Rally

Rally di Lettonia – 1° giorno
Rovanperä batte Neuville e Ogier

Michele Montesano Riga ha fatto da antipasto a quello che sarà il Rally di Lettonia. I piloti del WRC si sono sfidati sulla s...

Leggi »
formula 1

L'analisi del mercato piloti 2025
Cosa accadrà nelle prossime settimane

Con il passaggio di Esteban Ocon al team Haas, diventano quattro e... mezzo i sedili vacanti nel Mondiale F1 per la prossima ...

Leggi »
Rally

Rally di Lettonia – Shakedown
Tänak precede Neuville, Toyota insegue

Michele Montesano Il WRC, questo fine settimana, farà tappa per la prima volta nella sua storia in Lettonia. La repubblica ba...

Leggi »
formula 1

Haas e Ferrari, accordo fino al 2028
E intanto sta per arrivare Ocon

Il team Haas ha rinnovato l'accordo con la Ferrari per la fornitura dei motori. Il costruttore americano potrà avere le p...

Leggi »
World Endurance

Aston Martin: a Silverstone
il debutto della Valkyrie LMH

Michele Montesano Eppur si muove. Aston Martin ha tenuto fede alla sua tabella di marcia e, come previsto, ha portato al debu...

Leggi »
Rally

Ogier e Rovanperä al via in Lettonia
Torna Lappi in Hyundai, Sesks con Ford

Michele Montesano Questo fine settimana il Mondiale Rally farà tappa per la prima volta in Lettonia. La repubblica baltica, g...

Leggi »
7 Lug [13:08]

Le Castellet - Gara 2
Seconda affermazione di Colnaghi

Davide Attanasio

Nel momento in cui neanche Keanu Al Azhari (MP Motorsport) riesce ad acciuffarti, allora ci si rende conto che Mattia Colnaghi (MP Motorsport) ha semplicemente una marcia in più, in questo round della F4 spagnola sul circuito Paul Ricard di Le Castellet. In gara 1 pole position, vittoria e giro veloce, in gara 2 pole position, vittoria e giro veloce. Nulla di più perfetto.

Si tratta di ciò che gli inglesi chiamerebbero clean sweep, ossia "fare tabula rasa" conquistando tutto il conquistabile. In attesa di gara 3, in cui Maciej Gładysz (MP Motorsport) si è guadaganato la prima pole della sua annata, e dove Colnaghi si è qualificato quinto, la seconda corsa della serie iberica è stata interrotta da una bandiera rossa, provocata da un incidente in corrispondenza dell'ultima curva che ha visto accatastate le Tatuus di Tim Gerhards, Preston Lambert e Maximiliano Restrepo. 

Tempo di recuperare le vetture e ripartire che, con la safety-car in procinto di dare il secondo via libera tramite una rolling start (partenza lanciata), altre due piloti erano fermi all'altezza del tratto centrale della pista: si è trattato di Adam Al Azhari e Yevan David. La vettura di sicurezza ha mantenuto compatti i protagonisti per altre due tornate, con la corsa ripresa a dieci minuti dalla bandiera a scacchi.

Colnaghi ha imposto un ritmo insostenibile per Al Azhari, che dopo aver superato Gładysz al via si è dovuto difendere dai tentativi di controsorpasso del polacco, a ogni modo sul podio con un bel ritmo da sfruttare in gara 3. Giù dal podio Ernesto Rivera (Campos), che ha però agganciato Lucas Fluxá (MP Motorsport) al quarto posto della classifica piloti. 

Il centroamericano ha preceduto un combattivo James Egozi (Campos) e Juan Cota (Drivex): i tre si sono contraddistinti per aver sorpassato Griffin Peebles (MP Motorsport), settimo classificato, nell'arco dello stesso giro in tre punti distinti del tracciato. Stazionava in zona punti Nathan Tye (Campos) quando ha alzato bandiera bianca a pochi passaggi dal termine.

Hanno chiuso la stessa zona punti Jan Przyrowski (Campos) e Ádám Hideg (Cram), bravissimo nell'acciuffare l'ultimo punticino garantito dal nono posto (gara 2, la più corta, garantisce meno punti) al termine di una battaglia con Fluxá - che si è girato all'ultima curva - e Thomas Strauven (Rodin), decimo. Peccato per Matteo Quintarelli (Saintéloc), come Tye nei punti quando qualche problema deve aver ostacolato la sua prestazione.

Aggiornamento: una posizione di penalità a Hideg per un sorpasso irregolare su Strauven. Il pilota ungherese ha perso così il punto del nono posto a favore dello stesso Strauven. René Lammers (MP Motorsport) è stato penalizzato di 5 secondi per aver superato la macchina 93 (Quintarelli) fuori dal circuito. Stessa pena comminata a Lia Block (GRS) per la medesima dinamica avvenuta con Lenny Ried (Monlau).

Domenica 7 luglio 2024, gara 2

1 - Mattia Colnaghi - MP Motorsport - 10 giri in 50'47"676
2 - Keanu Al Azhari - MP Motorsport - 1"904
3 - Maciej Gładysz - MP Motorsport - 2"893
4 - Ernesto Rivera - Campos - 4"922
5 - James Egozi - Campos - 7"320
6 - Juan Cota - Drivex - 7"916
7 - Griffin Peebles - MP Motorsport - 8"272
8 - Jan Przyrowski - Campos - 8"667
9 - Thomas Strauven - Rodin - 11"702
10 - Ádám Hideg - Cram - 10"556 **
11 - Andrés Cárdenas - Campos - 12"081
12 - Gabriel Gómez - TC Racing - 12"342
13 - Francisco Macedo - Drivex - 12"768
14 - Mikkel Pedersen - Drivex - 13"341
15 - Matteo Quintarelli - Saintéloc - 14"377
16 - René Lammers - MP Motorsport - 17"840 *
17 - Filippo Fiorentino - Cram - 19"381
18 - Wiktor Dobrzański - Tecnicar - 20"521
19 - Rehan Hakim - Monlau - 21"576
20 - Enzo Tarnvanichkul - Campos - 21"739
21 - Lorenzo Castillo - Tecnicar - 22"811
22 - Cristian Cantú - TC Racing - 23"599
23 - Lia Block - GRS - 23"798 *
24 - Lucas Fluxá - MP Motorsport - 25"928
25 - Peter Bouzinelos - Rodin - 26"338
26 - Lenny Ried - Monlau - 26"572
27 - Alexander Jacoby - GRS - 26"941
28 - Matúš Ryba - Drivex - +2 giri

* 5" di penalità
** 1 posizione di penalità

Ritirati
Nathan Tye
Douwe Dedecker
Adam Al Azhari
Yevan David
Tim Gerhards
Preston Lambert
Maximiliano Restrepo

Il campionato
1.Al Azhari 117 punti; 2.Colnaghi 81; 3.Strauven 76; 4.Fluxá, Rivera 74; 6.Egozi 56; 7.Gładysz 55; 8.Tye 38; 9.Przyrowski 35; 10.Cota 25; 11.Peebles 24; 12.Bouzinelos, Quintarelli, Lammers 20; 15.Cárdenas 11; 16.Hideg 8; 17.David 6; 18.Tarnvanichkul 5; 19.Gerhards 2; 20.Dedecker, Macedo 1.
gdlracing