formula 1

Whitmarsh torna in Formula 1:
ruolo dirigenziale in Aston Martin

Martin Whitmarsh rientra nel giro della Formula 1, e lo fa con il team Aston Martin: sarà responsabile della nuova divisione ...

Leggi »
F3 FIA Asia

È pronto il calendario 2022
Cinque eventi tra Yas Marina e Dubai

La bella e avvincente stagione 2021 della F3 Asia organizzata dalla Top Speed dell'italiano Davide De Gobbi è alle spalle...

Leggi »
formula 1

Prost contro le strane idee di Liberty
"La griglia invertita? Non sarebbe più F1"

C'è un signore che ha fatto la storia della F1. Un signore che ha vinto quattro campionati del mondo e da qualche stagio...

Leggi »
formula 1

23 Gran Premi per il 2023
Imola se la gioca con Le Castellet

Circola già una prima bozza del calendario del Mondiale F1 2022. I Gran Premio potrebbero essere 23, di cui due in Italia. Il...

Leggi »
formula 1

Mercedes lancia un assist al gruppo
Volkswagen: "Eliminare la MGU-H"

Come fare per coinvolgere in F1 un maggior numero di motoristi e che magari travolti dall'entusiasmo decidano di entrare ...

Leggi »
indycar

Laguna Seca - Gara
Herta non sbaglia, Palou vede il titolo

Colton Herta si è preso la rivincita per il difficile finale di Nashville nella "sua" Laguna Seca. Il californiano ...

Leggi »
16 Lug [11:40]

Rueda (Ferrari) spiega come cambia
il weekend inglese con il nuovo format

Massimo Costa

Come cambierà il lavoro dei team nel weekend del GP di Gran Bretagna, con i suoi orari rivoluzionati per via della gara sprint che si terrà sabato pomeriggio? Completamente, è la risposta. A spiegarlo nel dettaglio è Inaki Rueda, stratega della Ferrari, che alla Gazzetta dello Sport ha specificato: "La prima sessione di prove libere, che durerà un’ora, sarà fondamentale, perché bisognerà decidere l’assetto della macchina in vista della qualifica, prevista tre ore e mezza più tardi. Da quel momento, la configurazione della vettura non potrà più essere cambiata fino al termine della gara di domenica".

Rueda prosegue: "Arriveremo in pista con un assetto base, definito al simulatore, e proveremo altri due assetti, cercando di migliorare. Difficile portare sviluppi, a meno di essere sicuri che funzionino, perché non ci sarebbe il tempo di provarli. Inoltre avremo pochissimo tempo anche per fare comparazioni sull’assetto della macchina con i piloti che di solito girano al simulatore a Maranello nei venerdì dei gran premi". Da notare che la Mercedes ha invece portato un notevole inedito pacchetto aerodinamico per le sue W12.

Rueda continua a spiegare: "Sarà una sfida contro il tempo, con il rischio di dimenticare o sbagliare qualcosa. Questo ci preoccupa di più. Nelle libere sarebbe ideale provare la vettura sul giro singolo e fare almeno un giro a pieno carico. Ma ci dovremo subito chiedere se sia conveniente usare le gomme soft, visto che ne abbiamo a disposizione sei treni per la qualifica, dove è l’unica mescola ammessa, e ci potrebbe mancare per un tentativo. Mentre rimanderemo le valutazioni su durata e degrado degli pneumatici alle seconde prove libere del sabato".

Ma cosa ne pensa Rueda della gara sprint? "Purtroppo i calcoli al computer ci dicono che conterà soprattutto il primo giro per guadagnare posizioni. Dopo potrebbero restare invariate. In generale ci aspettiamo il 66% in più di sorpassi, da 44 a 68 di media nel weekend, e anche più incidenti. Mentre non si faranno pit-stop, visto che sarebbe impossibile recuperare il tempo perso ai box in soli 17 giri. Non ci fermeremo neppure con la safety-car. Significa che se Leclerc sorpasserà Hamilton o Verstappen, probabilmente resterà davanti. Nel GP di Austria, se fosse stata una gara sprint, sarebbe finito davanti a Perez. In ogni caso i piloti dovranno evitare che un sorpasso rischioso possa compromettere il risultato della gara di domenica, più importante per i punti».

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone