indycar

Bandiera rossa a Detroit
Brutto incidente per Felix Rosenqvist

Brutto incidente per Felix Rosenqvist nella prima gara del weekend IndyCar di Detroit. Il pilota svedese è finito dritto nell...

Leggi »
World Endurance

Portimao - Qualifica
Alpine pole da usato garantito

Michele Montesano A dispetto del nuovo corso delle HyperCar, voluto da Aco e WEC, a siglare la pole position a Portimão è st...

Leggi »
formula 1

Gli incidenti di Baku: sotto accusa
le pressioni adottate in gara dai team

Sono trascorsi sette giorni dal Gran Premio di Baku e ancora non si conoscono le cause precise che hanno determinato il cedim...

Leggi »
formula 1

La Haas non è più ultima,
ma la lotta interna si scalda

Anche un 13esimo posto può valere moltissimo. Quello ottenuto da Mick Schumacher nella caotica domenica a Baku, per esempio, ...

Leggi »
Rally

Mossa a sorpresa McLaren:
dal 2022 entra in Extreme E

Sorpresa: la McLaren aprirà una nuova pagina della sua lunga storia sportiva debuttando nelle gare off-road. Quali? Quelle de...

Leggi »
IMSA

BMW conferma il programma LMDh
per il 2023 e con obiettivo Le Mans

Il nuovo direttore di BMW M Markus Flasch ha confermato che la marca bavarese realizzerà un programma LMDh per il 2023. Senza...

Leggi »
21 Giu [18:19]

Ricciardo e il salto in McLaren:
"Non c'era un attimo da perdere"

Massimo Costa - XPB Images

Daniel Ricciardo è più che convinto che la decisione, presa prima dell'avvio della stagione 2020, di firmare per il team McLaren per il 2021, sia stata la cosa più giusta che potesse fare. L'australiano inizierà il campionato di quest'anno da separato in casa con la Renault, certamente non una situazione ottimale per lui e per lo stesso team diretto da Cyril Abiteboul. Un rischio quello di Ricciardo, perché se la RS20 si dimostrerà competitiva, rischia di ripetere l'errore compiuto nell'estate del 2018 quando in agosto comunicò alla Red Bull che non avrebbe rinnovato il contratto perché sarebbe andato alla Renault. Idillio breve, brevissimo. La RS19 lo ha precipitato nelle posizioni di centro classifica, una situazione per lui insostenibile dopo gli eccezionali anni vissuti in Red Bull.

Al podcast della F1, Ricciardo ha spiegato: "Il mancato rinnovo di Vettel con la Ferrari ha dato il via a un effetto domino, tutto è successo velocemente, anche per Carlos Sainz. Dall'esterno forse poteva sembrare diversamente, ma era meglio muoversi subito perché di tempo non ce n'era. Inizieremo a correre a luglio, scopriremo in che forma saremo solo dopo qualche Gran Premio e dovremo aspettare agosto o settembre per saperne di più. Troppo tempo, sarebbe stato rischioso attendere fino a quel punto".

"Tutte le squadre che ti contattano cercano di convincerti, specialmente ora che non ci sono gare, e puoi solo andare da chi ti ispira di più. Se guardiamo al 2019, che è l'unico riferimento, la McLaren ha fatto scalpore, la Mercedes come al solito ha vinto il titolo, ma la McLaren ha compiuto un grande e chiaro step in avanti. Sono carichi, cambieranno motore dal 2021 da Renault a Mercedes e tutto questo mi da fiducia, ma non è stata una decisione facile e solo il tempo dirà se ho fatto bene o no" .

Nella foto, Ricciardo e Norris, suo futuro compagno di squadra

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone