formula 1

Szafnauer e il caso Piastri-Alonso
"Fernando non ci ha detto nulla,
Piastri non è una persona leale"

E' una bella e lunga intervista quella che il team principal Otman Szafnauer ha rilasciato a Javier Rubio, giornalista de...

Leggi »
GT Internazionale

GT Masters - Nürburgring
Marciello e Mercedes sugli scudi

Michele Montesano Inarrestabile Raffaele Marciello che, dopo aver vinto la 24 Ore di Spa la settimana scorsa, ha dominato l...

Leggi »
indycar

Nashville - Gara
Dal caos emerge Dixon

1 - Scott Dixon (Dallara/Honda) - Ganassi - 80 giri2 - Scott McLaughlin (Dallara/Chevy) - Penske - 0"10673 - A...

Leggi »
Rally

Rally Finlandia – Finale
Tanak vince contenendo Rovanpera

Michele Montesano Ott Tanak, vincendo il Rally di Finlandia, ha spezzato ancora una volta il dominio di Kalle Rovanpera nell...

Leggi »
Rally

Rally Finlandia – 3° giorno finale
Tanak 1°, ma Rovanpera è in agguato

Michele Montesano Il finale del Rally di Finlandia, ottavo round del WRC, si preannuncia una volata a due. Con ancora 4 Prov...

Leggi »
formula 1

Piastri diventa l'incubo di Ricciardo
L'incredibile pasticcio dell'Alpine

Non ha mai disputato un Gran Premio, non ha mai avuto l'occasione di partecipare un turno libero del venerdì, al volante ...

Leggi »
29 Mag [23:25]

Indianapolis - Gara
Clamoroso trionfo di Ericsson

Marco Cortesi

Marcus Ericsson trionfa a Indy. Il pilota svedese ha conquistato la 500 Miglia 2022 con un finale eccezionale traendo il massimo vantaggio dalla vettura del team Ganassi dopo i guai capitati ai compagni di squadra Alex Palou e Scott Dixon. Il trentunenne ex Alfa Romeo F1 non è mai stato molto visibile durante la corsa, ma si è sempre mantenuto vicino alla leadership. Fedele al suo soprannome di "Sneaky Swede", lo svedese strisciante, è sbucato nelle fasi finali una volta sicuro di non avere più problemi di carburante, passando Felix Rosenqvist e Pato O'Ward per involarsi al comando.

Quando a cinque giri dalla fine un incidente di Jimmie Johnson ha portato la direzione gara a dare bandiera rossa per evitare un finale sotto safety-car, Ericsson ha mantenuto i nervi saldi e sfruttando il proprio potenziale, non ha lasciato spazio a O'Ward, che è sembrato accontentarsi del secondo posto. Ericsson, che è il secondo svedese a vincere Indy dopo Kenny Brack, ha anche guadagnato la vetta del campionato grazie ai doppi punti.

Come detto, fuori dai giochi per la vittoria sia Palou che Dixon. Con Palou si è rischiato di strategia sin dall'inizio, spingendo al massimo la pit-window. Quando Callum Ilott è finito a muro, lo spagnolo si è trovato di colpo con la pit-lane chiusa, dovendo attraversarla senza fermarsi. Non solo, era anche senza carburante, e ha dovuto effettuare una sosta d’emergenza un passaggio prima che la corsia riaprisse. Dixon ha fatto tutto da solo nel finale, perdendo il posteriore in ingresso pit-lane e commettendo un eccesso di velocità in corsia box.

Alla fine, è comunque estremamente positivo il bilancio di casa McLaren con O'Ward e Felix Rosenqvist, alla fine quarto, entrambi in grado quantomeno di lottare in una giornata che ha visto team ben più blasonati mancare clamorosamente il colpo. Terzo ha completato la corsa Tony Kanaan, un altro uomo di Ganassi, mentre il primo rappresentante di Penske o Andretti sulla Brickyard è stato Alexander Rossi, quinto. Dietro di lui il vuoto. Colton Herta non ha trovato il bandolo della nuova vettura preparatagli dopo l'incidente del warm-up, ritirandosi per un problema elettronico. Romain Grosjean è andato nelle barriere in modo simile al compagno due giorni fa, probabilmente tradito dal cambiamento di grip dato dall'aumento delle temperature.

Per il Capitano, il migliore è stato Josef Newgarden, tredicesimo, mentre Scott McLaughlin è andato a sua volta a muro mentre tentava di schiodarsi dal quindicesimo posto. Altri incidenti degni di nota sono stati quelli di Rinus VeeKay, tra i protagonisti iniziali ma primo tra tutti a trovare le barriere, e di Callum Ilott, con l'inglese uscito dal centro medico con una steccatura al polso.

Domenica 29 maggio 2022, gara

1 - Marcus Ericsson (Dallara-Honda) - Ganassi - 200 giri
2 - Pato O’Ward (Dallara-Chevy) - McLaren - 1"7929
3 - Tony Kanaan (Dallara-Honda) - Ganassi - 3"5173
4 - Felix Rosenqvist (Dallara-Chevy) - McLaren - 4"1267
5 - Alexander Rossi (Dallara-Honda) - Andretti - 4"9804
6 - Conor Daly (Dallara-Chevy) - ECR - 5"0799
7 - Helio Castroneves (Dallara-Honda) - Shank - 6"5614
8 - Simon Pagenaud (Dallara-Honda) - Shank - 7"0937
9 - Alex Palou (Dallara-Honda) - Ganassi - 8"2446
10 - Santino Ferrucci (Dallara-Chevy) - DRR - 9"8329
11 - Juan Pablo Montoya (Dallara-Chevy) - McLaren - 10"7647
12 - JR Hildebrand (Dallara-Chevy) - Foyt - 11"6554
13 - Josef Newgarden (Dallara-Chevy) - Penske - 11"8276
14 - Graham Rahal (Dallara-Honda) - RLL - 12"4253
15 - Will Power (Dallara-Chevy) - Penske - 13"3036
16 - David Malukas (Dallara-Honda) - Coyne - 13"6283
17 - Kyle Kirkwood (Dallara-Chevy) - Foyt - 14"5864
18 - Ed Carpenter (Dallara-Chevy) - ECR - 15"5602
19 - Devlin DeFrancesco (Dallara-Honda) - Andretti - 15"8218
20 - Christian Lundgaard (Dallara-Honda) - RLL - 16"3308
21 - Scott Dixon (Dallara-Honda) - Ganassi - 18"1238
22 - Marco Andretti (Dallara-Honda) - Andretti - 25"2002
23 - Sage Karam (Dallara-Chevy) - DRR - 5"3923
24 - Jack Harvey (Dallara-Honda) - RLL - 1 giro
25 - Takuma Sato (Dallara-Honda) - Coyne - 1 giro
26 - Dalton Kellett (Dallara-Chevy) - Foyt - 2 giri
27 - Stefan Wilson (Dallara-Chevy) - Dragonspeed - 2 giri

Ritirati
193° giro - Jimmie Johnson
150° giro - Scott McLaughlin
129° giro - Colton Herta
105° giro - Romain Grosjean
68° giro - Callum Ilott
38° giro - Rinus VeeKay

Il campionato
1. Ericsson 226; 2. O’Ward 213; 3. Palou 212; 4. Power 202; 5. Newgarden 174.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone