formula 1

Briatore chiama, Domenicali risponde
Per l'ex team principal, un incarico?

Ci voleva Stefano Domenicali per riportare in F1 Flavio Briatore. L'ex team principal di Benetton e Renault, campione del...

Leggi »
formula 1

Per il GP dell'Arabia Saudita
arrivano le regole su come vestirsi...

Il circuito è ancora in via di definizione, i lavori sono clamorosamente in ritardo, ma intanto gli organizzatori del GP di J...

Leggi »
formula 1

Mazepin non fa sconti a se stesso
"L'autostima scende agli inizi in F1"

E' molto interessante l'intervista che Nikita Mazepin ha rilasciato alla Gazzetta dello Sport. Il pilota russo del te...

Leggi »
GT Internazionale

IGTC a Indianapolis
Vittoria Audi, tre italiani a podio

Vittoria marchiata Audi alla 8 Ore di Indianapolis, secondo appuntamento valido per l'Intercontinental GT Challenge 2021 ...

Leggi »
Rally

Rally di Spagna – Finale
Neuville vince, Evans tiene aperti i giochi

Michele Montesano Si è confermato un vero specialista dell’asfalto Thierry Neuville. Dopo aver dominato nella sua Ypres, il...

Leggi »
Rally

Rally di Spagna – 2° giorno finale
Neuville 1°, Ogier risponde a Sordo

Michele Montesano Non è cambiata la musica nel secondo giro pomeridiano del Rally di Spagna, undicesima prova del WRC 2021....

Leggi »
7 Mag [14:32]

Montmelò - Qualifica
Pole Hauger, duello Prema-Trident

Jacopo Rubino - XPB Images

Prema e Trident, le due squadre italiane in Formula 3 che nel 2020 hanno chiuso prima e seconda, si sono giocate la pole-position nella qualifica di Barcellona, tappa di apertura della stagione 2021: i loro portacolori Dennis Hauger e Jack Doohan, entrambi junior Red Bull, hanno chiuso separati da appena 6 millesimi. Ha avuto la meglio il norvegese della Prema in 1'32"904, tempo marcato a meno di 5 minuti dal termine quando tutti i piloti hanno dato l'assalto finale al cronometro con gomme nuove. Poco dopo Doohan ha fermato i cronometri in 1'32"910, vedendosi beffato in extremis dopo aver comandato la maggior parte del turno.

L'australiano figlio d'arte si era issato in vetta con il primo set di pneumatici, in 1'33"580, si è confermato davanti con il secondo treno di Pirelli in 1'33"091 mentre Hauger era in scia in 1'33"138, ma nel run conclusivo il nordico ex Hitech ha avuto qualcosina in più. O in meno, se parliamo dei 6 millesimi decisivi.

Ricordiamo che Hauger non sfrutterà questa in pole-position in gara 1 di domani, ma in gara 3 di domenica, in base al nuovo format dei weekend già sperimentato in Formula 2. Per la griglia della prima manche c'è l'inversione della top 12 odierna: davanti a tutti scatterà così un altro pupillo Red Bull, il rookie Jonny Edgar, che in extremis ha soffiato questa opportunità all'osservato speciale Juan Manuel Correa, comunque buon 13esimo nel suo weekend di rientro nelle competizioni dopo l'incidente dell'agosto 2019 in F2 a Spa, costato la vita ad Anthoine Hubert.

Victor Martins della MP Motorsport, mattatore dei test precampionato, in volata si è invece preso il terzo tempo, superando Matteo Nannini. Gran risultato comunque per l'italiano di HWA, che ha occupato in tutta la sessione le zone nobili del gruppo: ha davvero le carte in regola per ambire a punti pesanti e al podio. Alle sue spalle Frederik Vesti della ART Grand Prix e Olli Caldwell (Prema). Trident è l'unica scuderia con tre macchine nei primi dieci, avendo Clement Novalak settimo e David Schumacher nono, non la Prema perché Arthur Leclerc è stato soltanto 15esimo, commettendo anche un errore nella doppia piega di curva 7/8. Il monegasco non potrà nemmeno beneficiare dell'inversione di griglia: la sua trasferta sul circuito di Montmelò si fa più complicata delle attese.

Logan Sargeant ha fatto valere la sua velocità ed esperienza, portando in ottava posizione il team Charouz. Qualifica difficile invece per il nostro Lorenzo Colombo, 24esimo, che senza un po' di traffico nel finale avrebbe potuto chiudere più avanti. Se non altro, è stato il più veloce del terzetto di casa Campos. Assente Logan Sargeant schierato a Montmelò da Charouz.

Venerdì 7 maggio 2021, qualifica

1 - Dennis Hauger - Prema - 1'32"904
2 - Jack Doohan - Trident - 1'32"910
3 - Victor Martins - MP Motorsport - 1'32"965
4 - Matteo Nannini - HWA - 1'33"113
5 - Frederik Vesti - ART - 1'33"173
6 - Olli Caldwell - Prema - 1'33"184
7 - Clement Novalak - Trident - 1'33"225
8 - Logan Sargeant - Charouz - 1'33"263
9 - David Schumacher - Trident - 1'33"274
10 - Caio Collet - MP Motorsport - 1'33"305
11 - Alexander Smolyar - ART - 1'33"355
12 - Jonny Edgar - Carlin - 1'33"370
13 - Juan Manuel Correa - ART - 1'33"459
14 - Roman Stanek - Hitech - 1'33"522
15 - Arthur Leclerc - Prema - 1'33"535
16 - Oliver Rasmussen - HWA - 1'33"637
17 - Rafael Villagómez - HWA - 1'33"675
18 - Enzo Fittipaldi - Charouz - 1'33"806
19 - Ayumu Iwasa - Hitech - 1'33"865
20 - Jak Crawford - Hitech - 1'33"876
21 - Calan Williams - Jenzer - 1'33"881
22 - Tijmen van der Helm - MP Motorsport - 1'33"908
23 - Kaylen Frederick - Carlin - 1'33"961
24 - Lorenzo Colombo - Campos - 1'34"024
25 - Amaury Cordeel - Campos - 1'34"191
26 - Ido Cohen - Carlin - 1'34"333
27 - Laszlo Tóth - Campos - 1'34"470
28 - Reshad de Gerus - Charouz - 1'34"775
29 - Pierre-Louis Chovet - Jenzer - 1'34"778
30 - Filip Ugran - Jenzer - 1'35"132

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone