indycar

Bandiera rossa a Detroit
Brutto incidente per Felix Rosenqvist

Brutto incidente per Felix Rosenqvist nella prima gara del weekend IndyCar di Detroit. Il pilota svedese è finito dritto nell...

Leggi »
World Endurance

Portimao - Qualifica
Alpine pole da usato garantito

Michele Montesano A dispetto del nuovo corso delle HyperCar, voluto da Aco e WEC, a siglare la pole position a Portimão è st...

Leggi »
formula 1

Gli incidenti di Baku: sotto accusa
le pressioni adottate in gara dai team

Sono trascorsi sette giorni dal Gran Premio di Baku e ancora non si conoscono le cause precise che hanno determinato il cedim...

Leggi »
formula 1

La Haas non è più ultima,
ma la lotta interna si scalda

Anche un 13esimo posto può valere moltissimo. Quello ottenuto da Mick Schumacher nella caotica domenica a Baku, per esempio, ...

Leggi »
Rally

Mossa a sorpresa McLaren:
dal 2022 entra in Extreme E

Sorpresa: la McLaren aprirà una nuova pagina della sua lunga storia sportiva debuttando nelle gare off-road. Quali? Quelle de...

Leggi »
IMSA

BMW conferma il programma LMDh
per il 2023 e con obiettivo Le Mans

Il nuovo direttore di BMW M Markus Flasch ha confermato che la marca bavarese realizzerà un programma LMDh per il 2023. Senza...

Leggi »
16 Set [12:58]

La Renault si fa grande - Abiteboul:
"Bello essere delusi da un 4° posto"

Massimo Costa

"E’ bello essere delusi da un quarto posto! Abbiamo creduto nel podio per un po’ e la squadra probabilmente se lo meritava, ma Albon ha avuto un passo migliore. È stata una gara ricca di eventi, ma credo che abbiamo fatto tutte le cose giuste". A pronunciare le suddette parole è stato Cyril Abiteboul, team principal Renault, dopo il Gran Premio del Mugello. "Daniel ha fatto una grande gara, l'unico rammarico è che abbiamo avuto una sola macchina perché Esteban si è dovuto ritirare a causa di un problema di surriscaldamento dei freni. La conclusione principale che traiamo è che non dovremmo mai dare nulla per scontato. Siamo venuti al Mugello aspettandoci un weekend molto difficile perché le caratteristiche della pista non si adattavano alla nostra monoposto, ma siamo comunque riusciti a spuntare un bel risultato. È stato anche un fantastico primo evento al Mugello, una grande pista per i piloti".

Per un giro, c’è stata una Renault in seconda posizione in un Gran Premio di F1. Da quando il costruttore francese è rientrato nel Mondiale come squadra, dal 2016, non era mai accaduto. Daniel Ricciardo era scattato benissimo dalla seconda fila in occasione della terza partenza, superando Valtteri Bottas. L’australiano era abituato a ritrovarsi a queste vette della classifica quando era alla Red Bull, non il team principal Abiteboul che non credeva ai propri occhi. La Mercedes del finlandese ha poi superato Ricciardo, ma l’emozione è stata forte e comunque, il podio pareva essere realtà e non più una pia illusione.

A 9 giri dall’arrivo, Ricciardo era terzo, ma un Alexander Albon in gran forma lo ha fulminato alla San Donato al 50° giro. Daniel non ne aveva per replicare alla Red Bull-Honda e a malincuore si è accodato alla vettura del suo ex team. Con un margine di vantaggio assolutamente di sicurezza su Sergio Perez, per Ricciardo è arrivato un altro quarto posto, il terzo della stagione dopo quelli del Gran Premio di Gran Bretagna e del Belgio. Peccato per il ritiro di Esteban Ocon dopo pochi chilometri di gara per surriscaldamento dei freni, un doppio piazzamento pesante in zona punti ci poteva stare. Ricciardo si è calato perfettamente nella parte richiesta per questa corsa, quella del duro a tutti i costi, e non ha lasciato niente sul campo. Ha dato il 110 per cento in ogni momento con l’intento di portare al team che lascerà a fine stagione, quella coppa tanto ricercata.

Non è successo, ma ci riproverà, statene certi. “E’ stato un lungo giorno quello di domenica”, ha spiegato Ricciardo, “con tre partenze e incidenti, ma l’importante è che nessuno abbia riportato ferite. E’ un vero peccato aver perso la terza posizione, eravamo così vicini al podio. Ma prima Bottas, quando ero secondo, poi Albon, erano troppo veloci per noi. Un vero peccato, ma la quarta posizione va comunque più che bene e ci porta punti pesanti”.

Nelle ultime tre gare, Ricciardo ha visto il traguardo in quarta, sesta e quarta posizione, non male, mentre la Renault nella classifica costruttori ha fatto un salto in avanti notevole, 47 punti il bottino conquistato, anche con il contributo di Ocon (quinto e ottavo tra Spa e Monza). Pur rimanendo in quinta posizione, Renault rispetto a Monza ha aumentato il divario sulla Ferrari, sesta, portandolo da 10 a 17 punti, e diminuendo il distacco dalla Racing Point, da 11 a 9 punti. 

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone