernay ha provato a passare Filippi, ma le due vetture sono arrivate al contatto con l’italiano che è andato in testacoda urtando le barriere e distruggendo il retrotreno della Giulia. La gara è terminata sotto regime di bandiere gialle, poiché i commissari non sono riusciti a recuperare la vettura per questioni di sicurezza legate al sistema elettrico. I due rookie, nonché figli d’arte, Tambay e Blomqvist hanno così regalato la prima doppietta stagionale al team EKS Racing e a Cupra.



La Super Finale Furious ha visto sullo schieramento solamente 5 vetture. Poiché il vincitore della semifinale Venturini è stato impossibilitato a prendere il via, a causa degli ingenti danni subiti alla Giulia condivisa con Filippi. Dietro il poleman Ekström, Azcona ha superato Bruno Spengler, al termine del primo passaggio, mettendosi all’inseguimento dello svedese. A seguire Kevin Ceccon che, scattato dalla quinta piazzola, è riuscito ad avere la meglio sulla Cupra di Jordi Gené.

Chiuso il divario su Ekström, Azcona ha cercato ripetutamente di attaccare il leader. Per diversi giri le vetture hanno viaggiato in scia, ma il campione in carica è riuscito a rintuzzare gli attacchi del pilota Hyundai fin sotto la bandiera a scacchi. Ekström ha così conquistato il primo successo nell’ETCR con il doppio ruolo di pilota e proprietario del team EKS Racing. Inoltre, avendo ottenuto il maggior numero di punti in tutte le sessioni del fine settimana, come da tradizione è stato incoronato ‘King of the Weekend’.

Domenica 8 maggio 2022, Super Finale Fast

1 - Adrien Tambay (Cupra eRacer) - Cupra EKS - 8 giri
2 - Tom Blomqvist (Cupra eRacer) - Cupra EKS - 1"773
3 - Maxime Martin (Giulia ETCR) - Romeo Ferraris - 2"863
4 - Jean-Karl Vernay (Hyundai Veloster N) - Hyundai - 5"059
5 - Norbert Michelisz (Hyundai Veloster N) - Hyundai - 48"130

Ritirati
Luca Filippi (Giulia ETCR) - Romeo Ferraris

Domenica 8 maggio 2022, Super Finale Furious

1 - Mattias Ekström (Cupra eRacer) - Cupra EKS - 8 giri
2 - Mikel Azcona (Hyundai Veloster N) - Hyundai - 0"207
3 - Bruno Spengler (Giulia ETCR) - Romeo Ferraris - 4"764
4 - Kevin Ceccon (Hyundai Veloster N) - Hyundai - 5"307
5 - Jordi Gene (Cupra eRacer) - Cupra EKS - 12"960

Non partiti
Giovanni Venturini (Giulia ETCR) - Romeo Ferraris

Il campionato
1.Ekström 100 punti; 2.Tambay 92; 3.Blomqvist 79; 4.Azcona 72; 5.Spengler 61; 6.Martin 56; 7.Vernay 45; 8.Michelisz 43; 9.Gene 30; 10.Ceccon 28.

2 Mag [11:28]

TCR Europe, Portimão
Young e Girolami si dividono il bottino

Michele Montesano

È stato il circuito di Portimão ad aprire le danze della TCR Europe 2022. Il tracciato portoghese, noto per i suoi continui cambi di pendenza, è stato il palcoscenico ideale per la prima stagionale. Ad uscirne vittorioso è stato Franco Girolami che, grazie alla vittoria in gara 2 e il quinto posto nella prima frazione, comanda la classifica generale. Passato all’Audi del Comtoyou Racing, il vicecampione in carica si candida così come l’uomo da battere nel campionato europeo. Tuttavia l’argentino se la dovrà vedere con Jack Young, vincitore della prima gara. Dopo un anno di apprendistato, l’alfiere dell’Halder Motorpsort ha tutte le carte in regola per puntare dritto alla lotta di vertice.



Una prima manche che, a differenza del solito, non ha dispensato molti sorpassi. Partito dalla prima fila, Young si è subito accodato al poleman Mike Halder. Complice un errore del tedesco al quarto passaggio, Young ne ha immediatamente approfittato per sorpassare il team mate e prendere il largo (nella foto sopra). Il nord irlandese ha così conquistato la sua prima vittoria nel TCR Europe. Dopo aver perso il comando, Halder nelle fasi centrali di gara è stato costretto a tenere a bada il ritorno di Nicola Baldan. L’alfiere del Target Competition saggiamente ha preferito accontentarsi del terzo posto, conquistando così il suo primo podio nel campionato continentale Turismo.

Al termine di un serrato botta e risposta Isidro Callejas è riuscito ad avere la meglio su Girolami, rallentato dal cofano malfermo della sua Audi RS3 LMS. Non è riuscito ad approfittarne della bagarre Josh Files, anzi il campione 2019 ha dovuto guardarsi le spalle da Klim Gavrilov. Perso terreno nelle prime fasi di gara, Tom Coronel ha terminato all’ottavo posto davanti a Pepe Oriola. A chiudere la top-10 John Filippi. Quindicesimo Felice Jelmini, fanalino di coda Giacomo Ghermandi alla prese con un virus intestinale.



Complice un’ottima partenza dalla quarta piazzola, Girolami si è subito installato in seconda posizione dietro a Oriola, scattato dalla prima posizione di gara 2 (sopra). L’ingresso della safety car si è reso necessario per spostare la Cupra di Gustavo Moura, arrivato ai ferri corti con Ghermandi. Al restart Girolami ne ha approfittato per prendere la scia di Oriola e, dopo diverse curve percorse fianco a fianco e senza esclusioni di colpi, sorpassarlo. Lo spagnolo del Brutal Fish ha avuto da recriminare in merito al comportamento sopra le righe di Girolami, ma la manovra dell’argentino non è stata sanzionata. Gradino più basso del podio per Coronel che ha sorpreso Filippi superandolo all’ottavo passaggio.

Quinto posto per Files, il pilota del Target Competition è stato il migliore fra i piloti Hyundai. Al culmine di un derby in casa Volcano Motorpsort, Gavrilov è riuscito ad avere la meglio su Callejas. Inoltre lo spagnolo, dopo un contatto con il compagno di scuderia, ha dovuto lasciare strada anche a Jáchym Galáš. Gara difficile per Halder che ha concluso al nono posto davanti a Viktor Davidovski. Seconda manche tribolata per Young, il pilota Honda ha dovuto fare i conti con una vettura a corto di cavalli e velocità in rettilineo. Arrivato nono al traguardo, il nord irlandese ha poi subito una penalità di 3” per aver colpito la Cupra di Cllaejas, scivolando all’undicesimo posto finale. Quindicesimo Baldan, seguito da Jelmini sanzionato di 30” a fine gara per non aver rispettato i track limits.

Sabato 30 aprile 2022, gara 1

1 - Jack Young (Honda Civic TypeR) - Halder - 12 giri - 22'44"955
2 - Mike Halder (Honda Civic TypeR) - Halder - 2"246
3 - Nicola Baldan (Hyundai Elantra N) - Target - 3"306
4 - Isidro Callejas (Cupra Leon Competición) - Volcano - 4"786
5 - Franco Girolami (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 5"115
6 - Josh Files (Hyundai Elantra N) - Target - 6"833
7 - Klim Gavrilov (Cupra Leon Competición) - Volcano - 7"928
8 - Tom Coronel (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 11"084
9 - Pepe Oriola (Honda Civic TypeR) - Brutal Fish - 11"642
10 - John Filippi (Cupra Leon Competición) - SLR - 12"763
11 - Jáchym Galáš (Hyundai Elantra N) - Janík - 13"216
12 - Mat'o Homola (Hyundai Elantra N) - Janík - 17"040
13 - Viktor Davidovski (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 19"903
14 - Michelle Halder (Honda Civic TypeR) - Halder - 20"570
15 - Felice Jelmini (Hyundai Elantra N) - Target - 21"723
16 - Luís Cidade (Audi RS3 LMS) - Élite - 24"648
17 - Evgenii Leonov (Cupra Leon Competición) - Volcano - 25"057
18 - Gustavo Moura (Cupra Leon Competición) - Volcano - 33"065
19 - Martin Ryba (Honda Civic TypeR) - Brutal Fish - 39"515
20 - Giacomo Ghermandi (Cupra Leon Competición) - Lema - 49"030

Giro più veloce: Isidro Callejas 1'52"573

Non partiti
Miklas Born (Audi RS3 LMS) - Élite

Domenica 1 maggio 2022, gara 2

1 - Franco Girolami (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 14 giri - 28'34"345
2 - Pepe Oriola (Honda Civic TypeR) - Brutal Fish - 1"866
3 - Tom Coronel (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 6"447
4 - John Filippi (Cupra Leon Competición) - SLR - 6"617
5 - Josh Files (Hyundai Elantra N) - Target - 7"155
6 - Klim Gavrilov (Cupra Leon Competición) - Volcano - 7"908
7 - Jáchym Galáš (Hyundai Elantra N) - Janík - 8"837
8 - Isidro Callejas (Cupra Leon Competición) - Volcano - 10"304
9 - Mike Halder (Honda Civic TypeR) - Halder - 11"576
10 - Viktor Davidovski (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 12"913
11 - Jack Young (Honda Civic TypeR) - Halder - 13"993
12 - Martin Ryba (Honda Civic TypeR) - Brutal Fish - 17"927
13 - Luís Cidade (Audi RS3 LMS) - Élite - 19"639
14 - Michelle Halder (Honda Civic TypeR) - Halder - 20"164
15 - Nicola Baldan (Hyundai Elantra N) - Target - 20"500
16 - Felice Jelmini (Hyundai Elantra N) - Target - 46"333
17 - Giacomo Ghermandi (Cupra Leon Competición) - Lema - 1'27"463
18 - Mat'o Homola (Hyundai Elantra N) - Janík - 1 giro

Giro più veloce: Franco Girolami 1'53"341

Ritirati
Gustavo Moura (Cupra Leon Competición) - Volcano
Evgenii Leonov (Cupra Leon Competición) - Volcano

Il campionato
1.Girolami 68 punti; 2.Young 59; 3.M. Halder 58; 4.Files 51; 5.Oriola 48; 6.Callejas 48; 7.Gavrilov47; 8.Coronel 46; 9.Filippi 38; 10.Baldan 36.

29 Apr [12:26]

TCR Europe, al via 21 piloti
Chi sarà il successore di Azcona?

Michele Montesano

Sarà il circuito di Portimão ad aprire le danze della stagione 2022 del TCR Europe. Sulla griglia di partenza del tracciato portoghese scatteranno 21 piloti che si sfideranno in 7 doppi eventi in giro per l’Europa, confermata la tappa italiana di Monza. Un’altra novità, della serie continentale riservata alle vetture Turismo, sarà l’utilizzo degli
pneumatici Kumho al posto delle Hankook. Non sarà presente il campione in carica Mikel Azcona, impegnato con Hyundai nel WTCR e nell’ETCR, ma di certo lo spettacolo in pista non mancherà.

Fra i favoriti per la lotta al titolo ci sarà il campione 2019 Josh Files. L’inglese unirà le forze proprio con il Target Competition, il team che l’ha condotto al successo. La squadra altoatesina schiererà 3 Hyundai Elantra N TCR: una per Files, l’altra per il campione del TCR Italy 2017 Nicola Baldan e la terza per Felice Jelmini, ottimo Rookie nella passata stagione (nella foto sotto). Ad unirsi nella pattuglia tricolore ci sarà anche Giacomo Ghermandi che, dopo il debutto spot nella tappa di Barcellona dello scorso anno, affronterà l’intero campionato con la Cupra Leon Competición del Lema Racing.



Il Comtoyou Racing punta senza mezzi termini al titolo schierando le nuove Audi RS3 LMS per il veterano Tom Coronel, anche quest’anno impegnato in un duplice programma con il WTCR, e gli ex piloti del PSS Racing Viktor Davidovski e il vicecampione Franco Girolami. Il team belga collaborerà anche con la squadra italiana Élite Motorpsort che porterà al debutto il portoghese Luis Cicade e lo svizzero Miklas Born, vincitore di classe TCR nella 24H Series 2020.

Nutrito lo schieramento delle Honda Civic Type R. L’Halder Motorsport sarà della partita con il campione in carica del TCR Spain Mike Halder e la sorella Michelle, ai quali si unirà il pilota junior Honda Jack Young. Il posto lasciato vacante dal nord irlandese nel Brutal Fish Racing sarà rilevato dall’esperto Pepe Oriola, fresco del titolo nel TCR Sud America 2021, e dal proprietario Martin Ryba.



Il Volcano Motorsport, ex team di Azcona, si affiderà alla giovane promessa spagnola Isidro Callejas e ai russi Evgenii Leonov e Klim Gavrilov, i quali gareggeranno senza bandiera nazionale. Il team schiererà anche una quarta Cupra Leon per il pilota portoghese Gustavo Moura Jr. Drastica riduzione di forze in campo per il Sebastien Loeb Racing. Dopo aver affrontato la TCR Europe 2021 con 4 Hyundai Elantra, il team francese quest’anno sarà presente con una sola Leon Competición per John Filippi (sopra), reduce dall’esperienza nel PURE ETCR con la Hyundai Veloster.

L’unica formazione che resterà invariata rispetto allo scorso anno è il Janik Motorsport. Mat’o Homola e Jáchym Galáš avranno a disposizione le nuove Hyundai Elantra, anziché le i30N che hanno utilizzato nel 2021. Entrambi hanno affrontato il primo weekend della TCR Eastern Europe, in scena all’Hungaroring, per prepararsi al meglio in vista del campionato continentale.

Entry-list ufficiale del TCR Europe 2022

Il calendario TCR Europe 2022

01 maggio – Portimão (Portogallo)
22 maggio – Paul Ricard (Francia)
19 giugno – Spa-Francorchamps (Belgio)
03 luglio – Norisring (Germania)
28 agosto – Nürburgring (Germania)
25 settembre – Monza (Italia)
16 ottobre – Montmelò (Spagna)

28 Apr [12:37]

ETCR, Romeo Ferraris cala il poker:
Filippi, Venturini, Spengler e Martin

Michele Montesano

Sarà una formazione di alto profilo quella che Romeo Ferraris schiererà per la stagione 2022 del FIA ETCR. Ad alternarsi sull’Alfa Romeo Giulia elettrica ci saranno gli italiani Luca Filippi e Giovanni Venturini oltre a Bruno Spengler e Maxime Martin.

Il ‘veterano’ della squadra di Opera sarà Filippi. Reduce da una positiva stagione di debutto nel PURE ETCR, il piemontese lo scorso anno si è rivelato una pedina fondamentale per artigliare il secondo posto nella classifica assoluta riservata ai costruttori. Il rapporto fra Filippi e il team Romeo Ferraris risale al 2020, quando hanno unito le forze per affrontare alcune gare del WTCR con la Giulietta Veloce TCR. Proveniente dal GT, dove per diverse stagioni è stato portacolori di Lamborghini Squadra Corse, Venturini si appresta a debuttare nel mondo del Turismo elettrico. Una vera novità per il trentenne di Vicenza che lo scorso anno si è laureato vicecampione nel GT World Challenge America.

Non ha certo bisogno di presentazioni Spengler. Il canadese, ex campione DTM 2012, può vantare un’esperienza sterminata nel mondo del motorsport. Da sempre portacolori BMW, fra IMSA, WEC e GT, Spengler è stato anche collaudatore per il team Andretti Autosport in Formula E. Proviene anche dal DTM e dalle corse Gran Turismo Martin. Seppure le gare elettriche saranno una novità per il belga, il mondo del Turismo sarà un ritorno al passato. Infatti Martin ha percorso i suoi primi passi nelle ruote coperte proprio con il Renault Clio Cup e il Megane Trophy.

Entusiasta Michela Cerruti, Team Principal di Romeo Ferraris: “Sono soddisfatta della line-up che abbiamo messo insieme per questa stagione del FIA ETCR. Grazie al quartetto di piloti possiamo contare su talento, velocità, esperienza e capacità di lavorare per contribuire allo sviluppo tecnico. Si trattano di requisiti preziosi che ci permetteranno di crescere ulteriormente come team e costruttore, oltre a rendere più competitiva la Giulia ETCR”.

19 Apr [12:58]

ETCR, Cupra conferma Ekström
e Genè, arrivano Blomqvist e Tambay

Michele Montesano

Cupra Racing ha annunciato la formazione di piloti che difenderanno il doppio alloro conquistato nella prima edizione dell’ETCR. La Casa spagnola che quest’anno si appoggerà alla EKS, la struttura del campione in carica Mattias Ekström, ha leggermente rivoluzionato le forze in campo. Al già citato svedese è stato confermato Jordi Gené, lo spagnolo conosce a menadito la Leon e-Racer in quanto è stato il collaudatore incaricato dello sviluppo della Turismo elettrica. A questi si affiancheranno le new entry Tom Blomqvist e Adrien Tambay che rileveranno i volanti di Mikel Azcona, passato in Hyundai, e Dániel Nagy.

Blomqvist, inglese classe ’93, ha avuto modo di conoscere già il mondo delle gare elettriche prendendo parte a tre campionati di Formula E, dove ha militato nei team Andretti, Jaguar e NIO. Il britannico, impegnato con Jota nella scorsa stagione del FIA WEC, ha inoltre corso anche nel DTM con i colori BMW. Proviene anche dal Turismo tedesco Tambay, il quale è stato compagno di scuderia proprio di Ekström in Audi. Per il francese, figlio dell’ex pilota di Formula 1 Patrick Tambay, questo sarà il debutto assoluto nel motorsport elettrico.

Oltre ad una nuova livrea, Cupra ha lavorato durante questa pausa invernale per ottimizzare la distribuzione delle masse della Leon e-Racer. Inoltre, come da regolamento, la vettura è stata dotata di una botola di sicurezza sul tetto e di finestrini in plexiglas per facilitare l’estrazione del pilota in caso di incidenti.

14 Apr [11:43]

ETCR, Hyundai annuncia i suoi piloti
Formazione rivista, al via anche Ceccon

Michele Montesano

Hyundai Motorsport rilancia la sfida nell’ETCR. Dopo aver conquistato il terzo posto fra i team nella stagione inaugurale, la casa coreana è pronta a riscattarsi. Lo farà affidandosi sempre alla Veloster N ETCR, che quest’inverno ha subito ulteriori test e sviluppi, ma soprattutto con una formazione piloti quasi del tutto rivista.

È Jean-Karl Vernay l’unico ad essere stato confermato. Il francese, vicecampione in carica, affronterà la sua seconda stagione nel Turismo elettrico. Dalla sua avrà la conoscenza del team, del campionato e soprattutto della vettura. In arrivo dal WTCR Mikel Azcona e Norbert Michelisz che affronteranno un doppio impegno stagionale fra le fila di Hyundai Motorsport. Se per l’ungherese sarà un debutto nella serie elettrica, per lo spagnolo sarà un cambio di casacca. Azcona infatti l’anno scorso ha preso parte al PURE ETCR con la Cupra e-Racer giungendo sul gradino più basso del podio al termine del campionato.

La quarta Hyundai Veloster sarà divisa da Nicky Catsburg e dal nostro Kevin Ceccon, con l’italiano che affronterà i primi 3 appuntamenti a Pau, in Turchia e a Budapest. Dopo la stagione 2019 vissuta nel WTCR proprio con Hyundai, per l’olandese sarà un ritorno a casa anche se in un campionato del tutto inedito per lui.

Torna sulla scena mondiale del Turismo Ceccon che, dopo aver corso e vinto nel WTCR con l’Alfa Romeo Giulietta preparata da Romeo Ferraris nel 2018-19, la scorso anno ha sfiorato il titolo nella TCR Italy con la Hyundai i30 N dell’Aggressive Team Italia. Come già detto Ceccon non prenderà il via nella tappa italiana di Vallelunga: “Sono entusiasta di unirmi a Hyundai Motorsport e, sebbene il mio impegno sarà solamente part-time, darò il 100% ad ogni sessione. La Veloster N ETCR è impegnativa da guidare, l’auto e lo stile di guida sono molto diversi rispetto alle TCR, mi ha ricorda un po’ le vetture a trazione posteriore che ho guidato nella mia prima parte di carriera”.

PrevPage 1 of 10Next

News

TCR Series
v

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone