formula 1

La F1 piange Tambay, da
tempo malato di Parkinson

Se ne è andato, in silenzio, Patrick Tambay. Da tempo il 73enne pilota francese nato il 25 giugno 1949 a Parigi, soffriva di ...

Leggi »
World Endurance

Villeneuve ha provato la Vanwall LMH
a Montmelò, obiettivo Le Mans 2023?

Michele Montesano La voglia di rimettersi costantemente in discussione non è mai mancata a Jacques Villeneuve. Dopo aver vi...

Leggi »
FIA Formula 3

Fornaroli nuovo pilota Trident
Nel 2022 miglior rookie Alpine

Leonardo Fornaroli è il secondo pilota italiano dopo Gabriele Minì che parteciperà al campionato di F3. Il 18enne piacentino ...

Leggi »
formula 1

I benefici economici del
GP di Imola? 274 milioni

Uno studio sulla ricaduta economica del Gran Premio di F1 svoltosi a Imola, ha sancito il successo della manifestazione per q...

Leggi »
dtm

L'ADAC salva il DTM
La mediazione di Berger

Il DTM è salvo. L'ADAC, Allgemeiner Deutscher Automobil Club, sarà il nuovo organizzatore e promotore della serie più fam...

Leggi »
dtm

ITR non organizzerà il DTM
Berger spera nell'ADAC

Il 6 novembre Italiaracing aveva riportato la difficoltà da parte di Gerhard Berger e della ITR nell'organizzare il campi...

Leggi »
23 Mar [10:28]

Addio a Johnny Dumfries,
ex Lotus F1 e vincitore a Le Mans

Jacopo Rubino - XPB Images

A 62 anni è venuto a mancare dopo una breve malattia Johnny Dumfries, al via in Formula 1 nel Mondiale 1986. Il pilota scozzese disputò 15 Gran Premi con la Lotus, come compagno di Ayrton Senna che aveva messo il veto sull'ingaggio Derek Warwick. Ma nel suo curriculum c'è pure la vittoria alla 24 Ore di Le Mans del 1988, in equipaggio con Jan Lammers e Andy Wallace al volante della Jaguar XJR-9M.

John Colum Crichton-Stuart, questo il suo vero nome, era noto anche come il Conte di Dumfries, piccolo paese in Scozia: da qui la scelta di farsi chiamare Johnny Dumfries per mascherare nell'ambiente motoristico le sue origini aristocratiche (era il settimo marchese di Bute).

Iniziata la gavetta in monoposto senza l'aiuto economico della famiglia, e anzi sostenendosi con lavori umili, Dumfries nel 1984 fu vicecampione europeo di Formula 3 alle spalle del nostro Ivan Capelli e dominò la serie britannica. Nel 1985 il salto in F3000, senza risultati significativi, e il parallelo impegno da collaudatore Ferrari in F1, quasi antesignano dei tester moderni. Quindi l'esordio in griglia nel 1986, in una stagione difficile anche per le tante critiche ricevute, ma affrontate sempre con eleganza: con la potentissima Lotus 98T, spinta dal motore turbo Renault, Dumfries non riuscì a qualificarsi a Montecarlo, ma centrò la zona punti a Budapest (quinto) e nell'ultima gara di Adelaide (sesto).

"Chiunque entri in uno sport professionistico, lo fa innanzitutto per passione. È stata una parte enorme della mia vita, ho fatto errori, preferirei non averli commessi perché la mia carriera avrebbe potuto essere di maggior successo. Ma è andata così e non cambierei nulla", raccontò alcuni mesi fa a Beyond the Grid, il podcast ufficiale della F1. Sulla parentesi in Lotus, disse: "Sarebbe stato meglio iniziare in un'altra squadra, Senna aveva tutto il team intorno a lui, non era facile guidare al suo fianco. Ma ho avuto la mia chance e non è andata bene. Ad essere onesti, guardando indietro, alle situazioni e alla mia esperienza dell'epoca, avrebbero fatto meglio a dare il posto a Warwick".

Visto il seguente l'accordo fra Lotus e Honda per la fornitura dei propulsori, nel 1987 Dumfries venne sostituito dal giapponese Satoru Nakajima e passò alle competizioni di durata, dapprima con la Sauber-Mercedes, poi con Jaguar (vincendo a Le Mans), Toyota e Courage, per appendere il casco al chiodo a fine 1991 dedicandosi alle attività di famiglia e all'amata Isola di Bute.

"Lo spirito indomito e l'energia che Johhny ha portato nella sua vita verranno profondamente rimpiante, così come il calore e l'amore con cui ha abbracciato la sua famiglia", si legge nel messaggio che i suoi cari hanno diffuso per annunciare la sua scomparsa.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone