Rally

Rally di Montecarlo – 1° giorno
Ogier vola, Loeb lo marca a vista

Michele Montesano La novantesima edizione del Rally di Montecarlo ha aperto ufficialmente una nuova era del WRC, quella del...

Leggi »
formula 1

L'Alpine turbolenta,
fra uscite e tensioni

Via Ciryl Abiteboul, che era team principal, via Remi Taffin, capo del reparto motori, via Marcin Budkwoski, nel 2021 diretto...

Leggi »
Rally

Rally di Montecarlo – Shakedown
Ogier - Loeb è subito duello

Michele Montesano Finalmente è arrivato il tanto atteso giorno del debutto per le nuove Rally1. Come da tradizione è stato ...

Leggi »
formula 1

Gare sprint 2022 a rischio?
Manca l'intesa con tutti i team

Le gare sprint del sabato, nuovo pallino di Formula 1, quest'anno dovrebbero aumentare a 6. Dovrebbero, appunto, perché i...

Leggi »
Rally

WRC 2022: al via la rivoluzione ibrida
Chi sarà il successore di Ogier?

Michele Montesano Quello che si appresta a partire non sarà il solito Rally di Montecarlo, bensì l’inizio della nuova era p...

Leggi »
formula 1

Gomme da 18 pollici in Formula 1,
la grande sfida del 150° anno Pirelli

Nasce come anno importante, il 2022 della Pirelli. È il 150esimo di attività dell'azienda, con numerose novità in ambito ...

Leggi »
19 Lug [17:09]

Hamilton diventa leader del Mondiale,
Verstappen superbo, Ferrari doppiata

Massimo Costa - XPB Images

Lewis Hamilton sembra Batman quando indossa la maglietta nera, i calzoni neri, il cappellino nero, la mascherina nera. E guida pure come Batman, imprendibile per tutti i "nemici". Dopo un avvio di campionato incerto nel primo GP di Austria, dal secondo Gran Premio della Stiria fino a quello ungherese, Hamilton ha letteralmente dominato. Ed ora, grazie allo spettacolo messo in scena a Budapest, si è preso anche la testa del Mondiale per via di un Valtteri Bottas che per una cattiva partenza è subito sparito dai radar del britannico. Hamilton sabato ha segnato la 90esima pole, adesso ha siglato la vittoria numero 86, appena cinque in meno di quelle conquistate da Michael Schumacher. Non si fermerà qui, Hamilton.

Bottas ha faticato a rimontare: arrivato alle spalle di Max Verstappen (secondo), non aveva il passo per superarlo e così è stato chiamato a un terzo pit-stop. Il finlandese ha recuperato forte, è tornato dietro all'olandese, ma forse gli sarebbe servito un altro giro per tentare il sorpasso. E così Bottas, dopo un grande avvio stagionale, ora si ritrova in difficoltà, come già capitato in passato.

Superba invece, la corsa di Verstappen. L'imperdonabile errore mentre raggiungeva la griglia di partenza, con la rottura del musetto e del braccetto dello sterzo, sembrava aver decretato la fine del weekend per l'olandese. Invece, i meccanici Red Bull hanno compiuto il miracolo di "riattivare" la RB16 permettendo a Verstappen di partire. Dalla settima piazzola, quarta fila, Max ha subito passato in rettifilo Bottas e Sergio Perez, scattati lentamente, poi alla prima curva, all'esterno, si è mangiato le due Ferrari e poco dopo Lance Stroll che si era portato al secondo posto. Dopo di che, Verstappen ha gestito al meglio ogni situazione di gara facendo sua una seconda posizione che pareva impossibile. Buona la gara del suo compagno Alexander Albon, quinto con la seconda Red Bull-Renault dopo essere partito a centro schieramento.

Festa grande per Stroll e la Racing Point-Mercedes. Il canadese ha ottenuto uno dei suoi migliori risultati in carriera in F1 dopo il terzo posto di Baku 2017. Stroll, terzo in qualifica, si è piazzato quarto al termine di una corsa gagliarda, priva di errori, durante la quale è stato costantemente tra i primi cinque. Una splendida risposta la sua, dopo aver sofferto il compagno Sergio Perez nei primi due appuntamenti. Il messicano di par suo, è scattato male, è scivolato nelle retrovie e sembrava non avere il passo per recuperare con facilità. E alla fine è arrivata la settima posizione, comunque punti importanti per la Racing Point che raggiunge la McLaren (40 punti) al terzo posto nella classifica costruttori.

La prima Ferrari è quella di Sebastian Vettel, sesto, ma a 1 giro da Hamilton. Il tedesco si è destreggiato bene con una SF1000 molto difficile da guidare e nonostante un paio di piccoli errori, ha visto l'arrivo in zona punti tenendo dietro Perez e la Renault di Daniel Ricciardo. Gara incubo invece, per Charles Leclerc, che ha sofferto subito con le gomme soft montate al primo pit-stop, e successivamente col bilanciamento della vettura. E così ha concluso undicesimo, fuori dai punti. Pochi sorrisi in casa Renault, ottava con Ricciardo, lontana dalla top 10 con Esteban Ocon.

Primi punti 2020 per la Haas-Ferrari. La scelta di rientrare ai box per cambiare le gomme wet in slick già al termine del giro di formazione, ha pagato. Kevin Magnussen, lottatore, dopo aver occupato le posizioni da podio, ha concluso nono mentre Romain Grosjean, sempre dietro al danese, è poi precipitato in quindicesima posizione con l'ala danneggiata da Albon nella prima parte di gara. Non bene la McLaren-Renault questa volta, solo decima con Carlos Sainz mentre Lando Norris ha sofferto fin dal via. Male la Alpha Tauri-Honda, ritirata con Pierre Gasly per l'ennesimo problema al motore, mentre Daniil Kvyat ha chiuso dodicesimo. Non bene la Williams-Mercedes dopo una eccellente qualifica e malissimo l'Alfa Romeo-Ferrari con Antonio Giovinazzi che è sempre stato lontano da Kimi Raikkonen.

Domenica 19 luglio 2020, gara

1 - Lewis Hamilton (Mercedes) - 70 giri
2 - Max Verstappen (Red Bull-Honda) - 8"702
3 - Valtteri Bottas (Mercedes) - 9"452
4 - Lance Stroll (Racing Point-Mercedes) - 57"579
5 - Alexander Albon (Red Bull-Honda) - 1'18"316
6 - Sebastian Vettel (Ferrari) - 1 giro
7 - Sergio Perez (Racing Point-Mercedes) - 1 giro
8 - Daniel Ricciardo (Renault) - 1 giro
9 - Kevin Magnussen (Haas-Ferrari) - 1 giro
10 - Carlos Sainz (McLaren-Renault) - 1 giro
11 - Charles Leclerc (Ferrari) - 1 giro
12 - Daniil Kvyat (Alpha Tauri-Honda) - 1 giro
13 - Lando Norris (McLaren-Renault) - 1 giro
14 - Esteban Ocon (Renault) - 1 giro
15 - Romain Grosjean (Haas-Ferrari) - 1 giro
16 - Kimi Raikkonen (Alfa Romeo-Ferrari) - 1 giro
17 - Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo-Ferrari) - 1 giro
18 - George Russell (Williams-Mercedes)  1 giro
19 - Nicholas Latifi (Williams-Mercedes) - 5 giri

Ritirato
Pierre Gasly

Il campionato piloti
1.Hamilton 63; 2.Bottas 58; 3.Verstappen 33; 4.Norris 26; 5.Albon, Perez 22; 7.Leclerc, Stroll 18; 9.Sainz 14; 10.Vettel 9; 11.Ricciardo 8; 12.Gasly 6; 13.Ocon 4; 14.Magnussen, Giovinazzi 2; 16.Kvyat 1.

Il campionato costruttori
1.Mercedes 121; 2.Red Bull-Honda 55; 3.McLaren-Renault, Racing Point-Mercedes 40; 5.Ferrari 27; 6.Renault 12; 7.Alpha Tauri-Honda 7; 8.Alfa Romeo-Ferrari, Haas-Ferrari 2.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone