formula 1

Calendario F1 2021, le ipotesi:
il via in Australia, novità Arabia

Jacopo Rubino - XPB Images

"Siamo vicini ad avere un calendario per il 2021", ha dic...

Leggi »
Mondiale Rally

Italia Sardegna, finale
Sordo resiste e trionfa

Jacopo Rubino

Per il secondo anno consecutivo Dani Sordo trionfa al Rally d’Italia Sardegna: pilota Hyun...

Leggi »
5 Lug [13:47]

WSK Super Master Series
Antonelli leader della OK

Sul circuito di Adria Karting Raceway è iniziata la fase finale di questa avvincente WSK Super Master Series che alla ripartenza del dopo Covid-19 ha proposto un’intera settimana di gare per il terzo e quarto round a conclusione del campionato targato WSK Promotion. Sabato 4 luglio si sono svolte le Prefinali e Finali di tutte e quattro le categorie KZ2, OK, OKJ e MINI per il terzo appuntamento della serie, che ha assegnato altri punti “pesanti” in classifica in vista del rush finale di domenica 5 luglio per la quarta e ultima prova dell’edizione 2020 WSK Super Master Series.

PREFINALI
Nelle due Prefinali di ogni categoria i successi sono andati in KZ2 rispettivamente all’italiano Matteo Viganò (Leclerc by Lennox/BirelArt-TM Racing-Vega) e al finlandese Simo Puhakka (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega), in OK al russo Nikita Bedrin (Ward Racing/Tony Kart-Vortex-Bridgestone) e all’italiano Andrea Kimi Antonelli (KR Motorsport/KR-Iame-Bridgestone), in OK-Junior l’altro italiano Brando Badoer (KR Motorsport/KR-Iame-Vega) e l’inglese Arvid Lindblad (KR Motorsport/KR-Iame-Vega), nella MINI l’olandese Rene Lammers (Baby Race Driver Academy/Parolin-TM Racing-Vega) e l’australiano Griffin Peebles (AV Racing/Parolin-TM Racing-Vega).

FINALI
PUHAKKA IN KZ2 VINCE IL ROUND 3 E INSIDIA PALOMBA
In KZ2 è stato il finlandese Simo Puhakka (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega) a dominare la scena poco dopo aver superato Paolo Ippolito (CRG-TM Racing-Vega) che era riuscito ad inserirsi in testa. Dal quarto giro Puhakka non ha più lasciato il comando della gara, inseguito sul traguardo al termine dei 20 giri di gara da un rimontante Stan Pex (KR Motorsport/KR-TM Racing-Vega) e da un altrettanto ottimo Matteo Viganò (Leclerc by Lennox/BirelArt-TM Racing-Vega) che sono andati a guadagnare il podio. Ippolito ha terminato in quarta posizione davanti a Giuseppe Palomba (BirelArt Racing/BirelArt-TM Racing-Vega) che mantiene la testa della classifica con 40 punti di vantaggio su Puhakka. Buona anche la prova di Riccardo Longhi (BirelArt Racing/BirelArt-TM Racing-Vega) in sesta posizione davanti allo svedese Vikctor Gustafsson (Leclerc by Lennox/BirelArt-TM Racing-Vega) e al francese Adrien Renaudin, primo dei piloti Sodikart.
KZ2, la classifica di campionato: 1. Palomba punti 183; 2. Puhakka 143; 3. Viganò 102; 4. Irlando 96; 5. Pex Stan 85.

ANTONELLI NUOVO LEADER NELLA OK
Nella OK il russo Nikita Bedrin (Ward Racing/Tony Kart-Vortex-Bridgestone) si è confermato maggior interprete della categoria andando a vincere con autorità anche la finale dopo essersi imposto nella Prefinale-A. Un bel salto in classifica lo ha messo a segno però l’italiano Andrea Kimi Antonelli (KR Motorsport/KR-Iame-Bridgestone), l’altro brillante protagonista della categoria che dopo aver vinto la Prefinale-B è andato a conquistare in Finale un ottimo secondo posto che lo ha proiettato in testa al campionato. Fra i migliori anche l’inglese Taylor Barnard (Rosberg Racing Academy/KR-Iame-Bridgestone) che con il terzo posto sul podio ha potuto confermarsi fra i più veloci del weekend. Lo spagnolo Pedro Hiltbrand (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Bridgestone) nonostante un bel recupero dalle prove di qualificazione, ha dovuto accontentarsi del quarto posto finale che lo conferma secondo in campionato, a 8 punti da Antonelli. Finale sfortunata invece per l’inglese Joe Turney (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Bridgestone) costretto ad un contatto che lo ha relegato 29mo perdendo così la testa della classifica, ora è terzo staccato di 27 punti.
OK, la classifica di campionato: 1. Antonelli punti 203; 2. Hiltbrand 195; 3. Turney 176; 4. Barnard 171; 5. Bedrin 158.

IN OKJ LINDBLAD SEMPRE PIU’ LEADER
Nella OK-Junior l’inglese Arvid Lindblad (KR Motorsport/KR-Iame-Vega) si è confermato in testa al campionato grazie ad una vittoria ineccepibile sull’altrettanto veloce e compagno di squadra Brando Badoer, che è rimasto sempre in scia al leader della gara concludendo al secondo posto. Sul podio ha concluso Karol Pasiewicz (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega), mentre in quarta posizione si è piazzato l’altro polacco Tymoteusz Kucharczyk (BirelArt Racing/RK-TM Racing-Vega). Sfortunato Alfio Andrea Spina, che non ha potuto incrementare la posizione in classifica per essere stato costretto ben presto al ritiro dopo essersi messo in mostra in Prefinale con un quarto posto .
OKJ, la classifica di campionato: 1. Lindblad punti 276; 2. Badoer 198; 3. Pasiewicz 186; 4. Kucharczyk 143; 5. Spina 135.

NELLA MINI MATVEEV LANCIATO VERSO IL TITOLO
Nella MINI a decidere il podio di questa finale è stato l’ultimo giro, in un arrivo in volata fra i tre piloti maggiori protagonisti. Il russo Dmitry Matveev (Energy Corse/Energy-TM Racing-Vega) è restato in testa nei primi giri della finale, ma nella seconda parte della gara si è visto sfilare dal polacco Jan Przyrowsky (AV Racing/Parolin-TM Racing-Vega). Nell’ultimo gito Matveev è riuscito a riportarsi in testa con un attacco vincente, e ad approfittarne della bagarre è stato anche il veloce giapponese Kean Nakamura Berta (Team Driver Racing Kart/KR-Iame-Vega) che a sua volta è riuscito a superare Przyrowsky soffiandogli anche la seconda posizione. Przrowsky si è quindi piazzato terzo, davanti a Antonio Apicella (Apicella/Energy-Iame-Vega) e il polacco Maciej Gladysz (Parolin/Parolin-TM Racing-Vega). Con questa vittoria Matveev è passato in testa al campionato.
MINI, la classifica di campionato: 1. Matveev punti 227; 2. Skulanov 188; 3. Nakamura 118; 4. Przyrowsky 107; 5. Khavalkin 101

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone