formula 1

Dosare le risorse fra 2021 e 2022:
il dilemma di Red Bull e Mercedes

Da un lato c'è da preparare la rivoluzione tecnica 2022, ormai dietro l'angolo, dall'altro c'è il presente, c...

Leggi »
formula 1

Primo GP di casa per l'Alpine,
che deve crescere sul passo-gara

Si avvicina il Gran Premio di Francia, quello di casa per l'Alpine, il marchio scelto dal gruppo Renault per identificare...

Leggi »
indycar

Detroit - Gara 2
Vittoria-spettacolo di O'Ward

Successo e leadership del campionato di un punto per Pato O’Ward nel secondo appuntamento del fine settimana IndyCar a Detroi...

Leggi »
World Endurance

Portimao - Gara
Doppietta per Toyota, Jota e Ferrari

Michele Montesano Non poteva esserci miglior modo per festeggiare la 100ª gara fra i prototipi nel Mondiale Endurance per la...

Leggi »
indycar

Detroit 1 - Gara
Prima vittoria di Ericsson

Marcus Ericsson ha conquistato a Detroit la sua prima vittoria in IndyCar per il team Ganassi. Il pilota svedese, che si è tr...

Leggi »
indycar

Bandiera rossa a Detroit
Brutto incidente per Felix Rosenqvist

Brutto incidente per Felix Rosenqvist nella prima gara del weekend IndyCar di Detroit. Il pilota svedese è finito dritto nell...

Leggi »
8 Mag [17:13]

Montecarlo - Gara
Magia Da Costa all'ultimo giro

Jacopo Rubino

Una staccata da paura all'ultimo giro, a ruote fumanti. Così il campione in carica Antonio Felix da Costa si è preso la vittoria nell'E-Prix di Monaco, il primo disputato dalla Formula E sul circuito in versione F1: la serie elettrica oggi ha davvero offerto un ottimo spettacolo sulle strade del Principato. Il portoghese della DS Techeetah la manovra decisiva l'ha compiuta su Mitch Evans in uscita dal Tunnel, in un finale ad alta tensione dopo il rientro della safety-car intervenuta per lo stop di René Rast.

Evans, giusto poco prima della neutralizzazione, all'inizio del giro 19 aveva superato di forza in successione sia Robin Frijns che Felix da Costa, sfruttando i momenti residui del suo secondo Attack Mode. Al restart, con meno di 6 minuti da affrontare, il neozelandese della Jaguar ha resistito il più possibile, ma non abbastanza: anzi, in volata ha ceduto anche la piazza d'onore a Frijns, pagando per l'1% in meno di energia conservata.

Sul podio vanno i tre principali protagonisti di questa corsa, che più volte si sono scambiati le posizioni: ad aprire la lotta è stato Frijns del team Virgin, al giro 3 capace di strappare al poleman Felix da Costa la leadership provvisoria, in fondo al rettilineo principale. La strategia sugli Attack Mode ha poi tenuto la contesa sempre viva. Nella bagarre di vertice sono stati coinvolti anche Jean-Eric Vergne e Maximilian Gunther, quarto e quinto al traguardo. Il francese in chiusura è stato scatenato, unico ad usare l'Attack Mode che non era riuscito ad attivare correttamente prima della safety-car. Scivolato da quinto a ottavo, per la traiettoria sfavorevole da seguire alla curva del Casinò, JEV ha rimediato in fretta aiutato dalla potenza aggiuntiva, e si è pure messo dietro il tedesco della BMW.

Sesta posizione per Oliver Rowland, con il nuovo powertrain Nissan, settima per Sam Bird che ha compiuto un bel recupero dalle retrovie, dopo la deludente qualifica. Non ci sono riusciti Stoffel Vandoorne e Nyck De Vries, i due alfieri Mercedes, addirittura entrambi ritirati. Il belga è rientrato ai box, l'olandese si è invece fermato sul rettilineo fra la chicane del porto e il Tabaccaio, richiedendo l'esposizione delle bandiere gialle (e quindi vietando i sorpassi in quella zona). L'avviso è stato tolto giusto in tempo per l'ultimo giro, ma Felix da Costa aveva appena completato il suo mega-sorpasso.

Una giornata da dimenticare per la Stella, che costa cara: Frijns è diventato il nuovo leader del Mondiale con 62 punti, la Jaguar si porta a -2 fra i costruttori. A secco anche le due Mercedes clienti, quelle della squadra monegasca Venturi: nel round di casa, 12esimo il nostro Edoardo Mortara, 13esimo Norman Nato. Subito ko Alexander Sims, unica vittima nelle "spallate" del primo giro, quando ha urtato le barriere esterne nel tornantino del Grand Hotel, spinto da Pascal Wehrlein. Quanto a Rast, il suo ritiro è stato causato da una toccata contro il guardrail della Sainte Devote, mentre stava duellando con Nick Cassidy.

Sabato 8 maggio 2021, gara

1 - Antonio Felix da Costa (DS) - DS Techeetah - 26 giri 47'20"697
2 - Robin Frijns (Audi) - Virgin - 2"848
3 - Mitch Evans (Jaguar) - Jaguar - 2"872
4 - Jean-Eric Vergne (DS) - DS Techeetah - 3"120
5 - Maximilian Günther (BMW) - BMW Andretti - 3"270
6 - Oliver Rowland (Nissan) - Nissan e.dams - 3"865
7 - Sam Bird (Jaguar) - Jaguar - 4"150
8 - Nick Cassidy (Audi) - Virgin - 4"752
9 - Alex Lynn (Mahindra) - Mahindra - 5"759
10 - Lucas Di Grassi (Audi) - Audi Abt - 6"225
11 - Sébastien Buemi (Nissan) - Nissan e.dams - 6"567
12 - Edoardo Mortara (Mercedes) - Venturi - 7"097
13 - Norman Nato (Mercedes) - Venturi - 8"507
14 - Tom Blomqvist (NIO) - NIO - 9"240
15 - Sergio Sette Camara (Penske) - Dragon - 9"499
16 - Jake Dennis (BMW) - BMW Andretti - 9"822
17 - André Lotterer (Porsche) - Porsche - 10"503 *
18 - Nico Muller (Penske) - Dragon - 11"450
19 - Oliver Turvey (NIO) - NIO - 12"067

* 5 secondi di penalità

Giro più veloce: Stoffel Vandoorne 1'34"428

Ritirati
24° giro - Nyck De Vries
22° giro - Stoffel Vandoorne
22° giro - Pascal Wehrlein
19° giro - René Rast
1° giro - Alexander Sims

Il campionato
1.Frijns 62 punti; 2.De Vries 57; 3.Evans 54; 4.Felix da Costa 52; 5.Bird 49; 6.Vandoorne 48; 7.Vergne 46; 8.Rast 39; 9.Rowland 35; 10.Dennis 33

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone