formula 1

È saltato l'accordo di vendita
del team Sauber a Michael Andretti

A quanto pare, è fumata nera nei colloqui fra Michael Andretti e la Sauber, per la cessione del team oggi in Formula 1 con il...

Leggi »
indycar

Dopo Hulkenberg, ecco Vandoorne
Unione possibile tra Carlin e Juncos

Marco Cortesi‍Si sono conclusi i test di Barber, in cui tra gli altri ha debuttato Nico Hulkenberg compiendo oltre 100 giri s...

Leggi »
formula 1

Perché il duello con la Red Bull
sta mandando in crisi la Mercedes

Massimo Costa - XPB Images E' venuto il "braccino" del tennista alla Mercedes? Sembra proprio di sì, ed è una ...

Leggi »
formula 1

La lotta per il 3° posto costruttori:
McLaren rivede la luce dopo Istanbul

Scioccata dal tonfo di Istanbul, arrivato durissimo dopo la doppietta di Monza e una vittoria gettata al vento dalla testarda...

Leggi »
Regional by Alpine

Nel calendario 2022 c'è Monaco
Tre gli appuntamenti italiani

Aci Sport e Alpine hanno rilasciato il calendario 2022 per quella che sarà la seconda stagione della Formula Regional Europea...

Leggi »
Regional by Alpine

Intervista a Michael Belov
“A Monza per vincere ancora con G4”

È stato tra i piloti più convincenti della stagione 2021 di Formula Regional by Alpine, se non il più convincente. Arrivato a...

Leggi »
18 Apr [23:38]

Barber, gara
Palou sale in cattedra

Marco Cortesi

Solo un pilota spagnolo aveva vinto finora in IndyCar, Oriol Servia, oltre 15 anni fa. Ora, al debutto col team Ganassi, Alex Palou ha centrato un successo straordinario alla sua prima apparizione con un top-team nell'apertura 2021 al Barber Motorsports Park. Palou, partito dalla terza posizione, ha fatto quello che gli riesce meglio, ovvero andare forte sin da subito, ma è stato anche capace di gestire le gomme, facendo "quadrare" la strategia con due soste sui 90 giri in programma.

Viceversa, Pato O'Ward, partito dalla pole position, è stato da subito aggressivo e il team McLaren/Schmidt ha optato per i tre pit. Non la tattica migliore per il messicano, che in particolare nello stint centrale, con gomme dure nuove, ha fatto fatica, venendo anche "sportellato" da Sebastien Bourdais. O'Ward nel finale ha tenuto dietro proprio il francese del team Foyt.

Là davanti, Palou si è dovuto guardare da Will Power, che ha spinto forte nel finale raggiungendo il giovane rivale, rallentato da una vettura doppiata, quella di Conor Daly, che era determinato a finire a pieni giri. Ci è mancato poco, solo 4 decimi il vantaggio di Palou. Terzo, Scott Dixon si è dovuto inchinare ad un compagno di squadra, cosa che capita abbastanza di rado, ma il neozelandese ha comunque portato a casa punti utilissimi. Ancor di più perché diversi rivali di qualità sono stati messi KO già al primo giro.

Josef Newgarden, campione due anni fa, ha perso la sua Dallara finendo in testacoda oltre un dosso cieco. E' quindi stato centrato da Colton Herta e Ryan Hunter-Reay, mentre anche Felix Rosenqvist si è visto colpire nel parapiglia da Max Chilton, comunque incolpevole. In top-10 anche Rinus VeeKay, sesto per il team ECR che ha sopravanzato Marcus Ericsson, in crisi di carburante. Nona posizione per Alexander Rossi, abbastanza deluso dopo la prima fila in partenza. Decimo Romain Grosjean, anche lui impegnato in una strategia a tre soste. Dodicesimo Simon Pagenaud, mentre Scott McLaughlin ha preceduto Ed Jones, Daly e James Hinchcliffe. Utile esperienza per Jimmie Johnson, finito sotto di tre giri con un errore iniziale. Il californiano ha nettamente migliorato il suo passo nel corso della gara, mostrando di avere ancora bisogno di chilometri.

Domenica 18 aprile 2021, gara

1 - Alex Palou (Dallara-Honda) - Ganassi - 90 giri
2 - Will Power (Dallara-Chevy) - Penske - 0”4016
3 - Scott Dixon (Dallara-Honda) - Ganassi - 2”9881
4 - Pato O’Ward (Dallara-Chevy) - AMSP - 3”9741
5 - Sebastien Bourdais (Dallara-Chevy) - Foyt - 10”6967
6 - Rinus VeeKay (Dallara-Chevy) - ECR - 13”8750
7 - Graham Rahal (Dallara-Honda) - RLL - 18”7387
8 - Marcus Ericsson (Dallara-Honda) - Ganassi - 20”0700
9 - Alexander Rossi (Dallara-Honda) - Andretti - 20”5601
10 - Romain Grosjean (Dallara-Honda) - Coyne - 45”0805
11 - Jack Harvey (Dallara-Honda) - Shank - 50”0788
12 - Simon Pagenaud (Dallara-Chevy) - Penske - 59”0522
13 - Takuma Sato (Dallara-Honda) - RLL - 1’05”5887
14 - Scott McLaughlin (Dallara-Chevy) - Penske - 1’06”0562
15 - Ed Jones (Dallara-Honda) - Coyne - 1’08”4093
16 - Conor Daly (Dallara-Chevy) - ECR - 1’09”1076
17 - James Hinchcliffe (Dallara-Honda) - Andretti - 1 giro
18 - Dalton Kellett (Dallara-Chevy) - Foyt - 1 giro
19 - Jimmie Johnson (Dallara-Honda) - Ganassi - 3 giri
20 - Max Chilton (Dallara-Chevy) - Carlin - 4 giri

Ritirati
63° giro - Felix Rosenqvist
26° giro - Colton Herta
1° giro - Josef Newgarden
1° giro - Ryan Hunter-Reay‍

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone