formula 1

23 Gran Premi per il 2023
Imola se la gioca con Le Castellet

Circola già una prima bozza del calendario del Mondiale F1 2022. I Gran Premio potrebbero essere 23, di cui due in Italia. Il...

Leggi »
formula 1

Mercedes lancia un assist al gruppo
Volkswagen: "Eliminare la MGU-H"

Come fare per coinvolgere in F1 un maggior numero di motoristi e che magari travolti dall'entusiasmo decidano di entrare ...

Leggi »
indycar

Laguna Seca - Gara
Herta non sbaglia, Palou vede il titolo

Colton Herta si è preso la rivincita per il difficile finale di Nashville nella "sua" Laguna Seca. Il californiano ...

Leggi »
F4 Spanish

Valencia - Gara 3
Øgaard firma la doppietta

1 - Sebastian Øgaard - Campos - 16 giri2 - Dilano Van't Hoff - MP Motorsport - 0”2363 - Filip Jenic - Teo Martin - 2”2094...

Leggi »
dtm

Assen - Gara 2
Vince Auer, Lawson secondo

Lucas Auer festeggia la sua prima vittoria stagionale nel DTM: l'austriaco ha fatto sua gara 2 ad Assen dopo essere parti...

Leggi »
F4 Spanish

Valencia - Gara 2
Macia penalizzato, primo Van’t Hoff

È stata una corsa davvero bella e combattuta quella che ha aperto la seconda giornata di gare dell’appuntamento di Valencia d...

Leggi »
10 Lug [16:46]

Monza, qualifica
La prima di Colapinto,
Pier Guidi beffa Rovera in GT

Da Monza - Mattia Tremolada

Franco Colapinto non ha certamente fatto rimpiangere l’assenza di Nyck De Vries nelle qualifiche del quarto appuntamento della European Le Mans Series a Monza. Il pilota argentino ha infatti conquistato la terza pole position stagionale per la vettura #26 del team G-Drive (portata al via da Algarve Pro Racing), prendendo il posto del pilota olandese, impegnato in Formula E a New York e rimpiazzato da Mikkel Jensen al fianco di Colapinto e Roman Rusinov, già due volte vincitore della 4 ore sul circuito brianzolo. Verso metà sessione il 18enne argentino si è portato al comando in 1’37”646, tempo già irraggiungibile per tutti gli avversari, che è poi riuscito a ritoccare nel decisivo 1’37”489.

Niente da fare per i rivali, capitanati da Jonathan Aberdein, che al calare della bandiera a scacchi è balzato dalla quinta alla seconda piazza in 1’37”893. Terzo il leader di campionato Louis Deletraz, che nel corso dell’ultimo passaggio ha tentato di prendere la scia di Roberto Mehri, avvicinandosi forse troppo nel terzo settore, in cui ha perso tutto il vantaggio che era riuscito a costruire nella prima parte del tracciato. Bravo anche Ben Hanley, portatosi in seconda fila in extremis con la vettura del team Dragonspeed condivisa con Henrik Hedman e Juan Pablo Montoya, che prende il posto di Gustavo Menezes, facendo il proprio debutto nella serie.

Quinto Logan Sargeant, che dopo aver conquistato una clamorosa pole position a Spielberg al debutto in LMP2, si è confermato tra i grandi protagonisti della sessione al rientro con il Racing Team Turkey (TF Sport), in cui sostituisce Harry Tincknell. Job Van Uitert è risultato positivo al Covid-19, portando all’abbandono della seconda Oreca del team United Autosport, che condivide con Nico Jamin e Manuel Maldonado, che nonostante siano risultati negativi, non sono stati ammessi al via. Un altro abbandono illustre riguarda la Ligier LMP3 di EuroInternational, finita violentemente contro le protezioni nel secondo turno di prove libere di ieri. Jacopo Baratto, Andrea Dromedari e Joey Alders non saranno quindi al via della 4 ore che scatterà domani alle ore 11.

In LMP3 Laurens Horr prosegue il proprio recupero solitario nei confronti dei leader di classifica (Niklas Krutten è risultato solo nono di classe) conquistando la terza pole position consecutiva. Già vincitore a Le Castellet, il pilota tedesco del team DKR ha cambiato nuovamente compagno di squadra, il quarto in altrettante prove. Dopo Alain Berg, Leonard Weiss e Jean-Phillipe Dayrault è il turno di Mathieu de Barbuat. Seconda posizione per Ugo De Wilde, fermatosi sul tempo di 1’43”180, solo 53 millesimi più lento del 1’43”127 di Horr. Il pilota belga condivide la Ligier di Intereuropol con Martin Hippe e l’ormai ex centauro Mattia Pasini, spostato dal team polacco sulla vettura #13 dopo aver preso parte ai primi tre appuntamenti con l’altro esemplare, in cui ha conquistato un quinto posto come miglior risultato.



Doppietta tricolore nella combattutissima classe GTE, che a dispetto del minor numeri di iscritti, soltanto 9 contro le 18 LMP2 e le 15 LMP3, ha visto una grande lotta al vertice, con ben quattro auto racchiuse in meno di un decimo. La pole position è andata ad Alessandro Pier Guidi, che da vero gentleman ha tenuto a dedicare il risultato al titolare Matt Griffin, costretto a lasciare l’Autodromo di Monza giovedì in seguito alla scomparsa del padre. Sulla pista di casa Alessio Rovera ha reso la vita difficile al connazionale, arrendendosi in seconda piazza per soli 51 millesimi di secondo. Vicinissimi alla pole anche Ross Gunn sull’Aston Martin di TF Sport e Gimmi Bruni sulla prima Porsche di Proton. 

Sabato 10 luglio 2021, qualifica

1 - Rusinov/Colapinto/Jensen (Aurus 01–Gibson) - G-Drive - 1’37”469
2 - Hanson/Aberdein/Gamble (Oreca 07-Gibson) - United Autosport - 1’37”893
3 - Delétraz/Kubica/Ye (Oreca 07-Gibson) - WRT - 1’38”002
4 - Hedman/Hanley/Montoya (Oreca 07-Gibson) - Dragonspeed - 1’38”058
5 - Yoluc/Eastwood/Sargeant (Oreca 07-Gibson) - R.T. Turkey - 1’38”060
6 - Menchaca/Habsburg/Bradley (Oreca 07-Gibson) - Algarve Pro - 1’38”112
7 - Van Eerd/Van der Garde (Oreca 07-Gibson) - Racing Team Nederland - 1’38”172
8 - Canal/Stevens/Allen (Oreca 07-Gibson) - Panis - 1’38”253
9 - Gommendy/Binder/Rojas (Oreca 07-Gibson) - Duqueine - 1’38”331
10 - Lapierre/Borga/Coigny (Oreca 07-Gibson) - Cool - 1’38”364
11 - Jaafar/Gelael (Oreca 07-Gibson) - Jota - 1’38”378
12 - Lafargue/Chatin/Pilet (Oreca 07-Gibson) - Idec - 1’38”478
13 - Lahaye/Lahaye/Heriau (Oreca 07-Gibson) - Ultimate - 1’38”585
14 - Falb/Andrade/Merhi (Aurus 01–Gibson) - G-Drive - 1’38”600
15 - Garcia/Duval (Oreca 07-Gibson) - Realtime - 1’38”770
16 - Capillaire/Robin/Robin (Oreca 07-Gibson) - Graff - 1’38”927
17 - Merriman/Tilley/Dalziel (Oreca 07-Gibson) - Idec - 1’39”007
18 - Dracone/Campana/Pommer (Oreca 07-Gibson) - BHK - 1’39”157
19 - Hörr/De Barbuat (Duqueine M30-Nissan) - DKR - 1'43”127
20 - Hippe/De Wilde/Pasini (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 1'43”180
21 - Hodes/Grist/Crews (Ligier JS P3-Nissan) - Team Virage - 1'43”219
22 - Trouillet/Droux/Page (Ligier JS P3-Nissan) - Graff - 1'43”423
23 - Boyd/Cauhaupe/Wheldon (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport - 1'43”483
24 - Benham/Kapadia/Jakobsen (Ligier JS P3-Nissan) - RLR - 1'43”663
25 - Cresp/Lavergne/Chila (Ligier JS P3-Nissan) - MV2S - 1’43”710
26 - Kaiser/Penttinen (Ligier JS P3-Nissan) - Graff - 1'43”946
27 - Maulini/Bell/Kruetten (Ligier JS P3-Nissan) - Cool - 1’44”069
28 - McGuire/Tappy/Bentley (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport - 1'44”079
29 - Hauser/Hauser/Cloet (Duqueine M30-Nissan) - Racing Experience - 1’44”514
30 - Wells/Noble (Ligier JS P3-Nissan) - Nielsen - 1'44”585
31 - Bressan/Laskaratos/Fioravanti (Ligier JS P3-Nissan) - 1 AIM Villorba - 1’44”833
32 - Zug/Kaprzyk/Creed (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 1’44”959
33 - Adcock/McCusker/Koebolt (Ligier JS P3-Nissan) - Nielsen - 1’45”138
34 - Cameron/Pier Guidi/Perel (Ferrari F488 GTE EVO) - Spirit of Race - 1’46”608
35 - Perrodo/Rovera/Collard (Ferrari F488 GTE EVO) - AF Corse - 1’46”659
36 - Hartshorne/Gunn/Hancock (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 1’46”670
37 - Ried/MacNeil/Bruni (Porsche 911 RSR) - Proton - 1’46”674
38 - Fassbender/Laser/Lietz (Porsche 911 RSR) - Proton - 1’46”775
39 - Schiavoni/Sernagiotto/Ruberti (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 1’46”836
40 - Frey/Gatting/Gostner (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 1’47”167
41 - Fannin/Fontana/Sales (Ferrari F488 GTE EVO) - JMW - 1’47”578
42 - Cressoni/Mastronardi/Molina (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 1’47”646
43 - Van Uitert/Jamin/Maldonado (Oreca 07-Gibson) - United Autosport - nessun tempo
44 - Dromedari/Baratto/Alders (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational - nessun tempo

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone