11 Feb [14:22]

BAT diventa sponsor della McLaren,
i tabaccai tornano in F1 "dalla finestra"?

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Jacopo Rubino - Photo4

Era difficile da immaginare, ma la McLaren ha stretto un accordo con il gruppo BAT, acronimo di British American Tobacco. Da ormai oltre un decennio la pubblicità in Formula 1 alle sigarette è vietata, per questo l'iniziativa assomiglia moltissimo a quella lanciata nei mesi scorsi dalla concorrente Philip Morris con il marchio Mission Winnow sulla Ferrari (e sulla Ducati in MotoGP): promuovere nuovi progetti industriali, su prodotti "a basso rischio", si legge, per offrire "un domani migliore" ai consumatori di tabacco e nicotina.

Il logo che comparirà sulla nuova MCL34 motorizzata Renault, che verrà presentata giovedì 14, sarà infatti quello di "A Better Tomorrow", la piattaforma creata ad hoc da British American Tobacco. La collaborazione pluriennale con la McLaren porterà anche ad un effettivo scambio tecnologico, con ricerca congiunta sulle batterie e sui materiali all'avanguardia.

Il marchio "A Better Tomorrow", viene sottolineato, avrà una presenza sulla macchina e al di fuori della macchina "ogni volta che sarà in linea con la legislazione". I paesi ospitanti alcuni Gran Premi in calendario, infatti, potrebbero mettere il proprio veto nonostante non si parli di tabacco e sigarette in senso stretto: è proprio di questi giorni, ad esempio, la notizia dell'indagine avviata in Australia sulla legittimità della sponsorizzazione Mission Winnow per la Ferrari. E si tratta peraltro della sede della prima gara del Mondiale, il 17 marzo a Melbourne.

Tommaso Di Giovanni, responsabile della comunicazione di Philip Morris, a RaceFans ha comunque assicurato che "Mission Winnow non promuove i prodotti a base di tabacco della compagnia", mentre è già aperto un canale di dialogo con le autorità locali.

Philip Morris fino ad oggi era l'unico colosso tabaccaio rimasto in F1, mantenendo il legame di lunga data con la Ferrari nonostante il divieto di mostrare in modo evidente i propri marchi. Per BAT si può parlare invece di un ritorno, dopo l'uscita di scena alla fine del 2006 da sponsor della Honda, la scuderia fondata nel 1999 con il nome BAR (British American Racing). British American Tobacco ne è stata proprietaria fino al 2004, prima della cessione al costruttore giapponese. E attualmente quel team è di fatto la dominatrice Mercedes.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone