GT World Challenge

La corazzata del Gran Turismo
parte dal circuito di Monza

Dimenticati i problemi derivanti dal Covid che avevano modificato il calendario 2020, tanto che la prima gara Endurance ...

Leggi »
Rally

Nel Rally di Sanremo, vittoria
a tavolino per la Hyundai di Breen

Una gara bella e combattuta come nelle migliori tradizioni del 68.Rallye Sanremo, una battaglia sul filo dei secondi che si è...

Leggi »
formula 1

La battaglia di Hamilton contro il
razzismo e per una F1 più inclusiva

In una bella intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, Lewis Hamilton parla di sé e del suo impegno a favore delle min...

Leggi »
Formula E

Tra conferme e attese,
il punto sulla griglia Gen3

"Se potessi chiedere due cose, vorrei una squadra italiana e la Tesla. Con Tesla sarà difficile, perché Elon Musk ha alt...

Leggi »
formula 1

Cancellare la gara in Bahrain,
l'obiettivo di Mazepin per Imola

Il Gran Premio dell'Emilia Romagna sarà il secondo in Formula 1 per Nikita Mazepin, o forse il primo reale. Quello d'...

Leggi »
formula 1

La nuova vita di Brivio in Alpine:
"Della F1 mi ha attirato la sfida"

Per Davide Brivio il Gran Premio del Bahrain del 28 marzo è stato il primo da "addetto ai lavori" in Formula 1, dop...

Leggi »
20 Giu [12:38]

Spa, gara 1: Leclerc, ma che battaglia

Da Spa - Massimo Costa

Charles Leclerc ha vinto la prima gara di Spa del FIA F.3, una corsa incredibilmente combattuta fin dalle prime fasi e che ha visto tre grandi protagonisti: Antonio Giovinazzi, Felix Rosenqvist e Leclerc. Alla fine, è stato il rookie monegasco del team Van Amersfoort (Dallara-Volkswagen) ad avere la meglio. Spettatore del lungo confronto verificatosi tra l'italiano del team Carlin e lo svedese della Prema, Leclerc dopo aver ingaggiato un breve duello con Rosenqvist ha colto al volo l'occasione che i due avversari gli hanno messo sul piatto.

Al 13° dei 16 giri in programma, Giovinazzi sul rettifilo del Kemmel si è difeso da Rosenqvist e Leclerc in scia. Prima si è spostato all'interno, verso destra, poi per impostare la variante di Les Combes ha sterzato verso sinistra. Forse un po' troppo perché Rosenqvist era già in quel tratto di asfalto, praticamente sul cordolo esterno, e il contatto è stato inevitabile. Il baffo anteriore destro della Dallara di Rosenqvist ha colpito la ruota posteriore sinistra di Giovinazzi: il pilota Prema ha tagliato la variante, l'italiano dopo poche curve si è dovuto ritirare. Un vero peccato perché Antonio aveva condotto una gara impeccabile, gagliarda, bruciando al via dalla seconda fila Rosenqvist e Jake Dennis. Per quel contatto, la direzione gara lo ha punito e Giovinazzi sconterà tre posizioni sulla griglia della seconda corsa, da dodicesimo a quindicesimo.

Leclerc, terzo, si è così trovato al comando e lo ha mantenuto fin sotto la bandiera a scacchi precedendo Rosenqvist di 1"5. Il rookie di Van Amersfoort è ora volato in testa alla classifica generale con 191,5 punti mentre Giovinazzi rimane a 182 e Rosenqvist sale a 178. Primo podio stagionale per un ottimo Alexander Albon con la Dallara-VW del team Signature. Ottavo al 1° giro, il giovane dello Junior Lotus ha recuperato con forza fino a concludere terzo davanti a un altrettanto ottimo Santino Ferrucci del team Mucke. Dennis invece, che partiva dalla prima fila, è scivolato al quinto posto finale con una vettura che sembrava mancare di velocità.

Peggio è andata a Brandon Maisano, suo compagno in Prema, che forse per un problema di pressione gomme ha concluso fuori dalla top 10 quando partiva quinto. Bene a punti anche George Russell del team Carlin, sesto e che cancella un periodo non troppo positivo. Dietro di lui Mikkel Jensen, che partirà dalla pole in gara 2 e Pietro Fittipaldi, particolarmente in "palla" a Spa con la Dallara-Mercedes Fortec. Purtroppo il brasiliano, sesto in Q2, partirà ultimo sia in gara 2 sia in gara 3 perché al termine della sessione di venerdì nel serbatoio mancava quel chilo di benzina necessario e richiesto dai commissari tecnici. A punti anche Fabian Schiller, nono per il team West Tec, e Alessio Lorandi.

Il 16enne italiano del team Van Amersfoort partiva venticinquesimo per via della penalità di 10 posizioni rimediata a Monza per la sostituzione del motore, ma ha dato vita a una rimonta a dir poco spettacolare risultando il pilota che ha compiuto il maggior numero di sorpassi. E concludendo decimo, recuperando così l'ultimo punto a disposizione. Nel giro finale, Lorandi era dodicesimo, ma alla staccata di Les Combes è riuscito a superare sia Ryan Tveter sia Sean MacLeod che lo precedevano, con quest'ultimo finito in testacoda. Una bella iniezione di fiducia dopo i punti che già aveva recuperato a Pau. Peccato per la non felice qualifica 2 che lo costringerà a partire nuovamente dalle retrovie in gara 2 e gara 3. Michele Beretta si è ritrovato trentesimo, da ventiduesimo, per evitare a La Source Markus Pommer in testacoda perché urtato da un rivale. Beretta (Mucke) ha quindi recuperato chiudendo ventunesimo. Da segnalare uno stopandgo per Lance Stroll che ha tamponato Tatiana Calderon.

Sabato 20 giugno 2015, gara 1

1 - Charles Leclerc (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 16 giri 35'35"057
2 - Felix Rosenqvist (Dallara-Mercedes) - Prema - 1"511
3 - Alexander Albon (Dallara-VW) - Signature - 2"651
4 - Santino Ferrucci (Dallara-Mercedes) - Mucke - 3"938
5 - Jake Dennis (Dallara-Mercedes) - Prema - 6"460
6 - George Russell (Dallara-VW) - Carlin - 7"388
7 - Mikkel Jensen (Dallara-Mercedes) - Mucke - 15"550
8 - Pietro Fittipaldi (Dallara-Mercedes) - Fortec - 18"333
9 - Fabian Schiller (Dallara-Mercedes) - West Tec - 20"096
10 - Alessio Lorandi (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 22"600
11 - Ryan Tveter (Dallara-VW) - Carlin - 23"133
12 - Sam MacLeod (Dallara-VW) - Motopark - 23"667
13 - Maximilian Gunther (Dallara-Mercedes) - Mucke - 24"220
14 - Callum Ilott (Dallara-VW) - Carlin - 30"581
15 - Brandon Maisano (Dallara-Mercedes) - Prema - 30"735
16 - Sergio Camara (Dallara-VW) - Motopark - 33"597
17 - Arjun Maini (Dallara-VW) - Van Amersfoort - 34"095
18 - Dorian Boccolacci (Dallara-VW) - Signature - 34"417
19 - Markus Pommer (Dallara-VW) - Motopark - 38"648
20 - Hongwei Cao (Dallara-Mercedes) - Fortec - 43"779
21 - Michele Beretta (Dallara-Mercedes) - Mucke - 44"009
22 - Gustavo Menezes (Dallara-VW) - Carlin - 45"230
23 - Matthew Rao (Dallara-Mercedes) - Fortec - 47"351
24 - Nabil Jeffri (Dallara-VW) - Motopark - 49"410
25 - Tatiana Calderon (Dallara-VW) - Carlin - 49"958
26 - Kang Ling (Dallara-Mercedes) - Mucke - 50"846
27 - Nicolas Pohler (Dallara-Mercedes) - Double R - 53"833
28 - Julio Moreno (Dallara-NBE) - T Sport - 54"500
29 - Mahaveer Raghunathan (Dallara-VW) - Motopark - 1'21"234
30 - Raoul Hyman (Dallara-Mercedes) - West Tec - 1'25"728
31 - Lance Stroll (Dallara-Mercedes) - Prema - 1'31"946

Giro più veloce: Santino Ferrucci 2'11"654

Ritirati
13° giro - Antonio Giovinazzi
12° giro - Matthew Solomon

Il campionato
1.Leclerc 191,5; 2.Giovinazzi 182; 3.Rosenqvist 178; 4.Dennis 139; 5.Russell 76; 6.Albon 65; 7.Gunther 64,5; 8.Jensen 59,5; 9.Stroll 52; 10.Menezes 35; 11.Ferrucci 32; 12.Maisano 30; 13.Pommer 28; 14.Maini 23; 15.Lorandi, Fittipaldi 15.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone