formula 1

Doppietta con pasticcio per la McLaren
Hamilton che grinta, Verstappen infantile

La prima vittoria in F1 di Oscar PIastri è arrivata dopo un anno e mezzo di presenza nel Mondiale, 35 Gran Premi. Terzo e sec...

Leggi »
formula 1

Budapest - La cronaca
Piastri e Norris, dominio con polemica

Ultimo giro - Piastri vince il suo primo GP di F1, secondo Norris ed è doppietta McLaren. Bella gara di Hamilton terzo con la...

Leggi »
Formula E

Londra – Gara 2
Wehrlein campione, disfatta Jaguar

Michele Montesano Non poteva esserci finale più avvincente. La decima stagione di Formula E si è decisa negli ultimi giri del...

Leggi »
F4 Italia

Le Castellet – Gara 3
Nakamura-Berta vince di strategia

1 – Kean Nakamura-Berta – Prema – 13 giri in 32’35”5972 – Gustav Jonsson – Van Amersfoort – 0”8703 – Tomass Stolcermanis – Pr...

Leggi »
Regional by Alpine

Le Castellet - Gara 2
Giusti domina sul bagnato

Con una splendida prova di forza su asfalto bagnato, Alessandro Giusti è riuscito a ripetere sul circuito Paul Ricard di Le C...

Leggi »
Rally

Rally di Lettonia – Finale
Rovanperä 1°, a Tänak il Super Sunday

Michele Montesano Ancora una doppietta Toyota, ancora una vittoria da parte di Kalle Rovanperä. Conquistando il Rally di Lett...

Leggi »
5 Giu [21:55]

Addio a Parnelli Jones
Leggenda del motorsport USA

E' morto Parnelli Jones, una delle più grandi leggende del motorsport americano, e quello che era il più anziano vincitore della Indy 500. Trionfatore da pilota nel 1963, ma anche da Team Principal due volte con Al Unser. Nonostante i tanti tentativi, non è più riuscito a vincere la 500 Miglia, andandoci vicinissimo nel 1967 con una vettura a Turbina (STP-Granatelli) finendo KO negli ultimi giri. La sua carriera non si era fermata alle ruote scoperte, ma aveva incluso anche Midget, Stock Car e sopratutto OffRoad: a suo nome c'è anche il successo nella celebre Baja 1000.

Nato nel 1933, aveva iniziato a farsi chiamare "Parnelli" come falso nome (il nome reale era Parnell) anche per nascondere alla famiglia che correva senza aver raggiunto la maggiore età. La consacrazione in una memorabile 500 Miglia 1963, che portò alla discussione con Colin Chapman che ne chiedeva lo stop tecnico per una perdita d'olio. La scelta della direzione gara di soprassedere privò del successo Jim Clark regalando a Jones il suo più grande risultato.

Da Team Principal aveva preso parte all'IndyCar ma anche alla Formula 1 a metà degli anni '70, con poco successo. Nel mondo del motorsport è entrato poi il figlio PJ, al via in NASCAR e IndyCar, mentre il nome è portato avanti dal nipote Jagger, che ha corso in IndyNXT lo scorso anno. E' ora impegnato nell'IMSA SportsCar Challenge.