formula 1

È saltato l'accordo di vendita
del team Sauber a Michael Andretti

A quanto pare, è fumata nera nei colloqui fra Michael Andretti e la Sauber, per la cessione del team oggi in Formula 1 con il...

Leggi »
indycar

Dopo Hulkenberg, ecco Vandoorne
Unione possibile tra Carlin e Juncos

Marco Cortesi‍Si sono conclusi i test di Barber, in cui tra gli altri ha debuttato Nico Hulkenberg compiendo oltre 100 giri s...

Leggi »
formula 1

Perché il duello con la Red Bull
sta mandando in crisi la Mercedes

Massimo Costa - XPB Images E' venuto il "braccino" del tennista alla Mercedes? Sembra proprio di sì, ed è una ...

Leggi »
formula 1

La lotta per il 3° posto costruttori:
McLaren rivede la luce dopo Istanbul

Scioccata dal tonfo di Istanbul, arrivato durissimo dopo la doppietta di Monza e una vittoria gettata al vento dalla testarda...

Leggi »
Regional by Alpine

Nel calendario 2022 c'è Monaco
Tre gli appuntamenti italiani

Aci Sport e Alpine hanno rilasciato il calendario 2022 per quella che sarà la seconda stagione della Formula Regional Europea...

Leggi »
Regional by Alpine

Intervista a Michael Belov
“A Monza per vincere ancora con G4”

È stato tra i piloti più convincenti della stagione 2021 di Formula Regional by Alpine, se non il più convincente. Arrivato a...

Leggi »
PrevPage 1 of 6Next
4 Ott [15:13]

Cambiano le regole per il 2022,
quattro monoposto per ogni team

Mattia Tremolada

Ad inizio anno aveva destato grande scalpore il numero di monoposto con cui MP Motorsport si è presentata al via della F4 spagnola. Dalla prima stagione della serie nel 2016, la squadra olandese ha mancato una sola volta il titolo, quando nel 2019 Franco Colapinto e Drivex si sono aggiudicati sia il campionato piloti, sia quello riservato ai team. Nel 2020 MP ha monopolizzato le prime cinque posizioni della classifica piloti con Kas Haverkort, Mari Boya, Thomas Ten Brinke, Joshua Dufek e Oliver Goethe. Questi risultati hanno messo la squadra olandese sotto la lente di ingrandimento, tanto che nel 2021 sono ben nove i piloti che l'hanno scelta per prendere parte al campionato. ‍Una flotta così numerosa ha ovviamente portato entrambi i titoli disponibili con un appuntamento d'anticipo.

Per il 2022, però, l'organizzatore del campionato ha deciso di intervenire, imponendo un numero massimo di vetture, quattro, per ogni squadra, in modo da permettere a tutti e sette i team iscritti al campionato di disporre delle stesse risorse. L'organizzatore attende quindi un massimo di 28 monoposto al via, ma tradizionalmente il team Jenzer prende parte solamente ad un paio di appuntamenti ogni stagione, mentre Pinnacle ha abbandonato la serie a stagione in corso. Sono quindi sei le squadre che in questa seconda parte di stagione stanno prendendo parte attivamente alla serie, ovvero MP Motorsport, Campos, Fórmula de Campeones, Drivex, GRS e Teo Martín

3 Ott [15:56]

Jerez - Gara 3
Van’t Hoff anche sul bagnato

Mattia Tremolada

Dopo aver conquistato matematicamente il titolo con la vittoria di gara 2, Dilano Van't Hoff sperava certamente in una corsa più semplice per chiudere il fine settimana di Jerez della F4 spagnola. Il meteo però aveva altri piani e la pioggia ha bagnato la pista situata alle porte di Siviglia poco prima del via della corsa finale. Tutti i piloti hanno deciso di partire con le gomme da bagnato, ad eccezione di Dani Macia, la cui scelta però non ha pagato.

Al via Van't Hoff ha respinto l'attacco di Enric Bordás, autore di un ottimo scatto dalla seconda fila. Il neo campione in carica ha però commesso un errore nel corso del secondo giro, arrivando lungo alla chicane e cedendo strada allo stesso Bordás e a Pepe Martí. Van't Hoff si è poi rapidamente liberato del rivale del team Campos, andando a passare nelle battute conclusive anche il portacolori di Formula de Campeones, chiudendo così un weekend perfetto con tre pole position e altrettante vittorie.



Bella rimonta per Suleiman Zanfari e Rik Koen, risaliti di forza rispettivamente dalla decima e undicesima posizione. Manuel Espirito Santo ha chiuso sesto, Noah Degnbol ottavo e Gil Molina decimo, portando a sei il numero di monoposto di MP Motorsport in top-10. In zona punti hanno chiuso anche Sebastian Øgaard, in difficoltà nelle prime fasi, e Guilherme Oliveira, scivolato dalla quarta alla nona piazza. L'incidente di Miron Pingasov ha portato all'ingresso della  safety car. Ritiro anche per Jorge Campos e Vladislav Ryabov, mentre un incidente con Emely De Heus ha messo fuori gioco Lola Lovinfosse.

Domenica 3 ottobre 2021, gara 3

1 - Dilano Van't Hoff - MP Motorsport - 28’33”048
2 - Enric Bordás - Formula de Campeones - 2”682
3 - Josep Martí - Campos - 3”508
4 - Suleiman Zanfari - MP Motorsport - 8”853
5 - Rik Koen - MP Motorsport - 8”963
6 - Manuel Espirito Santo - MP Motorsport - 9”699
7 - Sebastian Øgaard - Campos - 11”188
8 - Noah Degnbol - MP Motorsport - 11”620
9 - Guilherme Oliveira - Drivex - 12”380
10 - Gil Molina - MP Motorsport - 13”051
11 - Georg Kelstrup - MP Motorsport - 14”019
12 - Maksim Arkhangelskii - Drivex - 16”866
13 - Filip Jenic - Teo Martin - 19”589
14 - Oleksandr Partyshev - Campos - 21”320
15 - Alejandro Garcia - Campos - 22”947
16 - Branden Oxley - Drivex - 23”251
17 - Noam Abramczyk - Drivex - 29”749
18 - Lukas Malek - Drivex - 42”798
19 - Daniel Macia - Formula de Campeones - 43”568
20 - Emely De Heus - MP Motorsport - 44”486

Ritirati
Vladislav Ryabov
Jorge Campos
Lola Lovinfosse
Miron Pingasov

Giro più veloce: Dilano Van’t Hoff in 1’57”059

Il campionato
1.Van't Hoff 336 punti; 2.Øgaard 196; 3.Marti 163; 4.Bordas 152; 5.Macia 128; 6.Koen 95; 7.Ryabov 85; 8.Arkhangelskii, Degnbol 64; 10.Kelstrup 62.

3 Ott [13:17]

Jerez - Gara 2
Vittoria e titolo per Van't Hoff

Mattia Tremolada - Fotocar13

Qualche errore di troppo gli aveva negato il titolo della Formula 4 UAE nei primi mesi del 2021, ma Dilano Van’t Hoff ha trovato un pronto riscatto nel campionato nazionale spagnolo, centrando il primo titolo in carriera. In totale, nelle due serie a cui ha preso parte ha ottenuto 26 pole position (su 33 disponibili), 13 successi, 26 podi e 15 giri più veloci. Numeri davvero impressionanti, anche se, come testimonia il fatto che le vittorie siano la metà rispetto al numero di pole position, Van’t Hoff non è stato impeccabile, commettendo molti errori nei momenti cruciali di gara, stallando in numerose occasioni sulla griglia.

Il pilota olandese è comunque emerso con prepotenza dal nutrito gruppo di vetture di MP Motorsport, mostrando una netta superiorità sul giro secco e la capacità di rimediare ai propri errori, prodigandosi in grandi rimonte dalle retrovie. A dispetto di quanto detto, il titolo è invece arrivato in un fine settimana perfetto, con tre pole position e due perentorie vittorie nelle due manche inaugurali, in cui la leadership di Van’t Hoff non è mai stata in discussione. L’olandese ha anche gestito alla perfezione la ripartenza dopo il regime di safety car, con la bandiera esposta pochi istanti più tardi che ha congelato la corsa, consegnandogli il titolo.



Niente da fare per i due piloti del team Campos Sebastian Øgaard e Pepe Martí, gli ultimi a cedere le armi, seppure con quattro gare ancora da disputare. Øgaard ha mantenuto la quinta posizione che aveva al via, mentre Martí ha chiuso sul podio alle spalle di Van’t Hoff e Vladislav Ryabov, che conferma il secondo posto ottenuto in gara 1. Nella corsa finale, il pilota russo di GRS dovrà darsi da fare per tornare in zona punti dopo aver ottenuto un magro 14esimo tempo nel secondo turno di qualifica.

Enric Bordas ha tagliato il traguardo in quarta piazza, mentre con la bandiera rossa Manuel Espirito Santo e Guilherme Oliveira mantengono il sesto e settimo posto. Alla ripartenza dopo il regime di safety car, necessario per recuperare le monoposto di Maksim Arkhangelskii, Noam Abramczyk e Filip Jenic, il portoghese ha tentato l’attacco sul rivale di MP Motorsport, allargandolo però eccessivamente all’uscita di curva 1. I due si sono toccati e la monoposto di Espirito Santo è rimasta ferma in mezzo alla pista dopo un’escursione sulla ghiaia, portando all’esposizione della bandiera rossa. A punti, alle loro spalle, anche Dani Macia, Suleiman Zanfari e Georg Kelstrup.



Domenica 3 ottobre 2021, gara 2

1 - Dilano Van't Hoff - MP Motorsport - 16'29"121
2 - Vladislav Ryabov - GRS - 0"510
3 - Josep Martí - Campos - 0"887
4 - Enric Bordás - Formula de Campeones - 1"236
5 - Sebastian Øgaard - Campos - 1"643
6 - Manuel Espirito Santo - MP Motorsport - 2"365
7 - Guilherme Oliveira - Drivex - 2"549
8 - Daniel Macia - Formula de Campeones - 2"662
9 - Suleiman Zanfari - MP Motorsport - 3"139
10 - Georg Kelstrup - MP Motorsport - 3"437
11 - Rik Koen - MP Motorsport - 3"807
12 - Noah Degnbol - MP Motorsport - 4"213
13 - Miron Pingasov - MP Motorsport - 4"575
14 - Gil Molina - MP Motorsport - 5"045
15 - Jorge Campos - Teo Martin - 5"530
16 - Alejandro Garcia - Campos - 5"782
17 - Oleksandr Partyshev - Campos - 6"119
18 - Lola Lovinfosse - Drivex - 6"773
19 - Branden Oxley - Drivex - 7"142
20 - Emely De Heus - MP Motorsport - 7"884
21 - Lukas Malek - Drivex - 14"821

Ritirato
Noam Abramczyk
Filip Jenic
Maksim Arkhangelskii

Giro più veloce: Vladislav Ryabov in 1’43”914

Il campionato
1.Van't Hoff 310 punti; 2.Øgaard 190; 3.Marti 148; 4.Bordas 134; 5.Macia 128; 6.Koen, Ryabov 85; 8.Arkhangelskii 64; 9.Kelstrup 62; 10.Degnbol 60.

3 Ott [9:15]

Jerez, qualifica 2
L’insaziabile Van’t Hoff

Mattia Tremolada

Ha ormai il titolo in tasca, ma Dilano Van't Hoff non accenna a rallentare la propria marcia trionfale. Con il miglior tempo nella seconda qualifica di Jerez della F4 spagnola, il pilota olandese ha messo in cassaforte la 13esima pole position della stagione, assicurandosi due punti addizionali che lo avvicinano ulteriormente alla matematica certezza del titolo. Sul circuito situato a sud di Siviglia Sebastian Øgaard, l'unico che può ancora fermarlo, non riesce proprio a tenere il passo del rivale e nelle prove non è andato oltre la sesta posizione, mentre il compagno di squadra al team Campos Pepe Martí ha fatto segnare il secondo miglior tempo.

Terzo Enric Bordás, già capace di salire sul podio in gara 1, mentre dopo essere stato costretto al ritiro nella corsa di apertura, Guilherme Oliveira è deciso a trovare il riscatto nelle due manche domenicali. Il pilota portoghese scatterà dalla quarta casella, davanti a Manuel Espirito Santo e Øgaard. A Jerez sembra faticare a trovare il ritmo anche Dani Macia, solo settimo nel Q2. Chiudono la top-10 Georg Kelstrup, Maksim Arkhangelskii e Suleiman Zanfari. Solo 14esimo Vladislav Ryabov, che ieri aveva sfiorato la pole position e in gara 1 era stato l'unico in grado di tenere il ritmo di Van't Hoff. 

Domenica 3 ottobre 2021, qualifica 2

1 - Dilano Van't Hoff - MP Motorsport - 1’42”277
2 - Josep Martí - Campos - 1’42”564
3 - Enric Bordás - Formula de Campeones - 1’42”594
4 - Guilherme Oliveira - Drivex - 1’42”779
5 - Manuel Espirito Santo - MP Motorsport - 1’42”856
6 - Sebastian Øgaard - Campos - 1’42”876
7 - Daniel Macia - Formula de Campeones - 1’42”969
8 - Georg Kelstrup - MP Motorsport - 1’43”039
9 - Maksim Arkhangelskii - Drivex - 1’43”145
10 - Suleiman Zanfari - MP Motorsport - 1’43”169
11 - Rik Koen - MP Motorsport - 1’43”313
12 - Gil Molina - MP Motorsport - 1’43”357
13 - Filip Jenic - Teo Martin - 1’43”362
14 - Vladislav Ryabov - GRS - 1’43”475
15 - Jorge Campos - Teo Martin - 1’43”653
16 - Noam Abramczyk - Drivex - 1’43”687
17 - Alejandro Garcia - Campos - 1’43”828
18 - Branden Oxley - Drivex - 1’43”907
19 - Lola Lovinfosse - Drivex - 1’44”097
20 - Emely De Heus - MP Motorsport - 1’44”106
21 - Miron Pingasov - MP Motorsport - 1’44”187
22 - Noah Degnbol - MP Motorsport - 1’44”541
23 - Lukas Malek - Drivex - 1’47”364
24 - Oleksandr Partyshev - Campos - 1’59”700

2 Ott [17:13]

Jerez - Gara 1
Van’t Hoff ad un passo dal titolo

Mattia Tremolada

È ormai ad un passo dal titolo Dilano Van't Hoff, che con la settima vittoria della stagione ha portato il proprio margine di vantaggio nei confronti di Sebastian Øgaard a 109 punti. Scattato alla perfezione dalla pole position, l'olandese ha mantenuto la testa davanti a Vladislav Ryabov, tenendo agilmente a bada nelle prime fasi il rivale del team GRS, per poi allungare nel finale e chiudere con 3"8 di vantaggio.

Øgaard non è stato altrettanto brillante, mantenendo la quinta posizione al via. Il danese ha poi dovuto difendersi dagli attacchi del compagno di squadra Pepe Martí, uscito matematicamente dalla contesa al titolo. La penalità di 2" rimediata da Rik Koen, terzo sul traguardo ma solo sesto a causa del ripetuto abuso dei limiti della pista, ha promosso Øgaard in quarta piazza. Con soli 116 punti ancora disponibili, Van't Hoff ha ormai in mano il titolo, che potrebbe facilmente arrivare in gara 2, dove l'olandese di MP scatterà nuovamente davanti a tutti.

Sul podio sono saliti anche Ryabov, che eguaglia il proprio miglior risultato stagionale di Aragon, e Enric Bordás, che ha tentato in tutti i modi di sorprendere Koen senza successo, portandolo però ad andare ripetutamente oltre i limiti della pista e beneficiando così della conseguente penalità del pilota olandese. Positiva la rimonta dalla decima casella di Dani Macia, settimo davanti a Suleiman Zanfari, Georg Kelstrup e Manuel Espirito Santo, che nel finale ha beffato Noam Abramczyk e Filip Jenic, assicurandosi l'ultimo punto disponibile. 20esimo posto per il debuttante Lukas Malek, pilota svezzato dall'academy Top Gun di Marco Cioci e Giancarlo Fisichella.

Sabato 2 ottobre 2021, gara 1

1 - Dilano Van't Hoff - MP Motorsport - 16 giri
2 - Vladislav Ryabov - GRS - 3”849
3 - Enric Bordás - Formula de Campeones - 8”559
4 - Sebastian Øgaard - Campos - 9”137
5 - Josep Martí - Campos - 9”571
6 - Rik Koen - MP Motorsport - 9”920*
7 - Daniel Macia - Formula de Campeones - 11”305
8 - Suleiman Zanfari - MP Motorsport - 12”485
9 - Georg Kelstrup - MP Motorsport - 15”837
10 - Manuel Espirito Santo - MP Motorsport - 18”037
11 - Noam Abramczyk - Drivex - 18”403
12 - Filip Jenic - Teo Martin - 19”369
13 - Jorge Campos - Teo Martin - 22”837
14 - Oleksandr Partyshev - Campos - 25”888
15 - Alejandro Garcia - Campos - 32”515
16 - Miron Pingasov - MP Motorsport - 33”765**
17 - Emely De Heus - MP Motorsport - 34”832
18 - Gil Molina - MP Motorsport - 35”738
19 - Lola Lovinfosse - Drivex - 37”760
20 - Lukas Malek - Drivex - 38”958

*2” di penalità
**7” di penalità

Ritirato
Branden Oxley
Guilherme Oliveira
Noah Degnbol
Maksim Arkhangelskii

Giro più veloce: Dilano Van’t Hoff in 1’43”226

Il campionato
1.Van't Hoff 293 punti; 2.Øgaard 184; 3.Marti 138; 4.Macia 129; 5.Bordas 126; 6.Koen 85; 7.Ryabov 72; 8.Arkhangelskii 64; 9.Kelstrup 62; 10.Degnbol 60.

2 Ott [14:27]

Jerez, qualifica 1
Van't Hoff contiene Ryabov

Mattia Tremolada

Dilano Van't Hoff ha dovuto vedersela con un tenace Vladislav Ryabov nella prima sessione di qualifiche della F4 spagnola a Jerez. Il pilota olandese ha la concreta possibilità di chiudere i giochi in anticipo prima di arrivare all'appuntamento finale di Barcellona e non si è risparmiato nel Q1, conquistando l'11esima pole position stagionale. Van't Hoff aveva preso il comando in 1'43"025, ma nel finale Ryabov è riuscito a scavalcarlo in 1'43"006. Il portacolori di MP Motorsport ha però subito risposto, scendendo sotto il muro del 1'43" in 1'42"948.

Ryabov, ormai una presenza fissa nelle posizioni di testa con il team GRS, scatterà quindi dalla prima fila davanti a Pepe Martí, terzo a meno di un decimo dalla pole. In risalita dopo aver chiuso nelle retrovie le prove libere Enric Bordás, quarto, mentre Sebastian Øgaard, il primo degli inseguitori di Van't Hoff in campionato, si è accontentato della quinta casella. Alle sue spalle due piloti di MP Motorsport, Rik Koen e Suleiman Zanfari, mentre Maksim Arkhangelskii e Guilherme Oliveira, velocissimi nelle libere, hanno raccolto meno di quanto sperato in ottava e nona piazza.

Dani Macia chiude la top-10, precedendo Manuel Espirito Santo, Georg Kelstrup e Filip Jenic. Lukas Malek, debuttante slovacco proveniente dalla scuola Top Gun di Marco Cioci e Giancarlo Fisichella, è 22esimo, alle spalle di Miron Pingasov, che aveva invece fatto il proprio esordio a Valencia.

Sabato 2 ottobre 2021, qualifica 1

1 - Dilano Van't Hoff - MP Motorsport - 1’42”948
2 - Vladislav Ryabov - GRS - 1’43”006
3 - Josep Martí - Campos - 1’43”031
4 - Enric Bordás - Formula de Campeones - 1’43”131
5 - Sebastian Øgaard - Campos - 1’43”289
6 - Rik Koen - MP Motorsport - 1’43”318
7 - Suleiman Zanfari - MP Motorsport - 1’43”335
8 - Maksim Arkhangelskii - Drivex - 1’43”340
9 - Guilherme Oliveira - Drivex - 1’43”363
10 - Daniel Macia - Formula de Campeones - 1’43”395
11 - Manuel Espirito Santo - MP Motorsport - 1’43”425
12 - Georg Kelstrup - MP Motorsport - 1’43”437
13 - Filip Jenic - Teo Martin - 1’43”474
14 - Noam Abramczyk - Drivex - 1’43”489
15 - Noah Degnbol - MP Motorsport - 1’43”503
16 - Gil Molina - MP Motorsport - 1’43”727
17 - Jorge Campos - Teo Martin - 1’43”950
18 - Oleksandr Partyshev - Campos - 1’43”953
19 - Branden Oxley - Drivex - 1’44”018
20 - Emely De Heus - MP Motorsport - 1’44”158
21 - Miron Pingasov - MP Motorsport - 1’44”183
22 - Lukas Malek - Drivex - 1’44”234
23 - Alejandro Garcia - Campos - 1’44”267
24 - Lola Lovinfosse - Drivex - 1’45”014

2 Ott [12:26]

Jerez, libere 2
Campos sale in cattedra

Mattia Tremolada

Sono gli unici due piloti in grado di fermare Dilano Van’t Hoff, anche se l’impresa non sarà affatto semplice. Pepe Martí e Sebastian Øgaard intanto si sono portati al comando nel secondo turno di prove libere, chiudendo in prima e seconda posizione, mentre il leader di campionato, che ha perso i propri migliori riferimenti per track limits, ha chiuso solamente 13esimo.

A dispetto di una mattinata complicata, Van’t Hoff ha dimostrato di essere competitivo con il primo tempo nella sessione di test collettivi di venerdì, e il team MP Motorsport ha comunque piazzato ben sei monoposto in top-10. Georg Kelstrup è infatti terzo davanti a Manuel Espirito Santo, Noah Degnbol è sesto, mentre Suleiman Zanfari, Miron Pingasov e Gil Molina occupano le posizioni dall’ottava alla decima.

Quinto tempo per Guilherme Oliveira, leader del primo turno, mentre Filip Jenic, reduce dal primo podio in carriera a Valencia, è risultato settimo. In difficoltà le monoposto di Formula de Campeones, con Enric Bordas e Dani Macia fuori dai primi dieci. È invece 21esimo Lukas Malek di Drivex, rookie proveniente dalla scuola Top Gun di Marco Cioci e Giancarlo Fisichella.

Sabato 2 ottobre 2021, libere 2

1 - Josep Martí - Campos - 1’43”217
2 - Sebastian Øgaard - Campos - 1’43”315
3 - Georg Kelstrup - MP Motorsport - 1’43”322
4 - Manuel Espirito Santo - MP Motorsport - 1’43”343
5 - Guilherme Oliveira - Drivex - 1’43”387
6 - Noah Degnbol - MP Motorsport - 1’43”394
7 - Filip Jenic - Teo Martin - 1’43”477 -
8 - Suleiman Zanfari - MP Motorsport - 1’43”519
9 - Miron Pingasov - MP Motorsport - 1’43”630
10 - Gil Molina - MP Motorsport - 1’43”705
11 - Maksim Arkhangelskii - Drivex - 1’43”740
12 - Enric Bordás - Formula de Campeones - 1’43”883
13 - Dilano Van't Hoff - MP Motorsport - 1’43”892
14 - Daniel Macia - Formula de Campeones - 1’43”927
15 - Rik Koen - MP Motorsport - 1’44”035
16 - Alejandro Garcia - Campos - 1’44”084
17 - Vladislav Ryabov - GRS - 1’44”362
18 - Emely De Heus - MP Motorsport - 1’44”368
19 - Jorge Campos - Teo Martin - 1’43”484
20 - Lola Lovinfosse - Drivex - 1’44”512
21 - Lukas Malek - Drivex - 1’44”533
22 - Branden Oxley - Drivex - 1’45”190
23 - Noam Abramczyk - Drivex - 1’46”722
24 - Oleksandr Partyshev - Campos - 1’46”950‍

2 Ott [9:54]

Jerez, libere 1: doppietta Drivex

Mattia Tremolada

Doppietta del team Drivex nella prima sessione di prove libere della F4 spagnola a Jerez. La squadra di Madrid era già stata competitiva nelle quattro ore di test collettivi disputati nella giornata di venerdì, portando Noam Abramczyk e Guilherme Oliveira in terza e quarta posizione. Proprio il pilota portoghese ha fatto segnare il miglior questa mattina in 1'42"852, andando a beffare il compagno di squadra Maksim Arkhangelskii per meno di un decimo di secondo. Oliveira e Arkhangelskii hanno avuto una bella progressione nel corso della stagione, centrando il primo podio nella serie rispettivamente negli appuntamenti di Aragon e Valencia.

Seconda fila virtuale dello schieramento per il team Campos, con Pepe Martí e Sebastian Øgaard che sono gli unici piloti ancora in grado di contendere matematicamente il primato a Dilano Van't Hoff, solamente 15esimo dopo aver svettato nei test di venerdì. Bene Dani Macia, quinto davanti a Vladislav Ryabov, sceso in pista quest'oggi con l'unica monoposto di GRS. Valerio Rinicella, velocissimo ieri, non ha infatti ancora compiuto i 15 anni di età, e non può dunque prendere parte al fine settimana di gara vero e proprio. Lukas Malek, l'altro pilota proveniente dal programma Top Gun, è 22esimo al debutto nella serie.

Sabato 2 ottobre 2021, libere 1

1 - Guilherme Oliveira - Drivex - 1’42”852 - 7 giri
2 - Maksim Arkhangelskii - Drivex - 1’42”919 - 9
3 - Josep Martí - Campos - 1’43”081 - 13
4 - Sebastian Øgaard - Campos - 1’43”224 - 12
5 - Daniel Macia - Formula de Campeones - 1’43”409 - 9
6 - Vladislav Ryabov - GRS - 1’43”545 - 12
7 - Rik Koen - MP Motorsport - 1’43”559 - 13
8 - Manuel Espirito Santo - MP Motorsport - 1’43”561 - 18
9 - Georg Kelstrup - MP Motorsport - 1’43”566 - 19
10 - Suleiman Zanfari - MP Motorsport - 1’43”587 - 19
11 - Filip Jenic - Teo Martin - 1’43”765 - 8
12 - Noam Abramczyk - Drivex - 1’43”793 - 15
13 - Branden Oxley - Drivex - 1’43”838 - 11
14 - Jorge Campos - Teo Martin - 1’43”896 - 9
15 - Dilano Van't Hoff - MP Motorsport - 1’43”916 - 18
16 - Oleksandr Partyshev - Campos - 1’44”034 - 15
17 - Gil Molina - MP Motorsport - 1’44”071 - 16
18 - Noah Degnbol - MP Motorsport - 1’44”209 - 18
19 - Miron Pingasov - MP Motorsport - 1’44”401 - 17
20 - Enric Bordás - Formula de Campeones - 1’44”560 - 4
21 - Alejandro Garcia - Campos - 1’44”589 - 12
22 - Lukas Malek - Drivex - 1’44”724 - 16
23 - Lola Lovinfosse - Drivex - 1’44”942 - 18
24 - Emely De Heus - MP Motorsport - 1’45”171 - 19

1 Ott [17:07]

Jerez, test
Van’t Hoff primo, bene Rinicella

Mattia Tremolada

Una sessione di test, della durata di quattro ore, ha aperto il fine settimana del penultimo appuntamento della F4 spagnola di Jerez, con il leader di campionato Dilano Van’t Hoff che ha la concreta possibilità di chiudere in anticipo i giochi prima del round conclusivo di Barcellona. Al pilota olandese di MP Motorsport basta infatti mantenere più di 70 punti di vantaggio (al momento ne ha 93) nei confronti di Sebastian Øgaard, l’unico pilota insieme al compagno in Campos Pepe Martí ad essere ancora matematicamente in lizza al titolo.

Van’t Hoff è partito subito con il piede giusto, facendo segnare il miglior tempo in 1’43”229, mentre alle sue spalle ha stupito la novità Valerio Rinicella, che con il team GRS ha fermato i cronometri in 1’43”552. Classe 2007, il pilota di Aprilia dove la gavetta del kart ha recentemente iniziato a prendere confidenza con le monoposto di Formula 4, grazie anche al programma Top Gun creato da Marco Cioci e Giancarlo Fisichella. Rinicella aveva già preso parte ai test collettivi di Jerez disputati l’1 e 2 settembre, aggiungendo chilometri preziosi a quelli già accumulati tra il MotorPark Romania e Varano de’ Melegari. Non avendo ancora compiuto il 15esimo anno di età, Rinicella per il momento può solamente prendere parte ai test, mentre dovrà aspettare il 2022 per fare il proprio debutto in gara.



È invece atteso all’esordio con il team Drivex Lukas Malek, pilota slovacco in arrivo a propria volta dalla scuola Top Gun. Dopo i trascorsi nel WSK e nel campionato europeo CIK-FIA, Malek ha seguito un percorso simile a quello di Rinicella ed è ora atteso alla prima gara in carriera. Nei test di oggi ha chiuso con il 24esimo tempo, alle spalle di un altro kartista, Ricardo Escotto (Teo Martin), e distante solamente 1”6 dalla vetta. La squadra di Miguel Ángel de Castro ha piazzato Noam Abramczyk e Guilherme Oliveira in terza e quarta posizione, precedendo Vladislav Ryabov, quinto con la seconda monoposto di GRS. Dopo il debutto di Valencia Anshul Gandhi non sarà al via a Jerez, dove sarà assente anche Oliver Michl.

Venerdì 1 ottobre 2021, test

1 - Dilano Van't Hoff - MP Motorsport - 1’43”229 - 45 giri
2 - Valerio Rinicella - GRS - 1’43”552 - 58
3 - Noam Abramczyk - Drivex - 1’43”626 - 44
4 - Guilherme Oliveira - Drivex - 1’43”669 - 35
5 - Vladislav Ryabov - GRS - 1’43”693 - 19
6 - Gil Molina - MP Motorsport - 1’43”755 - 42
7 - Daniel Macia - Formula de Campeones - 1’43”775 - 36
8 - Sebastian Øgaard - Campos - 1’43”982 - 37
9 - Suleiman Zanfari - MP Motorsport - 1’44”046 - 44
10 - Enric Bordás - Formula de Campeones - 1’44”076 - 39
11 - Georg Kelstrup - MP Motorsport - 1’44”089 - 45
12 - Filip Jenic - Teo Martin - 1’44”105 - 32
13 - Rik Koen - MP Motorsport - 1’44”148 - 44
14 - Branden Oxley - Drivex - 1’44”263 - 35
15 - Maksim Arkhangelskii - Drivex - 1’44”263 - 44
16 - Josep Martí - Campos - 1’44”276 - 22
17 - Manuel Espirito Santo - MP Motorsport - 1’44”316 - 43
18 - Alejandro Garcia - Campos - 1’44”448 - 35
19 - Miron Pingasov - MP Motorsport - 1’44”540 - 39
20 - Jorge Campos - Teo Martin - 1’44”579 - 32
21 - Noah Degnbol - MP Motorsport - 1’44”614 - 28
22 - Emely De Heus - MP Motorsport - 1’44”678 - 42
23 - Ricardo Escotto - Teo Martin - 1’44”775 - 51
24 - Lukas Malek - Drivex - 1’44”899 - 47
25 - Oleksandr Partyshev - Campos - 1’45”074 - 39
26 - Lola Lovinfosse - Drivex - 1’45”744 - 48

PrevPage 1 of 6Next

News

F4 Spanish
v

FirstPrevPage 1 of 3NextLast
FirstPrevPage 1 of 3NextLast

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone