F4 Italia

Mugello - Qualifica 1
Bohra e Slater conquistano le pole

Prima la doppietta di US Racing, poi il pareggio del team Prema. E' finita 2 a 2, a decidere il tutto saranno i tempi sup...

Leggi »
World Endurance

A Interlagos arrivano i primi
aggiornamenti sulla Ferrari 499P

Michele Montesano - XPB Images Vettura che vince non si cambia, si evolve. Reduce dal trionfo della 24 Ore di Le Mans, la Fe...

Leggi »
formula 1

Nel 2025 restano sei
le Sprint Race in calendario

22 marzo - Shanghai3 maggio - Miami26 luglio - Spa18 ottobre - Austin8 novembre - San Paolo29 novembre - Lusail

Leggi »
formula 1

La rinascita della Mercedes W15
passa dalla sospensione anteriore

Michele Montesano - XPB Images La Formula 1 è fatta di piccoli dettagli. Basta un nulla, una regolazione errata o un aggiorn...

Leggi »
formula 1

Lawson a Silverstone con la Red Bull
E Perez comincia a tremare...

Domani, 11 luglio, Liam Lawson sarà a Silverstone per guidare la Red Bull RB20 di questa stagione. L'occasione che si pre...

Leggi »
formula 1

McLaren e Norris, ancora troppi
errori per poter pensare al Mondiale

Avere la monoposto attualmente più veloce del paddock F1, ma non riuscire mai a concretizzare il massimo risultato nei Gran P...

Leggi »
18 Nov [10:06]

Las Vegas - Qualifica
Leclerc in pole, Sainz secondo
Grazie alla FIA niente 1.fila Ferrari

Massimo Costa - XPB Images

Poteva essere una prima fila tutta Ferrari, una garanzia per lo spettacolo, anzi, per lo show per cui è stato costruito questo Gran Premio di Las Vegas. Ma l'ottusità della FIA nell'applicazione del regolamento, che ha incredibilmente penalizzato Carlos Sainz di dieci posizioni per la sostituzione delle batterie (ma anche il cambio, il motore, il sedile, il fondo scocca, si stimano danni per 2 milioni), danneggiate per il passaggio sopra quel tombino alzatosi dalla sua sede nel primo turno di prove libere, cambierà la fisionomia dello schieramento di partenza. Un pasticcio terribile a cui nessuno ha voluto rimediare e le giustificazioni della stessa FIA non hanno fatto che suscitare ilarità.

La pole è andata a Charles Leclerc che ha battuto Sainz per 44 millesimi, 1'32"726 contro 1'32"770. Nessun altro è riuscito a scendere sotto il muro dell'1'33", Max Verstappen con la Red Bull-Honda si è fermato a 1'33"104 non migliorando il suo secondo tentativo, al contrario dei due piloti Ferrari. Ma l'olandese, per la penalità comminata a Sainz (partirà 12esimo), potrà salire in prima fila potendo così avere una notevole possibilità nel confronto con Leclerc. Verstappen è stato battuto in tutti e tre i settori del tracciato di Las Vegas, lungo 6,2 km mentre il punto in cui il monegasco ha battuto Sainz è stato il secondo settore.

Il terzo turno libero aveva mostrato una certa superiorità delle power unit Mercedes, ma che si è sgretolata nella qualifica. George Russell, che aveva concluso al comando quella sessione, ha concluso quarto (ma sarà terzo in griglia) a 4 decimi mentre Lewis Hamilton non ha superato il Q2 e clamorosamente partirà soltanto decimo. Non posso fare di più, ha detto il sette volte campione del mondo, ma è un dato di fatto che il suo compagno di squadra ha saputo fare molto meglio. Notevole la prestazione di Pierre Gasly, esaltatosi nel Q2 e nel Q3 con la Alpine-Renault. Il francese ha il quinto tempo (ma è quarto sullo schieramento).

Di grande spessore la prestazione delle due Williams-Mercedes con Alexander Albon e Logan Sargeant approdati in Q3. Alla fine i due piloti non si sono risparmiati con l'anglo-thailandese sesto e l'americano settimo, entrambi guadagnano una posizione sullo schieramento. Va sottolineata la soddisfazione per Sargeant, finalmente competitivo e in bilico per la riconferma in ottica 2024. Applausi anche per Valtteri Bottas e la Sauber-Ferrari, ottavo il crono realizzato mentre Guan Yu Zhou si è arenato nel Q1. Entrato nel Q3 un buon Kevin Magnussen con la Haas-Ferrari che ha chiuso nono davanti a una Aston Martin-Mercedes di nuovo deludente con Fernando Alonso. Male anche Sergio Perez, fuori dal Q3 con la Red Bull, ma ormai non è più una sorpresa.

E' invece incredibile il crollo della McLaren-Mercedes che con i due piloti Lando Norris e Oscar Piastri non ha superato il Q1. Non sono mancati gli errori dei due ragazzi, ma certamente qualcosa nel set-up non ha funzionato a dovere fin dalle prove libere. Crollo anche di Esteban Ocon che si è perso in una inutile bagarre con Verstappen nel Q1 e ne ha pagato le conseguenze. E considerando dove si è piazzato il suo compagno Gasly, avrà molto da recriminare. Lance Stroll pagherà cinque posizioni in griglia per avere superato una vettura mentre erano esposte le bandiere gialle nel terzo turno libero.

Sabato 18 novembre 2023, qualifica

1 - Charles Leclerc (Ferrari) - 1'32"726 - Q3
2 - Carlos Sainz (Ferrari) - 1'32"770 - Q3 **
3 - Max Verstappen (Red Bull-Honda) - 1'33"104 - Q3
4 - George Russell (Mercedes) - 1'33"112 - Q3
5 - Pierre Gasly (Alpine-Renault) - 1'33"239 - Q3
6 - Alexander Albon (Williams-Mercedes) - 1'33"323 - Q3
7 - Logan Sargeant (Williams-Mercedes) - 1'33"513 - Q3
8 - Valtteri Bottas (Sauber-Ferrari) - 1'33"525 - Q3
9 - Kevin Magnussen (Haas-Ferrari) - 1'33"537 - Q3
10 - Fernando Alonso (Aston Martin-Mercedes) - 1'33"555 - Q3
11 - Lewis Hamilton (Mercedes) - 1'33"837 - Q2
12 - Sergio Perez (Red Bull-Honda) - 1'33"855 - Q2
13 - Nico Hulkenberg (Haas-Ferrari) - 1'33"979 - Q2
14 - Lance Stroll (Aston Martin-Mercedes) - 1'34"199 - Q2 ***
15 - Daniel Ricciardo (Alpha Tauri-Honda) - 1'34"308 - Q2
16 - Lando Norris (McLaren-Mercedes) - 1'34"703 - Q1
17 - Esteban Ocon (Alpine-Renault) - 1'34"834 - Q1
18 - Guan Yu Zhou (Sauber-Ferrari) - 1'34"849 - Q1
19 - Oscar Piastri (McLaren-Mercedes) - 1'34"850 - Q1
20 - Yuki Tsunoda (Alpha Tauri-Honda) - 1'36"447 - Q1

** 10 posizioni di penalità
*** 5 posizioni di penalità
RS Racing