formula 1

McLaren ritrova il 4° posto con un
grande Norris e un ritrovato Ricciardo

Sorpasso. La McLaren si riprende il quarto posto nella classifica costruttori ai danni della Alpine-Renault grazie a un clamo...

Leggi »
formula 1

Alonso diventa il pilota che
ha corso il maggior numero di GP

Trecentocinquanta. 350. La statistica relativa ai piloti che hanno disputato il maggior numero di Gran Premi nella storia del...

Leggi »
World Endurance

Cadillac affida la sua LMDh a Ganassi
Al via con Bamber, Lynn e Westbrook

Michele Montesano Cadillac ha rivelato la formazione con cui affronterà la stagione 2023 del FIA WEC. A gestire la Cadillac...

Leggi »
formula 1

Perez e la safety car a Singapore:
cosa lascia perplessi della direzione gara

Sergio Perez ha potuto festeggiare la sua quarta vittoria in Formula 1, con quella che lui stesso ha definito "la miglio...

Leggi »
GT World Challenge

Montmelò, gara
Marciello prende anche l’Endurance
Cairoli trascina Dinamic al successo

È stato un tripudio tricolore quello andato in scena a Montmelò, dove i piloti italiani sono stati grandi protagonisti del fi...

Leggi »
formula 1

Perez re dei circuiti cittadini
Doppio podio per la Ferrari

Ma chi c'era sulla Red Bull-Honda numero 11? Sergio Perez o Max Verstappen? No, nessun dubbio. A dominare un difficilissi...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
25 Set [16:31]

Spa, gara: Prema vede il titolo
United Autosports torna al successo

Michele Montesano - Foto Speedy

Prima vittoria stagionale per il team United Autosports nella ELMS. A quasi un anno dal trionfo di Portimão, l’equipaggio composto da Phil Hanson, Duncan Tappy e Tom Gamble ha conquistato la 4 Ore di Spa-Francorchamps. Il team Prema, terzo al traguardo, ha sfiorato la conquista del titolo continentale con una gara in anticipo. Doppietta Ferrari in LMGTE con il Kessel Racing che ha preceduto sotto la bandiera a scacchi la vettura gemella delle Iron Dames.

Grazie ad un ottimo avvio, Tappy è riuscito a issarsi dalla quarta alla seconda posizione portandosi negli scarichi del leader Nicklas Kruetten, al volante dell’Oreca del Cool Racing. Gli uomini di United Autosports, hanno sfruttato al meglio le varie fasi di neutralizzazione per effettuare le soste ai box e permettere al trio di restare costantemente in lotta per la vittoria. La svolta è avvenuta a metà gara, quando il battistrada Nicolas Lapierre ha dovuto effettuare un intero giro con uno pneumatico forato prima di rientrare ai box. Hanson ha immediatamente sfruttato l’occasione, prendendo le redini della gara per poi lasciare a Gamble l’onore di tagliare per primo il traguardo. Nemmeno uno stop & go di 5 secondi, per aver superato l’Oreca del Panis Racing in regime di bandiere gialle, ha rallentato la marcia dello United Autosports (nella foto sotto).



Gara perfetta per l’Inter Europol Competition. Scattato dal fondo della griglia, Fabio Scherer si è reso protagonista di una rimonta forsennata culminata con la conquista della prima posizione al termine del suo stint. Tuttavia David Heinemeier-Hansson non si è rivelato efficace quanto lo svizzero scivolando al terzo posto in classifica assoluta. È poi toccato a Pietro Fittipaldi riconquistare la seconda posizione e gestire l’ultimo scorcio di gara contenendo la progressione del team Prema, arrivato in scia con un distacco di poco più di un secondo.

Autore di una partenza fulminea, Ferdinand Habsburg ha effettuato tre sorpassi nel corso della prima tornata. Terminato il periodo di safety-car, per recuperare la LMP3 Rob Hodes finita in ghiaia al primo giro, l’austriaco ha superato di potenza sul Raidillon Matthias Kaiser per salire in terza posizione. È toccato quindi a Juan Manuel Correa, alla sua prima gara nella ELMS, effettuare lo stint centrale per poi cedere l’Oreca a Louis Deletraz. Lo svizzero ha cercato di colmare il gap nei confronti dell’Inter Europol Competition dovendosi però accontentare del gradino più basso del podio. Con 24 punti di vantaggio sui secondi, e 26 ancora da assegnare nell’ultimo round di Portimão, la conquista del titolo piloti per Deletraz e Habsburg sarà solamente una formalità.



Fuori dal podio Julien Canal, Job van Uitert e Nicolas Jamin che hanno terminato davanti l’Oreca del Cool Racing del poleman Yifei Ye. Arrivo al fotofinish per la classe ProAm. Al termine della 4 Ore di Spa a dividere il Racing Team Turkey dall’AF Corse sono stati solamente 42 millesimi. Dopo aver tentato a lungo il sorpasso, Will Stevens, chiamato a sostituire Jack Aitkein, ha avuto la meglio in volata su Alessio Rovera, in equipaggio con Nicklas Nielsen e François Perrodo.



Terza vittoria consecutiva in LMP3 per l’Inter Europol Competition (nella foto sopra). Charlese Crews, Nicolas Pino e Guilherme Oliveira hanno conquistato anche la vetta del campionato per via dello zero in casella da parte del Cool Racing. Infatti, nel corso della prima ora, Maurice Smith è stato speronato da Horst Felbermayr a La Source riportando la rottura della sospensione posteriore destra sulla sua Ligier. Secondo posto per l’equipaggio del DKR Engineering composto da Tom Van Rompuy, Sebastian Alvarez e Alexander Bukhantsov. A chiudere il podio Anthony Wells e James Littlejhom che, nonostante un piccolo contatto in fase di doppiaggio, sono riusciti a portare sul traguardo la LMP3 del Nielsen Racing.



Prima affermazione stagionale per la Ferrari del Kessel Racing in LMGTE (nella foto sopra). Conrad Grunewald, Frederik Schandorff e Mikkel Jensen hanno preceduto la 488 GTE delle Iron Dames Michelle Gatting, Sarah Bovy e Dorianne Pin. Nelle prime fasi di gara il poleman si è reso protagonista di un pericoloso testacoda. Grunewald ha infatti perso il controllo della sua Ferrari al Raidillon rischiando di essere centrato dalla Bovy. La belga ne ha approfittato per prendere il comando della classe, per essere poi gestito dalla Pin nelle fasi centrali di gara. È toccato quindi a Jensen cercare di ricucire il distacco sulle Iron Dames. L’operazione è riuscita a 50 minuti dalla bandiera a scacchi, quando l’ufficiale Peugeot nel WEC ha superato la Gatting conquistando il meritato successo.

La Porsche dell’Absolute Racing ha completato il podio della LMGTE con Martin Rump, Alessio Picariello e Andrew Haryanto. Dopo aver militato nelle prime posizioni, l’Aston Martin dell’Oman Racing with TF Sport è scivolata al quarto posto di classe davanti la Porsche dei leader di campionato Gianmaria Bruni, Lorenzo Ferrari e Christian Ried.

Domenica 25 settembre 2022, gara

1 - Hanson/Tappy/Gamble (Oreca 07-Gibson) - United Autosports - 97 giri
2 - Scherer/Fittipaldi/Hansson (Oreca 07-Gibson) - Inter Europol - 23"508
3 - Delétraz/Correa/Habsburg (Oreca 07-Gibson) - Prema - 24"661
4 - Canal/Jamin/Van Uitert (Oreca 07-Gibson) - Panis - 35"904
5 - Lapierre/Kruetten/Ye (Oreca 07-Gibson) - Cool - 48"995
6 - Yoluc/Eastwood/Stevens (Oreca 07-Gibson) - R. T. Turkey - 1'04"217
7 - Perrodo/Nielsen/Rovera (Oreca 07-Gibson) - AF Corse - 1'04"259
8 - Ugran/Viscall (Oreca 07-Gibson) - Algarve Pro - 1'35"290
9 - Bradley/Rojas/De Barbuat (Oreca 07-Gibson) - Duqueine - 1'47"745
10 - Falb/Allen/Peroni (Oreca 07–Gibson) - Algarve Pro - 2'17"167
11 - Sales/Bell/Hanley (Oreca 07-Gibson) - Nielsen - 1 giro
12 - Cimadomo/Beche/Van der Helm (Oreca 07-Gibson) - TDS Vaillante - 1 giro
13 - Dracone/Campana/Pommer (Oreca 07-Gibson) - BHK - 2 giri
14 - Crews/Oliveira/Pino (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 4 giri
15 - Hodes/Aubry/Rodriguez (Oreca 07-Gibson) - Virage - 4 giri
16 - Alvarez/Bukhantsov/Van Rompuy (Duqueine M30-Nissan) - DKR - 4 giri
17 - Wells/Littlejohn (Ligier JS P3-Nissan) - Nielsen - 4 giri
18 - Maulini/Foubert/Doquin (Ligier JS P3-Nissan) - Cool - 5 giri
19 - Van Berlo/Bentley/McGuire (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosports - 5 giri
20 - Koebolt/De Sadeleer/Serrano (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational - 5 giri
21 - Grunewald/Schandorff/Jensen (Ferrari F488 GTE EVO) - Kessel - 5 giri
22 - Kaiser/Woodward/Richards (Ligier JS P3-Nissan) - 360 - 5 giri
23 - Pin/Gatting/Bovy (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 5 giri
24 - Haryanto/Rump/Picariello (Porsche 911 RSR) - Absolute - 6 giri
25 - Al Harthy/Sorensen/De Haan (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 6 giri
26 - Ried/Ferrari/Bruni (Porsche 911 RSR) - Proton - 6 giri
27 - Abramczyk/Kaprzyk/Dayson (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 6 giri
28 - Petrobelli/Hudspeth/Payne (Ferrari F488 GTE EVO) - JMW - 6 giri
29 - Fassbender/Robichon/Lietz (Porsche 911 RSR) - Proton - 7 giri
30 - Jensen/Adcock/Kapadia (Ligier JS P3-Nissan) - RLR - 7 giri
31 - Hartshorne/Chaves/Adam (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 7 giri
32 - Schiavoni/Cressoni/Rigon (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 7 giri
33 - Ehret/Varrone/Alessi (Ferrari F488 GTE EVO) - Rinaldi - 10 giri
34 - Lloveras/Cristóvão (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational - 27 giri

Giro più veloce: Yifei Ye 2'03"544

Ritirati
Kaiser/Laurent/De Wilde (Oreca 07-Gibson) - Mühlner
Voisin/Caygill/Gehrsitz (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosports
Felbermayr/Catalano/McCusker (Ligier JS P3-Nissan) - RLR
Lafargue/Chatin/Pilet (Oreca 07-Gibson) - Idec
Smith/Benham/Jakobsen (Ligier JS P3-Nissan) - Cool

Il campionato LMP2
1.Delétraz/Habsburg 100 punti; 2.Colombo 85; 3.Canal/Jamin/Van Uitert 76; 4.Hanson/Tappy/Gamble 73.

Il campionato LMP3
1.Crews/Oliveira/Pino 79 punti; 2.Smith/Benham/Jakobsen 60; 3.Alvarez/Bukhantsov 52.

Il campionato GTE
1.Ried/Ferrari/Bruni 72 punti; 2.Schandorff/Jensen 63; 3.Schiavoni/Cressoni/Rigon 51.

24 Set [16:32]

Spa, qualifiche
Doppia pole per il Cool Racing

Michele Montesano

Sabato perfetto per il Cool Racing. In occasione del quinto round della ELMS, il team francese sul tracciato di Spa-Francorchamps ha conquistato la pole sia in classe LMP2 che in LMP3. È stato Yifei Ye a registrare il miglior crono della sessione fermando le lancette a 2’03”544. Il campione in carica si è dimostrato costantemente il più veloce sui saliscendi delle Ardenne regalando cosi la prima pole position stagionale al Cool Racing. Ci ha provato fino all’ultimo tentativo l’alfiere dell’IDEC Sport Patrick Pilet, ma si è dovuto accontentare del secondo tempo staccato di 3 decimi.

A scattare dalla seconda fila saranno Nicolas Jamin, terzo al volante della Oreca del Panis Racing, e la United Autosports di Phil Hanson. In gran spolvero nelle FP2, Charlie Eastwood ha conquistato il quinto crono nonché la pole di classe ProAm per il Racing Team Turkey. L’ufficiale Ferrari in GT Nicklas Nielsen ha issato in settima posizione l’Oreca preparata da AF Corse precedendo, per soli 43 millesimi, il portacolori del Team Prema Louis Deletraz. La qualifica delle LMP2 è stata divisa esattamente a metà dalla bandiera rossa esposta in seguito al testacoda dell’Oreca di Fabio Scherer alla curva Bruxelles.



Implacabile Malthe Jakobsen (nella foto sopra) che ha siglato la sua quinta pole consecutiva in LMP3. Il danese si è rivelato ancora una volta il più veloce sul giro secco conquistando l’ennesima prima fila per il Cool Racing nella classe cadetta. Il ritmo sostenuto da Jakobsen è stato inavvicinabile per gli avversari, tanto da staccare di 8 decimi la United Autosports di Kay van Berlo secondo al traguardo. A seguire, in seconda fila, Nico Pino, al volante della Duqueine dell’Inter Europol Competition, e Sebastien Alvarez sulla Ligier DKR Engineering.

Pole con brivido in classe LMGTE per la Ferrari del debuttante Conrad Grunewald. Il pilota americano del Kessel Racing appena uscito dai box si è reso protagonista di un leggero contatto con la Ferrari di Diego Alessi. Nessun danno per entrambi con Grunewald che, dopo aver siglato il suo miglior crono in 2’17”074, ha riportato la sua 488 GTE in pitlane osservando il resto della sessione dai box. La scelta si è rivelata vincente poiché nessuno è riuscito a migliorare il suo tempo. Ahmad Al Harthy ha chiuso secondo ad oltre un secondo, terzo crono per Alessi ottenuto proprio sotto la bandiera a scacchi. Quarto tempo per l’Iron Dames Sarah Bovy che ha preceduto la Porsche del leader di campionato Christian Ried in equipaggio con Gianmaria Bruni e Lorenzo Ferrari.

Sabato 24 settembre 2022, qualifica

1 - Lapierre/Kruetten/Ye (Oreca 07-Gibson) - Cool - 2'03"544
2 - Lafargue/Chatin/Pilet (Oreca 07-Gibson) - Idec - 2'03"851
3 - Canal/Jamin/Van Uitert (Oreca 07-Gibson) - Panis - 2'04"172
4 - Hanson/Tappy/Gamble (Oreca 07-Gibson) - United Autosport - 2'04"175
5 - Yoluc/Eastwood/Stevens (Oreca 07-Gibson) - R. T. Turkey - 2'04"282
6 - Kaiser/Laurent/De Wilde (Oreca 07-Gibson) - Mühlner - 2'04"443
7 - Perrodo/Nielsen/Rovera (Oreca 07-Gibson) - AF Corse - 2'04"502
8 - Delétraz/Correa/Habsburg (Oreca 07-Gibson) - Prema - 2'04"545
9 - Ugran/Viscall (Oreca 07-Gibson) - Algarve Pro - 2'04"842
10 - Cimadomo/Beche/Van der Helm (Oreca 07-Gibson) - TDS Vaillante - 2'04"865
11 - Falb/Allen/Peroni (Oreca 07–Gibson) - Algarve Pro - 2'04"891
12 - Hodes/Aubry/Rodriguez (Oreca 07-Gibson) - Virage - 2'04"970
13 - Bradley/Rojas/De Barbuat (Oreca 07-Gibson) - Duqueine - 2'05"560
14 - Sales/Bell/Hanley (Oreca 07-Gibson) - Nielsen - 2'06"365
15 - Dracone/Campana/Pommer (Oreca 07-Gibson) - BHK - 2'07"170
16 - Smith/Benham/Jakobsen (Ligier JS P3-Nissan) - Cool - 2'11"062
17 - Van Berlo/Bentley/McGuire (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport - 2'11"992
18 - Crews/Oliveira/Pino (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 2'12"233
19 - Alvarez/Bukhantsov/Van Rompuy (Duqueine M30-Nissan) - DKR - 2'12"346
20 - Voisin/Caygill/Gehrsitz (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport - 2'12"391
21 - Lloveras/Cristóvão (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational - 2'12"437
22 - Felbermayr/Catalano/McCusker (Ligier JS P3-Nissan) - RLR - 2'12"443
23 - Jensen/Adcock/Kapadia (Ligier JS P3-Nissan) - RLR - 2'12"913
24 - Maulini/Foubert/Doquin (Ligier JS P3-Nissan) - Cool - 2'13"092
25 - Kaiser/Woodward/Richards (Ligier JS P3-Nissan) - 360 - 2'13"128
26 - Koebolt/De Sadeleer/Serrano (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational - 2'13"276
27 - Wells/Littlejohn (Ligier JS P3-Nissan) - Nielsen - 2'13"369
28 - Abramczyk/Kaprzyk/Dayson (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 2'13"768
29 - Grunewald/Schandorff/Jensen (Ferrari F488 GTE EVO) - Kessel - 2'17"074
30 - Al Harthy/Sorensen/De Haan (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 2'18"185
31 - Ehret/Varrone/Alessi (Ferrari F488 GTE EVO) - Rinaldi - 2'18"297
32 - Pin/Gatting/Bovy (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 2'18"333
33 - Ried/Ferrari/Bruni (Porsche 911 RSR) - Proton - 2'18"667
34 - Haryanto/Rump/Picariello (Porsche 911 RSR) - Absolute - 2'19"502
35 - Petrobelli/Hudspeth/Payne (Ferrari F488 GTE EVO) - JMW - 2'19"741
36 - Schiavoni/Cressoni/Rigon (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 2'20"580
37 - Fassbender/Robichon/Lietz (Porsche 911 RSR) - Proton - 2'20"629
38 - Hartshorne/Chaves/Adam (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 2'20"696
39 - Scherer/Fittipaldi/Hansson (Oreca 07-Gibson) - Inter Europol - Senza tempo

23 Set [16:55]

Iron Lynx vince il ricorso e
conquista la 4 Ore di Monza

Michele Montesano

Il fine settimana della 4 Ore di Spa-Francorchamps è già entrato nel vivo, ma la ELMS ha fatto un passo indietro tornando alla gara di Monza. Infatti il team Iron Lynx, dopo aver vinto il ricorso dinnanzi al National Appeal Tribunal della FFSA, è stato dichiarato vincitore della 4 Ore disputata sul Tempio della velocità il 3 luglio scorso.

Il trionfo di classe LMGTE era stato conquistato sul campo da Davide Rigon, Claudio Schiavoni e Matteo Cressoni. Ma, dopo aver tagliato il traguardo, la Ferrari 488 GTE è rientrata in pitlane spinta dalla vettura gemella delle Iron Dames (nella foto sotto). Tale manovra è stata sanzionata con la squalifica al termine della gara (
leggi l'articolo QUI).



In seguito, la squadra italiana ha impugnato tale decisione vincendo il ricorso davanti la Corte d’Appello Nazionale della FFSA. La decisione del collegio dei commissari ha confermato che i fatti contestati costituiscono una violazione del regolamento sportivo, tuttavia la squalifica è stata tramutata in una multa da 10.000 €. Ciò significa che Rigon, Schiavoni e Cressoni si trovano ora in seconda posizione nella classifica di classe LMGTE, staccati di 13 punti dalla Porsche del Proton Competition di Gianmaria Bruni, Lorenzo Ferrari e Christian Ried che inizialmente avevano ereditato proprio la vittoria di Monza.


28 Ago [16:03]

Montmelò - Gara
Strapotere Prema

Mattia Tremolada

Un dominio senza eguali ha regalato all’equipaggio del team Prema composto da Louis Deletraz, Lorenzo Colombo e Ferdinand Habsburg la terza affermazione in quattro gare. Scattato dalla settima piazza il pilota austriaco si è portato in quarta posizione nel corso del primo passaggio, andando poi a scavalcare Salih Yoluc, Niklas Krutten e Julien Canal nel corso del primo stint. Presa la testa dopo 37 minuti di gara, il trio di Prema non ha più mollato il comando, andando a doppiare tutti i propri avversari ad eccezione delle Oreca di Panis e Cool Racing.

Quest'ultime scattavano dalla prima fila, ma non hanno tenuto la corretta posizione sul rettifilo di partenza, rimediando 5” di penalità, scontati al primo pit stop. Tuttavia, proprio in occasione della sosta gli uomini di Panis hanno commesso un’infrazione e sono stati puniti con altri 10”. La squadra francese è comunque riuscita ad avere la meglio di Cool Racing, che ha perso tempo prezioso per sostituire il muso della propria Oreca in seguito ad un contatto di Nicolas Lapierre con un doppiato. Quando mancano due appuntamenti al termine della stagione l’equipaggio di Prema ha 21 punti di vantaggio (ne restano 52 da assegnare) nei confronti di Canal/Jamin/Van Uitert.



United Autosport ha chiuso ai piedi del podio, rimediando però un giro di ritardo, mentre AF Corse con il quinto posto assoluto si è assicurata il primato di classe LMP2 Pro-Am grazie alla prestazione di Alessio Rovera, Nicklas Nielsen e Francois Perrodo. Gara disastrosa per l’equipaggio di Idec Sport, che dopo la vittoria di Monza occupava la seconda posizione in classifica. Paul Lafargue ha perso il controllo della propria vettura alla staccata di curva 1, colpendo il muro con il muso e poi insabbiandosi.



In classe LMP3 la Duqueine del team DKR è finalmente tornata in lizza per il successo dopo una prima parte di stagione in salita. Nonostante un’escursione sull’erba Alvarez/Bukhantsov/Van Rompuy hanno chiuso in seconda posizione alle spalle di Crews/Oliveira/Pino di Inter Europol, che si portano a soli 5 punti di ritardo da Smith/Benham/Jakobsen, terzi dopo la pole position conquistata dal 19enne danese.

Ancora una volta splendida prestazione da parte di Gianmaria Bruni in classe GTE. Dopo gli ottimi stint di Christian Ried e Lorenzo Ferrari, la Porsche di Proton si è trovata ad inseguire la Ferrari di David Perel nelle battute conclusive, ma girando circa un secondo al giro più rapido Bruni ha rapidamente ricucito nei confronti del sudafricano, sferrando l’attacco alla prima occasione disponibile. Ried/Ferrari/Bruni allungano così in vetta alla classifica, portandosi a +28 proprio nei confronti di Cameron/Griffin/Perel.



A podio anche la Ferrari JMW di Petrobelli/Hudspeth/Molina nonostante un contatto del gentleman Giacomo Petrobelli con l’attore Michael Fassbender, spedito in testacoda mentre occupava una promettente seconda piazza. Con la vettura danneggiata la star di Hollywood è poi finita nuovamente in testacoda, perdendo la possibilità di lottare per il podio. Fuori gioco anche l’Aston Martin di TF Sport, con il poleman Ahmad Al Harthy che ha commesso diverse sbavature nelle prime fasi prima di colpire la Ferrari di Kessel affidata a Takeshi Kimura. 

Domenica 28 agosto 2022, gara

1 - Delétraz/Colombo/Habsburg (Oreca 07-Gibson) - Prema - 132 giri
2 - Canal/Jamin/Van Uitert (Oreca 07-Gibson) - Panis - 22”926
3 - Lapierre/Kruetten/Ye (Oreca 07-Gibson) - Cool - 1’17”973
4 - Hanson/Tappy/Gamble (Oreca 07-Gibson) - United Autosport - 1 giro
5 - Perrodo/Nielsen/Rovera (Oreca 07-Gibson) - AF Corse - 1 giro
6 - Fjordbach/Bradley/Rojas (Oreca 07-Gibson) - Duqueine - 1 giro
7 - Sales/Bell/Hanley (Oreca 07-Gibson) - Nielsen - 1 giro
8 - Falb/Allen/Peroni (Oreca 07–Gibson) - Algarve Pro - 1 giro
9 - Kaiser/Laurent/De Wilde (Oreca 07-Gibson) - Mühlner - 1 giro
10 - Yoluc/Eastwood/Aitken (Oreca 07-Gibson) - R. T. Turkey - 2 giri
11 - Cimadomo/Beche/Van der Helm (Oreca 07-Gibson) - TDS Vaillante - 2 giri
12 - Floersch/Viscaal (Oreca 07-Gibson) - Algarve Pro - 2 giri
13 - Lafargue/Chatin/Pilet (Oreca 07-Gibson) - Idec - 2 giri
14 - Hodes/Aubry/Rodriguez (Oreca 07-Gibson) - Virage - 3 giri
15 - Dracone/Campana/Pommer (Oreca 07-Gibson) - BHK - 4 giri
16 - Scherer/Fittipaldi/Hansson (Oreca 07-Gibson) - Inter Europol - 6 giri
17 - Crews/Oliveira/Pino (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 7 giri
18 - Alvarez/Bukhantsov/Van Rompuy (Duqueine M30-Nissan) - DKR - 7 giri
19 - Smith/Benham/Jakobsen (Ligier JS P3-Nissan) - Cool - 8 giri
20 - Kaiser/Woodward/Richards (Ligier JS P3-Nissan) - 360 - 8 giri
21 - Van Berlo/Lloveras/Hunt (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational - 8 giri
22 - Jensen/Adcock/Kapadia (Ligier JS P3-Nissan) - RLR - 9 giri
23 - Koebolt/Rousset/De Sadeleer (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational - 9 giri
24 - Felbermayr/Catalano/McCusker (Ligier JS P3-Nissan) - RLR - 9 giri
25 - Ried/Ferrari/Bruni (Porsche 911 RSR) - Proton - 10 giri
26 - Cameron/Griffin/Perel (Ferrari F488 GTE EVO) - Spirit of Race - 10 giri
27 - Petrobelli/Hudspeth/Molina (Ferrari F488 GTE EVO) - JMW - 10 giri
28 - Kimura/Schandorff/Jensen (Ferrari F488 GTE EVO) - Kessel - 10 giri
29 - Haryanto/Rump/Picariello (Porsche 911 RSR) - Absolute - 10 giri
30 - Schiavoni/Cressoni/Rigon (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 10 giri
31 - Hartshorne/Chaves/Adam (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 10 giri
32 - Fassbender/Robichon/Lietz (Porsche 911 RSR) - Proton - 10 giri
33 - Ehret/Varrone/Alessi (Ferrari F488 GTE EVO) - Rinaldi - 11 giri
34 - Voisin/Caygill/Gehrsitz (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport - 11 giri
35 - Abramczyk/Kaprzyk/Dayson (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 12 giri
36 - Al Harthy/Sorensen/De Haan (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 13 giri

Ritirati
Van Berlo/Bentley/McGuire (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport
Maulini/Foubert/Doquin (Ligier JS P3-Nissan) - Cool
Pin/Gatting/Bovy (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx

Il campionato LMP2
1.Delétraz/Colombo/Habsburg 85 punti; 2.Canal/Jamin/Van Uitert 64; 3.Hanson/Tappy/Gamble 48.

Il campionato LMP3
1.Smith/Benham/Jakobsen 59 punti; 2.Crews/Oliveira/Pino 54; 3.Jensen/Adcock/Kapadia 47.

Il campionato GTE
1.Ried/Ferrari/Bruni 69 punti; 2.Cameron/Griffin/Perel 41; 3.Kimura/Schandorff/Jensen 40.‍

27 Ago [16:53]

Montmelò, qualifiche
Jamin regala la pole a Panis

Mattia Tremolada - Foto Speedy

Con un gran giro finale, Nico Jamin è riuscito a firmare la prima pole position stagionale per il team Panis Racing (supportato dal personale di Tech1). Il pilota francese, aveva chiuso il primo tentativo in terza posizione alle spalle del poleman provvisorio Paul Loup Chatin e di Yifei Ye. Chatin e il team Idec, hanno deciso di non utilizzare il secondo set per conservare un treno di gomme in vista della gara di domani e così, dopo aver chiuso al comando il primo tentativo, Chatin è stato scavalcato da Ye, da Jack Aitken ed infine da Jamin.

Anche Alessio Rovera ha tentato di inserirsi nella contesa, chiudendo quinto a poco meno di due decimi dalla pole position. Sesta posizione per Mathias Beche, già poleman a Le Castellet e Monza. In quarta fila scatterà invece la vettura del team Prema, che guida la classifica di campionato grazie a due vittorie ed un quinto posto. Lorenzo Colombo fa ancora parte della line-up in quanto Juan Manuel Correa è impegnato nella tappa di Spa del FIA Formula 3. Da segnalare anche la presenza di Ian Rodriguez, già vincitore nella F4 Italia, nella Formula Regional European e nella Formula Regional US, con il team Virage, dove sostituisce l'esperto Jazeman Jaafar.



Prosegue invece il dominio di Malthe Jakobsen in classe LMP3. Il 19enne danese ha firmato la pole position a Le Castellet ed a Imola (a Monza ha chiuso secondo) oltre che in un’apparizione spot in IMSA a Road America, confermandosi come il miglior interprete della categoria a livello globale. Impressionante la sua progressione, con un primo riferimento in 1’40”394 seguito da un 1’40”112 ed infine 1’39”945. Quest’ultimo crono è poi stato cancellato per track limits, ma avendo rifilato sei decimi a Nico Pino gli sarebbe bastato il primo dei tempi messi a segno per assicurarsi la pole.

In classe LMP3, line-up rinnovate per EuroInternational. Freddie Hunt, 35enne figlio di James, ha raggiunto Xavier Lloveras (risultato 11esimo di classe) e Glenn Van Berlo, mentre Max Koebolt sulla Ligier gemella, che scatterà una posizione più avanti, è stato affiancato da Louis Rousset e Jerome De Sadeleer.



Novità anche sulla griglia di partenza di classe GTE. Doriane Pin ha preso il posto di Rahel Frey, che ha deciso di concentrarsi su WEC e GT World Challenge, dove l’equipaggio delle Iron Dames occupa la prima posizione in classe Gold grazie alla vittoria alla 24 Ore di Spa. A qualificare la 488 rosa è stata Sarah Bovy, seconda alle spalle dell’imprendibile Ahmed Al Harthy, che è diventato il primo pilota della categoria a firmare due pole position nel 2022. Miguel Molina ha rilevato il sedile di Matthew Payne nel team JMW, mentre Diego Alessi, campione dell’ADAC GT Masters nel 2013, ha fatto il proprio ritorno alle competizioni con Rinaldi, qualificandosi quarto alle spalle anche di Christian Ried.

Sabato 27 agosto 2022, qualifica

1 - Canal/Jamin/Van Uitert (Oreca 07-Gibson) - Panis - 1'34”802
2 - Lapierre/Kruetten/Ye (Oreca 07-Gibson) - Cool - 1'34”899
3 - Yoluc/Eastwood/Aitken (Oreca 07-Gibson) - R. T. Turkey - 1'34”947
4 - Lafargue/Chatin/Pilet (Oreca 07-Gibson) - Idec - 1'34”976
5 - Perrodo/Nielsen/Rovera (Oreca 07-Gibson) - AF Corse - 1'34”995
6 - Cimadomo/Beche/Van der Helm (Oreca 07-Gibson) - TDS Vaillante - 1'35”183
7 - Delétraz/Colombo/Habsburg (Oreca 07-Gibson) - Prema - 1'35”207
8 - Scherer/Fittipaldi/Hansson (Oreca 07-Gibson) - Inter Europol - 1'35”288
9 - Hanson/Tappy/Gamble (Oreca 07-Gibson) - United Autosport - 1'35”400
10 - Floersch/Viscaal (Oreca 07-Gibson) - Algarve Pro - 1'35”620
11 - Sales/Bell/Hanley (Oreca 07-Gibson) - Nielsen - 1'35”640
12 - Falb/Allen/Peroni (Oreca 07–Gibson) - Algarve Pro - 1'35”719
13 - Kaiser/Laurent/De Wilde (Oreca 07-Gibson) - Mühlner - 1'35”744
14 - Dracone/Campana/Pommer (Oreca 07-Gibson) - BHK - 1'36”226
15 - Hodes/Aubry/Rodriguez (Oreca 07-Gibson) - Virage - 1'36”342
16 - Fjordbach/Bradley/Rojas (Oreca 07-Gibson) - Duqueine - 1'36”923
17 - Smith/Benham/Jakobsen (Ligier JS P3-Nissan) - Cool - 1'40”112
18 - Crews/Oliveira/Pino (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 1'40”778
19 - Voisin/Caygill/Gehrsitz (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport - 1'41”005
20 - Maulini/Foubert/Doquin (Ligier JS P3-Nissan) - Cool - 1'41”227
21 - Alvarez/Bukhantsov/Van Rompuy (Duqueine M30-Nissan) - DKR - 1'41”347
22 - Van Berlo/Bentley/McGuire (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport - 1'41”409
23 - Kaiser/Woodward/Richards (Ligier JS P3-Nissan) - 360 - 1'41”421
24 - Felbermayr/Catalano/McCusker (Ligier JS P3-Nissan) - RLR - 1'41”613
25 - Abramczyk/Kaprzyk/Dayson (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 1'41”689
26 - Koebolt/Rousset/De Sadeleer (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational - 1'41”745
27 - Van Berlo/Lloveras/Hunt (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational - 1'41”865
28 - Jensen/Adcock/Kapadia (Ligier JS P3-Nissan) - RLR - 1'41”892
29 - Al Harthy/Sorensen/De Haan (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 1’45”692
30 - Pin/Gatting/Bovy (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 1'46”038
31 - Ried/Ferrari/Bruni (Porsche 911 RSR) - Proton - 1'46”103
32 - Ehret/Varrone/Alessi (Ferrari F488 GTE EVO) - Rinaldi - 1'46”459
33 - Kimura/Schandorff/Jensen (Ferrari F488 GTE EVO) - Kessel - 1’46”561
34 - Fassbender/Robichon/Lietz (Porsche 911 RSR) - Proton - 1’46”686
35 - Haryanto/Rump/Picariello (Porsche 911 RSR) - Absolute - 1'46”695
36 - Petrobelli/Hudspeth/Molina (Ferrari F488 GTE EVO) - JMW - 1'46”734
37 - Cameron/Griffin/Perel (Ferrari F488 GTE EVO) - Spirit of Race - 1’46”761
38 - Schiavoni/Cressoni/Rigon (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 1’47”433
39 - Hartshorne/Chaves/Adam (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 1’48”531

4 Lug [0:28]

Prema penalizzata scende dal podio
Iron Lynx squalificata perde la vittoria

Michele Montesano

Finale amaro per due squadre italiane al termine della 4 Ore di Monza valida per la ELMS. In serata è arrivata la nota ufficiale che vede il Team Prema perdere il podio in LMP2 e l’Iron Lynx addirittura la vittoria di classe GTE.

Sotto la lente d’ingrandimento è finito Ferdinand Habsburg che, rientrando ai box, ha decelerato troppo (30 km/h) all’ingresso della corsia creando una situazione di pericolo per le vetture a seguire. Tale manovra è stata sanzionata con 10” da sommare a fine gara, facendo scivolare l’Oreca della squadra vicentina al quinto posto assoluto dietro il Mühlner Motorsport e lo United Autosports. Dopo le vittorie di Le Casteller e Imola, per Prema si è interrotta la striscia positiva che vedeva il team sempre a podio nel suo anno di debutto nella ELMS.



È andata decisamente peggio a Claudio Schiavoni, Matteo Cressoni e Davide Rigon che hanno perso la vittoria in GTE. Dopo aver tagliato il traguardo, la Ferrari 488 ha finito il carburante ed è rientrata in pitlane spinta dalla vettura gemella delle Iron Dames (nella foto sopra). Il regolamento del parc fermé prevede che le vetture dopo l’arrivo non debbano ricevere aiuti esterni. La squalifica è stata inevitabile, così a ereditare la vittoria è stata la Porsche del Proton Competition di Gianmaria Bruni, Lorenzo Ferrari e Christian Ried. Completano il podio la Ferrari Kessel di Takeshi Kimura, Frederic Schandorff e Mikkel Jensen e la Porsche Absolute Racing del terzetto Alessio Picariello, Andrew Haryanto e Martin Rump.

Domenica 3 luglio 2022, gara

1 - Lafargue/Chatin/Pilet (Oreca 07-Gibson) - Idec - 121 giri
2 - Canal/Jamin/Van Uitert (Oreca 07-Gibson) - Panis - 13"209
3 - Kaiser/Laurent/De Wilde (Oreca 07-Gibson) - Mühlner - 28"177
4 - Hanson/Tappy/Gamble (Oreca 07-Gibson) - United Autosport - 29"066
5 - Delétraz/Colombo/Habsburg (Oreca 07-Gibson) - Prema - 29"496
6 - Sales/Bell/Hanley (Oreca 07-Gibson) - Nielsen - 29"702
7 - Yoluc/Eastwood/Aitken (Oreca 07-Gibson) - R. T. Turkey - 29"768
8 - Lapierre/Kruetten/Ye (Oreca 07-Gibson) - Cool - 31"790
9 - Falb/Allen/Peroni (Oreca 07–Gibson) - Algarve Pro - 33"875
10 - Floersch/Viscall (Oreca 07-Gibson) - Algarve Pro - 44"459
11 - Scherer/Fittipaldi/Hansson (Oreca 07-Gibson) - Inter Europol - 46"571
12 - Perrodo/Nielsen/Rovera (Oreca 07-Gibson) - AF Corse - 1 giro
13 - Cimadomo/Beche/Van der Helm (Oreca 07-Gibson) - TDS Vaillante - 1 giro
14 - Dracone/Campana/Pommer (Oreca 07-Gibson) - BHK - 1 giro
15 - Hodes/Aubry/Jaafar (Oreca 07-Gibson) - Virage - 1 giro
16 - Trouillet/Page/Droux (Oreca 07-Gibson) - Graff - 2 giri
17 - Crews/Oliveira/Pino (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 4 giri
18 - Kaiser/Woodward/Richards (Ligier JS P3-Nissan) - 360 - 4 giri
19 - Koebolt/Bell (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational - 4 giri
20 - Jensen/Adcock/Kapadia (Ligier JS P3-Nissan) - RLR - 5 giri
21 - Voisin/Caygill/Gehrsitz (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport - 5 giri
22 - Maulini/Foubert/Doquin (Ligier JS P3-Nissan) - Cool - 5 giri
23 - Ried/Ferrari/Bruni (Porsche 911 RSR) - Proton - 6 giri
24 - Kimura/Schandorff/Jensen (Ferrari F488 GTE EVO) - Kessel - 6 giri
25 - Haryanto/Rump/Picariello (Porsche 911 RSR) - Absolute - 6 giri
26 - Frey/Gatting/Bovy (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 6 giri
27 - Wells/Littlejohn (Ligier JS P3-Nissan) - Nielsen - 6 giri
28 - Ehret/Varrone/Lancieri (Ferrari F488 GTE EVO) - Rinaldi - 6 giri
29 - Petrobelli/Hudspeth/Payne (Ferrari F488 GTE EVO) - JMW - 6 giri
30 - Cameron/Griffin/Perel (Ferrari F488 GTE EVO) - Spirit of Race - 6 giri
31 - Alvarez/Bukhantsov/Winslow (Duqueine M30-Nissan) - DKR - 7 giri
32 - Hook/Bleekemolen/Crestani (Ferrari F488 GTE EVO) - Rinaldi - 7 giri
33 - Al Harthy/Sorensen/De Haan (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 8 giri
34 - Hartshorne/Chaves/Adam (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 9 giri

Giro più veloce: Mathias Beche 1'38"032

Ritirati
Van Berlo/Lloveras/Chila (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational
Smith/Benham/Jakobsen (Ligier JS P3-Nissan) - Cool
Van Berlo/Bentley/McGuire (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport
Abramczyk/Kaprzyk/Dayson (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol
De Gerus/Bradley/Rojas (Oreca 07-Gibson) - Duqueine
Fassbender/Robichon/Lietz (Porsche 911 RSR) - Proton
Felbermayr/Catalano/McCusker (Ligier JS P3-Nissan) - RLR

Squalificati
Schiavoni/Cressoni/Rigon (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx

Il campionato
1.Delétraz/Colombo/Habsburg 60 punti; 2.Lafargue/Chatin/Pilet 47; 3.Canal/Jamin/Van Uitert 45; 4.Hanson/Tappy/Gamble 36; 5.Lapierre/Kruetten/Ye 29; 6.Floersch/Viscall 23; 7.Yoluc/Eastwood/Aitken 20; 8.Kaiser/Laurent/De Wilde 17; 9.De Gerus/Bradley/Rojas 8; 10.Sales/Bell/Hanley 8.



3 Lug [16:58]

Monza, gara
IDEC Sport trionfa, Iron Lynx in GT

Michele Montesano

Conquistando la vittoria di Monza l’IDEC Sport ha posto fine ad un digiuno che durava dal 2019, quando la compagine francese aveva conquistato il titolo della ELMS. Inoltre, trionfando nella terza gara stagionale del campionato, Paul Loup Chatin, Patrick Pilet e Paul Lafargue hanno di fatto interrotto la striscia vincente del team Prema giunto terzo al traguardo. Successo casalingo in GTE grazie alla Ferrari Iron Lynx di Claudio Schiavoni, Matteo Cressoni e Davide Rigon.

Con ben 4 interventi della safety car e una Full Course Yellow, non ci si è di certo annoiati nel Tempio della Velocità. Anzi le neutralizzazioni hanno permesso di variare le strategie tanto che l’Oreca dell’IDEC Sport, scattata dalla nona piazza, è riuscita a conquistare il successo. Inizialmente a comandare i giochi è stato l’alfiere del Cool Racing Niklas Kruetten poi superato da Ferdinand Habsburg, autore di un ottimo primo stint per conto del Team Prema.



Il valzer delle soste, assieme alle diverse fasi di neutralizzazioni, ha di fatto rimescolato continuamente le posizioni di vertice. Nel suo turno di guida Pilet ha poi preso le redini della gara seguito a stretto giro da Nicolas Lapierre e Lorenzo Colombo, subentrato ad Habsburg e leggermente attardato per via di una sosta ai box più lenta.

È toccato poi a Chatin finalizzare il gioco, superando il campione in carica Louis Deletraz (nella foto sotto) per installarsi così in prima posizione. Il portacolori dell’IDEC Sport ha iniziato ad intravedere un possibile spiraglio di vittoria nel corso dell’ultima mezz’ora di gara. Quando ha effettuato la penultima sosta, scontando anche una sanzione di 20” per non aver rispettato il limite di velocità in regime di Full Course Yellow. Il ritmo sostenuto gli ha permesso di uscire dai box con un ampio margine di vantaggio ottenendo così il meritato successo.



Vincitore esattamente un anno fa proprio a Monza, il team Panis Racing ha conquistato il secondo gradino del podio. Grazie ad una gara costante e priva di sbavature Julien Canal, Nico Jamin e Job van Uitert hanno consolidato il secondo posto in campionato proprio alle spalle della Prema. Il team italiano si è dimostrato ancora una volta in splendida forma ottenendo il terzo podio consecutivo in altrettante gare della ELMS.

Scontata una penalità di 10”, per un’infrazione al pitstop, Deletraz ha superato negli ultimi minuti di gara l’Oreca del Mühlner Motorsport di Thomas Laurent, Ugo de Wilde e Matthias Kaiser. A chiudere la top 5 lo United Autosports seguita dalla LMP2 del Nielsen Racing con Ben Hanley, Matt Bell e Rodrigo Sales vincitori di classe ProAm. AF Corse ha chiuso con il dodicesimo posto assoluto, attardata da problemi tecnici quando Alessio Rovera occupava la seconda posizione di classe ProAm.



Prima vittoria stagionale in LMP3 per l’Inter Europol Competition di Nico Pino, Charles Crews e Guilherme Oliveira (nella foto sopra). La classe cadetta ha dispensato numerosi colpi di scena e incidenti come quello di James Dayson alla staccata della prima variante, o il violento impatto di James McGuire all’uscita dell’Ascari.

La gara si è risolta nelle fasi finali quando il leader Finn Gehrsitz, al volante della Ligier United Autosports, è arrivato al contatto con Glenn Van Berlo andando in testacoda. Al portacolori dell’Eurointernational è stato inflitto un drive through regalando di fatto il successo all’Inter Europol Competition. Terrence Woodward, Ross Kaiser e Mark Richards (360 Racing) hanno ottenuto il secondo posto, mentre il podio è stato completato da Max Koebolt e Jerome de Sadeleer su Eurointernational.



Gara combattuta anche in GTE con la Ferrari dell’Iron Lynx (nella foto sopra) che ha conquistato la leadership e la vittoria casalinga nel corso dell’ultima ora. Schiavoni e Cressoni, nei rispettivi turni di guida, hanno mantenuto un passo che gli ha permesso di stare costantemente nelle prime 5 posizioni. È poi toccato a Davide Rigon mettere in mostra i galloni di pilota ufficiale.

L’italiano nel suo stint si è lanciato all’inseguimento del battistrada Lorenzo Ferrari scavalcandolo nel corso dell’ultima sosta ai box. A lungo al comando delle operazioni l’equipaggio del Proton Competition, composto anche da Gianmaria Bruni e dal poleman Christian Ried, ha concluso al secondo posto. A chiudere il podio la Ferrari del Kessel Racing di Takeshi Kimura, Frederic Schandorff e Mikkel Jensen. Protagonista di una partenza scoppiettante, Sarah Bovy, assieme alle altre Iron Dames Rahel Frey e Michelle Gatting, hanno terminato in quinta posizione di classe.

Domenica 3 luglio 2022, gara

1 - Lafargue/Chatin/Pilet (Oreca 07-Gibson) - Idec - 121 giri
2 - Canal/Jamin/Van Uitert (Oreca 07-Gibson) - Panis - 13"209
3 - Delétraz/Colombo/Habsburg (Oreca 07-Gibson) - Prema - 19"496
4 - Kaiser/Laurent/De Wilde (Oreca 07-Gibson) - Mühlner - 28"177
5 - Hanson/Tappy/Gamble (Oreca 07-Gibson) - United Autosport - 29"066
6 - Sales/Bell/Hanley (Oreca 07-Gibson) - Nielsen - 29"702
7 - Yoluc/Eastwood/Aitken (Oreca 07-Gibson) - R. T. Turkey - 29"768
8 - Lapierre/Kruetten/Ye (Oreca 07-Gibson) - Cool - 31"790
9 - Falb/Allen/Peroni (Oreca 07–Gibson) - Algarve Pro - 33"875
10 - Floersch/Viscall (Oreca 07-Gibson) - Algarve Pro - 44"459
11 - Scherer/Fittipaldi/Hansson (Oreca 07-Gibson) - Inter Europol - 46"571
12 - Perrodo/Nielsen/Rovera (Oreca 07-Gibson) - AF Corse - 1 giro
13 - Cimadomo/Beche/Van der Helm (Oreca 07-Gibson) - TDS Vaillante - 1 giro
14 - Dracone/Campana/Pommer (Oreca 07-Gibson) - BHK - 1 giro
15 - Hodes/Aubry/Jaafar (Oreca 07-Gibson) - Virage - 1 giro
16 - Trouillet/Page/Droux (Oreca 07-Gibson) - Graff - 2 giri
17 - Crews/Oliveira/Pino (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 4 giri
18 - Kaiser/Woodward/Richards (Ligier JS P3-Nissan) - 360 - 4 giri
19 - Koebolt/Bell (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational - 4 giri
20 - Jensen/Adcock/Kapadia (Ligier JS P3-Nissan) - RLR - 5 giri
21 - Voisin/Caygill/Gehrsitz (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport - 5 giri
22 - Maulini/Foubert/Doquin (Ligier JS P3-Nissan) - Cool - 5 giri
23 - Wells/Littlejohn (Ligier JS P3-Nissan) - Nielsen - 6 giri
24 - Schiavoni/Cressoni/Rigon (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 6 giri
25 - Ried/Ferrari/Bruni (Porsche 911 RSR) - Proton - 6 giri
26 - Kimura/Schandorff/Jensen (Ferrari F488 GTE EVO) - Kessel - 6 giri
27 - Haryanto/Rump/Picariello (Porsche 911 RSR) - Absolute - 6 giri
28 - Frey/Gatting/Bovy (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 6 giri
29 - Ehret/Varrone/Lancieri (Ferrari F488 GTE EVO) - Rinaldi - 6 giri
30 - Petrobelli/Hudspeth/Payne (Ferrari F488 GTE EVO) - JMW - 6 giri
31 - Cameron/Griffin/Perel (Ferrari F488 GTE EVO) - Spirit of Race - 6 giri
32 - Alvarez/Bukhantsov/Winslow (Duqueine M30-Nissan) - DKR - 7 giri
33 - Hook/Bleekemolen/Crestani (Ferrari F488 GTE EVO) - Rinaldi - 7 giri
34 - Al Harthy/Sorensen/De Haan (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 8 giri
35 - Hartshorne/Chaves/Adam (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 9 giri

Giro più veloce: Mathias Beche 1'38"032

Ritirati
Van Berlo/Lloveras/Chila (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational
Smith/Benham/Jakobsen (Ligier JS P3-Nissan) - Cool
Van Berlo/Bentley/McGuire (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport
Abramczyk/Kaprzyk/Dayson (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol
De Gerus/Bradley/Rojas (Oreca 07-Gibson) - Duqueine
Fassbender/Robichon/Lietz (Porsche 911 RSR) - Proton
Felbermayr/Catalano/McCusker (Ligier JS P3-Nissan) - RLR

3 Lug [0:29]

Monza, qualifica
Seconda pole per Beche

Michele Montesano

Seconda pole stagionale dopo quella di Le Castellet, per Mathias Beche al volante della Oreca del team TDS Vaillante. La European Le Mans Series, dopo la tappa di Imola, prosegue il suo cammino in Italia facendo visita all'autodromo di Monza. Beche ha trovato un buon giro che gli ha permesso di ottenere il tempo di 1'38"414 , ma non si è certo accontentato ed ha continuato a spingere fino ad arrivare al crono finale di 1'38"032 che gli è valso la pole. Al suo fianco scatterà Job Van Uitert, ottimo secondo con la Oreca del team Panis. L'olandese ha realizzato il tempo di 1'38"313. Pietro Fittipaldi sotto la bandiera a scacchi ha conquistato la terza posizione con la Oreca dell'Inter Europol. poi James Allen che nelle prime fasi della qualifica aveva occupato la prima piazza.

Quinto crono per il campione in carica Yifei Ye, al volante della Oreca del Cool Racing, proprio davanti al suo ex compagno di squadra Louis Deletraz. Lo svizzero portacolori del Team Prema, assieme a Lorenzo Colombo e Ferdinand Habsburg, comanda la classifica generale della ELMS. Jack Aitken, che inizialmente aveva conquistato la terza posizione, si è visto cancellare il suo tempo per aver superato i limiti della pista scendendo così al decimo posto. Scatterà dalla tredicesima posizione la LMP2 griffata AF Corse di Alessio Rovera, Nicklas Nielsen e François Perrodo.

Terza pole consecutiva in classe LMP3 per Malthe Jakobsen. Al portacolori del Cool Racing questa volta è bastato un solo giro per portarsi in cima alla graduatoria con un crono di 1’43”627. Non ha potuto nulla Nico Pino staccato a quasi 8 decimi. Il pilota dell’Inter Europol Competition è stato il primo a segnare il miglior riferimento, prima di essere scalzato proprio da Jakobsen. Terzo crono per Kay van Berlo che in classifica ha preceduto la vettura gemella dello United Autosports. La sessione è stata interrotta a poco più di 2 minuti dal termine per l’uscita di pista alla Parabolica di Antonine Doquin. Impatto senza conseguenze per il pilota che, dopo aver perso il controllo della sua vettura, ha colpito violentemente le barriere.

Prima pole position in carriera nella ELMS per Christian Ried. Il pilota del Proton Competition ha siglato il miglior tempo di classe GTE con un 1’48”859. Il portacolori Porsche si è reso protagonista di una battaglia sul filo dei decimi conto Sarah Bovy. Ancora una volta la ragazza delle Iron Dames è stata la Ferrari più veloce in pista ottenendo il secondo crono proprio come nel precedente round di Imola. Scatteranno dalla seconda fila la Porsche di Andrew Haryanto e la 488 GTE di Giacomo Petrobelli.

Sabato 2 luglio 2022, qualifica

1 - Cimadomo/Beche/Van der Helm (Oreca 07-Gibson) - TDS Vaillante - 1'38"032
2 - Canal/Jamin/Van Uitert (Oreca 07-Gibson) - Panis - 1'38"313
3 - Scherer/Fittipaldi/Hansson (Oreca 07-Gibson) - Inter Europol - 1'38"568
4 - Falb/Allen/Peroni (Oreca 07–Gibson) - Algarve Pro - 1'38"625
5 - Lapierre/Kruetten/Ye (Oreca 07-Gibson) - Cool - 1'38"701
6 - Delétraz/Colombo/Habsburg (Oreca 07-Gibson) - Prema - 1'38"746
7 - Hanson/Tappy/Gamble (Oreca 07-Gibson) - United Autosport - 1'38"776
8 - De Gerus/Bradley/Rojas (Oreca 07-Gibson) - Duqueine - 1'38"777
9 - Lafargue/Chatin/Pilet (Oreca 07-Gibson) - Idec - 1'38"826
10 - Yoluc/Eastwood/Aitken (Oreca 07-Gibson) - R. T. Turkey - 1'38"844
11 - Sales/Bell/Hanley (Oreca 07-Gibson) - Nielsen - 1'38"886
12 - Kaiser/Laurent/De Wilde (Oreca 07-Gibson) - Mühlner - 1'38"956
13 - Perrodo/Nielsen/Rovera (Oreca 07-Gibson) - AF Corse - 1'38"984
14 - Floersch/Viscall (Oreca 07-Gibson) - Algarve Pro - 1'39"089
15 - Hodes/Aubry/Jaafar (Oreca 07-Gibson) - Virage - 1'39"237
16 - Dracone/Campana/Pommer (Oreca 07-Gibson) - BHK - 1'39"324
17 - Trouillet/Page/Droux (Oreca 07-Gibson) - Graff - 1'39"976
18 - Smith/Benham/Jakobsen (Ligier JS P3-Nissan) - Cool - 1'43"627
19 - Crews/Oliveira/Pino (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 1'44"421
20 - Van Berlo/Bentley/McGuire (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport - 1'44"422
21 - Voisin/Caygill/Gehrsitz (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport - 1'44"721
22 - Jensen/Adcock/Kapadia (Ligier JS P3-Nissan) - RLR - 1'44"738
23 - Felbermayr/Catalano/McCusker (Ligier JS P3-Nissan) - RLR - 1'44"777
24 - Abramczyk/Kaprzyk/Dayson (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 1'44"792
25 - Wells/Littlejohn (Ligier JS P3-Nissan) - Nielsen - 1'44"796
26 - Van Berlo/Lloveras/Chila (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational - 1'44"844
27 - Maulini/Foubert/Doquin (Ligier JS P3-Nissan) - Cool - 1'45"191
28 - Koebolt/Bell (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational - 1'45"200
29 - Kaiser/Woodward/Richards (Ligier JS P3-Nissan) - 360 - 1'45"267
30 - Alvarez/Bukhantsov/Winslow (Duqueine M30-Nissan) - DKR - 1'45"902
31 - Ried/Ferrari/Bruni (Porsche 911 RSR) - Proton - 1'48"859
32 - Frey/Gatting/Bovy (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 1'49"105
33 - Haryanto/Rump/Picariello (Porsche 911 RSR) - Absolute - 1'49"521
34 - Petrobelli/Hudspeth/Payne (Ferrari F488 GTE EVO) - JMW - 1'49"735
35 - Ehret/Varrone/Lancieri (Ferrari F488 GTE EVO) - Rinaldi - 1'49"888
36 - Al Harthy/Sorensen/De Haan (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 1'50"118
37 - Fassbender/Robichon/Lietz (Porsche 911 RSR) - Proton - 1'50"272
38 - Kimura/Schandorff/Jensen (Ferrari F488 GTE EVO) - Kessel - 1'50"353
39 - Cameron/Griffin/Perel (Ferrari F488 GTE EVO) - Spirit of Race - 1'50"704
40 - Hook/Bleekemolen/Crestani (Ferrari F488 GTE EVO) - Rinaldi - 1'50"707
41 - Schiavoni/Cressoni/Rigon (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 1'51"170
42 - Hartshorne/Chaves/Adam (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 1'52"553

15 Mag [16:51]

Imola - Gara
Prema, profeta in patria, concede il bis

Michele Montesano - Foto Speedy

Gara tiratissima la 4 Ore di Imola, vissuta tutta in rimonta per il team Prema. La compagine italiana sull’autodromo in riva al Santerno, grazie ad una perfetta strategia, ha ottenuto il secondo successo consecutivo nella ELMS. Gran parte del merito va’ anche al terzetto composto da Lorenzo Colombo, Ferdinand Habsburg e il campione in carica Louis Deletraz che, con il loro ritmo forsennato, sono riusciti a neutralizzare i drive through ed uno Stop & Go comminatigli nel corso della gara. La coppia di United Autosports composta da Key Van Berlo e Andrew Bentley ha dominato la classe LMP3. Sonora doppietta in LMGTE per le Aston Martin Vantage dell’Oman Racing with TF Sport.

Scattato dalla terza posizione, Lorenzo Colombo è stato autore di una partenza fulminea superando immediatamente Philippe Cimadomo e François Perrodo che ha preso il via dalla pole. Il pilota del team Prema ha immediatamente preso il largo tentando la fuga dal resto del gruppo. Neanche l’intervento della safety-car, entrata nei primi minuti per rimuovere la LMP3 di Terrence Woodward, ha rallentato la marcia di Colombo. Ma la doccia fredda è arrivata dopo la prima mezz’ora, quando la direzione gara ha inflitto un drive-through all’italiano per non aver rispettato la procedura di partenza.



Fortunatamente un margine di oltre 14” sugli inseguitori e la Full Course Yellow, indispensabile per mettere in sicurezza la Ferrari di Pierre Heret speronata alla Tosa dalla Porsche di Michael Fassbender, ha permesso a Colombo di mantenere la leadership. Il team Prema è stato costretto ad effettuare un secondo drive-through, questa volta per aver attraversato la linea bianca all’uscita della pit-lane con Colombo che è scivolato al nono posto. Ne ha approfittato l’alfiere del Cool Racing Nicolas Lapierre, che ha ereditato la prima posizione seguito dall’Oreca del Panis Racing di Nicolas Jamin. Le due formazioni hanno ingaggiato un lungo duello che ha calamitato l’attenzione nello scorcio centrale della gara. Complice le strategie simili, la differenza l’hanno fatta i piloti in pista. Fra una serie di botta e risposta è stato Ye, più rapido a districarsi nel traffico e nei doppiaggi, ad avere la meglio e allungare verso la vittoria.

Nel mentre, Habsburg, subentrato a Colombo, è stato autore di uno stint centrale vissuto con il coltello fra i denti per recuperare posizioni preziose. Ciò nonostante l’alfiere Prema è stato costretto a scontare uno Stop & Go, nel corso dell’ultimo cambio pilota, per un’infrazione commessa dalla squadra durante la sosta ai box precedente. È toccato quindi a Deletraz, scivolato in quinta posizione, finalizzare la rimonta. Grazie ad una strategia differente e le numerose Full Course Yellow che hanno caratterizzato la 4 ore, il team Prema è riuscito a minimizzare il tempo perso per le tre penalizzazioni. Anzi, proprio l’ultima FCY, a mezz’ora dalla bandiera a scacchi per disincagliare l’Oreca del Mühlner Motorsport di Thomas Laurent, ha scompaginato ulteriormente le carte. Deletraz ne ha immediatamente approfittato effettuando l’ultima sosta per balzare al comando e non mollarlo fino alla bandiera a scacchi.



La lotta per il podio ha visto un gruppetto di mischia con lo United Autosports che, grazie a Tom Gamble, Phil Hanson e Duncan Tappy, è riuscito ad avere la meglio sul Cool Racing proprio nelle ultime fasi di gara. Job van Uitert, Julien Canal e Jamin hanno chiuso per una manciata di decimi fuori dal podio, l’equipaggio del Panis Racing ha pagato un ritmo poco incisivo nelle fasi conclusive dopo il restart. Con il settimo posto assoluto, il Racing Team Turkey si è assicurato la vittoria di classe LMP2 ProAm. Gara sfortunata per AF Corse: nel suo stint, Alessio Rovera è stato costretto a riportare la sua Oreca ai box per noie tecniche al retrotreno. Rientrato in pista, il prototipo ha concluso al quattordicesimo posto assoluto.



Primo successo stagionale per United Autosports in LMP3 (nella foto sopra). Il team di Zak Brown ha cancellato così la qualifica incolore di sabato. Anche in questo caso le numerose neutralizzazioni hanno permesso la risalita del team anglo-americano che si è installato al comando nel corso della seconda ora, grazie alla seconda safety car. È toccato poi a Van Berlo gestire la situazione fino alla bandiera a scacchi. A seguire le due Ligier del Cool Racing, dopo che la LMP3 dell’Inter Europol Competition è stata costretta ad alzare bandiera bianca vittima di un testacoda, per un guasto al sensore dell'acceleratore, nel corso degli ultimi quindici minuti. A Imola, il poleman Malthe Jakobsen non è riuscito a fare la differenza dovendo accontentarsi del gradino più basso del podio.



Partito dalla pole, l’equipaggio Aston Martin composto da Ahmad Al Harthy, Marco Sorensen e Samuel De Hann (foto sopra) hanno preceduto la vettura gemella di Henrique Chaves, Jonny Adam e John Hartsthorne. Il pilota dell’Oman, dopo una perentoria pole position, ha immediatamente allungato nel primo stint, lasciando poi il compito di portare la Vantage sul gradino più alto all’ufficiale Sorensen. Mai in dubbio la doppietta dell’Oman Racing with TF Sport, grazie anche ad una perfetta strategia di gara e ad Adam che nelle fasi centrali di gara ha issato la sua Vantage anche in prima posizione.

A tagliare il traguardo al terzo posto è stata la Ferrari 488 GTE del Kessel. Ma nelle verifiche post gara la vettura di Mikkel Jensen, Takeshi Kimura e Frederik Schandorff è stata squalificata per via del diffusore trovato non conforme alle specifiche tecniche. A ereditare il gradino più basso del podio è stato così lo Spirit of Race con Duncan Cameron, Matthew Griffin e David Perel. Nonostante una penalità di 1’03”, per non aver rispettato i tempi di guida del pilota Silver, il JMW Motorpsort ha mantenuto la quarta posizione davanti alla Ferrari griffata Iron Lynx di Davide Rigon, Matteo Cressoni e Claudio Schiavoni. Bisogna scendere al settimo posto per trovare la prima Porsche: la 911 RSR del Proton Competition. Sfortunate le ragazze dell’Iron Dames. Dopo un buon primo stint di Sarah Bovy, Rahel Frey ha subito una foratura che l’ha ricacciata nelle retrovie, è toccato poi a Michelle Gatting concludere in ottava posizione.

Domenica 15 maggio 2022, gara

1 - Delétraz/Colombo/Habsburg (Oreca 07-Gibson) - Prema - 127 giri
2 - Hanson/Tappy/Gamble (Oreca 07-Gibson) - United Autosport - 4"659
3 - Lapierre/Kruetten/Ye (Oreca 07-Gibson) - Cool - 29"182
4 - Canal/Jamin/Van Uitert (Oreca 07-Gibson) - Panis - 29"981
5 - Lafargue/Chatin/Pilet (Oreca 07-Gibson) - Idec - 1'04"138
6 - De Gerus/Bradley/Rojas (Oreca 07-Gibson) - Duqueine - 1'28"794
7 - Yoluc/Eastwood/Aitken (Oreca 07-Gibson) - R. T. Turkey - 1'29"192
8 - Floersch/Viscall (Oreca 07-Gibson) - Algarve Pro - 1 giro
9 - Scherer/Fittipaldi/Hansson (Oreca 07-Gibson) - Inter Europol - 1 giro
10 - Cimadomo/Beche/Van der Helm (Oreca 07-Gibson) - TDS - 2 giri
11 - Kaiser/Laurent/De Wilde (Oreca 07-Gibson) - Mühlner - 2 giri
12 - Sales/Bell/Hanley (Oreca 07-Gibson) - Nielsen - 2 giri
13 - Trouillet/Page/Droux (Oreca 07-Gibson) - Graff - 3 giri
14 - Perrodo/Nielsen/Rovera (Oreca 07-Gibson) - AF Corse - 4 giri
15 - Falb/Allen/Peroni (Oreca 07–Gibson) - Algarve Pro - 4 giri
16 - Van Berlo/Bentley (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport - 4 giri
17 - Dracone/Campana/Pommer (Oreca 07-Gibson) - BHK - 5 giri
18 - Maulini/Foubert/Doquin (Ligier JS P3-Nissan) - Cool - 5 giri
19 - Smith/Benham/Jakobsen (Ligier JS P3-Nissan) - Cool - 5 giri
20 - Al Harthy/Sorensen/De Haan (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 6 giri
21 - Jensen/Adcock/Kapadia (Ligier JS P3-Nissan) - RLR - 6 giri
22 - Hartshorne/Chaves/Adam (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 7 giri
23 - Cameron/Griffin/Perel (Ferrari F488 GTE EVO) - Spirit of Race - 7 giri
24 - Petrobelli/Hudspeth/Payne (Ferrari F488 GTE EVO) - JMW - 7 giri
25 - Alvarez/Bukhantsov/Van Rompuy (Duqueine M30-Nissan) - DKR - 8 giri
26 - Schiavoni/Cressoni/Rigon (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 8 giri
27 - Hook/Tunjo/Crestani (Ferrari F488 GTE EVO) - Rinaldi - 9 giri
28 - Fassbender/Robichon/Lietz (Porsche 911 RSR) - Proton - 10 giri
29 - Frey/Gatting/Bovy (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 20 giri
30 - Felbermayr/Catalano/McCusker (Ligier JS P3-Nissan) - RLR - 21 giri
31 - Siebert/Koebolt/De Sadeleer (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational - 21 giri
32 - Crews/Oliveira/Pino (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 22 giri

Giro più veloce: Lorenzo Colombo 1'33"702

Ritirati
Abramczyk/Kaprzyk/Dayson (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol
Hodes/Aubry/Jaafar (Oreca 07-Gibson) - Virage
Wells/Littlejohn (Ligier JS P3-Nissan) - Nielsen
Voisin/Caygill/Gehrsitz (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport
Haryanto/Rump/Picariello (Porsche 911 RSR) - Absolute
Van Berlo/Lloveras/Chila (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational
Ehret/Varrone/Lancieri (Ferrari F488 GTE EVO) - Rinaldi
Ried/Ferrari/Bruni (Porsche 911 RSR) - Proton
Kaiser/Woodward/Richards (Ligier JS P3-Nissan) - 360

Squalificati
Kimura/Schandorff/Jensen (Ferrari F488 GTE EVO) - Kessel

Il campionato
1.Delétraz/Colombo/Habsburg 50 punti; 2.Canal/Jamin/Van Uitert 27; 3.Lapierre/Kruetten/Ye 25; 4.Hanson/Tappy/Gamble 24; 5.Floersch/Viscall 22; 6.Lafargue/Chatin/Pilet 22; 7.Yoluc/Eastwood/Aitken 14; 8.De Gerus/Bradley/Rojas 8; 9.Perrodo/Nielsen/Rovera 5; 10.Cimadomo/Beche/Van der Helm 3.

PrevPage 1 of 10Next

News

elms
v

FirstPrevPage 1 of 2NextLast
FirstPrevPage 1 of 2NextLast

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone