formula 1

"Senna, la magia della perfezione"
Il libro/racconto di Alberto Sabbatini

Qual era la forza nascosta dietro i grandi successi di Ayrton Senna? La velocità, il talento, il maniacale perfezionismo? ...

Leggi »
Mondiale Rally

Italia Sardegna, finale
Sordo resiste e trionfa

Jacopo Rubino

Per il secondo anno consecutivo Dani Sordo trionfa al Rally d’Italia Sardegna: pilota Hyun...

Leggi »
13 Set [11:52]

Spielberg - Gara 2
Primo successo per Crawford

Da Spielberg - Massimo Costa

Prima vittoria stagionale per Jak Crawford, il 15enne americano di Charlotte che è Junior Red Bull ed è schierato dal team Van Amersfoort. Pilota aggressivo, che non manca mai di offrire spettacolo, Crawford ha guadagnato la prima posizione nel corso del primo giro della gara 2 superando il poleman Gabriele Minì, scivolato subito quarto in quanto scavalcato in quell'azione anche da Jonny Edgar ed Oliver Bearman. Raggiunta la prima posizione, Crawford ha guidato pulito e in tranquillità, con Bearman che non è mai riuscito ad avvicinarlo per tentare un attacco. Il campionato di riferimento di Crawford è la F4 tedesca, che l'ha portato a saltare il primo appuntamento della serie tricolore a Misano, come il suo compagno nel team VAR, e anch'egli pilota Junior Red Bull, Jonny Edgar. Ma chissà che visti i risultati che entrambi stanno conseguendo nell'italiano, non cambino i programmi stagionali.

Bearman, inglese schierato da US Racing, alla prima apparizione nella F4 Italia in quanto corre nella serie tedesca, ha colto un eccellente secondo posto dopo il quinto di gara 1. Bravo Minì del team Prema che ha vinto il duello con Edgar prendendosi il terzo posto e 15 punti pesanti per la classifica di campionato che lo vede saldamente leader. Francesco Pizzi, che era arrivato in Austria in testa alla graduatoria generale, sta vivendo un fine settimana piuttosto complicato. Se in gara 1 ha corso con la difficoltà di avere perso i freni, problema che si era evidenziato anche in qualifica 2, nella seconda corsa, partito sesto è stato passato da Joshua Durksen al via e anche da Sebastian Montoya. Il 15enne del team VAR ha però rapidamente risposto al colombiano figlio d'arte mettendosi all'inseguimento di Dino Beganovic. Largo all'ultima curva al giro 13, ha perso il settimo posto a vantaggio di Pietro Delli Guanti ed ora vede il divario da Minì ingigantirsi.

Positivo quinto posto per Beganovic (Prema) che riscatta la prima gara mentre sesto ha tagliato il traguardo Delli Guanti della BVM. Qui va aperta una piccola parentesi. Il 16enne foggiano, dopo aver svolto i test con Technorace, si è accordato all'ultimo minuto con il team BVM, che rischiava di non partecipare al campionato. In fretta e furia è stata organizzata la prima trasferta a Misano e subito sono arrivati tre piazzamenti in Top 10. Come a Imola in due corse e nella prima gara di Spielberg di sabato, ma una penalità lo ha fatto retrocedere dodicesimo da nono. In gara 2, il piccolo capolavoro, da undicesimo in partenza a sesto confrontandosi ad armi pari con i colossi del campionato, che tra l'altro sul tracciato austriaco avevano svolto test e disputato la prova della F4 tedesca. Una bella storia e il segnale importante che nella super competitiva F4 Italia, ci si può mettere in luce anche con pochi mezzi a disposizione, traendo il massimo  dall'esperienza decennale della BVM.

Delli Guanti si è messo alle spalle Gabriel Bortoleto (Prema) e Pizzi (VAR), poi Andrea Rosso, nono al termine di una prova in cui ha combattuto e sorpassato. Ma questo weekend non è riuscito a ripetere le belle prestazioni di Imola. Joshua Durksen (Mucke), vincitore di gara 1, era quinto quando si è girato tutto solo. Decisamente combattivo Montoya, il quale in un infinito duello durissimo con Jesse Salmenautio ha finito per perdere l'ala posteriore. Peccato per Leonardo Fornaroli, ai box al 1° giro come Jasin Ferati a seguito di contatti del primo giro. Hamda Al Qubaisi ha urtato Francesco Simonazzi e poco dopo anche Zdenek Chovanek mentre Markogiannis Georgis, il greco di Cram al debutto, ha subìto un incidente nei primi giri.

Nella foto, Crawford (52) in lotta con Edgar

Domenica 13 settembre 2020, gara 2

1 - Jak Crawford - VAR - 20 giri 31'48"694
2 - Oliver Bearman - US Racing - 1"581
3 - Gabriele Minì - Prema - 4"255
4 - Jonny Edgar - VAR - 8"941
5 - Dino Beganovic - Prema - 8"786
6 - Pietro Delli Guanti - BVM - 17"816
7 - Gabriel Bortoleto - Prema - 19"058
8 - Francesco Pizzi - VAR - 23"512
9 - Andrea Rosso - Cram - 28"746
10 - Victor Bernier - R-Ace - 29"149
11 - Jesse Salmenautio - Bhaitech - 29"251
12 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 30"132
13 - Sebastian Ogaard - Bhaitech - 30"905
14 - Josef Knopp - Mucke - 33"623
15 - Joshua Durksen - Mucke - 34"050
16 - Dexter Patterson - Bhaitech - 36"264
17 - Axel Gnos - G4 Racing - 37"126
18 - Sebastian Freymuth - AS Motorsport - 39"584
19 - Hamda Al Qubaisi - Abu Dhabi - 40"023
20 - Mateusz Kapzryck - Cram - 41"991
21 - Francesco Simonazzi - Jenzer - 50"244
22 - Jasin Ferati - Jenzer - 1'25"849
23 - Han Cenyu - VAR - 1'28"318
24 - Kyrill Smal - R-Ace - 1 giro
25 - Bence Valint - VAR - 1 giro
26 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1 giro
27 - Zdenek Chovanec - Bhaitech - 2 giri
28 - Sebastian Montoya - Prema - 2 giri

Ritirato
Markogiannis Georgios

Non partito
Vlad Lomko

Il campionato
1.Minì 116; 2.Pizzi 97; 3.Edgar 85; 4.Ugran 78; 5.Rosso 72; 6.Crawford 70; 7.Beganovic 59; 8.Delli Guanti 38; 9.Bortoleto 34; 10.Montoya 31; 11.Salmenautio, Bearman 28; 13.Durksen 25; 14.Fornaroli 24; 15.Chovanec 10; 16.Patterson 8; 17.Gnos 2; 18.Kaprzyk, Ogaard, Bernier 1.


Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone