Regional by Alpine

Spa - Gara 1
Belov e G4 Racing nel diluvio

1 - Michael Belov - G4 Racing - 10 giri in 31’22”7362 - Hadrien David - R-Ace - 9”0693 - Zane Maloney - R-Ace - 11”8634 - Din...

Leggi »
Formula E

Londra - Gara 1
Dennis vince e avvicina Bird

Michele Montesano Ottima visione di gara, coadiuvato da una perfetta strategia, così Jake Dennis ha trionfato per la seconda...

Leggi »
Regional by Alpine

Spa - Qualifica 2
La prima di Belov e G4 Racing

1 - Michael Belov - G4 Racing - 2’15"7602 - Hadrien David - R-Ace - 2’16"2623 - Isack Hadjar - R-Ace - 2’16"40...

Leggi »
F4 Italia

Imola - Gara 1
Bearman, sesta vittoria consecutiva

Due vittorie a Misano, tre a Vallelunga, una nella prima gara di Imola. Sono così diventati sei i successi consecutivi nella ...

Leggi »
Formula E

Londra - Qualifica 1
Lynn profeta in patria

Michele Montesano A cinque anni dall’ultimo ePrix, la Formula E è tornata a Londra. Questa volta ad ospitare il campionato f...

Leggi »
Regional by Alpine

Spa - Qualifica 1
La pioggia non ferma Saucy

1 - Gregoire Saucy - ART - 2’35"3632 - Gabriele Minì - ART - 2’35"4763 - David Vidales - Prema - 2’35"9824 - H...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
24 Lug [17:28]

Imola - Gara 1
Bearman, sesta vittoria consecutiva

Da Imola - Massimo Costa - Foto Speedy

Due vittorie a Misano, tre a Vallelunga, una nella prima gara di Imola. Sono così diventati sei i successi consecutivi nella F4 Italia per Oliver Bearman, ormai assoluto dominatore della categoria. Il 16enne inglese del team Van Amersfoort, sembra non avere rivali e coloro che dovevano ostacolare la sua marcia o non partecipano a tutto il campionato (vedi Tim Tranmitz) oppure per vari motivi non riescono a concretizzare, come accade a Sebastian Montoya e Leonardo Fornaroli.

La prima corsa imolese ha offerto diversi colpi di scena, che però non hanno toccato Bearman, al comando dalla partenza al traguardo. Al via, Fornaroli è subito stato superato da Montoya e al 1° giro, alla staccata del Tamburello, il pilota italiano del team Iron Lynx ha tentato il sorpasso affiancando il colombiano all'esterno. Ma improvvisamente, la sua vettura ha accusato un problema al perno dell'anteriore sinistra e Fornaroli non è riuscito a impostare la curva finendo inesorabilmente nella ghiaia. Contemporaneamente, sempre al Tamburello, in una situazione di "mischia", Bence Valint ha rallentato avendo l'ala di Han Cenyu tra le proprie ruote, ed è stato tamponato da Leonardo Bizzotto. A quel punto è entrata la safety-car.

Quando la vettura staffetta è rientrata ai box, pochi attimi prima del restart Montoya (Prema) è stato colpito a bassa velocità dal compagno di squadra Kirill Smal che ha danneggiato irreparabilmente l'ala anteriore dovendosi ritirare. Inizialmente era parso che Bearman avesse rallentato eccessivamente, ma la direzione gara, dopo aver esaminato la situazione, ha verificato che l'inglese ha mantenuto inalterata la velocità di 55 km/. Alla ripresa delle ostilità, Montoya ha tenuto il passo di Bearman controllando Nikita Bedrin e Joshua Dufek, ma al 7° giro ha alzato il piede dall'acceleratore ritirandosi ai box per un problema tecnico, che non pare dovuto al contatto con Smal.

Da quel momento, Bearman ha avuto vita facile con i due compagni di squadra Bedrin e Dufek alle spalle. Per il rookie russo un risultato pienamente meritato dopo eccellenti qualifiche, per lo svizzero il secondo terzo posto stagionale dopo quello di Vallelunga gara 2. Buon quarto posto per Erick Zuniga (Mucke) mentre il suo compagno di squadra Joshua Durksen, che lo precedeva, si è girato alla variante alta e successivamente al Tamburello, ritirandosi. Positiva quinta posizione per Conrad Laursen (Prema) che ha preceduto Samir Ben del team Jenzer, mai così avanti in classifica e ai primi punti in campionato.

Da applausi la corsa di Pietro Armanni del team Iron Lynx. Il giovane italiano, 14esimo in qualifica 1, è stato attento a non commettere errori e con grinta ha raccolto un notevole settimo posto ottenendo anche lui i primi punti della stagione. Sfortunatissimo Francesco Braschi, settimo al via. Il romagnolo del team Jenzer occupava la quarta posizione alle spalle di Dufek, ma a tre giri dal traguardo si è dovuto arrendere per la rottura della pompa benzina. Poteva essere il suo primo risultato nella top 10 e invece il destino gli ha ancora una volta precluso questa possibilità. Soddisfazione in casa Cram per il nono posto del messicano Vittorio Catino. A un soffio dalla zona punti Lorenzo Patrese, bravo a chiudere 11esimo con la Tatuus di AKM.

Sabato 24 luglio 2021, gara 1

1 - Oliver Bearman - VAR - 17 giri 31'49"608
2 - Nikita Bedrin - VAR - 2"701
3 - Joshua Dufek - VAR - 3"502
4 - Erick Zuniga - Mucke - 5"706
5 - Conrad Laursen - Prema - 9"212
6 - Samir Ben - Jenzer - 13"990
7 - Pietro Armanni - Iron Lynx - 15"128
8 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 17"049
9 - Vittorio Catino - Cram - 17"338
10 - Jorge Garciarce - Jenzer - 18"310
11 - Lorenzo Patrese - AKM - 20"729
12 - Santiago Ramos - Jenzer - 22"511
13 - Nicolas Baptiste - Cram - 23"583
14 - Kacper Sztuka - AS Motorsport - 24"734
15 - Levante Revesz - AKM - 26"043
16 - Han Cenyu - VAR - 27"029
17 - Maceo Capietto - Prema - 27"570
18 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 29"521
19 - Jonas Ried - Mucke - 34"490
20 - Eron Rexhepa - BVM - 35"604
21 - Georgios Markogiannis - Cram - 36"809
22 - Maya Weug - Iron Lynx - 37"149
23 - Pedro Perino - DR Formula - 43"807

Ritirati
Francesco Braschi
Joshua Durksen
Sebastian Montoya
Kirill Smal
Leonardo Fornaroli
Bence Valint
Leonardo Bizzotto

I‍l campionato
1‍.Bearman 207 punti; 2.Tramnitz 116; 3.Montoya 99; 4.Smal 90; 5.Fornaroli 89; 6.Dufek 57; 7.Durksen 44; 8.Laursen 42; 9.Lomko 37; 10.Bernier 30; 11.Bedrin 29; 12.Browning 27; 13.Al Qubaisi 23; 14.Meguetounif 22; 15.Ried 15; 16.Cenyu, Wurz, Zuniga 12; 19.Valint, Ben 8; 21.Bizzotto 7; 22.Armanni 6; 23.Wisnicki 5; 24.Simonazzi, Baptiste, Wisnicki 4; 27.Patrese, Revesz, Catino 2; 30.Garciarce 1.

24 Lug [10:51]

Imola - Qualifica 1
Tripla pole di Bearman,
Fornaroli tre volte secondo

Da Imola - Massimo Costa - Foto Speedy

Non lo ferma nessuno Oliver Bearman. A Imola, ci ha provato un grande Leonardo Fornaroli, ma il pilota di Iron Lynx si è dovuto accontentare di una comunque notevole seconda posizione ottenuta per ben tre volte. Nelle due sessioni di qualifiche, Bearman del team Van Amersfoort ha dettato il ritmo sin dalla Q1 concludendo al comando con il tempo di 1'43"890. Fornaroli, generosissimo, ha lottato fino all'ultimo per strappargli la pole, ma si è fermato sul crono di 1'43"945.

Nella Q2, Bearman si è migliorato segnando la pole in 1'43"818 mentre il pilota piacentino non ha fatto meglio di 1'44"250, assicurandosi comunque la piazza d'onore. E i due protagonisti delle due sessioni di qualifica, si divideranno la prima fila anche in gara 3, avendo realizzato il migliori due secondi tempi.

Bearman, già in pole a Le Castellet, Misano e Vallelunga, continua a estendere il suo domino sul campionato italiano di F4. Il 16enne inglese, al secondo anno nella categoria, sta facendo la differenza ed è anche leader della F4 tedesca. Assente Tim Tranmitz, secondo in classifica, il vantaggio che Bearman ha su Sebastian Montoya, terzo in campionato, è di 83 punti. Proprio il colombiano del team Prema, dopo le belle prove libere di venerdì, non è riuscito a infastidire il ragazzo di Van Amersfoort. Montoya ha realizzato il terzo tempo nella qualifica 1 e il quarto nella qualifica 2. Partirà dunque in seconda fila (anche in gara 3) e potrà comunque giocare le sue carte.

Soddisfazione per Francesco Braschi che dopo aver segnato il settimo crono in Q1, nella seguente sessione ha conquistato il terzo tempo. Un deciso passo in avanti per il ragazzo del team Jenzer, che nei precedenti appuntamenti ha sempre ottenuto buone prestazioni nelle prove libere, ma non riusciva a ripetersi in qualifica (miglior risultato il 16esimo posto in Q2 a Vallelunga). A Imola, il tanto atteso cambio di passo per Braschi che ora può pensare di ottenere i primi punti in campionato. Un altro pilota italiano che ha "capovolto" le proprie abituali prestazioni è stato Pietro Armanni di Iron Lynx, 14esimo in Q1 e nono nella Q2. Mai così in alto si era ritrovato Armanni che ha debuttato in F4 nel finale della stagione 2020.

Buona qualifica per il rookie Nikita Bedrin, sesto e quinto, mentre Joshua Dufek è stato ficcante in Q1 col quarto tempo, ma si è "perso" in Q2. Costante Kirill Smal, quinto e sesto. Da segnalare una bandiera rossa in Q2 per l'uscita di pista nel finale di Maya Weug, ottima 11esima in Q1, suo miglior risultato 2021.

Sabato 24 luglio 2021, qualifica 1

1 - Oliver Bearman - VAR - 1'43"890
2 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1'43"945
3 - Sebastian Montoya - Prema - 1'44"156
4 - Joshua Dufek - VAR - 1'44"455
5 - Kirill Smal - Prema - 1'44"549
6 - Nikita Bedrin - VAR - 1'44"585
7 - Francesco Braschi - Jenzer - 1'44"601
8 - Joshua Durksen - Mucke - 1'44"602
9 - Erick Zuniga - Mucke - 1'44"674
10 - Conrad Laursen - Prema - 1'44"741
11 - Maya Weug - Iron Lynx - 1'44"794
12 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 1'44"825
13 - Han Cenyu - VAR - 1'44"929
14 - Pietro Armanni - Iron Lynx - 1'44"940
15 - Bence Valint - VAR - 1'44"971
16 - Maceo Capietto - Prema - 1'45"045
17 - Samir Ben - Jenzer - 1'45"058
18 - Vittorio Catino - Cram - 1'45"094
19 - Leonardo Bizzotto - BVM - 1'45"143
20 - Kacper Sztuka - AS Motorsport - 1'45"167
21 - Lorenzo Patrese - AKM - 1'45"237
22 - Georgios Markogiannis - Cram - 1'45"450
23 - Jorge Garciarce - Jenzer - 1'45"476
24 - Nicolas Baptiste - Cram - 1'45"560
25 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 1'45"637
26 - Eron Rexhepi - BVM - 1'45"700
27 - Jonas Ried - Mucke - 1'45"739
28 - Levante Revesz - AKM - 1'45"750
29 - Pedro Perino - DR Formula - 1'45"997
30 - Santiago Ramos - Jenzer - squalificato

Sabato 24 luglio 2021, qualifica 2

1 - Oliver Bearman - VAR - 1'43"818
2 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1'44"250
3 - Francesco Braschi - Jenzer - 1'44"319
4 - Sebastian Montoya - Prema - 1'44"465
5 - Nikita Bedrin - VAR - 1'44"476
6 - Kirill Smal - Prema - 1'44"478
7 - Erick Zuniga - Mucke - 1'44"677
8 - Bence Valint - VAR - 1'44"740
9 - Pietro Armanni - Iron Lynx - 1'44"831
10 - Joshua Durksen - Mucke - 1'44"868
11 - Kacper Sztuka - AS Motorsport - 1'44"891
12 - Maceo Capietto - Prema - 1'45"047
13 - Joshua Dufek - VAR - 1'45"078
14 - Conrad Laursen - Prema - 1'45"101
15 - Han Cenyu - VAR - 1'45"165
16 - Maya Weug - Iron Lynx - 1'45"211
17 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 1'45"211
18 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 1'45"224
19 - Lorenzo Patrese - AKM - 1'45"228
20 - Leonardo Bizzotto - BVM - 1'45"349
21 - Samir Ben - Jenzer - 1'45"366
22 - Vittorio Catino - Cram - 1'45"391
23 - Jonas Ried - Mucke - 1'45"669
24 - Nicolas Baptiste - Cram - 1'45"694
25 - Eron Rexhepi - BVM - 1'45"718
26 - Levante Revesz - AKM - 1'45"835
27 - Pedro Perino - DR Formula - 1'45"880
28 - Santiago Ramos - Jenzer - 1'45"896
29 - Georgios Markogiannis - Cram - 1'45"910
30 - Jorge Garciarce - Jenzer - 1'46"026

23 Lug [17:46]

Imola, libere 2
Duello Bearman-Montoya
Bene Fornaroli e Braschi

Da Imola - Massimo Costa

Che sessione! Il secondo turno libero della F4 Italia ad Imola ha esaltato il duello tra Oliver Bearman, leader del campionato, e Sebastian Montoya, terzo nella graduatoria generale dietro a Tim Tranmitz, assente come tutta la US Racing. L'inglese del team VAR, dopo un testa a testa con il colombiano del team Prema, si è impossessato della prima posizione con il tempo di 1'44"540 mentre il figlio di Juan Pablo (ex F1) ha chiuso in 1'44"575. Va sottolineato che Bearman e la squadra olandese non hanno partecipato ai test della scorsa settimana. I due contendenti hanno costantemente migliorato le proprie prestazioni e giro dopo giro si sono scambiati la prima posizione.

Sempre al vertice un ottimo Leonardo Fornaroli, terzo alla bandiera a scacchi. Il piacentino di Iron Lynx ha realizzato il crono di 1'44"894 ed è piaciuto per come ha saputo combattere (ovviamente a distanza) con Bearman e Montoya, fino allo strappo finale dei due leader. Buon quarto Kirill Smal (Prema), ultimo dei piloti che sono scesi sotto l'1'45". Il russo ha siglato il tempo di 1'44"990. Bella sessione per Francesco Braschi (Jenzer) che ha ulteriormente migliorato la posizione del mattino, quando era decimo. Il ragazzo di Cattolica ha colto il quinto responso in 1'45"035 precedendo Joshua Dufek (VAR) e una ancora eccellente Maya Weug di Iron Lynx, nuovamente in top 10.

Buon lavoro in casa Cram con Vittorio Catino 11esimo. Da segnalare una bandiera rossa nelle prime fasi per l'uscita di Pedro Perino (DR Formula) e una FCY nel finale per Lorenzo Patrese (AKM), insabbiatosi al Tamburello e comunque autore di un positivo 14esimo tempo davanti a un Leonardo Bizzotto di BVM quanto mai intenzionato a mantenere la leadership nella classifica riservata ai rookie.

Venerdì 23 luglio 2021, libere 2

1 - Oliver Bearman - VAR - 1'44"540 - 17 giri
2 - Sebastian Montoya - Prema - 1'44"575 - 14
3 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1'44"894 - 14
4 - Kirill Smal - Prema - 1'44"990 - 14
5 - Francesco Braschi - Jenzer - 1'45"035 - 14
6 - Joshua Dufek - VAR - 1'45"054 - 16
7 - Maya Weug - Iron Lynx - 1'45"136 - 15
8 - Erick Zuniga - Mucke - 1'45"194 - 13
9 - Nikita Bedrin - VAR - 1'45"308 - 15
10 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 1'45"331 - 15
11 - Vittorio Catino - Cram - 1'45"415 - 14
12 - Conrad Laursen - Prema - 1'45"425 - 14
13 - Bence Valint - VAR - 1'45"432 - 16
14 - Lorenzo Patrese - AKM - 1'45"566 - 13
15 - Leonardo Bizzotto - BVM - 1'45"580 - 13
16 - Kacper Sztuka - AS Motorsport - 1'45"634 - 14
17 - Samir Ben - Jenzer - 1'45"692 - 15
18 - Santiago Ramos - Jenzer - 1'45"738 - 14
19 - Pietro Armanni - Iron Lynx - 1'45"779 - 16
20 - Joshua Durksen - Mucke - 1'45"802 - 10
21 - Han Cenyu - VAR - 1'45"875 - 16
22 - Jorge Garciarce - Jenzer - 1'45"899 - 11
23 - Nicolas Baptiste - Cram - 1'46"082 - 15
24 - Maceo Capietto - Prema - 1'46"272 - 15
25 - Georgios Markogiannis - Cram - 1 '46"280 - 14
26 - Eron Rexhepi - BVM - 1'46"398 - 14
27 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 1'46"509 - 13
28 - Jonas Ried - Mucke - 1'46"634 - 14
29 - Levante Revesz - AKM - 1'47"042 - 14
30 - Pedro Perino - DR Formula - 1'47"185 - 6

23 Lug [12:24]

Imola, libere 1
Montoya comanda il gruppo

Da Imola - Massimo Costa

Nei test che si erano svolti a Imola la settimana scorsa, era stato Sebastian Montoya a lasciare l'autodromo del Santerno con in tasca il primo tempo della seconda giornata, 1'44"852 (il miglior crono dei test era invece stato ottenuto da Joshua Durksen la prima giornata in 1'44"753). Tornati a Imola per il quarto appuntamento stagionale della F4 Italia, ecco che Montoya del team Prema si è confermato in vetta nel primo turno libero con 1'45"289, precedendo il leader del campionato Oliver Bearman in forza al team VAR.

La squadra olandese aveva saltato i test per un paio di casi Covid registrati dal ritorno da Budapest per la Euroformula, ma Bearman non pare aver sofferto la mancanza di chilometri realizzando il tempo di 1'45"300. La squadra diretta da Angelo Rosin e Grazia Troncon vede al terzo posto Kirill Smal mentre un ottimo avvio di weekend lo ha vissuto Leonardo Fornaroli, quarto per Iron Lynx dopo aver occupato la vetta della classifica nella parte iniziale della sessione. Bella prova per il rookie Nikita Bedrin (VAR) quinto e per Maya Weug, la ragazza del Ferrari Driver Academy che si è piazzata ottava con la Tatuus di Iron Lynx. In top 10 Francesco Braschi, desideroso di riscatto dopo le ultime difficili gare.

Venerdì 23 luglio 2021, libere 1

1 - Sebastian Montoya - Prema - 1'45"289 - 16 giri
2 - Oliver Bearman - VAR - 1'45"300 - 19
3 - Kirill Smal - Prema - 1'45"324 - 16
4 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1'45"330 - 21
5 - Nikita Bedrin - VAR - 1'45"337 - 19
6 - Erick Zuniga - Mucke - 1'45"465 - 17
7 - Joshua Durksen - Mucke - 1'45"485 - 15
8 - Maya Weug - Iron Lynx - 1'45"599 - 19
9 - Joshua Dufek - VAR - 1'45"642 - 20
10 - Francesco Braschi - Jenzer - 1'45"814 - 17
11 - Conrad Laursen - Prema - 1'45"815 - 16
12 - Samir Ben - Jenzer - 1'45"832 - 18
13 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 1'45"900 - 17
14 - Kacper Sztuka - AS Motorsport - 1'45"913 - 17
15 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 1'45"919 - 17
16 - Pietro Armanni - Iron Lynx - 1'45"961 - 20
17 - Vittorio Catino - Cram - 1'45"971 - 19
18 - Leonardo Bizzotto - BVM - 1'45"989 - 13
19 - Jorge Garciarce - Jenzer - 1'46"000 - 16
20 - Lorenzo Patrese - AKM - 1'46"015 - 17
21 - Santiago Ramos - Jenzer - 1'46"063 - 12
22 - Bence Valint - VAR - 1'46"070 - 19
23 - Maceo Capietto - Prema - 1'46"171 - 16
24 - Han Cenyu - VAR - 1'46"190 - 19
25 - Georgios Markogiannis - Cram - 1'46"306 - 18
26 - Nicolas Baptiste - Cram - 1'46"374 - 18
27 - Eron Rexhepi - BVM - 1'46"680 - 17
28 - Jonas Ried - Mucke - 1'46"737 - 15
29 - Levante Revesz - AKM - 1'46"817 - 19
30 - Pedro Perino - DR Formula - 1'47"027 - 17

15 Lug [18:46]

Test a Imola, 2° giorno
Montoya precede Fornaroli, bene Braschi

Da Imola - Mattia Tremolada

È andata in archivio anche la seconda giornata di test organizzati da Kateyama a Imola, dove 26 monoposto di F4, due in meno rispetto alla giornata di ieri, sono scese in pista per preparare il quarto appuntamento della stagione, in programma il fine settimana del 23-25 luglio. Assente il team Van Amersfoort, che schiera il leader della classifica Oliver Bearman, mentre rispetto a mercoledì sono mancati il coreano Kim Hwarang, schierato da AKM, ed Enzo Trulli, che dopo aver stupito con il quinto tempo assoluto con la monoposto di Cram, oggi è sceso in pista con una Dallara F308 del team Facondini.

A svettare è stato Sebastian Montoya, capace di fermare i cronometri in 1’44”858 nel turno pomeridiano, mentre Leonardo Fornaroli e Joshua Durksen hanno fatto segnare il proprio tempo di riferimento in mattinata. Nel tentativo di battere il colombiano di Prema, Fornaroli è poi finito nella ghiaia della curva Villeneuve, portando alla fine anticipata dell’ultima sessione. Quarto tempo per Kirill Smal sulla seconda vettura di Prema, mentre quinto ha chiuso un buon Francesco Braschi, che nel pomeriggio è riuscito a precedere il rientrante Santiago Ramos, suo compagno di squadra in Jenzer.

Settimo tempo per Maceo Capietto, che per preparare al meglio il debutto nella serie tricolore ha percorso ben 104 passaggi. Il figlio di Guillaume, direttore tecnico del team Prema, farà il proprio esordio a Imola con la quinta monoposto di Prema, mentre Charlie Wurz tornerà in azione al Nürburgring nel terzo appuntamento dell’ADAC F4. Ancora positivi i riscontri dei piloti del team Cram, che dopo un inizio di stagione in salita sono riusciti a portare due vetture della squadra di Erba in top-10 in entrambe le giornate. Fuori dai primi dieci hanno invece chiuso Leonardo Bizzotto, autore anche di un’innocua uscita di pista, e Lorenzo Patrese. Entrambi hanno comunque avuto un’ottima progressione rispetto a mercoledì.

Giovedì 15 luglio 2021, classifica di giornata

1 - Sebastian Montoya - Prema - 1’44”858 - 97 giri
2 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1’44”929 - 92
3 - Joshua Durksen - Mucke - 1’45”019 - 87
4 - Kirill Smal - Prema - 1’45”040 - 97
5 - Francesco Braschi - Jenzer - 1’45”193 - 78
6 - Santiago Ramos - Jenzer - 1’45”278 - 70
7 - Maceo Capietto - Prema - 1’45”305 - 104
8 - Erick Zuniga - Mucke - 1’45”365 - 87
9 - Vittorio Catino - Cram - 1’45”372 - 91
10 - Nicolas Baptiste - Cram - 1’45”383 - 92
11 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 1’45”412 - 70
12 - Kacper Sztuka - ASM - 1’45”420 - 79
13 - Leonardo Bizzotto - BVM - 1’45”452 - 76
14 - Lorenzo Patrese - AKM - 1’45”455 - 94
15 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 1’45”465 - 94
16 - Conrad Laursen - Prema - 1’45”558 - 91
17 - Maya Weug - Iron Lynx - 1’45”563 - 101
18 - Jonas Ried - Mucke - 1’45”568 - 91
19 - Eron Rexhepi - BVM - 1’45”581 - 73
20 - Charlie Wurz - Prema - 1’45”650 - 70
21 - Samir Ben - Jenzer - 1’45”731 - 91
22 - Pietro Armanni - Iron Lynx - 1’45”964 - 97
23 - Georgios Markogiannis - Cram - 1’45”966 - 106
24 - Jorge Garciarce - Jenzer - 1’46”011 - 74
25 - Pedro Perino - DR Formula - 1’46”078 - 82
26 - Levente Revesz - AKM - 1’46”296 - 81

14 Lug [22:27]

Test a Imola, 1° giorno
Durksen fa il vuoto, VAR assente

Mattia Tremolada

Ventotto monoposto sono scese in pista a Imola per la prima giornata di test organizzati da Kateyama e riservata alle vetture di Formula 4. Il tracciato che sorge sulle rive del Santerno ospiterà infatti il quarto appuntamento della stagione della serie italiana, in programma il fine settimana del 23-25 luglio. Assenti US Racing e Van Amersfoort, con il team olandese che ha avuto due casi positivi all’interno del team in seguito alla tappa Euroformula di Budapest.

Il leader di campionato Olli Bearman, la prossima settimana dovrà quindi recuperare nelle prove libere i chilometri persi nei confronti dei rivali, che sulla carta potrebbero essere favoriti. Oggi certamente non hanno perso tempo, con Joshua Durksen che ha percorso 80 giri, facendo il vuoto alle proprie spalle con il tempo di riferimento in 1’44”753. Secondo Sebastian Montoya di Prema, apparso l’unico di tenere il passo di Bearman a Vallelunga e Zandvoort, mentre il rientrante Santiago Ramos, assente negli ultimi due appuntamenti in seguito ad un infortunio rimediato nei test pre-gara di Misano, è risultato terzo.

Kirill Smal, quarto, ha preceduto Enzo Trulli, autore di un sorprendente ritorno tra le fila del team Cram. Trulli, la cui avventura in Euroformula avrà difficilmente un seguito, girerà domani al volante di una Formula 3. Il figlio di Jarno, campione in carica della F4 UAE, è stato molto competitivo, firmando il quinto tempo assoluto in 1’45”520. Sesta posizione per Leonardo Fornaroli, in cerca di riscatto dopo due fine settimana da dimenticare tra Vallelunga e Zandvoort. Sorprende in settima piazza Maceo Capietto, nuovamente al volante di una monoposto del team Prema, protagonista della F4 francese. Positiva l’ottava piazza di Francesco Braschi, che ha preceduto in top-10 Hamda Al Qubaisi e Nico Baptiste.

Mercoledì 14 luglio 2021, classifica di giornata

1 - Joshua Durksen - Mucke - 1’44”753 - 80 giri
2 - Sebastian Montoya - Prema - 1’45”455 - 51
3 - Santiago Ramos - Jenzer - 1’45”486 - 79
4 - Kirill Smal - Prema - 1’45”501 - 52
5 - Enzo Trulli - Cram - 1’45”520 - 83
6 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1’45”530 - 58
7 - Maceo Capietto - Prema - 1’45”596 - 54
8 - Francesco Braschi - Jenzer - 1’45”621 - 58
9 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 1’45”672 - 56
10 - Nicolas Baptiste - Cram - 1’45”715 - 75
11 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 1’45”761 - 55
12 - Conrad Laursen - Prema - 1’45”792 - 55
13 - Erick Zuniga - Mucke - 1’45”822 - 75
14 - Jonas Ried - Mucke - 1’45”930 - 81
15 - Kacper Sztuka - ASM - 1’45”932 - 59
16 - Samir Ben - Jenzer - 1’46”053 - 72
17 - Vittorio Catino - Cram - 1’46”060 - 83
18 - Charlie Wurz - Prema - 1’46”077 - 52
19 - Maya Weug - Iron Lynx - 1’46”114 - 62
20 - Leonardo Bizzotto - BVM - 1’46”150 - 50
21 - Eron Rexhepi - BVM - 1’46”516 - 52
22 - Lorenzo Patrese - AKM - 1’46”553 - 54
23 - Georgios Markogiannis - Cram - 1’46”685 - 86
24 - Jorge Garciarce - Jenzer - 1’46”758 - 55
25 - Pietro Armanni - Iron Lynx - 1’46”787 - 60
26 - Pedro Perino - DR Formula - 1’46”894 - 81
27 - Levente Revesz - AKM - 1’46”926 - 70
28 - Kim Hwarang - AKM - 1’48”620 - 75

1 Lug [14:37]

De Donno: “Nella F4 Italia è
il momento della nuova Tatuus”

Mattia Tremolada

Dopo i successi conquistati nel mondo del kart, il promoter WSK è stato il primo ad organizzare un campionato di Formula 4, lanciando la serie italiana nel lontano 2014. Otto stagioni dopo, la categoria è ormai diventata una tappa obbligata nel percorso verso la Formula 1 e il professionismo nel motorsport, con il campionato tricolore che ne rappresenta ancora il punto di riferimento e dal prossimo anno si punta a schierare le monoposto del costruttore italiano di seconda generazione, dotate dell’halo
 
Luca De Donno, si prepara ad accogliere la seconda generazione di monoposto di F4?
“È noto che la serie italiana sia stata una delle prime a mostrare interesse per la monoposto di seconda generazione. Stiamo discutendo con la federazione, a cui spetterà la decisione finale, per decidere se introdurla già nel 2022. Apriremo un bando per stabilire i vari fornitori, ma la mia speranza è che venga confermato l’attuale pacchetto tecnico Tatuus-Autotecnica, che credo sia il migliore sul mercato. Sono ormai otto anni che il nostro campionato vede al via le Tatuus di F4, penso sia giunto il momento di cambiare vettura, consapevoli di portare un significativo miglioramento per quanto riguarda la sicurezza del pilota, dal momento che la seconda generazione sarà equipaggiata con il sistema halo”.

La Formula 4 è in continua crescita, come testimoniano le 37 vetture presenti al via della serie tricolore a Le Castellet. Sembrano un lontano ricordo le 21 unità che avevano preso il via della stagione 2020 a Misano, nella prima gara della serie dopo lo stop forzato dalla pandemia da Covid-19.
“Credo sia più corretto guardare ai numeri di fine 2020 piuttosto che a quelli di inizio dello scorso anno, perché nella prima fase della passata stagione c’erano ancora molte restrizioni logistiche, oltre che una situazione economica incerta. Poi, i numeri sono andati ad aumentare in maniera significativa e questo inizio di 2021 ha confermato la crescita, sia in Formula 4 sia nel mondo del kart. In generale il motorsport ha sofferto nella stagione 2020, ma nel 2021 a livello globale sembra godere di buona salute, e l’impressione è che abbia avuto meno ripercussioni rispetto ad altri ambiti lavorativi”.

Anche altri campionati di F4 hanno avuto una crescita esponenziale di recente, come quello spagnolo.
“Penso che abbiano lavorato molto bene di recente, trovando diversi team interessati a partecipare alla serie e negli ultimi due anni hanno avuto un buon incremento di vetture. Dato il gran numero di piloti interessati alla Formula 4, ritengo ci sia spazio per più di un campionato in Europa, anche se la serie italiana si conferma comunque il punto di riferimento, come testimoniato dai numerosi piloti e team stranieri presenti”.



A partire dalla stagione 2021 nei fine settimana di Formula 2 e Formula 3, la griglia di partenza di solamente una gara viene stabilita dalla qualifica, mentre le altre due prevedono l’inversione dei primi classificati. Cosa ne pensi di questo format?
“Personalmente non credo all’inversione della griglia. Ritengo che le performance e la competizione in pista non debbano essere compromesse da un’inversione artificiosa della griglia di partenza. Penso che alcuni lo giudichino più spettacolare, ma mettere a tutti i costi lo spettacolo in pista in primo piano porta a prendere qualche rischio di troppo, penalizzando i piloti più veloci, e facendo partire dalle prime posizioni i piloti più lenti e meno esperti, creando talvolta delle criticità in pista. Nel 2014, prima dell’avvio del campionato, avevamo anche discusso con la federazione della possibilità di invertire la griglia in una o più corse, ma io ho espresso un parere contrario”.

A Misano Hamda Al Qubaisi ha conquistato un bel terzo posto in gara 1, diventando la prima ragazza a salire sul podio assoluto nella serie, mentre Maya Weug si sta ben difendendo alla stagione d’esordio in monoposto.
“Hamda Al Qubaisi ha ormai una buona esperienza nella serie ed è molto matura. Nelle passate stagioni ha lavorato duramente, crescendo parecchio, e sta finalmente raccogliendo i frutti dei propri sforzi. Spero che il bel podio assoluto di Misano le dia maggiore consapevolezza e fiducia nei propri mezzi, perché ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per lottare nelle posizioni di vertice. Maya Weug ha meno chilometri sulle spalle in monoposto, ma è reduce da una brillante carriera nel karting internazionale, che l’ha anche portata a raccogliere risultati di rilievo, e sono sicuro che a breve arriverà anche lei nelle posizioni di alta classifica. Sarei contento di vedere qualche altra ragazza nella serie e sto notando che anche nel kart che sono sempre più le donne che iniziano a gareggiare”.

27 Giu [19:08]

Vallelunga - Gara 3
Bearman graziato dalla rossa

Da Vallelunga - Mattia Tremolada 

La fortuna aiuta gli audaci. Così si potrebbe riassumere gara 3 della Formula 4 Italia a Vallelunga, in cui il dominatore Oliver Bearman è riuscito a chiudere un fine settimana perfetto, conquistando la tripletta. Il pilota inglese diventa il settimo a riuscire nell'impresa di vincere tre corse nello stesso fine settimana della F4 tricolore, succedendo a Mattia Drudi (Monza 2014), Guanyu Zhou (Monza 2015), Sebastian Fernandez (Misano 2017), Enzo Fittipaldi (Misano 2018), Olli Caldwell (Vallelunga 2018) e Dennis Hauger (Monza 2019). Ma il successo di gara 3 non è stato affatto scontato, anzi è maturato con un po' di fortuna. 

Alla ripartenza dopo la safety car causata dallo stop di Samir Ben ed Erick Zuniga, Bearman è arrivato lungo alla staccata dei Cimini, bloccando entrambe le ruote anteriori e scivolando nelle retrovie. Pochi istanti più tardi, però, la direzione gara ha sospeso la corsa con la bandiera rossa, necessaria in seguito al brutto incidente che ha visto coinvolti Han Cenyu e Joshua Durksen, con il cinese che ha capottato diverse volte nella ghiaia del curvone ad alta velocità. Il pilota di Van Amersfoort è riuscito ad uscire dalla propria monoposto distrutta sulle sue gambe. Bearman ha così potuto ripartire dalla prima posizione, essendo la griglia della ripartenza basata sul terzo giro di gara, quando ancora occupava la testa della corsa. Ancora una volta, Sebastian Montoya ha così visto svanire la chance di conquistare il primo successo in carriera, non trovando lo spazio per sorprendere Bearman nel finale della corsa. 

Il portacolori di Prema ha preceduto sul traguardo Tim Tramnitz, sempre a podio nelle sei corse disputate nella serie italiana nel 2021. Proprio il tedesco è il principale inseguitore di Bearman nella classifica piloti, ma accusa già ben 66 punti di ritardo, quasi quanto quelli in palio in un intero fine settimana. La coppia di Prema composta da Montoya e Kirill Smal, quinto al termine di un appuntamento poco brillante, si è portata in terza e quarta posizione in classifica, scavalcando Leonardo Fornaroli, ottavo anche in gara 3 dopo una prima parte di corsa tutta all'attacco che lo ha riportato in top-10.

Quarta posizione e prima vittoria tra i rookie per un bravo Charlie Wurz, che dopo aver commesso qualche errore di troppo nelle prime due corse, è riuscito finalmente a portare a termine una gara priva di sbavature, mostrando un ottimo passo gara che gli ha permesso di mettere alle spalle i compagni di squadra alla Prema Smal, Conrad Laursen e Hamda Al Qubaisi. Chiudono la top-10 Bence Valint e Joshua Dufek di VAR, mentre Leonardo Bizzotto, undicesimo, completa il podio rookie. Violento incidente, ma senza conseguenze, per Francesco Braschi, già acciaccato dopo aver colpito la vettura di Vlad Lomko in gara 2. Per i danni riportati nell'incidente, il russo non ha preso parte all'ultima corsa.

Domenica 27 giugno 2021, gara 3

1 - Olli Bearman - VAR - 16 giri in 28'14"313
2 - Sebastian Montoya - Prema - 0"947
3 - Tim Tramnitz - US Racing - 3"233
4 - Charlie Wurz - Prema - 4"552
5 - Kirill Smal - Prema - 8"948
6 - Conrad Laursen - Prema - 10"075
7 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 12"497
8 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 16"083
9 - Bence Valint - VAR - 16"988
10 - Joshua Dufek - VAR - 17"391
11 - Leonardo Bizzotto - BVM - 19"002
12 - Maya Weug - Iron Dames - 26"080
13 - Levente Revesz - AKM - 28"000
14 - Pietro Armanni - Iron Lynx - 29"939
15 - Nikita Bedrin - VAR - 31"011
16 - Eron Rexhepi - BVM - 35"287
17 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 36"626
18 - Jorge Garciarce - Jenzer - 37"799
19 - Nicolas Baptiste - Cram - 44"541
20 - Kacper Sztuka - ASM - 46"749
21 - Georgios Markogiannis - Cram - 3'07"273
22 - Lorenzo Patrese - AKM - 1 giro
23 - Jonas Ried - Mucke - 3 giri

Ritirati
Pedro Perino‍
Vittorio Catino
Han Cenyu 
Francesco Braschi
Joshua Durksen 
Samir Ben
Erick Zuniga

Non partito 
Vlad Lomko

G‍iro più veloce: Tim Tramnitz in 1'33"878.


27 Giu [13:52]

Vallelunga - Gara 2
Bearman ringrazia Montoya

Da Vallelunga - Mattia Tremolada - Foto Speedy

Niente da fare per Sebastian Montoya, che nonostante una corsa quasi perfetta, ha visto sfumare ancora una volta il primo successo in carriera nella seconda gara di Vallelunga. Come accaduto a Spielberg, quando aveva tagliato il traguardo in prima posizione ma con una penalità di 5" che gravava sulle sue spalle, anche sul circuito capitolino il portacolori di Prema ha perso un'occasione d'oro a causa di un leggero movimento in fase di partenza, giustamente sanzionato dai commissari di gara con un drive through, che ha messo fine alle speranze di vittoria del pilota colombiano, saldamente in testa in quel momento. 

La leadership è così passata nelle mani di Oliver Bearman, bravo a scavalcare prima Joshua Dufek, che lo aveva beffato al via, e poi Tim Tramnitz, raccogliendo il successo dalle mani di Montoya. Diventano così 4 le vittorie consecutive del pilota di Van Amersfoort, che allunga in classifica sul tedesco. Primo podio della stagione per Dufek, approdato finalmente nelle posizioni che contano dopo un inizio di stagione complicato. Bene Joshua Durksen, nuovamente quarto davanti ad un bravo Conrad Laursen, che ha risposto di forza dopo aver subito un sorpasso da Kirill Smal. Il pilota russo ha poi iniziato ad arrancare, venendo insidiato anche da Hamda Al Qubaisi. Quest'ultima ha preso l'esterno alla staccata dei Cimini, ma ha messo le ruote esterne sull'erba, finendo in testacoda.

Ad approfittarne sono stati Bence Valint e Leonardo Fornaroli, costretto a spostarsi nell'erba per evitare le auto di Vlad Lomko e Nikita Bedrin, che si sono agganciati sul rettilineo che porta alla Soratte. L'impresa non è riuscita a Francesco Braschi, che ha danneggiato la sospensione anteriore destra colpendo la monoposto di Lomko e perdendo così il terzo posto nella classifica rookie. In top-10 hanno così chiuso Jonas Ried e Levi Revesz, che ha conquistato il primo punto personale nella serie. I due hanno anche accompagnato Laursen sul podio rookie.

Nuovamente fuori gioco Pietro Armanni, che si è girato nel corso del primo passaggio dopo aver colpito Nico Baptiste, venendo poi travolto da Jorge Garciarce. Solo Baptiste è riuscito a proseguire, tagliando il traguardo nonostante abbia disputato tutta la corsa con l'ala posteriore vistosamente danneggiata. Pedro Perino ha invece concluso in quattordicesima posizione, cogliendo il miglior risultato stagionale nonostante la perdita dell'alettone posteriore dopo un contatto con Charlie Wurz. Falsa partenza anche per Han Cenyu, che a differenza di Montoya, fermatosi per preservare le gomme in vista di gara 3, ha proseguito fino alla bandiera a scacchi.

Penalizzato Ried, Weug terza tra i rookie

È stato penalizzato con 25" da aggiungere al tempo finale di gara Jonas Ried, transitato in nona posizione sul traguardo e secondo tra i rookie. Il pilota tedesco era però scattato in anticipo, così come Sebastian Montoya e Han Cenyu, a cui è stato inflitto un drive through. Ad ereditare la posizione è Levi Revesz, autore di un'ottima prova che gli è valsa il miglior risultato stagionale, mentre Piotr Wisnicki entra in zona punti, decimo.

Domenica 27 giugno 2021, gara 2

1 - Olli Bearman - VAR - 17 giri - 31'51"695
2 - Tim Tramnitz - US Racing - 0"296
3 - Joshua Dufek - VAR - 1"024
4 - Joshua Durksen - Mucke - 1"399
5 - Conrad Laursen - Prema - 1"761
6 - Kirill Smal - Prema - 2"023
7 - Bence Valint - VAR - 2"744
8 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 2"933
9 - Levente Revesz - AKM - 3"605
10 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 4"408
11 - Maya Weug - Iron Dames - 5"064
12 - Charlie Wurz - Prema - 5"692
13 - Pedro Perino - DR Formula - 7"260
14 - Leonardo Bizzotto - BVM - 7"776
15 - Nicolas Baptiste - Cram - 8"017
16 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 8"240
17 - Kacper Sztuka - ASM - 8"815
18 - Eron Rexhepi - BVM - 9"198
19 - Erick Zuniga - Mucke - 9"472
20 - Samir Ben - Jenzer - 9"731
21 - Georgios Markogiannis - Cram - 10"491
22 - Vittorio Catino - Cram - 10"921
23 - Han Cenyu - VAR - 12"461
24 - Jonas Ried - Mucke - 28"199*

*25" di penalità 

Ritirati
Sebastian Montoya
Pietro Armanni
Jorge Garciarce
Lorenzo Patrese
Vlad Lomko
Nikita Bedrin
Francesco Braschi

G‍iro più veloce: Oliver Bearman in 1'34"070

I‍l campionato
1‍.Bearman 157 punti; 2.Tramnitz 101; 3.Fornaroli 85; 4.Montoya 81; 5.Smal 80; 6.Durksen 44; 7.Dufek 41; 8.Lomko 37; 9.Bernier 30; 10.Browning 27; 11.Laursen 24; 12.Meguetounif 22; 13.Al Qubaisi 17; 14.Ried 15; 15.Cenyu 12; 16.Bedrin 11; 17.Bizzotto 7; 18.Valint 6; 19.Simonazzi, Baptiste 4; 21.Patrese, Revesz 2; 23.‍Wisnicki 1.

27 Giu [9:55]

Vallelunga - Gara 1
Terza vittoria di fila per Bearman

Da Vallelunga - Mattia Tremolada - Foto Speedy

È arrivata la terza vittoria consecutiva di Oliver Bearman nella Formula 4 Italia, la quinta stagionale considerando anche la serie tedesca. Partito dalla pole position, il pilota inglese ha dovuto vedersela con Sebastian Montoya, rimasto nei suoi tubi di scarico per l'intera durata di gara 1, facendosi anche vedere in un paio di occasioni. Bearman non si è però lasciato intimidire, mantenendo alta la concentrazione per tutti i 30' di gara, tagliando il traguardo con 1"277 di vantaggio nei confronti del pilota di Prema, che dopo aver conquistato il primo podio stagionale a Misano, ha bissato il proprio miglior risultato nella serie con la seconda posizione. 

Dopo sole sette gare Bearman può vantare ben 49 punti di vantaggio, peraltro nei confronti di Tim Tramnitz, che ha in programma un impegno parziale nella serie tricolore, mentre Montoya ha agguantato Leonardo Fornaroli a quota 81 lunghezze, sfruttando la difficile qualifica del pilota italiano. Scattato dalla settima fila, il portacolori di Iron Lynx si è subito portato in dodicesima piazza, recuperando la top-10 in occasione della ripartenza dopo il regime di safety car, con un bel doppio sorpasso ai danni di Hamda Al Qubaisi e Lorenzo Patrese, dopo che quest'ultimo è stato bloccato dal rivale nella classifica rookie Conrad Laursen. Il pilota di AKM, seguito da Luca Baldisseri nelle vesti di ingegnere di pista, è così scivolato dall'ottava all'undicesima posizione, assicurandosi comunque un altro podio tra i debuttanti che gli permette di rafforzare la propria leadership in classifica.

Non è riuscito a conservare al terza posizione assoluta Han Cenyu, che dopo una brillante qualifica è scivolato in sesta posizione, cedendo il passo prima a Tramnitz, che ha così chiuso terzo, e successivamente a Joshua Durksen e al compagno di squadra Joshua Dufek. Solo settimo Kirill Smal, autore di una prova sottotono, mentre è scivolato nelle retrovie Charlie Wurz, rimasto piantato in uscita dal tornantino. 14esimo assoluto e terzo tra i rookie Leonardo Bizzotto, che scavalca così Jonas Ried in classifica, approfittando del testacoda del pilota tedesco nel primo giro. Un contatto fratricida ha messo fuori gioco i due piloti di Iron Lynx Maya Weug e Pietro Armanni, con la portacolori della Ferrari Driver Academy che non ha visto il pilota italiano, andando a chiudere come se non ci fosse.



Domenica 27 giugno 2021, gara 1

1 - Olli Bearman - VAR - 19 giri - 31'51"695
2 - Sebastian Montoya - Prema - 1"277
3 - Tim Tramnitz - US Racing - 1"801
4 - Joshua Durksen - Mucke - 3"233
5 - Joshua Dufek - VAR - 3"652
6 - Han Cenyu - VAR - 4"627
7 - Kirill Smal - Prema - 5"194
8 - Conrad Laursen - Prema - 5"824
9 - Vlad Lomko - US Racing - 6"727
10 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 7"194
11 - Lorenzo Patrese - AKM - 8"834
12 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 9"046
13 - Bence Valint - VAR - 9"651
14 - Leonardo Bizzotto - BVM - 10"874
15 - Samir Ben - Jenzer - 11"512
16 - Nikita Bedrin - VAR - 11"987
17 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 12"732
18 - Nicolas Baptiste - Cram - 13"546
19 - Charlie Wurz - Prema - 13"810
20 - Erick Zuniga - Mucke - 14"636
21 - Levente Revesz - AKM - 15"399
22 - Jonas Ried - Mucke - 15"724
23 - Kacper Sztuka - ASM - 16"725
24 - Francesco Braschi - Jenzer - 17"114
25 - Jorge Garciarce - Jenzer - 17"643
26 - Georgios Markogiannis - Cram - 18"024
27 - Pedro Perino - DR Formula - 20"826
28 - Vittorio Catino - Cram - 21"744

Ritirati
Maya Weug
Pietro Armanni 
Eron Rexhepi

G‍iro più veloce: Oliver Bearman in 1'33"340

I‍l campionato
1‍.Bearman 132 punti; 2.Tramnitz 83; 3.Fornaroli, Montoya 81; 5.Smal 72; 6.Lomko 37; 7.Durksen 32; 8.Bernier 30; 9.Browning 27; 10.Dufek 26; 11.Meguetounif 22; 12.Al Qubaisi 17; 13.Laursen 14; 14.Ried 13‍; 15.Cenyu 12; 16.Bedrin 11; 17.Bizzotto 7; 18.Simonazzi, Baptiste 4; 20.Patrese 2.‍

PrevPage 1 of 10Next

News

F4 Italia
v

FirstPrevPage 1 of 4NextLast
FirstPrevPage 1 of 4NextLast

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone