formula 1

In Spagna nuovo telaio per Vettel:
è l'ultima chiamata per Sebastian?

Massimo Costa

Un nuovo telaio per Sebastian Vettel. La Ferrari lo porterà nel prossimo Gran Pr...

Leggi »
Europeo

Rally di Roma Capitale
L'ERC riparte da Lukyanuk

Jacopo Rubino

La stagione 2020 dell'European Rally Championship doveva cominciare a marzo, sugli sterrat...

Leggi »
25 Apr [18:28]

Formula E virtuale a Hong Kong:
Gunther, vittoria e primi 25 punti

Jacopo Rubino

Maximilian Gunther fa sul serio nel torneo virtuale Race at Home Challenge della Formula E: vincitore nella "prova generale" di una settimana fa, il pilota BMW si è imposto anche nella gara disputata sul tracciato di Hong Kong, la prima ad assegnare punti per il campionato online. Il tedesco questa volta è partito terzo, ma si è subito portato in seconda posizione e al giro 3 ha preso il comando della corsa, per non lasciarlo più fino al traguardo.

Con il tempo di 59"802 era stato Stoffel Vandoorne l'autore della pole-position, ma quando era in testa ha commesso l'errore che ha aperto la strada a Gunther. Il belga della Mercedes è così scivolato quinto, dovendo addirittura effettuare una piccola retromarcia per togliersi dalle barriere. In piazza d'onore ha chiuso Nick Cassidy con il team Virgin. Grande risultato per il neozelandese, unica riserva al via, che nella sfida di sabato prossimo darà però spazio al titolare Sam Bird. Nella scia di Cassidy ha chiuso Pascal Wehrlein (Mahindra), scattato dalla prima fila e salito sul terzo gradino di questo podio digitale.

Quarta posizione per Robin Frijns con l'altra Audi clienti targata Virgin, mentre la squadra ufficiale di Ingolstadt non ha brillato: 15° Daniel Abt (assente nella gara-zero di Montecarlo), non ha neppure preso il via Lucas Di Grassi, in qualifica comunque attardato. Problemi di connessione hanno invece tagliato fuori durante la corsa il campione in carica Jean-Eric Vergne, proprio nel giorno del suo compleanno. Data condivisa con Felipe Massa, a cui è andata meglio con un buon ottavo posto.

Il brasiliano è giunto alle spalle di Oliver Rowland e Oliver Turvey, impegnati in una bella bagarre, mentre la top 10 è stata completata da Jerome d'Ambrosio e Alexander Sims. Ma Qinghua e Neel Jani sono stati invece gli ultimi ad evitare la tagliola del formato Race Royale, che ad ogni giro prevede l'eliminazione dell'ultima macchina rimasta in pista. Il regolamento è stato leggermente modificato, per lasciare 12 vetture in battaglia nella tornata conclusiva.

Alcuni big "reali" sono stati esclusi anzitempo, a cominciare da Mitch Evans, Sebastien Buemi e Antonio Felix da Costa, attuale leader della stagione 2019-2020. Il portoghese era il fanalino di coda della griglia dopo un testacoda in qualifica, ha compiuto un start "miracoloso" risalendo 13°, ma poi ha perso di nuovo terreno. Buona decisione è stata quella di aumentare l'effetto dei danni dal 25 all'80%, incoraggiando un approccio alla sfida che fosse il più serio possibile. Ne hanno fatto le spese James Calado e Andre Lotterer, ritirati per contatti: cose che capitano... anche al simulatore.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone