formula 1

F1 ancora ferma: GP Canada rinviato,
per i team esteso il regime di pausa

Jacopo Rubino - XPB Images

Anche il Gran Premio del Canada subisce il rinvio a data da destinarsi...

Leggi »
Mondiale Rally

La FIA ha approvato il nuovo
regolamento tecnico del WRC

Mattia Tremolada

Tramite una votazione virtuale il Consiglio Mondiale del Motor Sport ieri ha incaricato la...

Leggi »
23 Mar [12:32]

F1 2020, un altro GP rinviato:
questa volta tocca all'Azerbaijan

Jacopo Rubino - XPB Images

Era purtroppo prevedibile, anche il Gran Premio dell'Azerbaijan viene ufficialmente posticipato a data da destinarsi per via dell'emergenza Coronavirus. L'appuntamento di Baku del 7 giugno, allo stato delle cose, era il primo nel calendario di una stagione 2020 di Formula 1 che perde un altro tassello dopo Cina, Australia, Bahrain, Vietnam, Olanda, Spagna e Monaco. Questa mattina è arrivato l'annuncio ufficiale degli organizzatori: "Il rinvio è stato concordato dopo estesi colloqui con la F1, la FIA e la Repubblica dell'Azerbaijan, e le indicazioni fornite dalle autorità".

La gara in riva al Mar Caspio, del resto, condivide criticità simili a quella di Montecarlo, già cancellata in modo definitivo: svolgendosi su un circuito cittadino, ha bisogno di essere allestita con diverse settimane di anticipo. Nell'attuale incertezza, è impossibile far partire i lavori necessari per rispettare la scadenza originariamente prevista. Trovare una nuova collocazione per tutte le tappe diventa sempre più complicato, ma da prassi i promotori azeri confermano di "monitorare la situazione con l'obiettivo di comunicare una nuova data".

Sette giorni più tardi, il 14 giugno, il Circus dovrebbe poi essere in azione a Montreal: scontato nutrire forti dubbi anche in questo caso, sia perché il tracciato intitolato a Gilles Villeneuve è a sua volta un semi-cittadino, sia soprattutto per le restrizioni che sta adottando il governo canadese per combattere la pandemia.

In quasi tre mesi il quadro può evolversi in positivo, ma lanciarsi in previsioni è un enorme azzardo. In più, restando in tema sportivo, il Canada ha deciso (primo Paese in assoluto) di non inviare i propri atleti alle Olimpiadi di Tokyo, che si aprirebbero addirittura più tardi, il 24 luglio. Sempre che si svolgano regolarmente. La partenza di questo Mondiale slitterebbe così ancora più tardi, al 28 giugno con il Gran Premio di Francia, ma chi può esserne certo?

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone