formula 1

I benefici economici del
GP di Imola? 274 milioni

Uno studio sulla ricaduta economica del Gran Premio di F1 svoltosi a Imola, ha sancito il successo della manifestazione per q...

Leggi »
dtm

L'ADAC salva il DTM
La mediazione di Berger

Il DTM è salvo. L'ADAC, Allgemeiner Deutscher Automobil Club, sarà il nuovo organizzatore e promotore della serie più fam...

Leggi »
dtm

ITR non organizzerà il DTM
Berger spera nell'ADAC

Il 6 novembre Italiaracing aveva riportato la difficoltà da parte di Gerhard Berger e della ITR nell'organizzare il campi...

Leggi »
formula 1

Brawn se ne va in pensione
Un gigante che ha vinto tutto

"Ora è il momento giusto per me di ritirarmi". Una frase chiara, che sembra non ammettere repliche. L'ha scritt...

Leggi »
formula 1

Vettel erede di Marko
nel team Red Bull?

L'idea lanciata da Helmut Marko è certamente suggestiva: Sebastian Vettel suo erede all'interno del team Red Bull. Al...

Leggi »
formula 1

Finalmente sono arrivate le
finte dimissioni di Binotto

Sono giorni non facili per il presidente della Ferrari John Elkann che ha appena licenziato il team principal Mattia Binotto,...

Leggi »
16 Set [12:01]

ADAC F4 a Hockenheim
Tripletta "storica" per Hauger

Jacopo Rubino

Nella storia dell'ADAC F4, cominciata nel 2015, nessuno aveva mai ottenuto tre vittorie nello stesso weekend. A Hockenheim, penultima tappa di questa stagione, l'impresa è riuscita a Dennis Hauger: il pupillo Red Bull ha così compiuto un salto pazzesco in classifica generale, passando da quinto a secondo. E ora si trova ad un solo punto dal leader Theo Pourchaire (197 a 196), incappato invece weekend da dimenticare. Il francese ha totalizzato appena 8 lunghezze, vedendo neutralizzato il buon margine di cui godeva alla vigilia.

Poleman in Q1, superato da Hauger al giro 4, nella prima corsa Pourchaire è stato costretto al ritiro per la toccata ricevuta al tornantino dal compagno-rivale Arthur Leclerc. Notevole la sua delusione. In gara 2 il pilota del team US Racing ha pagato lo stallo in partenza (12esimo al traguardo), mentre in gara 3 ha terminato sesto, non senza sforzo: mandato subito in testacoda da Lucas Alecco Roy, ha dovuto risalire il gruppo. Ad aiutarlo, se non altro, un doppio ingresso della safety-car: per il contatto che ha coinvolto Gianluca Petecof, Paul Aron e Gregoire Saucy, e poi per il crash del polesitter Oliver Rasmussen.

Il tutto con Hauger che, come detto, costruiva l'en-plein: è scattato dalla pole-position soltanto in gara 2, mentre in gara 3 ha rimontato dall'ottava casella sulla griglia invertita. Gli è bastata metà distanza per prendersi la vetta, precedendo al traguardo Roman Stanek e Ido Cohen. Adesso il norvegese di casa Van Amersfoort può essere considerato il favorito per il titolo, quando resta in calendario il round finale del Sachsenring, il 28-29 settembre. E chissà che non possa realizzare una incredibile "doppietta", vincendo anche la F4 italiana dove è già in testa.

In piena lotta rimane pure Leclerc a quota 169: sfortunato in gara 3, fermato da problemi tecnici, il monegasco è comunque andato a podio nelle altre due corse, avvicinandosi a sua volta a Pourchaire. Un podio lo hanno festeggiato inoltre il paraguaiano Joshua Durksen (terzo in gara 1, lottando con lo stesso Leclerc) e il brasiliano Petecof (secondo in gara 2). Sulla carta, anche l'alfiere Prema rimane in lizza per aggiudicarsi il campionato, a 133 lunghezze, dietro a Stanek quarto a 152.

Sabato 14 settembre 2019, gara 1

1 - Dennis Hauger - Van Amersfoort - 17 giri 30'49"283
2 - Arthur Leclerc - US Racing - 1"569
3 - Joshua Durksen - Mucke - 2"122
4 - Paul Aron - Prema - 2"628
5 - Gregoire Saucy - R-Ace - 7"303
6 - Gianluca Petecof - Prema - 8"148
7 - Ido Cohen - Van Amersfoort - 8"540
8 - Roman Stanek - US Racing - 11"957
9 - Oliver Rasmussen - Prema - 13"663
10 - Sebastian Estner - Van Amersfoort - 14"012
11 - Laszlo Toth - R-Ace - 17"993
12 - Lucas Alecco Roy - Van Amersfoort - 20"511
13 - Kristian Thaqi - Mucke - 34"360

Giro più veloce: Joshua Durksen 1'41"990

Ritirati
16° giro - Theo Pourchaire
8° giro - Michael Belov
2° giro - Alessandro Ghiretti
1° giro - Nico Gohler

Domenica 15 settembre 2019, gara 2

1 - Dennis Hauger - Van Amersfoort - 18 giri 30'47"628
2 - Gianluca Petecof - Prema - 3"298
3 - Arthur Leclerc - US Racing - 5"715
4 - Joshua Dürksen - Mucke - 10"356
5 - Michael Belov - R-Ace - 13"871
6 - Sebastian Estner - Van Amersfoort - 14"182
7 - Ido Cohen - Van Amersfoort - 15"968
8 - Oliver Rasmussen - Prema - 16"503
9 - Paul Aron - Prema - 16"908
10 - Roman Stanek - US Racing - 17"230
11 - Gregoire Saucy - R-Ace - 19"705
12 - Théo Pourchaire - US Racing - 20"133
13 - Nico Göhler - Mucke - 21"413
14 - Alessandro Ghiretti - US Racing - 22"673
15 - Lucas Alecco Roy - Van Amersfoort - 23"208
16 - Laszlo Toth - R-Ace - 30"055
17 - Kristian Thaqi - Mucke - 1'11"119

Giro più veloce: Théo Pourchaire 1'41"415

Domenica 15 settembre 2019, gara 3

1 - Dennis Hauger - Van Amersfoort - 16 giri 30'14"026
2 - Roman Stanek - US Racing - 6"078
3 - Ido Cohen - Van Amersfoort - 9"129
4 - Michael Belov - R-Ace - 9"502
5 - Sebastian Estner - Van Amersfoort - 11"972
6 - Théo Pourchaire - US Racing - 12"258
7 - Gianluca Petecof - Prema - 14"415
8 - Alessandro Ghiretti - US Racing - 14"743
9 - Joshua Dürksen - Mucke - 15"529
10 - Gregoire Saucy - R-Ace - 15"971
11 - Kristian Thaqi - Mucke - 17"591
12 - Laszlo Toth - R-Ace - 22"891
13 - Lucas Alecco Roy - Van Amersfoort - 43"571
14 - Nico Göhler - Mucke - 2 giri

Giro più veloce: Dennis Hauger 1'42"245

Ritirati
13° giro - Arthur Leclerc
7° giro - Oliver Rasmussen
1° giro - Paul Aron

Il campionato
1.Pourchiare 197 punti; 2.Hauger 196; 3.Leclerc 169; 4.Stanek 152; 5.Petecof 133; 6.Ghiretti 126; 7.Aron 113; 8.Belov 95; 9.Krutten 93; 10.Rasmussen 76

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone
gdlracinggdlhouse