formula 1

La F1 piange Tambay, da
tempo malato di Parkinson

Se ne è andato, in silenzio, Patrick Tambay. Da tempo il 73enne pilota francese nato il 25 giugno 1949 a Parigi, soffriva di ...

Leggi »
World Endurance

Villeneuve ha provato la Vanwall LMH
a Montmelò, obiettivo Le Mans 2023?

Michele Montesano La voglia di rimettersi costantemente in discussione non è mai mancata a Jacques Villeneuve. Dopo aver vi...

Leggi »
FIA Formula 3

Fornaroli nuovo pilota Trident
Nel 2022 miglior rookie Alpine

Leonardo Fornaroli è il secondo pilota italiano dopo Gabriele Minì che parteciperà al campionato di F3. Il 18enne piacentino ...

Leggi »
formula 1

I benefici economici del
GP di Imola? 274 milioni

Uno studio sulla ricaduta economica del Gran Premio di F1 svoltosi a Imola, ha sancito il successo della manifestazione per q...

Leggi »
dtm

L'ADAC salva il DTM
La mediazione di Berger

Il DTM è salvo. L'ADAC, Allgemeiner Deutscher Automobil Club, sarà il nuovo organizzatore e promotore della serie più fam...

Leggi »
dtm

ITR non organizzerà il DTM
Berger spera nell'ADAC

Il 6 novembre Italiaracing aveva riportato la difficoltà da parte di Gerhard Berger e della ITR nell'organizzare il campi...

Leggi »
5 Set [18:12]

Endurance al Nurburgring - Gara
Che domenica per Lamborghini

Dal Nurburgring - Jacopo Rubino

In Lamborghini e nel team FFF aspettavano fortemente la prima vittoria Endurance dell'anno nel GT World Challenge Europe: nella 3 Ore del Nurburgring, già circuito amico, è arrivata con una prova maiuscola dell'equipaggio formato da Marco Mapelli, Andrea Caldarelli e Mirko Bortolotti. Questa mattina autori della loro terza pole stagionale, i tre italiani hanno condotto in pratica l'intera corsa al comando, ceduto solo in occasione delle soste ai box. Quasi a compensare alcuni precedenti episodi sfavorevoli. E adesso rilanciano la propria candidatura per il titolo, dopo il retrogusto amaro della 24 Ore di Spa.

La gara di oggi è stata incredibilmente "tranquilla" per due ore e un quarto, con posizioni stabili, pochi ritiri e nessuna neutralizzazione. Bortolotti, subentrato a Caldarelli nell'ultimo stint, aveva un margine attorno ai 30" su Jules Gounon, pilota della Mercedes del team AKKA ASP che, già con Raffaele Marciello e poi con Felipe Fraga, ha sempre inseguito la Lamborghini #63, ma perdendo via via contatto. I distacchi sono stati però azzerati da due full course yellow trasformate in vere e proprie fasi di safety-car, per lo stop della BMW di Jens Klingmann e poi per l'uscita di Mathieu Jaminet alla S Schumacher, a causa della ghiaia all'esterno presente in tutto il weekend.

La definitiva ripresa è avvenuta a circa 12'30 dal termine, mettendo pepe a centro gruppo, mentre Bortolotti ha controllato la situazione precedendo Gounon di 1"2. A completare il podio assoluto un'altra Mercedes, quella del team HRT di Maro Engel, Luca Stolz e Nico Bastian.

Ma Lamborghini ha davvero fatto incetta di trofei, contando le vittorie Silver Cup e Pro-Am, rispettivamente con Emil Frey Racing e di nuovo con FFF. In Silver Cup il successo dei leader Rolf Ineichen, Alex Fontana e Ricardo Feller è stato persino sorprendente, viste le difficoltà che gli svizzeri hanno avuto tra prove libere e qualifiche. Ma dopo uno stint prolungato di Fontana, risalito quinto, Feller ha chiuso ottavo assoluto superando un'altra Huracàn, quella del team Grasser che fino a mezz'ora dal termine era sempre stata leader, anche grazie a Kikko Galbiati. Poi, la beffa finale con una gomma dechappata di Tim Zimmermann. FFF ha fatto l'en-plein con Hiroshi Hamaguchi e Phil Keen in Pro-Am. L'inglese nell'ultimo restart era stato superato in modo "garibaldino" da Fabian Schiller, ma qualche giro dopo il tedesco è stato tradito a sua volta dallo sporco della S Schumacher e Keen ha ritrovato la vetta di classe.

Ciliegine sulla torta per la casa di Sant'Agata sono anche il quarto e il quinto posto assoluto delle altre due auto targate Emil Frey, con Siedler/Altoé/Costa e Lappalainen/Ghiotto/Rougier protagonisti di una marcia regolare. E bel debutto nel GT World Challenge di Ghiotto, a lungo quarto tenendo a bada la pressione di Matt Campbell sulla Porsche GPX, che è stata anche in odore di podio. Ma Jaminet è uscito dai giochi quando era quinto provvisorio.

Sesta in recupero l'Audi WRT di Dries Vanthoor, Charles Weerts e Robin Frijns: abbastanza perché Vanthoor e Weerts siano matematicamente campioni Overall con ben due eventi di anticipo, a sette giorni dal titolo Sprint ottenuto a Brands Hatch. Hanno preceduto la Ferrari Iron Lynx dei vincitori di Spa e capoclassifica Endurance, Alessandro Pier Guidi, Nicklas Nielsen e Come Ledogar. L'unica al traguardo, perché anche Antonio Fuoco ha perso aderenza alla S Schumacher, urtando le barriere a 27'40 dalla fine. In zona punti assoluta c'era inoltre la Porsche dell'italiana Dinamic Motorsport guidata da Christian Engelhart, Matteo Cairoli e Klaus Bachler, fuori gioco nelle fasi finali della corsa.

Domenica 5 settembre 2021, gara

1 - Bortolotti/Mapelli/Caldarelli (Lamborghini) - FFF - 87 giri
2 - Marciello/Fraga/Gounon (Mercedes) - AKKA ASP - 1"228
3 - Engel/Stolz/Bastian (Mercedes) - HRT - 7"847
4 - Siedler/Altoé/Costa (Lamborghini) - Emil Frey - 13"240
5 - Lappalainen/Ghiotto/Rougier (Lamborghini) - Emil Frey - 13"472
6 - Vanthoor/Weerts/Frijns (Audi) - WRT - 18"939
7 - Pier Guidi/Ledogar/Nielsen (Ferrari) - Iron Lynx - 20"827
8 - Fontana/Ineichen/Feller (Lamborghini) - Emil Frey - 21"371
9 - Marschall/Hofer/Aka (Audi) - Attempto - 31"142
10 - Tunjo/Petit/Dienst (Mercedes) - Toksport WRT - 32"683
11 - Drudi/Schöll/Mies (Audi) - Attempto - 34"412
12 - Yelloly/Pittard/Dennis (BMW) - Walkenhorst - 35"743
13 - Pull/Hall/Goethe (Audi) - WRT - 36"000
14 - Beretta/Assenheimer/Haupt (Mercedes) - HRT - 39"748
15 - Catsburg/Tomczyk/Neubauer (BMW) - Walkenhorst - 40"520
16 - Tomita/Eriksen/Bird (Audi) - WRT - 1 giro
17 - Perez Companc/Sanchez/Breukers (Mercedes) - Madpanda - 1 giro
18 - Winkelhock/Hutchison/Vervisch (Audi) - Sainteloc - 1 giro
19 - Mettler/Love/Born (Mercedes) - SPS - 1 giro
20 - MacDowall/Kjaergaard/Hasse Clot (Aston Martin) - Garage 59 - 1 giro
21 - Keen/Costantini/Hamaguchi (Lamborghini) - FFF - 1 giro
22 - Mastronardi/Hui/Froggatt (Ferrari) - Tempesta - 1 giro
23 - Collard/de Haan/Schiller (Mercedes) - Ram - 1 giro
24 - Ward/Grenier (Mercedes) - Winward - 1 giro
25 - Chaves/Amstutz/Ramos (Lamborghini) - Barwell - 1 giro
26 - Al Harthy/Petrobelli/Martin (Aston Martin) - Oman - 1 giro
27 - Baumann/Pierburg/Konrad (Mercedes) - SPS - 1 giro
28 - Tribaudini/White/Jean (Bentley) - CMR - 1 giro
29 - Pla/Grotz/Scholze (Mercedes) - GetSpeed - 1 giro
30 - Machiels/Bertolini (Ferrari) - AF Corse - 1 giro
31 - Goodwin/West/Adam (Aston Martin) - Garage 59 - 1 giro
32 - Perel/Hites/Kujala (Ferrari) - Rinaldi - 2 giri
33 - Kohmann//Roda (Ferrari) - Kessel - 2 giri
34 - Cameron/Griffin (Ferrari) - AF Corse - 2 giri
35 - Schmid/Galbiati/Zimmermann (Lamborghini) - Grasser - 4 giri
36 - Rizzoli/Pedersen/Dumas (Porsche) - Dinamic - 5 giri

Giro più veloce: Mirko Bortolotti 1'55"832

Ritirati
76° giro - Campbell/Bamber/Jaminet
76° giro - Ilott/Rovera/Fuoco
74° giro - Buus/Sturm/Apotheloz
73° giro - Cairoli/Bachler/Engelhart
72° giro - Tambay/Cougnaud/Haase
66° giro - Liebhauser/Ojjeh/Klingmann
24° giro - Gachet/Drouet/Tereschenko

Il campionato Endurance
1.Pier Guidi/Ledogar/Nielsen 77 punti; 2.Weerts/Vanthoor 64; 3.Caldarelli/Mapelli/Bortolotti 69; 4.K.van der Linde 56; 5.Marciello/Gounon 54

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone