formula 1

Vasseur si presenta: "Alla Ferrari
nulla è impossibile, sono qui per vincere"

Giovedi scorso, Frederic Vasseur si è presentato alla stampa. Di buon umore, tanti sorrisi, il nuovo team principal francese ...

Leggi »
Formula E

Diriyah – Qualifica 2
Hughes regala la prima pole a McLaren

Michele Montesano McLaren e Jake Hughes continuano a sorprendere al loro debutto in Formula E. Dopo esserci andato vicino gi...

Leggi »
Regional Mid-East

Kuwait City - Gara 3
Meguetounif vince, Antonelli allunga

1 - Sami Meguetounif - Hyderabad Blackbirds by MP - 14 giri2 - Andrea Kimi Antonelli - Mumbai Falcons - 1”0933 - Joshua Durks...

Leggi »
Regional Mid-East

Kuwait City - Gara 2
Doppietta PHM con Dufek e Barnard

Prima vittoria in Formula Regional per il team PHM, che all’esordio nella categoria ha subito conquistato una doppietta con J...

Leggi »
F4 Nel mondo

F4 a Kuwait City - Gara 2
Ugochukwu sempre più leader

C'è un ragazzo in fuga nella F4 degli Emirati Arabi Uniti. Si chiama Ugo Ugochukwu e arriva da New York. Il pilota del te...

Leggi »
Formula E

Diriyah – Gara 1
Wehrlein vince di rimonta

Michele Montesano Porsche si ripete siglando la seconda doppietta stagionale in Formula E. Questa volta però, è stato Pascal...

Leggi »
30 Nov [14:47]

Vettel erede di Marko
nel team Red Bull?

Massimo Costa

L'idea lanciata da Helmut Marko è certamente suggestiva: Sebastian Vettel suo erede all'interno del team Red Bull. Alla televisione tedesca, il consulente austriaco da sempre amico del compianto Dietrich Mateschitz e in Red Bull fin dal debutto in F1 della squadra, nonché legato al marchio fin da quando gestiva un proprio team di F.3000 negli anni Novanta, ha dichiarato: "E' vero, abbiamo avuto un incontro dopo l'ultima gara di Yas Marina e penso che se Seb potesse ottenere una posizione di qualche responsabilità, allora sarebbe attirato di nuovo dall’ambiente F1. Non ritengo così impossibile che torni per un ruolo dirigenziale. Tra poco io avrò 80 anni, e sono tanti". 

"Ora gli lasceremo piantare qualche albero (Marko fa la battuta ecologista, ndr), lasciandolo in pace, poi vedremo cosa succederà. Sono convinto che avrebbe il livello e la personalità per ricoprire un ruolo importante in Red Bull. È un uomo di carattere, che capisce il valore delle persone e comprende il contributo che loro darebbero per il successo. Sta a lui decidere a cosa dedicarsi ora. Abbiamo due squadre e siamo completamente aperti a qualsiasi possibilità. Ma per Sebastian c'è una grande differenza: se scegliesse di fare il senior manager, dovrebbe essere sul posto per primo e andare via per ultimo, e si guadagnerebbero molti meno soldi di un pilota”, sorride Marko.

Chissà se in Ferrari hanno mai pensato a lui per un ruolo importante nella squadra...

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone