F4 Nel mondo

La F4 UAE per prima schiererà le
Tatuus di seconda generazione con halo

Il FIA Formula 4 UAE Championship powered by Abarth sarà la prima serie per monoposto di Formula 4 a schierare per la stagion...

Leggi »
indycar

VeeKay in forse per Road America
Ware debutta con Coyne

Infortunio alla clavicola per Rinus VeeKay, che è ora in dubbio per la tappa IndyCar a Road America. Il giovane pilota olande...

Leggi »
formula 1

Il "nuovo" Tsunoda funziona:
in Francia per confermarsi

In Formula 1 ci sono fatti non casuali, e casuale, forse, non è stato nemmeno il settimo posto di Yuki Tsunoda a Baku. Messo ...

Leggi »
formula 1

Più spettacolo a Le Castellet?
Il nuovo asfalto come speranza

Quando il Gran Premio di Francia è stato cancellato dal calendario 2020 a causa della pandemia, probabilmente, sono stati in ...

Leggi »
formula 1

Primo GP di casa per l'Alpine,
che deve crescere sul passo-gara

Si avvicina il Gran Premio di Francia, quello di casa per l'Alpine, il marchio scelto dal gruppo Renault per identificare...

Leggi »
formula 1

Dosare le risorse fra 2021 e 2022:
il dilemma di Red Bull e Mercedes

Da un lato c'è da preparare la rivoluzione tecnica 2022, ormai dietro l'angolo, dall'altro c'è il presente, c...

Leggi »
7 Giu [10:36]

Le Castellet, gara
Primo acuto G-Drive, Iron Lynx in GT

Michele Montesano

Prima vittoria stagionale per il G-Drive Racing nella ELMS. Roman Rusinov, Franco Colapinto e Nyck de Vries hanno conquistato la 4 Ore di Le Castellet. Nonostante la Aurus 01 sia partita dalla pole, il successo per il team russo è stato sofferto con le due Oreca dello United Autosports che hanno completato il podio. Impeccabile la gara per il DKR Engineering che ha così conquistato il primo successo stagionale in LMP3. Seconda vittoria, su tre gare disputate, per l’Iron Lynx con Rino Mastronardi, Matteo Cressoni e Miguel Molina a tagliare per primi il traguardo in LMGTE.

A spuntare nelle prime fasi di gara è stata l’Oreca del Team WRT con Yifie Ye, in grado di sbarazzarsi subito di Rusinov e prendere il largo. Il team belga ha gestito al meglio il periodo di Full Course Yellow, causato dalla Ligier AIM Villorba Corse fermatasi a bordo pista. Nonostante gli sforzi di Ye il margine accumulato è stato annientato dall’ingresso della safety car, chiamata dai commissari per mettere in sicurezza la vettura dell’InterEuropol rimasta danneggiata dopo un contatto con una GT. Ci ha pensato Robert Kubica, subentrato a Ye, a ripristinare il vantaggio sugli inseguitori.

Ai box del G-Drive hanno provato a cambiare strategia e De Vries è balzato davanti a Louis Deletraz nella penultima tornata di soste ai box. Tuttavia sia il pilota olandese che il portacolori del WRT si sono trovati alle spalle di Job Van Uitert sulla Oreca dello United Autosports. De Vries ha iniziato un recupero forsennato culminato allo scoccare dell’ultima ora quando ha infilato perentoriamente Van Uitert. I due poi sono arrivati al traguardo con solamente 6” di scarto, complice anche una nuova Full Course Yellow.

A completare il podio l’altra vettura United Autosports di Tom Gamble, Jonathan Aberdein e Phil Hanson quest’ultimo rallentato da una foratura nelle prime fasi di gara. Quarto il Duqueine Team con il WRT sceso al quinto posto svantaggiato dall’ultima fase di neutralizzazione oltre alla penalità di 5” per un’infrazione commessa nelle prime fasi di gara. Sesti e primi di classe ProAm Charlie Eastwood, Salih Yoluc e Harry Tincknell del Racing Team Turkey.

Dopo averlo sfiorato in più occasioni, finalmente il DKR Engineering ha potuto conquistare l’agognato successo in LMP3. Complice il perfetto equilibrio fra Jean-Philippe Dayrault, che ha guidato nella prima parte di gara, e Laurents Hörr che ha finalizzato il tutto, la Duqueine è stata per quasi tutte le 4 ore in cima alla classifica riservata alle LMP3. Questa volta il Cool Racing si è dovuto accontentare del secondo posto che, sommati ai due successi ottenuti al Montmelò e al Red Bull Ring, confermano Matt Bell, Nicolas Maulini e Nicklas Krütten in vetta alla classifica. Gradino più basso del podio allo United Autosports con Rob Wheldon, Wayne Boyd ed Edouard Cauhaupe. Da segnalare la disavventura di Charles Crews, costretto a spegnere le fiamme divampate nel posteriore della sua Ligier dopo essersi fermato a bordo pista.

Tripletta Ferrari in LMGTE con la 488 GTE dell’Iron Lynx di Mastronardi, Cressoni e Molina che ha preceduto la “rossa” dello Spirit of Race. Terzo posto per i vincitori del Red Bull Ring Emmanuel Collard, François Perrodo e Alessio Rovera. Ai margini del podio la Porsche del nostro Gianmaria Bruni, Christian Ried e Cooper MacNeil. Sfortunata Manuela Gostner che è stata speronata dall'attore Michael Fassbender. Mentre la Ferrari dell’italiana è stata costretta all’immediato ritiro, per via di una sospensione danneggiata, la Porsche è tornata in pista dopo una lunga riparazione concludendo come fanalino di coda.

Domenica 6 giugno 2021, gara

1 - Rusinov/Colapinto/De Vries (Aurus 01–Gibson) - G-Drive - 126 giri
2 - Hanson/Aberdein/Gamble (Oreca 07-Gibson) - United Autosport - 6"385
3 - Van Uitert/Jamin/Maldonado (Oreca 07-Gibson) - United Autosport - 24"272
4 - Gommendy/Binder/Rojas (Oreca 07-Gibson) - Duqueine - 43"171
5 - Delétraz/Kubica/Ye (Oreca 07-Gibson) - WRT - 51"000
6 - Yoluc/Eastwood/Tincknell (Oreca 07-Gibson) - R. T. Turkey - 54"767
7 - Menchaca/Habsburg/Bradley (Oreca 07-Gibson) - Algarve Pro - 1'24"841
8 - Canal/Stevens/Allen (Oreca 07-Gibson) - Panis - 1 giro
9 - Lafargue/Chatin/Vergne (Oreca 07-Gibson) - Idec - 1 giro
10 - Falb/Andrade/Merhi (Aurus 01–Gibson) - G-Drive - 1 giro
11 - Dracone/Campana/Pommer (Oreca 07-Gibson) - BHK - 1 giro
12 - Lapierre/Borga/Coigny (Oreca 07-Gibson) - Cool - 1 giro
13 - Lahaye/Lahaye/Heriau (Oreca 07-Gibson) - Ultimate - 2 giri
14 - Capillaire/Robin/Robin (Oreca 07-Gibson) - Graff - 2 giri
15 - Merriman/Tilley/Aubry (Oreca 07-Gibson) - Idec - 4 giri
16 - Hörr/Dayraut (Duqueine M30-Nissan) - DKR - 7 giri
17 - Maulini/Bell/Kruetten (Ligier JS P3-Nissan) - Cool - 7 giri
18 - Boyd/Cauhaupe/Wheldon (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport - 7 giri
19 - Benham/Kapadia/Jakobsen (Ligier JS P3-Nissan) - RLR - 8 giri
20 - Wells/Noble (Ligier JS P3-Nissan) - Nielsen - 8 giri
21 - Adomavicius/Kaprzyk/Pasini (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 8 giri
22 - Trouillet/Droux/Page (Ligier JS P3-Nissan) - Graff - 8 giri
23 - Hauser/Hauser/Cloet (Duqueine M30-Nissan) - Racing Experience - 8 giri
24 - Kaiser/Penttinen (Ligier JS P3-Nissan) - Graff - 8 giri
25 - Aoki/Bailly/Sancinena (Oreca 07-Gibson) - ASSOCIATION SRT41 - 9 giri
26 - Dromedari/Baratto/Alders (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational - 9 giri
27 - Cressoni/Mastronardi/Molina (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 9 giri
28 - Cresp/Lavergne/Chila (Ligier JS P3-Nissan) - MV2S - 9 giri
29 - Cameron/Griffin/Perel (Ferrari F488 GTE EVO) - Spirit of Race - 9 giri
30 - Adcock/McCusker/Koebolt (Ligier JS P3-Nissan) - Nielsen - 9 giri
31 - Perrodo/Rovera/Collard (Ferrari F488 GTE EVO) - AF Corse - 9 giri
32 - Ried/MacNeil/Bruni (Porsche 911 RSR) - Proton - 9 giri
33 - Schiavoni/Sernagiotto/Ruberti (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 9 giri
34 - Fannin/Fontana/Sales (Ferrari F488 GTE EVO) - JMW - 11 giri
35 - Hartshorne/Gunn/Hancock (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 11 giri
36 - McGuire/Tappy/Bentley (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport - 13 giri
37 - Fassbender/Evans/Lietz (Porsche 911 RSR) - Proton - 17 giri

Giro veloce: Yifei Ye 1'44"340

Ritirati
Hodes/Grist/Crews (Ligier JS P3-Nissan) - Team Virage
Frey/Gatting/Gostner (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx
Hippe/De Wilde/De Pauw (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol
Bressan/Laskaratos/Fioravanti (Ligier JS P3-Nissan) - 1 AIM Villorba

Il campionato
1.Delétraz/Kubica/Ye 60 punti; 2.Rusinov/Colapinto/De Vries 57; 3.Hanson/Aberdein/Gamble 39; 4.Canal/Stevens 22,5; 5.Falb/Andrade 22; 6.Rojas/Binder/Gommendy 22; 7.Yoluc/Eastwood 21,5; 8.Lahaye/Lahaye/Heriau 20,5; 9.Aubry 18,5; 10.Van Uitert/Jamin/Maldonado 17,5.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone