Rally

Rally di Lettonia – 1° giorno
Rovanperä batte Neuville e Ogier

Michele Montesano Riga ha fatto da antipasto a quello che sarà il Rally di Lettonia. I piloti del WRC si sono sfidati sulla s...

Leggi »
formula 1

L'analisi del mercato piloti 2025
Cosa accadrà nelle prossime settimane

Con il passaggio di Esteban Ocon al team Haas, diventano quattro e... mezzo i sedili vacanti nel Mondiale F1 per la prossima ...

Leggi »
Rally

Rally di Lettonia – Shakedown
Tänak precede Neuville, Toyota insegue

Michele Montesano Il WRC, questo fine settimana, farà tappa per la prima volta nella sua storia in Lettonia. La repubblica ba...

Leggi »
formula 1

Haas e Ferrari, accordo fino al 2028
E intanto sta per arrivare Ocon

Il team Haas ha rinnovato l'accordo con la Ferrari per la fornitura dei motori. Il costruttore americano potrà avere le p...

Leggi »
World Endurance

Aston Martin: a Silverstone
il debutto della Valkyrie LMH

Michele Montesano Eppur si muove. Aston Martin ha tenuto fede alla sua tabella di marcia e, come previsto, ha portato al debu...

Leggi »
Rally

Ogier e Rovanperä al via in Lettonia
Torna Lappi in Hyundai, Sesks con Ford

Michele Montesano Questo fine settimana il Mondiale Rally farà tappa per la prima volta in Lettonia. La repubblica baltica, g...

Leggi »
4 Mag [16:52]

Le Castellet, qualifica
Pole casalinga per Idec Sport

Michele Montesano - Foto Speedy

Il fattore campo avrà giocato un ruolo fondamentale nelle qualifiche della 4 Ore di Le Castellet. Infatti a siglare la pole position, del secondo appuntamento stagionale della European Le Mans Series, è stato il team Idec Sport che ha sede a pochi passi proprio dal tracciato del Paul Ricard. Ancora una volta, così come visto nella prova inaugurale del Montmelò, la qualifica delle LMP2 si è rivelata serrata e avvincente, con ben dieci Oreca 07 Gibson racchiuse in meno di un secondo.

A spuntarla è stato Job van Uitert che, pochi istanti prima della bandiera a scacchi, ha stampato il riferimento in 1’40”104. L’olandese dell’Idec Sport, in equipaggio con Reshad de Gerus e Paul Lafargue, è riuscito a strappare per due decimi e mezzo il miglior tempo fatto registrare in precedenza da Louis Deletraz. Lo svizzero, a lungo in cima alla lista dei tempi, inspiegabilmente ha preferito trascorrere gli ultimi minuti ai box anziché tentare di ritoccare ulteriormente il suo crono. Tale strategia si è rivelata errata con il team AO By TF che scatterà dalla seconda piazzola.

Protagonista delle seconde prove libere, Matteo Cairoli prenderà il via dalla seconda fila. Il portacolori dell’Iron Lynx – Proton, per appena quindici millesimi nei confronti di Deletraz, si è dovuto accontentare del terzo crono davanti Frederik Vesti. Il vicecampione Formula 2 2023 si è ben distinto e, oltre a firmare il quarto tempo, ha battuto il compagno di squadra, nonché vincitore della 4 Ore di Barcellona, Malthe Jakobsen. A dividere le due Oreca del Cool Racing ci ha pensato l’alfiere dello United Autosports Ben Hanley.

Seconda pole position stagionale per Giorgio Roda in classe LMP2 ProAm. Fermando il cronometro in 1’43”067, l’italiano del Proton Competition ha battuto di oltre tre decimi il campione in carica François Perrodo, al volante della Oreca 07 gestita dal team AF Corse. Intenso anche il duello per la seconda fila. Al termine dei quindici minuti ad avere la meglio è stato il pilota del Richard Mille by TDS Rodrigo Sales che, proprio nell’ultimo tentativo, ha battuto l’Oreca del Nielsen Racing condotta da John Falb.

Dimostrazione di forza da parte di Gael Julien, autore della pole in LMP3 con un crono di 1’48”867. Il francese, al volante della Ligier JS P320 motorizzata Nissan, ha siglato il riferimento a quattro minuti dalla bandiera a scacchi. Seguendo il consiglio del muretto box del RLR M Sport, Julien è quindi rientrato ai box per assistere agli ultimi istanti della qualifica fuori dall’abitacolo.

Il tempo fatto registrare dal francese si è rivelato di fatto inattaccabile, con Manuel Espirito Santo che ha chiuso secondo a poco più di un decimo. Gillian Henrion, vincitore di classe del primo appuntamento stagionale della ELMS, ha strappato in extremis il terzo crono a Oscar Tunjo, al volante della Duqueine M30 D08 del team WTM by Rinaldi. A completare la top 5 l’alfiere del Racing Spirit of Leman Antoine Doquin.

Sarah Bovy ha messo nuovamente tutti in riga nella LMGT3. Così come avvenuto in occasione della prova inaugurale del Montmelò, la Iron Dames ha piazzato la Porsche 911 GT3 R in pole position con un crono di 1’56”003. Duncan Cameron, al volante della Ferrari 296 GT3 dello Spirit of Race, ha provato a ricucire il distacco ma, al termine della sessione, si è dovuto accontentare del secondo tempo a quasi tre decimi dalla pole.

Hiroshi Hamaguchi, terzo con la Lamborghini Huracán GT3 Iron Lynx, ha avuto la meglio sull’Aston Martin Vantage griffata Racing Spirit of Leman di Derek Deboer. Secondo per gran parte della qualifica, Takeshi Kimura non è riuscito a difendersi nelle fasi cruciali scivolando al quinto posto con la Ferrari 296 GT3 del Kessel Racing.

Sabato 4 maggio 2024, qualifica

1 - De Gerus-Lafargue-van Uitert (Oreca-Gibson P2) - Idec - 1'40"104
2 - Deletraz-Edgar-Kubica (Oreca-Gibson P2) - AO by TF - 1'40"350
3 - Cairoli-Ried-Capietto (Oreca-Gibson P2) - Iron Lynx - 1'40"365
4 - Vesti-Garcia-Chatin (Oreca-Gibson P2) - Cool - 1'40"382
5 - Hanley-Ugran-Sato (Oreca-Gibson P2) - United Autosports - 1'40"559
6 - Miyata-Fluxa-Jakobsen (Oreca-Gibson P2) - Cool - 1'40"703
7 - Stevens-Henemeier Hansson-Pino (Oreca-Gibson P2) - Nielsen - 1'40"775
8 - Allen-Koolen-Simmenauer (Oreca-Gibson P2) - Duqueine - 1'40"862
9 - A.Leclerc-M.Maldonado-Milesi (Oreca-Gibson P2) - Panis - 1'40"900
10 - Drugovich-Cullen-Richelmi (Oreca-Gibson P2) - Vector - 1'40"931
11 - Ghiotto-Gray-Novalak (Oreca-Gibson P2) - Inter Europol - 1'41"013
12 - Dillmann-Alvarez-Lomko (Oreca-Gibson P2) - Inter Europol - 1'41"126
13 - Lynn-Kaiser-Caldwell (Oreca-Gibson P2) - Algarve Pro - 1'41"135
14 - Di Resta-Garg-Scherer (Oreca-Gibson P2) - United Autosports - 1'41"651
15 - Roda-Viscaal-Binder (Oreca-Gibson P2) - Proton - 1'43"067
16 - Perrodo-Vaxiviere-Rovera (Oreca-Gibson P2) - AF Corse - 1'43"445
17 - Sales-Beche-Saucy (Oreca-Gibson P2) - TDS - 1'43"672
18 - Falb-Noble-Costa (Oreca-Gibson P2) - Nielsen - 1'43"759
19 - Schneider-Meyrick-Jarvis (Oreca-Gibson P2) - United Autosports - 1'44"803
20 - Wells-M.Bell-N.Piquet (Oreca-Gibson P2) - Virage - 1'44"987
21 - Lentoudis-Bradley-Quinn (Oreca-Gibson P2) - Algarve - 1'45"925
22 - Latorre-Bolukbasi-Horr (Oreca-Gibson P2) - DKR - 1'46"581
23 - Julien-Jensen-Adcock (Ligier-Nissan P3) - RLR - 1'48"867
24 - Espirito Santo-Cristovao-Oltramare (Ligier-Nissan P3) - Cool - 1'48"991
25 - Henrion-Gerbi-Pinheiro (Ligier-Nissan P3) - Virage - 1'49"168
26 - Tunjo-Kratz-Weiss (Duqueine-Nissan P3) - WTM by Rinaldi - 1'49"214
27 - Doquin-Wolff-Foubert (Ligier-Nissan P3) - Racing Spirit - 1'49"292
28 - Askey-Burkhantsov-Perino (Ligier-Nissan P3) - Inter Europol - 1'49"451
29 - Brichacek-Mattschull-Garcia (Duqueine-Nissan P3) - DKR - 1'49"665
30 - A.Ali-M.R.Bell (Ligier-Nissan P3) - Eurointernational - 1'50"001
31 - M.Lahaye-Trouillet-J.Lahaye (Ligier-Nissan P3) - Ultimate - 1'50"046
32 - Voisin-Dayson-D.Ali (Ligier-Nissan P3) - RLR - 1'51"084
33 - Bovy-Frey-Gatting (Porsche 911) - Iron Dames - 1'56"003
34 - Cameron-Perel-Griffin (Ferrari 296) - Spirit of Race - 1'56"283
35 - Hamaguchi-Jefferes-Caldarelli (Lamborghini Huracan) - Iron Lynx - 1'56"619
36 - Deboer-Stevenson-Hasse Clot (Aston Martin Vantage) - Racing Spirit - 1'56"898
37 - Kimura-Masson-Serra (Ferrari 296) - Kessel - 1'56"942
38 - J.Laursen-C.Laursen-Nielsen (Ferrari 296) - Formula Racing - 1'57"431
39 - Berry-Hanafin-Adam (Aston Martin Vantage) - Grid by TF - 1'57"456
40 - Wanwright-Pera-Rigon (Ferrari 296) - GR Racing - 1'57"588
41 - Samani-Collard-Varrone (Ferrari 296) - AF Corse - 1'58"218
42 - Schiavoni-Cressoni-Andlauer (Porsche 911) - Proton - 1'58"943
43 - Hartshorne-Tuck-Keen (Ferrari 296) - JMW - 2'00"742

LP Racing