indycar

Bandiera rossa a Detroit
Brutto incidente per Felix Rosenqvist

Brutto incidente per Felix Rosenqvist nella prima gara del weekend IndyCar di Detroit. Il pilota svedese è finito dritto nell...

Leggi »
World Endurance

Portimao - Qualifica
Alpine pole da usato garantito

Michele Montesano A dispetto del nuovo corso delle HyperCar, voluto da Aco e WEC, a siglare la pole position a Portimão è st...

Leggi »
formula 1

Gli incidenti di Baku: sotto accusa
le pressioni adottate in gara dai team

Sono trascorsi sette giorni dal Gran Premio di Baku e ancora non si conoscono le cause precise che hanno determinato il cedim...

Leggi »
formula 1

La Haas non è più ultima,
ma la lotta interna si scalda

Anche un 13esimo posto può valere moltissimo. Quello ottenuto da Mick Schumacher nella caotica domenica a Baku, per esempio, ...

Leggi »
Rally

Mossa a sorpresa McLaren:
dal 2022 entra in Extreme E

Sorpresa: la McLaren aprirà una nuova pagina della sua lunga storia sportiva debuttando nelle gare off-road. Quali? Quelle de...

Leggi »
IMSA

BMW conferma il programma LMDh
per il 2023 e con obiettivo Le Mans

Il nuovo direttore di BMW M Markus Flasch ha confermato che la marca bavarese realizzerà un programma LMDh per il 2023. Senza...

Leggi »
21 Giu [10:46]

Le Castellet - Libere
Kari e Trident in prima posizione

Alessandro Bucci

Dopo 40 giorni di assenza, torna in azione la F3 sul tracciato del Paul Ricard, in Francia, location molto frequentata dalle serie propedeutiche per sessioni di test. L’avvio delle prove libere ha subito un ritardo di un quarto d’ora per motivi legati forse alla sicurezza della struttura. A segnare il miglior tempo nelle libere, il finlandese Niko Kari della Trident, autore di un ottimo primo settore per un tempo complessivo di 1’51’’305.

Il numero 19, seguito in seconda posizione dal formidabile Robert Shwartzman della Prema di pochi millesimi, si è dovuto fermare nel giro di rientro nel terzo settore per un presunto problema di pescaggio di benzina. Ottima prestazione per l’italiano Leonardo Pulcini (Hitech), a poco più di un decimo da Kari mentre, il pilota Prema Jehan Daruvala, a lungo nelle prime posizioni, si è dovuto accontentare della quarta finale precedendo Max Fewtrell della ART.

Ma vediamo come si è svolto il primo turno di prove libere a Le Castellet. Nei primi minuti, come accaduto in Spagna, la direzione gara ha imposto la VSC per permettere ai giovanissimi piloti di familiarizzare con il sistema in caso di incidente nelle fasi del weekend. L’olandese Richard Verschoor della MP è stato il primo a segnare un tempo sotto i 2 minuti nella prima fase delle prove, bloccando il crono in 1’57’’876.

Tanti i piccoli errori commessi dai numerosi piloti presenti alla sessione di libere, finiti sui nastri di rallentamento nelle vie di fuga o autori di controlli scomposti. Il trio della Prema composto dal leader del campionato Shwartzman, da Marcus Armstrong e da Daruvala hanno occupato le prime posizioni a lungo, venendo tuttavia battuti provvisoriamente da Niko Kari della Trident autore del tempo 1’53’’401. Il crono del finlandese è stato poi abbassato di oltre 8 decimi da Christian Lundgaard della ART, bravo a fissare il crono in 1’52’’532.

Con gomme nuove, nel finale, Jake Hughes dell’HWA è stato il primo a risultare tra i più competitivi, assistendo ad un progressivo miglioramento con i crono segnati da Devlin FeFrancesco (1’52’’247) e Daruvala staccato di un decimo, sino ad arrivare alle migliori performance di Kari (1’51’’305), autore della prima posizione definitiva, dinanzi al pilota Prema Shwartzman per pochi millesimi e al nostro Pulcini della Hitech. Da segnalare, come annunciato a inizio stagione da Italiaracing, che Artem Petrov non ha corso per Jenzer.

Venerdì 21 giugno 2019, libere


1 - Niko Kari - Trident - 1'51"305 – 17 giri
2 - Robert Shwartzman - Prema - 1'51"349 - 17
3 - Leonardo Pulcini - Hitech - 1'51"439 – 18
4 - Jehan Daruvala - Prema - 1'51"683 – 15
5 - Max Fewtrell - ART - 1'51"704 – 16
6 - Pedro Piquet - Trident - 1'51"806 - 19
7 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 1'51"807 – 20
8 - Jake Hughes - HWA Racelab - 1'51"892 – 19
9 - Felipe Drugovich - Carlin - 1'51"960 – 17
10 - Marcus Armstrong - Prema - 1'51"969 – 18
11 - Lirim Zendeli - Sauber by Charouz - 1'52"003 – 21
12 - Christian Lundgaard - ART - 1'52"086 – 17
13 - Juri Vips - Hitech - 1'52"161 – 18
14 - David Beckmann - ART - 1'52"203 – 16
15 - Devlin De Francesco - Trident - 1'52"247 – 19
16 - Ye Yifei - Hitech - 1'52"614 – 18
17 - Sebastian Fernandez - Campos - 1'52"737 – 17
18 - Yuki Tsunoda - Jenzer - 1'52"749 - 18
19 - Simo Laaksonen - MP Motorsport - 1'52"937 - 19
20 - Raoul Hyman - Sauber by Charouz - 1'52"978 – 19
21 - Bent Viscaal - HWA Racelab - 1'53"058 – 18
22 - Keyvan Andres - HWA Racelab - 1'53"106 – 19
23 - Andreas Estner - Jenzer - 1'53"439 – 18
24 - Teppei Natori - Carlin - 1'53"540 – 17
25 - Alex Peroni - Campos - 1'53"555 – 17
26 - Liam Lawson - MP Motorsport - 1'53"936 – 19
27 - Logan Sargeant - Carlin - 1'53"969 – 17
28 - Fabio Scherer - Sauber by Charouz - 1'55"020 – 18
29 - Alessio Deledda - Campos - 1'55"086 – 18
 

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone