Rally

Rally di Lettonia – 1° giorno
Rovanperä batte Neuville e Ogier

Michele Montesano Riga ha fatto da antipasto a quello che sarà il Rally di Lettonia. I piloti del WRC si sono sfidati sulla s...

Leggi »
formula 1

L'analisi del mercato piloti 2025
Cosa accadrà nelle prossime settimane

Con il passaggio di Esteban Ocon al team Haas, diventano quattro e... mezzo i sedili vacanti nel Mondiale F1 per la prossima ...

Leggi »
Rally

Rally di Lettonia – Shakedown
Tänak precede Neuville, Toyota insegue

Michele Montesano Il WRC, questo fine settimana, farà tappa per la prima volta nella sua storia in Lettonia. La repubblica ba...

Leggi »
formula 1

Haas e Ferrari, accordo fino al 2028
E intanto sta per arrivare Ocon

Il team Haas ha rinnovato l'accordo con la Ferrari per la fornitura dei motori. Il costruttore americano potrà avere le p...

Leggi »
World Endurance

Aston Martin: a Silverstone
il debutto della Valkyrie LMH

Michele Montesano Eppur si muove. Aston Martin ha tenuto fede alla sua tabella di marcia e, come previsto, ha portato al debu...

Leggi »
Rally

Ogier e Rovanperä al via in Lettonia
Torna Lappi in Hyundai, Sesks con Ford

Michele Montesano Questo fine settimana il Mondiale Rally farà tappa per la prima volta in Lettonia. La repubblica baltica, g...

Leggi »
6 Lug [17:21]

Imola, qualifica
Milesi da pole, Roda in LMP2 ProAm

Michele Montesano - Foto Speedy

L’esito finale della qualifica della 4 Ore di Imola, terzo appuntamento stagionale della European Le Mans Series, si è deciso tutto negli ultimi minuti. Dopo l’incursione nella 24 Ore di Le Mans, le LMP2 sono tornate a sfidarsi nel campionato continentale Endurance. Ad avere la meglio sul circuito intitolato a Enzo e Dino Ferrari è stato Charles Milesi. Il francese del Panis Racing nelle ultime battute ha staccato un crono di 1’30”829 battendo per poco più di un decimo di secondo Alex Lynn.

Dopo l’interruzione della sessione, per via dell’uscita alle Acque minerali di James Allen, la qualifica è ripresa a sei minuti dal termine. Proprio l’alfiere dell’Algarve Pro Racing si era istallato al comando della graduatoria assoluta. Con un tempo di 1’30”961, Lynn sembrava avere saldamente nelle mani la pole ma, proprio negli ultimi istanti, se l’è vista strappare da Milesi.

Seconda fila conquistata in extremis da Felipe Drugovich. Terzo, il portacolori del Vector Sport ha infatti avuto la meglio sulle due Oreca 07 del Cool Racing rispettivamente di Frederik Vesti e Malthe Jakobsen. Autore del miglior crono prima dell’esposizione della bandiera rossa, Robert Kubica non è riuscito a migliorarsi dovendosi accontentare del settimo posto alle spalle di Oliver Gray.



Dimostrazione di forza da parte di Giorgio Roda (nella foto sopra) che ha conquistato la pole di classe LMP2 ProAm davanti al suo pubblico. L’italiano del Proton Competition ha letteralmente demolito gli avversari fermando le lancette del cronometro in 1’33”093 battendo, a fine sessione, di oltre mezzo secondo Rodrigo Sales. Il pilota del Richard Mille by TDS è riuscito solo all’ultimo ad avere la meglio su François Perrodo. A completare la top 5 Anthony Wells, al volante della Oreca del Team Virage, e John Falb del Nielsen Racing.



Prima fila monopolizzata dalla Duqueine D08 in LMP3. Autore di un crono di 1’37”776, Wyatt Brichacek (nella foto sopra) si è migliorato negli ultimi passaggi, inanellando una sequenza di giri veloci. Il portacolori del DKR Engineering ha così preceduto di oltre due decimi Oscar Tunjo al volante della Duqueine gestita dal WTM by Rinaldi Racing.

Seconda fila per Gael Julien. Il pilota della Ligier JS P320 del RLR Motorpsort, attualmente al comando del campionano di classe LMP3, ha avuto la meglio su Kai Askey dell’Inter Europol Competition. Manuel Espirito Santo ha completato la top 5 con la Ligier Nissan del Cool Racing.



Terza pole in altrettante qualifiche finora disputate in ELMS, Il ruolino di marcia di Sarah Bovy è impressionante. Anche a Imola la Iron Dames, di ritorno alle competizioni dopo l’incidente del Watkins Glenn in IMSA, è riuscita a piazzare la sua Porsche in cima alla graduatoria di classe LMGT3. Bovy (nella foto sopra) ha fatto la differenza nel settore finale staccando un crono di 1’43”349 che ha assicurato un margine di un decimo nei confronti dell’Aston Martin di Derek Deboer. Seconda fila per la Lamborghini Huracan griffata Iron Lynx, portata in pista da Hiroshi Hamaguchi, e la Ferrari gestita dal Kessel Racing con al volante Takeshi Kimura.

Sabato 6 luglio 2024, qualifica

1 - A.Leclerc-M.Maldonado-Milesi (Oreca-Gibson P2) - Panis - 1'30"829
2 - Lynn-Kaiser-Caldwell (Oreca-Gibson P2) - Algarve Pro - 1'30"961
3 - Drugovich-Cullen-Richelmi (Oreca-Gibson P2) - Vector - 1'30"988
4 - Vesti-Habsburg-Bennett (Oreca-Gibson P2) - Cool - 1'31"051
5 - Chatin-Fluxa-Jakobsen (Oreca-Gibson P2) - Cool - 1'31"098
6 - Ghiotto-Gray-Novalak (Oreca-Gibson P2) - Inter Europol - 1'31"184
7 - Deletraz-Edgar-Kubica (Oreca-Gibson P2) - AO by TF - 1'31"279
8 - Hanley-Ugran-Sato (Oreca-Gibson P2) - United Autosports - 1'31"321
9 - Di Resta-Garg-Scherer (Oreca-Gibson P2) - United Autosports - 1'31"365
10 - De Gerus-Siebert-Van Uitert (Oreca-Gibson P2) - Idec - 1'31"465
11 - Dillmann-Alvarez-Lomko (Oreca-Gibson P2) - Inter Europol - 1'31"545
12 - Stevens-Henemeier Hansson-Pino (Oreca-Gibson P2) - Nielsen - 1'31"657
13 - Cairoli-Ried-Capietto (Oreca-Gibson P2) - Iron Lynx - 1'31"718
14 - Roda-Viscaal-Binder (Oreca-Gibson P2) - Proton - 1'33"093
15 - Sales-Beche-Saucy (Oreca-Gibson P2) - TDS - 1'33"625
16 - Allen-Koolen-Simmenauer (Oreca-Gibson P2) - Duqueine - 1'34"112
17 - Perrodo-Vaxiviere-Rovera (Oreca-Gibson P2) - AF Corse - 1'34"120
18 - Wells-M.Bell-Piquet (Oreca-Gibson P2) - Virage - 1'34"362
19 - Falb-Noble-Costa (Oreca-Gibson P2) - Nielsen - 1'34"455
20 - Schneider-Meyrick-Jarvis (Oreca-Gibson P2) - United Autosports - 1'34"959
21 - Lentoudis-Bradley-Quinn (Oreca-Gibson P2) - Algarve - 1'35"872
22 - Latorre-Bolukbasi-Horr (Oreca-Gibson P2) - DKR - 1'37"652
23 - Brichacek-Mattschull-Garcia (Duqueine-Nissan P3) - DKR - 1'37"776
24 - Tunjo-Kratz-Weiss (Duqueine-Nissan P3) - WTM by Rinaldi - 1'38"019
25 - Julien-Jensen-Adcock (Ligier-Nissan P3) - RLR - 1'38"564
26 - Askey-Burkhantsov-Perino (Ligier-Nissan P3) - Inter Europol - 1'38"637
27 - Espirito Santo-Cristovao-Oltramare (Ligier-Nissan P3) - Cool - 1'38"684
28 - Henrion-Gerbi-Pinheiro (Ligier-Nissan P3) - Virage - 1'38"927
29 - Doquin-Wolff-Foubert (Ligier-Nissan P3) - Racing Spirit - 1'39"072
30 - A.Ali-M.R.Bell (Ligier-Nissan P3) - Eurointernational - 1'39"081
31 - Voisin-Dayson-D.Ali (Ligier-Nissan P3) - RLR - 1'39"700
32 - M.Lahaye-Lanchere-J.Lahaye (Ligier-Nissan P3) - Ultimate - 1'39"775
33 - Bovy-Frey-Gatting (Porsche 911) - Iron Dames - 1'43"349
34 - Deboer-Stevenson-Hasse Clot (Aston Martin Vantage) - Racing Spirit - 1'43"476
35 - Hamaguchi-Jefferes-Caldarelli (Lamborghini Huracan) - Iron Lynx - 1'43"560
36 - Kimura-Masson-Serra (Ferrari 296) - Kessel - 1'43"821
37 - Berry-Hanafin-Adam (Aston Martin Vantage) - Grid by TF - 1'44"230
38 - J.Laursen-C.Laursen-Nielsen (Ferrari 296) - Formula Racing - 1'44"592
39 - Samani-Collard-Varrone (Ferrari 296) - AF Corse - 1'44"747
40 - Wanwright-Pera-Rigon (Ferrari 296) - GR Racing - 1'44"786
41 - Cameron-Perel-Griffin (Ferrari 296) - Spirit of Race - 1'45"523
42 - Schiavoni-Cressoni-Andlauer (Porsche 911) - Proton - 1'46"321
43 - Hartshorne-Tuck-Keen (Ferrari 296) - JMW - 1'49"682
LP Racing