formula 1

Talentuoso ma impaziente:
a Tsunoda serve un mini reset

La vita da rookie non è sempre rose e fiori. Lo sta scoprendo anche Yuki Tsunoda, il cui cammino in Formula 1 era cominciato ...

Leggi »
formula 1

In un libro la bella storia di
De Villota, pioniere spagnolo in F1

Alla vigilia del GP di Spagna, è stata presentata a Madrid la biografia di Emilio de Villota, il primo spagnolo a correre nel...

Leggi »
FIA Formula 3

Test a Jerez - 3° turno
Sempre Trident, ma con Novalak

C'è sempre una monoposto del team Trident ad occupare la prima posizione nei test collettivi che la F3 sta svolgendo a Je...

Leggi »
FIA Formula 3

Test a Jerez - 2° turno
Doohan si conferma leader

Anche il secondo turno dei test F3 a Jerez ha visto prevalere Jack Doohan del team Trident. L'australiano, pilota Junior ...

Leggi »
F4 Italia

37 piloti e un calendario di livello:
la Formula 4 Italia 2021 è pronta al via

Scatterà da Le Castellet l'ottava stagione della Formula 4 Italia, il campionato che nel 2014 aveva inaugurato il nuovo r...

Leggi »
FIA Formula 3

Test a Jerez - 1° turno
Doppietta Trident con Doohan-Novalak

Da Montmelò a Jerez, la Formula 3 si è trasferita dalla Catalogna all'Andalusia recuperando le due giornate di test che a...

Leggi »
28 Feb [8:58]

Che paura per Lynn
Portato in ospedale, ma già dimesso

E' passato quasi inosservato il botto di Alex Lynn nella seconda gara della Formula E a Diriyah, ma il pilota inglese è stato protagonista di un'uscita di pista impressionante che ha preoccupato gli addetti ai lavori. L'incidente è avvenuto pochi metri dietro il contatto tra Maxi Gunther e Tom Blomqvist, ed è sfuggito alle telecamere ufficiali.

Lynn è decollato, finendo sottosopra e strisciando capovolto contro le barriere, a velocità piuttosto sostenuta. Anche in questo caso, l'Halo ha offerto una grande protezione al pilota. Estricato dall'abitacolo della sua Mahindra, Lynn è stato trasportato in ospedale per controlli precauzionali, prima di venire dimesso. Sarà regolarmente al via dell'appuntamento di Roma.

Da sottolineare l'altruismo di Mitch Evans che, nonostante potesse continuare, ha proseguito sino a raggiungere la vettura dell rivale ed è corso a soccorrerlo compromettendo il suo risultato finale. 


Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone