formula 1

Whitmarsh torna in Formula 1:
ruolo dirigenziale in Aston Martin

Martin Whitmarsh rientra nel giro della Formula 1, e lo fa con il team Aston Martin: sarà responsabile della nuova divisione ...

Leggi »
F3 FIA Asia

È pronto il calendario 2022
Cinque eventi tra Yas Marina e Dubai

La bella e avvincente stagione 2021 della F3 Asia organizzata dalla Top Speed dell'italiano Davide De Gobbi è alle spalle...

Leggi »
formula 1

Prost contro le strane idee di Liberty
"La griglia invertita? Non sarebbe più F1"

C'è un signore che ha fatto la storia della F1. Un signore che ha vinto quattro campionati del mondo e da qualche stagio...

Leggi »
formula 1

23 Gran Premi per il 2023
Imola se la gioca con Le Castellet

Circola già una prima bozza del calendario del Mondiale F1 2022. I Gran Premio potrebbero essere 23, di cui due in Italia. Il...

Leggi »
formula 1

Mercedes lancia un assist al gruppo
Volkswagen: "Eliminare la MGU-H"

Come fare per coinvolgere in F1 un maggior numero di motoristi e che magari travolti dall'entusiasmo decidano di entrare ...

Leggi »
indycar

Laguna Seca - Gara
Herta non sbaglia, Palou vede il titolo

Colton Herta si è preso la rivincita per il difficile finale di Nashville nella "sua" Laguna Seca. Il californiano ...

Leggi »
19 Mag [16:35]

Anteprima - A Monaco
cambia il format di qualifica e gara

Da Monaco - Mattia Tremolada

Gli organizzatori della Formula Regional by Alpine, ovvero la stessa Alpine e ACI Sport, hanno dovuto adattare il format di qualifica e gara alle esigenze del circuito cittadino di Monaco, unico nel suo genere. Essendo infatti il tracciato lungo solamente 3,337 km, in prova tra una vettura e l’altra, sono ben 33 le monoposto presenti al terzo appuntamento della serie, ci sarebbero stati appena due secondi. Impossibile immaginare una sessione di qualifica con questo traffico, e così, come accade già da anni per la Formula 2 o per la stessa Formula Renault Eurocup, antenata della Regional, si è deciso di dividere le auto in due gruppi per la qualifica.

Mentre l’unica sessione di prove libere della durata di 50 minuti vedrà in pista tutti i concorrenti, questi saranno poi divisi in due pool ricalcando quello che era il format già in uso nell’Eurocup nelle passate stagioni. Il Gruppo A vedrà scendere in pista alle 7:55 di venerdì mattina i piloti che occupano una posizione pari in classifica, quindi Paul Aron (secondo), Gabriele Minì (quarto), David Vidales (sesto), ecc… mentre il Gruppo B, avvantaggiato forse da una pista più gommata, vedrà la bandiera verde alle 8:33, con i piloti che occupano una posizione dispari, quindi il leader Gregoire Saucy, Alex Quinn (terzo), William Alatalo (quinto), ecc…

Il pilota che firmerà il miglior tempo assoluto scatterà dalla pole domenica, con gli altri presenti nel suo gruppo che si allineeranno nelle posizioni dispari dello schieramento, mentre la pole di sabato andrà al pilota più veloce nell’altra batteria. In questo modo c’è la certezza che a scattare dalla pole nelle due corse in programma non sarà lo stesso pilota.

Inoltre, soltanto 28 piloti saranno ammessi sulla griglia di partenza. Per assicurare ad ogni iscritto la partecipazione ad almeno una corsa, i peggiori 10 piloti della qualifica saranno divisi in due gruppi. Il gruppo degli ultimi 5 qualificati prenderà parte alla gara di sabato, mentre i piloti che si sono qualificati tra la 24° e la 28° posizione saranno al via domenica. Ovviamente, i migliori 23 piloti prenderanno parte ad entrambe le manche in programma sabato alle ore 10:15 e domenica alle ore 11:50, poco prima del via del Gran Premio di Formula 1.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone