formula 1

Dosare le risorse fra 2021 e 2022:
il dilemma di Red Bull e Mercedes

Da un lato c'è da preparare la rivoluzione tecnica 2022, ormai dietro l'angolo, dall'altro c'è il presente, c...

Leggi »
formula 1

Primo GP di casa per l'Alpine,
che deve crescere sul passo-gara

Si avvicina il Gran Premio di Francia, quello di casa per l'Alpine, il marchio scelto dal gruppo Renault per identificare...

Leggi »
indycar

Detroit - Gara 2
Vittoria-spettacolo di O'Ward

Successo e leadership del campionato di un punto per Pato O’Ward nel secondo appuntamento del fine settimana IndyCar a Detroi...

Leggi »
World Endurance

Portimao - Gara
Doppietta per Toyota, Jota e Ferrari

Michele Montesano Non poteva esserci miglior modo per festeggiare la 100ª gara fra i prototipi nel Mondiale Endurance per la...

Leggi »
indycar

Detroit 1 - Gara
Prima vittoria di Ericsson

Marcus Ericsson ha conquistato a Detroit la sua prima vittoria in IndyCar per il team Ganassi. Il pilota svedese, che si è tr...

Leggi »
indycar

Bandiera rossa a Detroit
Brutto incidente per Felix Rosenqvist

Brutto incidente per Felix Rosenqvist nella prima gara del weekend IndyCar di Detroit. Il pilota svedese è finito dritto nell...

Leggi »
4 Giu [15:16]

Baku - Libere 2
Doppia Red Bull, bella Ferrari

Jacopo Rubino - XPB Images

Due Red Bull davanti, poi le due Ferrari: la seconda sessione di prove libere a Baku può soddisfare entrambe le squadre. Quella anglo-austriaca, ora leader del Mondiale di Formula 1, perché è stata la più veloce sul giro secco sia sul passo-gara, quella di Maranello perché, almeno per adesso, si trova più avanti di quanto pronosticato alla vigilia del weekend. E la Mercedes? Arretrata: Lewis Hamilton undicesimo, pur con buoni riscontri nei long-run, Valtteri Bottas addirittura sedicesimo. Ma è solo venerdì, si dirà.

Il miglior tempo della FP2 lo ha siglato Sergio Perez: il messicano è transitato sul traguardo in 1'42"155 a metà turno. Pochi istanti dopo il compagno Max Verstappen, arrivato in Azerbaijan da capoclassifica, ha chiuso alle sue spalle di 101 millesimi. L'olandese era stato il più veloce in FP1 in 1'43"184, ma nel pomeriggio la pista ha offerto molto più grip andando a pulirsi, come normale su un circuito cittadino. Poi l'attenzione è stata rivolta definitivamente alle simulazioni di gara.

Le due RB16B motorizzate Honda hanno così scavalcato la coppia Ferrari, che fino a quel momento occupava la vetta provvisoria con un assetto più scarico rispetto al mattino: Carlos Sainz ha terminato terzo in 1'42"243, Charles Leclerc quarto in 1'42"436. Il monegasco, che vorrà cancellare la delusione per la mancata partenza nel Gran Premio di casa, è stato protagonista di un altro impatto contro le barriere mentre stava completando un giro veloce. Dritto in curva 15, Leclerc ha picchiato di muso perdendo l'ala anteriore, ma facendo retromarcia è stato in grado di raggiungere i box e ha potuto proseguire dopo i controlli di rito sulla sua SF21.

L'errore di Leclerc ha rovinato i tentativi di qualifica di alcuni avversari, compresi quelli Mercedes, ma il livello della W12 resta da decifrare. Hamilton via radio si è persino detto perplesso ("non capisco dove perdiamo", il senso del suo messaggio al muretto), eppure il passo è sembrato in linea con le Red Bull, o solo appena inferiore. Senza le due Frecce Nere là davanti, intanto nella graduatoria spicca l'AlphaTauri di Pierre Gasly, quinto, seguito dall'Alpine di Fernando Alonso e dall'Alfa Romeo del nostro Antonio Giovinazzi, che con Baku ha un rapporto speciale sin dai tempi della GP2.

La McLaren era indicata come mina vagante al vertice, stile Ferrari a Monaco, ma per il momento registra Lando Norris ottavo e Daniel Ricciardo ancora sottotono, 13esimo. Alpine e AlphaTauri vantano invece due macchine in top 10, con Esteban Ocon nono e Yuki Tsunoda decimo. Il giapponese si è rifatto un po' della toccata contro le barriere del mattino.

A corto di giri Mick Schumacher e soprattutto per Nicholas Latifi: il tedesco della Haas ha perso tempo per un problema di pressione olio, il canadese non è riuscito a ripartire dopo un lungo in curva 13, per un guasto sulla sua Williams che è stata tolta dal tracciato attivando una fase di bandiera rossa. Molti anche i lunghi nelle frenate più critiche, ma le mini vie di fuga a Baku spesso perdonano gli errori, a differenza di quanto si vede a Montecarlo.

Venerdì 4 giugno 2021, libere 2

1 - Sergio Perez (Red Bull-Honda) - 1'42"115 - 22 giri
2 - Max Verstappen (Red Bull-Honda) - 1'42"216 - 23
3 - Carlos Sainz (Ferrari) - 1'42"243 - 24
4 - Charles Leclerc (Ferrari) - 1'42"436 - 22
5 - Pierre Gasly (AlphaTauri-Honda) - 1'42"534 - 26
6 - Fernando Alonso (Alpine-Renault) - 1'42"693 - 24
7 - Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo-Ferrari) - 1'42"941 - 25
8 - Lando Norris (McLaren-Mercedes) - 1'43"018 - 24
9 - Esteban Ocon (Alpine-Renault) - 1'43"020 - 23
10 - Yuki Tsunoda (AlphaTauri-Honda) - 1'43"130 - 25
11 - Lewis Hamilton (Mercedes) - 1'43"156 - 24
12 - Kimi Räikkönen (Alfa Romeo-Ferrari) - 1'43"220 - 23 -
13 - Daniel Ricciardo (McLaren-Mercedes) - 1'43"298 - 23
14 - Lance Stroll (Aston Martin-Mercedes) - 1'43"812 - 21
15 - Sebastian Vettel (Aston Martin-Mercedes) - 1'43"881 - 22
16 - Valtteri Bottas (Mercedes) - 1'44"184 - 23
17 - George Russell (Williams-Mercedes) - 1'44"557 - 24
18 - Nikita Mazepin (Haas-Ferrari) - 1'45"563 - 23
19 - Mick Schumacher (Haas-Ferrari) - 1'46"095 - 12
20 - Nicholas Latifi (Williams-Mercedes) - 1'46"983 - 5

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone