Rally

Rally di Lettonia – 1° giorno
Rovanperä batte Neuville e Ogier

Michele Montesano Riga ha fatto da antipasto a quello che sarà il Rally di Lettonia. I piloti del WRC si sono sfidati sulla s...

Leggi »
formula 1

L'analisi del mercato piloti 2025
Cosa accadrà nelle prossime settimane

Con il passaggio di Esteban Ocon al team Haas, diventano quattro e... mezzo i sedili vacanti nel Mondiale F1 per la prossima ...

Leggi »
Rally

Rally di Lettonia – Shakedown
Tänak precede Neuville, Toyota insegue

Michele Montesano Il WRC, questo fine settimana, farà tappa per la prima volta nella sua storia in Lettonia. La repubblica ba...

Leggi »
formula 1

Haas e Ferrari, accordo fino al 2028
E intanto sta per arrivare Ocon

Il team Haas ha rinnovato l'accordo con la Ferrari per la fornitura dei motori. Il costruttore americano potrà avere le p...

Leggi »
World Endurance

Aston Martin: a Silverstone
il debutto della Valkyrie LMH

Michele Montesano Eppur si muove. Aston Martin ha tenuto fede alla sua tabella di marcia e, come previsto, ha portato al debu...

Leggi »
Rally

Ogier e Rovanperä al via in Lettonia
Torna Lappi in Hyundai, Sesks con Ford

Michele Montesano Questo fine settimana il Mondiale Rally farà tappa per la prima volta in Lettonia. La repubblica baltica, g...

Leggi »
16 Giu [1:38]

Le Mans – Ore 1
Kubica penalizzato, Toyota prima

Da Le Mans - Michele Montesano

Il fascino di Le Mans si amplifica con il calare delle tenebre. La notte è senza dubbio una delle fasi più difficili e suggestive della maratona francese. Già di per se complessa, la guida al buio è stata accompagnata dalla pioggia che ha reso l’asfalto viscido e insidioso. A salire al comando della gara è stata la Toyota di Sebastian Buemi, divisa con Brendon Hartley e Ryo Hirakawa.

Concluso il lungo periodo di safety car, per consentire la riparazione delle barriere di Mulsanne, la 24 Ore di Le Mans è finalmente ripresa. Proprio nel momento del semaforo verde è arrivato un altro scroscio d’acqua che ha costretto i team a montare, nuovamente, le gomme da bagnato.

Come se non bastasse, purtroppo per le Ferrari AF Corse è arrivata la tanto temuta penalizzazione. Robert Kubica è stato sanzionato con 30” di Stop & go per l’incidente che è costato il ritiro di Dries Vanthoor. Scontata la penalità, la 499P gialla è scivolata al sesto posto. A trarne vantaggio è stata la Toyota con Hirakawa che lesto ha preso il comando delle operazioni. Secondo posto per la Porsche 963 LMDh guidata da Laurens Vanthoor che precede l’altra Toyota GR010 di Nyck De Vries.

La prima Ferrari è quella di Antonio Fuoco che ha messo in atto una rimonta serrata nei confronti dell’olandese. Più attardata l’altra 499P di James Calado, l’inglese è stato protagonista di un lungo che l’ha fatto scivolare in settimana posizione. Più attardate le Peugeot e le Lamborghini che pagano un giro di distacco dal leader.

In LMP2 è tornato al comando il Cool Racing. Malthe Jakobsen è davanti le Oreca del Nielsen Racing e del team AF Corse, entrambi in lotta per la vittoria di classe ProAm. Dopo aver duellato per il primo posto, la pioggia ha fatto scivolare fuori dal podio virtuale sia il Vector Sport che la United Autosports. Da segnalare numerosi testacoda, per via della pista viscida anche i più esperti Louis Deletraz e Nicky Catsburg si sono girati lungo il tracciato.

In LMGT3 è ancora in testa la Porsche del Manthey di Lietz-Shahin-Schuring, seconda la Lexus del terzetto Kimura-Masson-Hawksworth. A podio la prima Ferrari 296 GT3, quella dello Spirit of Racing. Battuta d’arresto per la BMW numero 46. Ahmad Al Harthy ha buttato tutto al vento per un errore di guida sbattendo contro le barriere nei pressi della chiane Dunlop.

Domenica 16 giugno 2024, classifica parziale alle ore 1:00 (top-10)

1 - Buemi-Hartley-Hirakawa (Toyota GR010) - Toyota - 128 giri
2 - Estre-Lotterer-L. Vanthoor (Porsche 963) - Penske - 16"107
3 - Lopez-Kobayashi-de Vries (Toyota GR010) - Toyota - 24"612
4 - Fuoco-Molina-Nielsen (Ferrari 499P) - Ferrari - 39"759
5 - Bamber-Lynn-Palou (Cadillac V-LMDh) - Cadillac - 42"349
6 - Kubica-Shwartzman-Ye (Ferrari 499P) - AF Corse - 48"989
7 - Pier Guidi-Calado-Giovinazzi (Ferrari 499P) - Ferrari - 55"482
8 - Button-Hanson-Rasmussen (Porsche 963) - Jota - 1'04"090
9 - Stevens-Nato-Ilott (Porsche 963) - Jota - 2'21"389
10 - Bourdais-van der Zande-Vautier (Cadillac V-LMDh) - Cadillac - 3'14"650