formula 1

FIA e F1, missione compiuta:
approvate le regole sui motori 2026

Finalmente. Dopo mesi, per non dire un paio d'anni, di trattative e discussioni, sono ufficialmente confermate le regole ...

Leggi »
formula 1

Misure anti porpoising dal 2023:
la delibera FIA con un compromesso

Nel Consiglio Mondiale di oggi, oltre ad approvare le power unit 2026, la FIA ha deliberato le misure in vigore dal 2023 cont...

Leggi »
formula 1

Verstappen non ha dubbi: "La Ferrari
più competitiva della mia Red Bull"

Il suo ruolino di marcia è impeccabile, la stagione 2022 è senza dubbio una delle migliori della sua carriera. Otto le vitto...

Leggi »
World Endurance

Ferrari prosegue i test della LMH
Cosa nasconde la livrea mimetica

Michele Montesano È un’estate intensa e priva di soste quella del reparto Ferrari Competizioni GT. Gli uomini di Maranello ...

Leggi »
Regional by Alpine

Intervista a Dino Beganovic
“Tanto lavoro con Prema dietro i miei successi”

Una partenza eccezionale, con sette podi nelle prime sette gare della stagione. Quello di Dino Beganovic, pilota della Ferrar...

Leggi »
Formula E

Vandoorne, l'ennesimo campione che
la F1 ha snobbato con troppa fretta

Nelson Piquet, Sebastien Buemi, Lucas Di Grassi, Jean-Eric Vergne (due volte), Antonio Felix Da Costa, Nyck De Vries, Stoffel...

Leggi »
29 Lug [10:46]

Budapest, libere
Top 3 con Prema e Trident

Jacopo Rubino

Ultima fatica prima della pausa estiva per la Formula 3, che dopo il round in Austria torna in pista a Budapest con il miglior tempo di Jak Crawford nelle prove libere. Nel finale l'americano della Prema ha segnato il primo crono in 1'32"473, di un decimo esatto inferiore a quello di Zane Maloney, portacolori Trident. Le prime tre posizioni sono monopolio delle squadre italiane, perché alle loro spalle c'è Arthur Leclerc, altro alfiere Prema e in piena corsa per il titolo 2022.

Crawford si era visto cancellare per track limits il crono di 1'32"509, ma subito dopo è riuscito a rispondere con siglando riferimento definitivo della sessione. Facendo da "apripista", trattandosi della prima sessione in assoluto del weekend del Gran Premio d'Ungheria, i piloti di F3 hanno trovato inizialmente un asfalto molto sporco, portando a qualche sbavatura, poi le traiettorie sono andate via via a pulirsi. Sono però anche salite le temperature, fino a 28 gradi per l'aria. Da ricordare che per questa tappa la Pirelli ha portato pneumatici a mescola media.

Quarta posizione per Isack Hadjar, vincitore di gara 2 al Red Bull e arrivato a -1 in classifica generale dal leader Victor Martins, che questa mattina ha terminato undicesimo, ma trovando del traffico. Più avanti Caio Collet, quinto, seguito da Alex Smolyar, Jonny Edgar, Kush Maini e Roman Stanek. Trident ha quindi le sue tre macchine nella top 10, completata da Rafael Villagomez. Più indietro invece, Oliver Berarman, 17esimo. Tra gli italiani ha spiccato Enzo Trulli, 18esimo con il team Carlin, mentre Francesco Pizzi (Charouz) e Federico Malvestiti (Jenzer) sono rispettivamente 26esimo e 30esimo.

Occhi puntati anche sulle due novità in griglia del fine settimana. Oliver Goethe, che sostituisce in casa Campos l'infortunato Hunter Yeany, è 20esimo, mentre Christian Mansell è l'ennesimo nome che si alterna sulla terza macchina Charouz, e ha chiuso 25esimo. Per entrambi è stata una prima presa di contatto discreta con la Dallara-Mecachrome della categoria. Il danese e l'australiano, curiosamente, in questa stagione stanno già lottando in Euroformula Open: Goethe è leader con otto vittorie e Mansell è il suo principale antagonista. Proprio all'Hungaroring hanno disputato l'ultimo round prima della pausa estiva.

Venerdì 29 luglio 2022, libere

1 - Jak Crawford - Prema - 1'32"473 - 17 giri
2 - Zane Maloney - Trident - 1'32"573 - 16
3 - Arthur Leclerc - Prema - 1'32"641 - 15
4 - Isack Hadjar - Hitech - 1'32"694 - 14
5 - Caio Collet - MP Motorsport - 1'32"717 - 16
6 - Alexander Smolyar - MP Motorsport - 1'32"721 - 17
7 - Jonny Edgar - Trident - 1'32"756 - 18
8 - Kush Maini - MP Motorsport - 1'32"757 - 16
9 - Roman Stanek - Trident - 1'32"786 - 16
10 - Rafael Villagómez - Van Amersfoort - 1'32"872 - 16
11 - Victor Martins - ART - 1'32"900 - 16
12 - David Vidales - Campos - 1'33"052 - 21
13 - Gregoire Saucy - ART - 1'33"125 - 15
14 - Juan Manuel Correa - ART - 1'33"205 - 15
15 - Zak O'Sullivan - Carlin - 1'33"273 - 16
16 - Franco Colapinto - Van Amersfoort - 1'33"465 - 20
17 - Ollie Bearman - Prema - 1'33"476 - 15
18 - Enzo Trulli - Carlin - 1'33"504 - 20
19 - Reece Ushijima - Van Amersfoort - 1'33"656 - 14
20 - Oliver Goethe - Campos - 1'33"674 - 19
21 - William Alatalo - Jenzer - 1'33"829 - 15
22 - Pepe Marti - Campos - 1'33"867 - 13
23 - Ido Cohen - Jenzer - 1'33"990 - 16
24 - Kaylen Frederick - Hitech - 1'34"248 - 16
25 - Christian Mansell - Charouz - 1'34"431 - 22
26 - Francesco Pizzi - Charouz - 1'34"613 - 17
27 - Brad Benavides - Carlin - 1'34"627 - 15
28 - Nazim Azman - Hitech - 1'34"972 - 10
29 - Laszlo Toth - Charouz - 1'35"028 - 19
30 - Federico Malvestiti - Jenzer - 1'35"439 - 16

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone