formula 1

Doppietta con pasticcio per la McLaren
Hamilton che grinta, Verstappen infantile

La prima vittoria in F1 di Oscar PIastri è arrivata dopo un anno e mezzo di presenza nel Mondiale, 35 Gran Premi. Terzo e sec...

Leggi »
formula 1

Budapest - La cronaca
Piastri e Norris, dominio con polemica

Ultimo giro - Piastri vince il suo primo GP di F1, secondo Norris ed è doppietta McLaren. Bella gara di Hamilton terzo con la...

Leggi »
Formula E

Londra – Gara 2
Wehrlein campione, disfatta Jaguar

Michele Montesano Non poteva esserci finale più avvincente. La decima stagione di Formula E si è decisa negli ultimi giri del...

Leggi »
F4 Italia

Le Castellet – Gara 3
Nakamura-Berta vince di strategia

1 – Kean Nakamura-Berta – Prema – 13 giri in 32’35”5972 – Gustav Jonsson – Van Amersfoort – 0”8703 – Tomass Stolcermanis – Pr...

Leggi »
Regional by Alpine

Le Castellet - Gara 2
Giusti domina sul bagnato

Con una splendida prova di forza su asfalto bagnato, Alessandro Giusti è riuscito a ripetere sul circuito Paul Ricard di Le C...

Leggi »
Rally

Rally di Lettonia – Finale
Rovanperä 1°, a Tänak il Super Sunday

Michele Montesano Ancora una doppietta Toyota, ancora una vittoria da parte di Kalle Rovanperä. Conquistando il Rally di Lett...

Leggi »
29 Gen [8:30]

24 Ore di Daytona - Dopo 12 ore
Angelelli e Dallara al top

Marco Cortesi

Max Angelelli è saldamente al comando al termine della prima metà della 24 Ore di Daytona 2017. Il pilota bolognese, che ha già annunciato il suo ritiro dalla serie, sta regalando una prestazione eccezionale e, dopo aver preso la testa nella prima parte della corsa, mantiene la leadership anche durante la notte insieme a Jeff Gordon e ai fratelli Taylor, oltre ad aver segnato il giro più veloce dell’equipaggio. A caratterizzare la corsa è stata, nelle ore recenti, la pioggia, che ha reso difficilissima la vita ai protagonisti della corsa. Con le temperature basse del periodo, ed il bagnato in pista, risulta infatti difficilissimo, oltre che il controllo “normale”, scaldare le gomme e guadagnare abbastanza velocità per far lavorare l’aerodinamica all’inizio degli stint. In condizioni così particolari è emersa - a sorpresa - la Riley-Multimatic del team VisitFlorida di Goossens-Van Der Zande-Rast anche grazie alla safety-car, mentre la Cadillac di Albuquerque-Fittipaldi Barbosa insegue in gran recupero. Dopo le prime fasi al comando, la terza Cadillac, con i piloti campioni in carica Curran-Cameron, uno stop in pit-lane ed un contatto hanno coinvolto il primo e arretrato tutto l’equipaggio: tra i piloti della vettura 31 impressionato il “deb” Seb Morris, vincitore del Sunoco Challenge 2016.

La pioggia ha portato al top in GTLM le Porsche che, nonostante abbiano spostato il motore in avanti dalla posizione a sbalzo, continuano ad avere una trazione eccezionale in condizioni di pista bagnata e comandano con un 1-2 dopo la tripletta Ford iniziale. Al momento, Patrick Pilet e Kevin Estre sono al comando: proprio il francese aveva evidenziato le difficoltà con le gomme con pista asciutta. A pieni giri anche le Ford guidate rispettivamente da Joey Hand, Billy Johnson e Harry Tincknell, oltre alla Ferrari 488 di Toni Vilander, Giancarlo Fisichella e James Calado. Continuano le difficoltà per Corvette e BMW, con una vettura KO a testa.

Dopo delle qualifiche difficili, la nuova Honda NSX del team Shank è al vertice della GT Daytona con il quartetto Segal-Negri-Dyer-HunterReay. Seconda c’è la Mercedes del team Riley, con al volante Ben Keating. Terza c’è l’Audi Land di Conor de Philippi, ma a completare la top-10 sono due vetture tutte italiane, la Lamborghini di Mirko Bortolotti, insieme a Engelhart-Ineichen-Perez, e la Ferrari di Alessandro Balzan, Christina Nielsen e Matteo Cressoni.

Due ritiri nella classe GTD hanno falcidiato il resto contingente italiano. La rottura del motore ha fermato la Porsche del team Manthey che vedeva eccezionale protagonista Matteo Cairoli, mentre problemi di misfire hanno fermato la Ferrari del poleman Alessandro Pier Guidi, Davide Rigon e Maurizio Mediani.

La classifica al termine della 12a ora

1 - Taylor/Taylor/Angelelli (Cadillac DPi) – Taylor - 358
2 - Goossens/Van Der Zande/Rast (Multimatic/Riley) – VisitFlorida - 1'31”646
3 - Barbosa/Fittipaldi/Albuquerque (Cadillac DPi) – AXRacing - 1 giri
4 - Sharp/Dalziel/Derani (Nissan DPi) – ESM - 3 giri
5 - Cameron/Curran/Conway (Cadillac DPi) – AXRacing - 6 giri
6 - Nunez/Bomarito/Pigot (Mazda DPi) – Mazda - 6 giri
7 - Estre/Vanthoor/Lietz (Porsche 911 RSR) – Porsche - 8 giri
8 - Pilet/Werner/Makowiecki (Porsche 911 RSR) – Porsche - 8 giri
9 - Mueller/Hand/Bourdais (Ford GT) – Ganassi - 8 giri
10 - Fisichella/Calado/Vilander (Ferrari 488 GTE) – Risi - 8 giri
11 - Mucke/Pla/Johnson (Ford GT) – Ganassi - 9 giri
12 - Tincknell/Priaulx/Kanaan (Ford GT) – Ganassi - 9 giri
13 - Miller/Simpson/Goikhberg (ORECA) – JDC-Miller - 9 giri
14 - Garcia/Magnussen/Rockenfeller (Corvette C7R) – Corvette - 9 giri
15 - Buemi/Heidfeld/Jani (ORECA) - Rebellion - 10 giri
16 - Auberlen/Sims/Farfus (BMW M6 GTLM) - BMW RLL - 10 giri
17 - French/O'Ward/Masson (ORECA FLM09) - Performance Tech - 11 giri
18 - Hedman/Lapierre/Hanley (Oreca 07-Gibson) – DragonSpeed - 12 giri
19 - Yount/Rice/Kvamme (ORECA FLM09) – BAR1 - 16 giri
20 - Papadopoulos/Mowlem/Merzon (ORECA FLM09) – BAR1 - 19 giri
21 - Segal/Negri Jr"/Dyer (Acura NSX GT3) – Shank - 19 giri
22 - De Phillippi/Mies/Gounon (Audi R8 LMS GT3) – Land - 19 giri
23 - Keating/Bleekemolen/Farnbacher (Mercedes-AMG GT3) – Riley - 19 giri
24 - Nielsen/Balzan/Cressoni/Bird (Ferrari 488 GT3) - Scuderia Corsa - 20 giri
25 - Aschenbach/Davis/Bell (Audi R8 LMS GT3) – Stevenson - 20 giri
26 - Lally/Legge/Wilkins (Acura NSX GT3) – Shank - 20 giri
27 - MacNeil/Jeannette/Van Gisbergen (Mercedes-AMG GT3) - Riley - 20 giri
28 - Engelhart/Ineichen/Pampanini (Lamborghini Huracan) – Grasser - 20 giri
29 - De Quesada/Morad/Lazare (Porsche 911 GT3 R) – Alegra - 21 giri
30 - Sellers/Snow/Miller (Lamborghini Huracan) - Paul Miller - 23 giri
31 - Creel/Hedlund/Henzler (Porsche 911 GT3 R) – TRG - 24 giri
32 - Bennett/Braun/Long (Porsche 911 GT3 R) – CORE - 24 giri
33 - Sweedler/Bell/Montecalvo (Audi R8 LMS GT3) - Alex Job - 24 giri
34 - Marks/Klingmann/Martin (BMW M6 GT3) – Turner - 25 giri
35 - Anassis/Gdovic/Claman (Lamborghini Huracan) – AC - 26 giri
36 - Brown/van Overbeek/Senna Lalli (Nissan DPi) – ESM - 26 giri
37 - Busnelli/Babini/Collard (Lamborghini Huracan) – Ebimotors - 28 giri
38 - Gavin/Milner/Fassler (Corvette C7R) – Corvette - 29 giri
39 - DeGeorge/Sbirrazzuoli/Ruberti (Lamborghini Huracan) - Dream - 31 giri
40 - Habul/Said/Vautier (Mercedes-AMG GT3) – SunEnergy1 - 32 giri
41 - Briscoe/Westbrook/Dixon (Ford GT) – Ganassi - 33 giri
42 - Mapelli/Basseng/Stolz (Lamborghini Huracan) – Konrad - 36 giri
43 - Engelhart/Ineichen/Pampanini (Lamborghini Huracan) – Grasser - 38 giri
44 - Hawksworth/Alon/Cindric (Lexus RCF GT3) – 3GT - 58 giri
45 - Dalla Lana/Lamy/Lauda (Aston Martin Vantage) - Aston Martin - 61 giri
46 - Guasch/Gutierrez/Enerson (Ligier) – PR1/Mathiasen - 70 giri
47 - Keating/Bleekemolen/Farnbacher (Mercedes-AMG GT3) – Riley - 97 giri
48 - Mayer/Dayson/Popow (ORECA FLM09) – Starworks - 97 giri
49 - Long/Miller/Hinchcliffe (Mazda DPi) – Mazda - 181 giri