formula 1

La F1 piange Tambay, da
tempo malato di Parkinson

Se ne è andato, in silenzio, Patrick Tambay. Da tempo il 73enne pilota francese nato il 25 giugno 1949 a Parigi, soffriva di ...

Leggi »
World Endurance

Villeneuve ha provato la Vanwall LMH
a Montmelò, obiettivo Le Mans 2023?

Michele Montesano La voglia di rimettersi costantemente in discussione non è mai mancata a Jacques Villeneuve. Dopo aver vi...

Leggi »
FIA Formula 3

Fornaroli nuovo pilota Trident
Nel 2022 miglior rookie Alpine

Leonardo Fornaroli è il secondo pilota italiano dopo Gabriele Minì che parteciperà al campionato di F3. Il 18enne piacentino ...

Leggi »
formula 1

I benefici economici del
GP di Imola? 274 milioni

Uno studio sulla ricaduta economica del Gran Premio di F1 svoltosi a Imola, ha sancito il successo della manifestazione per q...

Leggi »
dtm

L'ADAC salva il DTM
La mediazione di Berger

Il DTM è salvo. L'ADAC, Allgemeiner Deutscher Automobil Club, sarà il nuovo organizzatore e promotore della serie più fam...

Leggi »
dtm

ITR non organizzerà il DTM
Berger spera nell'ADAC

Il 6 novembre Italiaracing aveva riportato la difficoltà da parte di Gerhard Berger e della ITR nell'organizzare il campi...

Leggi »
12 Set [15:59]

L'Aston Martin apre la sua filiera:
primo nome Drugovich, neocampione F2

Jacopo Rubino

Oltre ad aver appena conquistato il titolo di Formula 2, Felipe Drugovich ha anche firmato il suo primo contratto con un team di Formula 1. Il brasiliano diventerà riserva della Aston Martin, che con l'occasione ha istituito ufficialmente il proprio programma giovani. L'intenzione della scuderia britannica è di schierare Drugovich nel primo turno di prove libere del Gran Premio di Abu Dhabi, l'ultimo in calendario, e nei rookie test che si svolgeranno, sempre sul tracciato di Yas Marina, a Mondiale concluso.

"È un'opportunità fantastica, che si aggiunge ad un 2022 già splendido", ha commentato il 22enne verde oro, già vincitore nel 2018 dell'Euroformula Open, che fino a qui non ha mai fatto parte di una Academy di F1. Il suo titolo nella serie cadetta, arrivato alla terza stagione, è maturato con una tappa di anticipo grazie a cinque successi, altri cinque piazzamenti a podio e quattro pole-position. "Vincere in F2 è considerato come il miglior trampolino di lancio per una carriera in F1, e questo ruolo mi darà tutti gli strumenti per compiere il prossimo passo".

Nel comunicato Aston Martin, si racconta che l'accordo è stato siglato sabato, proprio nello stesso giorno in cui Drugovich si è laureato matematicamente campione F2, ma era uno scenario nell'aria già qualche tempo. In vista del 2023, l'Aston Martin allestirà per lui un programma di test privati con la macchina 2021, la AMR21, ed è prevista la presenza ai box in alcuni round iridati. Non è però menzionata l'eventualità di vedere Drugovich misurarsi in altre categorie per mantenere il ritmo-gara, ma del resto alcuni dei suoi predecessori hanno dovuto contemplare la prospettiva di dodici mesi "in panchina", o quasi. "Sarà un anno di apprendistato", ha dichiarato, "lavorerò con la squadra, ma il mio obiettivo primario sarà di crescere come pilota".

Il boss Lawrence Stroll ha affermato: "Sono immensamente orgoglioso di inaugurare il programma piloti Aston Martin. Credo fermamente nel dare riconoscimento ai giovani talenti". Parole che fanno un po' sorridere, tuttavia, pensando ai privilegi concessi al figlio Lance, quando non hanno trovato posto nel Circus nomi molto più meritevoli...

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone