Rally

Rally di Montecarlo – 1° giorno
Ogier vola, Loeb lo marca a vista

Michele Montesano La novantesima edizione del Rally di Montecarlo ha aperto ufficialmente una nuova era del WRC, quella del...

Leggi »
formula 1

L'Alpine turbolenta,
fra uscite e tensioni

Via Ciryl Abiteboul, che era team principal, via Remi Taffin, capo del reparto motori, via Marcin Budkwoski, nel 2021 diretto...

Leggi »
Rally

Rally di Montecarlo – Shakedown
Ogier - Loeb è subito duello

Michele Montesano Finalmente è arrivato il tanto atteso giorno del debutto per le nuove Rally1. Come da tradizione è stato ...

Leggi »
formula 1

Gare sprint 2022 a rischio?
Manca l'intesa con tutti i team

Le gare sprint del sabato, nuovo pallino di Formula 1, quest'anno dovrebbero aumentare a 6. Dovrebbero, appunto, perché i...

Leggi »
Rally

WRC 2022: al via la rivoluzione ibrida
Chi sarà il successore di Ogier?

Michele Montesano Quello che si appresta a partire non sarà il solito Rally di Montecarlo, bensì l’inizio della nuova era p...

Leggi »
formula 1

Gomme da 18 pollici in Formula 1,
la grande sfida del 150° anno Pirelli

Nasce come anno importante, il 2022 della Pirelli. È il 150esimo di attività dell'azienda, con numerose novità in ambito ...

Leggi »
18 Lug [16:06]

Budapest - Qualifica
Hamilton conquista la pole n.90

Massimo Costa - XPB Images

Novanta pole. Lewis Hamilton è la storia della F1. Nella qualifica di Budapest si è dovuto impegnare al massimo per battere un tostissimo Valtteri Bottas che già nel terzo turno di prove libere aveva fatto capire che per la prima posizione avrebbe dovuto battagliare con lui. E non poco. Dopo il primo tentativo, Hamilton aveva segnato il crono di 1'13"613, Bottas aveva risposto con 1'13"924. Un distacco da "relax", ma nel giro finale, Hamilton ha comunque spinto con decisione portandosi sul tempo conclusivo di 1'13"447, mentre il finlandese ha risposto forte con 1'13"554. Un divario minimo, di 107 millesimi divide i due piloti Mercedes che monopolizzano la prima fila.

E dunque, Hamilton si porta a quota 90 pole conquistate in carriera, un numero incredibile: la prima l'aveva siglata a Montreal 2007 con la McLaren. In questa classifica, Michael Schumacher è secondo con 68 pole, Ayrton Senna 65, poi Sebastian Vettel con 57 e Jim Clark 33. La sensazione è che Hamilton sarà irraggiungibile per lungo tempo...

Seconda fila per le due Racing Point, a completare un poker di power unit Mercedes. Lance Stroll ha fatto suo il terzo tempo, una prestazione notevole quella del canadese, la sua seconda migliore in carriera in F1 dopo la prima fila ottenuta a Monza nel 2017 con la Williams sul bagnato. Stroll da 1'14"671 al primo giro spinto è passato all'1'14"377 ed ha battuto, una volta tanto, il compagno di squadra Sergio Perez a cui era stato tolto il primo tempo per limiti della pista non rispettati. Il messicano aveva realizzato il crono di 1'15"088, nella seconda uscita ha migliorato nettamente con 1'14"545. Ma il distacco dalle due Mercedes è elevato: Stroll si trova a 930 millesimi, Perez a 1"098.

Terza fila tutta Ferrari che mantiene invariato il divario dalle Mercedes sofferto nelle precedenti prove in Austria. Sebastian Vettel si è preso la soddisfazione di mettersi nuovamente dietro Charles Leclerc. Il tedesco è quinto in 1'14"774, il monegasco sesto con 1'14"817. Le Mercedes sono a 1"3, come dire, un'altra categoria. Delusione in casa Red Bull-Honda con Max Verstappen soltanto settimo. L'olandese aveva promesso battaglia in Ungheria, ma non è stato così e fin dalle prove libere si è lamentato del motore, del bilanciamento, ricordando quando metteva sotto accusa la power unit Renault. Brutto segno. Verstappen ha rimediato un distacco da Hamilton di 1"402. Ancora peggio Alexander Albon, addirittura fuori dal Q3 e tredicesimo: l'anglo-thailandese ha lamentato di essere stato mandato in pista in mezzo al traffico.

Ottava e nona le McLaren-Renault con Lando Norris ottavo e Carlos Sainz nono. I due piloti di Zak Brown non hanno portato a termine il secondo giro veloce, preservando le gomme e accontentandosi della quarta e quinta fila. Decimo, Pierre Gasly con una buona Alpha Tauri-Honda, ma il francese ha accusato problemi alla power unit, praticamente fin da ieri. Nonostante ciò, è riuscito ad entrare in Q3, dove poi il team ha deciso di tenere ferma ai box la AT01. Molto male, in confronto a Gasly, Daniil Kvyat, diciassettesimo.

Delusione forte in casa Renault, rimasta fuori dal Q3: Daniel Ricciardo è undicesimo, Esteban Ocon quattordicesimo. Applausi per la Williams-Mercedes che ha superato la Q1 con entrambi i piloti: George Russell è dodicesimo e per pochissimo non è entrato nella top 10 durante il Q2 mentre il debuttante Nicholas Latifi è quindicesimo. Deludono ancora una volta le Haas-Ferrari e le Alfa Romeo-Ferrari, entrambe in una triste ultima fila con Antonio Giovinazzi e Kimi Raikkonen.

Sabato 18 luglio 2020, qualifica

1 - Lewis Hamilton (Mercedes) - 1'13"447 - Q3
2 - Valtteri Bottas (Mercedes) - 1'13"554 - Q3
3 - Lance Stroll (Racing Point-Mercedes) - 1'14"377 - Q3
4 - Sergio Perez (Racing Point-Mercedes) - 1'14"545 - Q3
5 - Sebastian Vettel (Ferrari) - 1'14"774 - Q3
6 - Charles Leclerc (Ferrari) - 1'14"817 - Q3
7 - Max Verstappen (Red Bull-Honda) - 1'14"849 - Q3
8 - Lando Norris (McLaren-Renault) - 1'14"966 - Q3
9 - Carlos Sainz (McLaren-Renault) - 1'15"027 - Q3
10 - Pierre Gasly (Alpha Tauri-Honda) - no time - Q3
11 - Daniel Ricciardo (Renault) - 1'15"661 - Q2
12 - George Russell (Williams-Mercedes) - 1'15"715 - Q2
13 - Alexander Albon (Red Bull-Honda) - 1'15"715 - Q2
14 - Esteban Ocon (Renault) - 1'15"742 - Q2
15 - Nicholas Latifi (Williams-Mercedes) - 1'16"544 - Q2
16 - Kevin Magnussen (Haas-Ferrari) - 1'16"152 - Q1
17 - Daniil Kvyat (Alpha Tauri-Honda) - 1'16"204 - Q1
18 - Romain Grosjean (Haas-Ferrari) - 1'16"407 - Q1
19 - Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo-Ferrari) - 1'16"506 - Q1
20 - Kimi Raikkonen (Alfa Romeo-Ferrari) - 1'16"614 - Q1

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone