GT World Challenge

La corazzata del Gran Turismo
parte dal circuito di Monza

Dimenticati i problemi derivanti dal Covid che avevano modificato il calendario 2020, tanto che la prima gara Endurance ...

Leggi »
Rally

Nel Rally di Sanremo, vittoria
a tavolino per la Hyundai di Breen

Una gara bella e combattuta come nelle migliori tradizioni del 68.Rallye Sanremo, una battaglia sul filo dei secondi che si è...

Leggi »
formula 1

La battaglia di Hamilton contro il
razzismo e per una F1 più inclusiva

In una bella intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, Lewis Hamilton parla di sé e del suo impegno a favore delle min...

Leggi »
Formula E

Tra conferme e attese,
il punto sulla griglia Gen3

"Se potessi chiedere due cose, vorrei una squadra italiana e la Tesla. Con Tesla sarà difficile, perché Elon Musk ha alt...

Leggi »
formula 1

Cancellare la gara in Bahrain,
l'obiettivo di Mazepin per Imola

Il Gran Premio dell'Emilia Romagna sarà il secondo in Formula 1 per Nikita Mazepin, o forse il primo reale. Quello d'...

Leggi »
formula 1

La nuova vita di Brivio in Alpine:
"Della F1 mi ha attirato la sfida"

Per Davide Brivio il Gran Premio del Bahrain del 28 marzo è stato il primo da "addetto ai lavori" in Formula 1, dop...

Leggi »
1 Ago [15:45]

Vetture invariate fino al 2019
Meno costi, più equità, gare in Europa

Massimo Costa

Venerdì scorso, in occasione della tappa del F.3 europeo a Spa, la FIA ha voluto incontrare una ristrettissima cerchia di rappresentanti dei media per informare su quelle che saranno le novità del futuro. Italiaracing era presente all'incontro con il rappresentante della Federazione Internazionale Frederic Bertrand che ha voluto spiegare come sarà la F.3 europea nel 2017. Il punto sul quale si è maggiormente insistito è stato quello di mantenere il DNA della categoria, che è quello di permettere di percorrere un buon numero di chilometri, sia per quanto riguarda i test sia nei weekend di gara.

“Vogliamo cambiare la percezione che la gente si è fatta sulla nostra categoria, ovvero che se hai i soldi puoi fare quello che vuoi, che le regole sono permissive, ma non è la realtà. Questo ha comunque portato molti giovani piloti a evitare di correre nel nostro campionato e sono rimasto molto sorpreso. Abbiamo quindi discusso con i team principal su cosa fare per il futuro", ha spiegato Bertrand.

Il punto principale spiegato è che non si devono ripetere gli errori del passato che hanno portato alla fuga dalla F.3: "Innanzitutto occorre calmierare i costi, le attuali monoposto rimarranno fino al 2019 con importanti upgrade sulla sicurezza. Vogliamo che l’uso della galleria del vento sia da evitare e in ogni caso tutti i team riceveranno le stesse informazioni aerodinamiche. I motori saranno meno costosi, ridurremo i test evitando di farli sulle piste del campionato. Più equità, insomma. Ma non vogliamo snaturare il DNA della F.3 che deve rimanere il miglior banco di prova per la formazione dei giovani piloti e per i tanti km che si possono percorrere".

Questo per quanto riguarda l'aspetto tecnico e sportivo. Ma Bertrand si è anche soffermato sulla questione della promozione della serie e sul calendario del 2017: "Il costo di una stagione deve rimanere tra i 500 e i 600mila euro, il campionato 2017 si disputerà in Europa, se arriverà uno sponsor si potrà vedere di andare in altri continenti in futuro, ma non è mai stato un nostro obiettivo. Andremo con gara 3 in diretta su Eurosport e con una sintesi delle prime due corse mentre sarà mantenuto il live streaming”. Recentemente erano uscite immotivate voci di gare del FIA F.3 in Messico, Emirati Arabi e quant'altro, prontamente smentite da Bertrand.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone