GT Internazionale

IGTC – 12 Ore di Bathurst
Vittoria al cardiopalma per Mercedes

Michele Montesano Con il trionfo nella 12 Ore di Bathurst Jules Gounon, Luca Stolz e Kenny Habul hanno aperto la stagione 2...

Leggi »
formula 1

Verstappen, il simulatore nel motorhome
“Lo userò dopo le sessioni in pista”

Helmut Marko l’aveva sparata grossa negli scorsi giorni, affermando che Max Verstappen avrebbe fatto installare un simulatore...

Leggi »
indycar

Alla scoperta di Thermal Club
La città morta e il Coachella Festival

Marco Cortesi‍La scelta del circuito di Thermal Club, in California, per i test collettivi dell'IndyCar ha destato molta ...

Leggi »
World Endurance

ByKolles perde la causa contro
Sanderson, a rischio il marchio Vanwall

Michele Montesano Per la Vanwall la presenza nel FIA WEC si sta rivelando sempre più una corsa a ostacoli. La ByKolles, str...

Leggi »
formula 1

La Red Bull mostra a
New York la livrea della RB19

La presentazione della nuova Red Bull? No, la RB19 non c'era e la vedremo forse in un filming day a Silverstone o diretta...

Leggi »
formula 1

La Ford ritorna nel Mondiale F1
Sarà il motorista della Red Bull

Pochi istanti prima della presentazione della Red Bull 2023, è arrivato l'annuncio ufficiale del ritorno in Formula 1 del...

Leggi »
11 Gen [15:03]

Bin Sulayem sorpreso dall'ostracismo
espresso dal paddock F1 verso Andretti

Il presidente della Fia Mohammed Ben Sulayem è fermamente convinto che la Formula 1 dovrebbe incoraggiare aziende come la General Motors a entrare in questo sport. Andretti, in collaborazione con il marchio GM Cadillac, ha espresso l’intenzione la scorsa settimana di entrare a far parte della griglia della F1, sebbene il loro annuncio sia stato accolto con una tiepida risposta dall’interno di una parte del paddock F1.

È stato riferito che c’è preoccupazione se Andretti possa aggiungere valore alla F1, in particolare dato il desiderio del team di basarsi negli Stati Uniti e non in Europa, dove è ospitato il resto delle scuderie. I precedenti fallimenti di Toyota e Jaguar negli anni 2000 testimoniano le difficoltà nel soddisfare le esigenze della F1, soprattutto perché, almeno inizialmente, il nome Andretti/Cadillac sarebbe stato semplicemente aggiunto a un motore Renault.

Le aggiunte di produttori di apparecchiature originali (OEM) sono viste come una prospettiva più tangibile per un’espansione della F1, anche se Ben Sulayem ritiene che la F1 non dovrebbe chiudere la porta ad approcci alternativi. «Oggi ci sono due facce della sostenibilità. C’è la sostenibilità dell’ambiente e c’è la sostenibilità dello sport», ha detto ai giornalisti al Rally Dakar. «Se vuoi sostenere lo sport, devi aprirlo al resto dei produttori. E noi, possiamo avere 12 squadre in griglia. Per avere una grande azienda come GM, che è una delle prime cinque al mondo, dovremmo incoraggiarla a venire in Formula 1. Questo è il modo in cui vorrei vedere il futuro: avere un OEM che si occupa di sostenibilità».

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone