indycar

Bandiera rossa a Detroit
Brutto incidente per Felix Rosenqvist

Brutto incidente per Felix Rosenqvist nella prima gara del weekend IndyCar di Detroit. Il pilota svedese è finito dritto nell...

Leggi »
World Endurance

Portimao - Qualifica
Alpine pole da usato garantito

Michele Montesano A dispetto del nuovo corso delle HyperCar, voluto da Aco e WEC, a siglare la pole position a Portimão è st...

Leggi »
formula 1

Gli incidenti di Baku: sotto accusa
le pressioni adottate in gara dai team

Sono trascorsi sette giorni dal Gran Premio di Baku e ancora non si conoscono le cause precise che hanno determinato il cedim...

Leggi »
formula 1

La Haas non è più ultima,
ma la lotta interna si scalda

Anche un 13esimo posto può valere moltissimo. Quello ottenuto da Mick Schumacher nella caotica domenica a Baku, per esempio, ...

Leggi »
Rally

Mossa a sorpresa McLaren:
dal 2022 entra in Extreme E

Sorpresa: la McLaren aprirà una nuova pagina della sua lunga storia sportiva debuttando nelle gare off-road. Quali? Quelle de...

Leggi »
IMSA

BMW conferma il programma LMDh
per il 2023 e con obiettivo Le Mans

Il nuovo direttore di BMW M Markus Flasch ha confermato che la marca bavarese realizzerà un programma LMDh per il 2023. Senza...

Leggi »
12 Mag [12:07]

Montmelò - Gara 2
La prima di Daruvala

Mattia Tremolada

J‍ehan Daruvala ha firmato la prima vittoria personale nel nuovo corso del FIA Formula 3. Il pilota indiano, due volte a segno con le vecchie Dallara F314, ha preso la testa della gara 2 fin dal via, bruciando il poleman Niko Kari. L'alfiere del team Prema ha condotto una corsa perfetta: nemmeno le due safety-car entrate in scena lo hanno intimorito e ha così regalato alla squadra vicentina la seconda vittoria sul circuito del Montmelò.

La prima neutralizzazione è stata chiamata in causa dall'incidente che ha messo fuori gioco ben quattro piloti alla prima curva: Yifei Ye, Raoul Hyman, Artem Petrov e Jake Hughes hanno dovuto salutare la compagnia immediatamente. La safety-car è poi tornata in pista per l'incidente che ha visto coinvolto l'incolpevole Simo Laaksonen, spedito contro le barriere da una manovra sconsiderata di Alex Peroni. Il pilota australiano ha infatti preso la via di fuga di curva uno, ma è rientrato in pista senza passare alla sinistra del birillo, manovra che gli sarebbe costata 5" di penalità, come accaduto a Leonardo Pulcini in partenza. Peroni ha così deciso di riportarsi verso sinistra, per evitare di finire nel mirino della direzione gara, ma nel farlo ha tagliato la strada a Laaksonen, spedendolo contro le barriere. L'episodio è valso al pilota del team Campos uno stop&go di 10".

‍Juri Vips è stato bravo a riscattarsi dopo un brutto avvio dalla terza casella. Al via, il pupillo del programma Junior Red Bull era scivolato in quinta piazza, ma è poi risalito bene, scavalcando Max Fewtrell, Marcus Armstrong e Niko Kari. Il pilota finlandese non è stato in grado di mantenere la prima posizione, ma ha comunque regalato un bel podio alla Trident. Prima di poter festeggiare il podio di Kari, Giacomo Ricci ha dovuto affrontare un momento di confusione: Devlin De Francesco non ha visto le segnalazioni della SC, superando il compagno di squadra Pedro Piquet, che ha prontamente segnalato l'episodio via radio. Ricci ha gestito al meglio la situazione, ordinando al pilota canadese di cedere immediatamente la posizione, evitando una penalità certa.

Quarta piazza per Robert Shwartzman, che corona così un ottimo fine settimana. Il pilota russo si era avvicinato a Kari nelle ultime battute, ma non è riuscito ad affondare l'attacco, preferendo accontentarsi di un ottimo piazzamento davanti al compagno di squadra Marcus Armstrong, costretto ad alzare il piede negli ultimi giri. In difficoltà il trio del team ART. Nelle fasi iniziali Christian Lundgaard ha dovuto cedere la propria posizione ad un arrembante Shwartzman, per poi iniziare a sua volta una bella rimonta, che lo ha portato a transitare sotto la bandiera a scacchi negli scarichi di Armstrong. Giornata nera per Max Fewtrell. Il campione in carica della Formula Renault Eurocup si è portato in terza posizione al via, ma è lentamente scivolato fino all'ottavo posto, alle spalle anche del compagno di squadra David Beckmann.

Corsa complicata per Leonardo Pulcini. Il pilota romano del team Hitech scattava dal fondo dopo i problemi tecnici che lo hanno rallentato in qualifica e in gara uno. Pulcini ha rimediato 5" di penalità per aver tagliato curva uno, è finito nella ghiaia in curva quattro e poi ha ricevuto altri 5" per aver accompagnato fuori pista De Francesco.

Domenica 12 maggio 2019, gara 2

1 - Jehan Daruvala - Prema - 22 giri 40'29"021 
2 - Juri Vips - Hitech - 2"121
3 - Niko Kari - Trident - 3"742
4 - Robert Shwartzman - Prema - 4"266
5 - Marcus Armstrong - Prema - 5"257
6 - Christian Lundgaard - ART - 5"721
7 - David Beckmann - ART - 9"453
8 - Max Fewtrell - ART - 13"914
9 - Yuki Tsunoda - Jenzer - 15"897
10 - Felipe Drugovich - Carlin - 16"591
11 - Lirim Zendeli - Sauber by Charouz - 17"135
12 - Sebastian Fernandez - Campos - 17"740
13 - Bent Viscaal - HWA Racelab - 18"155
14 - Logan Sargeant - Carlin - 18"953
15 - Teppei Natori - Carlin - 20"601
16 - Pedro Piquet - Trident - 21"197
17 - Liam Lawson - MP Motorsport - 22"570
18 - Keyvan Andres - HWA Racelab - 24"456
19 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 24"832
20 - Devlin DeFrancesco - Trident - 25"368
21 - Leonardo Pulcini - Hitech - 31"452
22 - Andreas Estner - Jenzer - 33"860
23 - Alessio Deledda - Campos -38"702
24 - Alexander Peroni - Campos - 47"540

Giro più veloce: Jehan Daruvala 1'34"711

Ritirati
8° giro - Simo Laaksonen
8° giro - Fabio Scherer
0 giri - Jake Hughes
0 giri - Artem Petrov
0 giri - Raoul Hyman
0 giri - Ye Yifei

Il campionato
1.Shwartzman 37; 2.Lundgaard 24; 3.Daruvala 23; 4.Armstrong 21; 5.Vips 20; 6.Kari, Beckmann 14; 8.Fewtrell 11; 9.Laaksonen 2; 10.Tsunoda 1

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone