formula 1

"Senna, la magia della perfezione"
Il libro/racconto di Alberto Sabbatini

Qual era la forza nascosta dietro i grandi successi di Ayrton Senna? La velocità, il talento, il maniacale perfezionismo? ...

Leggi »
Mondiale Rally

Italia Sardegna, finale
Sordo resiste e trionfa

Jacopo Rubino

Per il secondo anno consecutivo Dani Sordo trionfa al Rally d’Italia Sardegna: pilota Hyun...

Leggi »
15 Set [21:45]

I piloti F1 promuovono il Mugello:
e adesso sognano di correrci ancora

Jacopo Rubino

Ci siamo chiesti per anni come sarebbe stata una gara di Formula 1 al Mugello, le strane circostanze della stagione 2020 ci hanno permesso di scoprirlo. Il verdetto? Pista promossa, e tanti piloti già desiderano tornarci. In primis Lewis Hamilton, vincitore della prima (e probabilmente unica) edizione del Gran Premio di Toscana. "Questo circuito è fenomenale", ha affermato l'inglese della Mercerdes. Ben altra storia rispetto ai cosiddetti "tilkodromi" che da due decenni affollano il calendario, spesso senza particolari peculiarità. "E non credo nemmeno che sia pericoloso", ha aggiunto Hamilton. Il mega-incidente al restart, infatti, è da ritenere figlio di cause differenti.

L'impianto di Scarperia rimane della vecchia scuola, con cambi di pendenza e curvoni veloci che hanno fatto divertire tutti i protagonisti del Mondiale. Le vie di fuga in ghiaia, un po' come a Suzuka, non perdonano gli errori. Del resto sin dalla vigilia non c'erano dubbi sul livello di pilotaggio necessario, ad esempio nella caccia alla pole-position, mentre domenica è andata meglio del previsto. Si temeva una processione di vetture, complice una larghezza inferiore rispetto agli standard più recenti, eppure i sorpassi non sono mancati. Non solo in fondo al rettilineo principale, unica zona DRS designata, ma persino in curve "insospettabili".

"Ad essere onesto prima del via ero un po' scettico, ma di sorpassi ce ne sono stati molti. Il circuito è fantastico e sì, vorrei tornarci", ha commentato Charles Leclerc, nonostante il ferrarista di attacchi ne abbia dovuti subire, più che averne messi a segno.

"La gara è stata ricca di eventi, anche per la natura del tracciato. Ci sono stati bellissimi sorpassi e il layout ad alta velocità ha reso il compito dei piloti parecchio impegnativo. È stata una vera prova fisica e mentale, visto inoltre il forte caldo", ha sottolineato Ross Brawn, responsabile sportivo della F1. "La Toscana è una regione splendida, ma in tutti i miei anni in Ferrari, facendo test qui, non avrei mai immaginato che la F1 ci avrebbe corso".

Ci sarà un bis, nel 2021 o più avanti? Ad oggi non è uno scenario contemplato, perché il GP è stato organizzato quale risposta alle circostanze create dal Coronavirus. Qualcosa di una-tantum, affascinante anche per questo. Ma ora sappiamo che, in caso di necessità, il Mugello può essere un ottimo jolly nel mazzo di Liberty Media. Pure Daniel Ricciardo vorrebbe una replica, "ma non a spese di Monza", ha puntualizzato. "Sarebbe bello se potessimo averle entrambe". Sperare in due tappe italiane presenti stabilmente, come accaduto fino al 2006 con Imola, in condizioni normali forse è utopia. Ma chissà.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone