formula 1

Dosare le risorse fra 2021 e 2022:
il dilemma di Red Bull e Mercedes

Da un lato c'è da preparare la rivoluzione tecnica 2022, ormai dietro l'angolo, dall'altro c'è il presente, c...

Leggi »
formula 1

Primo GP di casa per l'Alpine,
che deve crescere sul passo-gara

Si avvicina il Gran Premio di Francia, quello di casa per l'Alpine, il marchio scelto dal gruppo Renault per identificare...

Leggi »
indycar

Detroit - Gara 2
Vittoria-spettacolo di O'Ward

Successo e leadership del campionato di un punto per Pato O’Ward nel secondo appuntamento del fine settimana IndyCar a Detroi...

Leggi »
World Endurance

Portimao - Gara
Doppietta per Toyota, Jota e Ferrari

Michele Montesano Non poteva esserci miglior modo per festeggiare la 100ª gara fra i prototipi nel Mondiale Endurance per la...

Leggi »
indycar

Detroit 1 - Gara
Prima vittoria di Ericsson

Marcus Ericsson ha conquistato a Detroit la sua prima vittoria in IndyCar per il team Ganassi. Il pilota svedese, che si è tr...

Leggi »
indycar

Bandiera rossa a Detroit
Brutto incidente per Felix Rosenqvist

Brutto incidente per Felix Rosenqvist nella prima gara del weekend IndyCar di Detroit. Il pilota svedese è finito dritto nell...

Leggi »
18 Apr [15:35]

Montmelò, gara
Dominio del WRT, Iron Lynx in GT

Michele Montesano

Il team WRT ha inaugurato la stagione 2021 della ELMS con una vittoria perentoria. A Montmelò, la Oreca di Louis Deletraz, Robert Kubica e Yifei Yo ha letteralmente sbaragliato la concorrenza. Nulla hanno potuto gli inseguitori cappeggiati dal Panis Racing. Occasione persa per il team G-Drive, partito dalla pole, ma autore di numerosi errori. Trionfo in LMP3 per il Cool Racing, dopo un sorpasso nelle fasi finali. In LMGTE, nel duello Ferrari Porsche, è stata la 488 GTE dell’Iron Lynx a tagliare per prima il traguardo.

A prendere per primo la bandiera a scacchi è stato Kubica: il polacco è stato autore di un ultimo stint relativamente tranquillo. Infatti, il vero protagonista della 4 Ore di Barcellona è stato Deletraz. Lo svizzero, dopo una fase di partenza caotica, ha dapprima recuperato il gap nei confronti del leader Roman Rusinov per poi superarlo nella staccata in fondo al rettilineo al 20'. Il portacolori del WRT ha poi imposto un ritmo forsennato costruendo un distacco consistente sugli avversari.

La gara del G-Drive è stata costellata di errori: prima dello spegnimento dei semafori, il poleman Rusinov ha rallentato troppo creando lo scompiglio nella partenza lanciata. La Aurus è poi stata penalizzata con un drive-through per la manovra sopra le righe. Penalità bissata da Franco Colapinto che, ripartendo dalla piazzola dei box, ha colpito lo pneumatico della vettura gemella, anch’essa nella pit-lane. A risollevare le sorti del G-Drive ci ha pensato un superbo Nyck de Vries che, a suon di giri veloci, ha riportato al quarto posto la vettura della compagine russa.

Secondo posto per la Oreca del Panis Racing capitanata dal sempre consistente Will Stevens, affiancato da Julien Canal e Gabriel Aubry. A chiudere il podio lo United Autosports con Jonathan Aberdein e Tom Gamble, che non sono riusciti a eguagliare il ritmo tenuto dal campione in carica Phil Hanson nel primo stint. Quinto assoluto, e primo di classe Pro-Am LMP2, Il team Ultimare con Matthieu Lahaye, Jean-Baptiste Lahaye e François Heriau.

Prova di forza per Matt Bell in LMP3, il pilota del Cool Racing, grazie ad un pit-stop ritardato, ha vinto per soli 2”218 sulla Ligier del RLR MSport. L’inglese è stato autore di un sorpasso nei confronti della DKR Engineering di Alain Berg a 23 minuti dalla fine. Terzo posto per la Inter Europol che ha preceduto la 1 AIM Villorba Corse dei nostri Alessandro Bressan, Damiano Fioravanti e dal greco Andreas Laskaratos. Buon ottavo posto per la Ligier del centauro Mattia Pasini, divisa con Alessandro Bracalente e Julius Adomavicius, autore di uno stint davvero consistente. Peccato per il team EuroInternational, undicesimo e appena fuori dalla zona punti.

Trionfo per l’Iron Lynx in LMGTE: Matteo Cressoni e Rino Mastronardi, assieme all’ufficiale Miguel Molina, hanno concluso la gara con un giro di vantaggio sulla Porsche del Proton Competition. La vettura di Stoccarda, dopo aver dato vita a un bel duello per la prima posizione con Gianmaria Bruni, ha subito un problema a metà gara dovendo dire addio ai sogni di gloria. Gradino più basso del podio per la Ferrari dello Spirit of Race di Duncan Cameron, Matthew Griffin e David Perel. A chiudere la Top-5 le altre due Ferrari dell’Iron Lynx, con l’equipaggio tutto al femminile che ha preceduto i nostri Claudio Schiavoni, Giorgio Sernagiotto e Paolo Ruberti.

Domenica 18 aprile 2021, gara


1 - Delétraz/Kubica/Ye (Oreca 07-Gibson) - WRT - 141 giri
2 - Canal/Stevens/Aubry (Oreca 07-Gibson) - Panis - 22"125
3 - Hanson/Aberdein/Gamble (Oreca 07-Gibson) - United Autosport - 1'29"570
4 - Rusinov/Colapinto/De Vries (Aurus 01–Gibson) - G-Drive - 1'34"085
5 - Lahaye/Lahaye/Heriau (Oreca 07-Gibson) - Ultimate - 1 giro
6 - Gommendy/Binder/Rojas (Oreca 07-Gibson) - Duqueine - 1 giro
7 - Falb/Andrade/Fittipaldi (Aurus 01–Gibson) - G-Drive - 1 giro
8 - Lafargue/Chatin/Pilet (Oreca 07-Gibson) - Idec - 1 giro
9 - Van Uitert/Jamin/Maldonado (Oreca 07-Gibson) - United Autosport - 2 giri
10 - Lapierre/Borga/Coigny (Oreca 07-Gibson) - Cool - 2 giri
11 - Menchaca/Habsburg/Bradley (Oreca 07-Gibson) - Algarve Pro - 2 giri
12 - Merriman/Tilley/Dalziel (Oreca 07-Gibson) - Idec - 2 giri
13 - Dracone/Campana/Pommer (Oreca 07-Gibson) - BHK - 3 giri
14 - Capillaire/Robin/Robin (Oreca 07-Gibson) - Graff - 3 giri
15 - Maulini/Bell/Kruetten (Ligier JS P3-Nissan) - Cool - 5 giri
16 - Benham/Kapadia/Jakobsen (Ligier JS P3-Nissan) - RLR - 8 giri
17 - Hippe/De Wilde/Falchero (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 8 giri
18 - Bressan/Laskaratos/Fioravanti (Ligier JS P3-Nissan) - 1 AIM Villorba - 8 giri
19 - Hörr/Berg (Duqueine M30-Nissan) - DKR - 8 giri
20 - Adcock/McCusker/Koebolt (Ligier JS P3-Nissan) - Nielsen - 8 giri
21 - Hodes/Grist/Crews (Ligier JS P3-Nissan) - Team Virage - 9 giri
22 - Adomavicius/Bracalente/Pasini (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 9 giri
23 - Cressoni/Mastronardi/Molina (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 9 giri
24 - Wells/Noble (Ligier JS P3-Nissan) - Nielsen - 9 giri
25 - McGuire/Tappy/Bentley (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport - 10 giri
26 - Dromedari/Kaprzyk (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational - 10 giri
27 - Ried/Bruni/Evans (Porsche 911 RSR) - Proton - 10 giri
28 - Cameron/Griffin/Perel (Ferrari F488 GTE EVO) - Spirit of Race - 10 giri
29 - Frey/Gatting/Gostner (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 11 giri
30 - Schiavoni/Sernagiotto/Ruberti (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 11 giri
31 - Fassbender/Laser/Lietz (Porsche 911 RSR) - Proton - 11 giri
32 - Fannin/Fontana/Sales (Ferrari F488 GTE EVO) - JMW - 11 giri
33 - Hartshorne/Gunn/Hancock (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 13 giri
34 - Aoki/Bailly/Sancinena (Oreca 07-Gibson) - ASSOCIATION SRT41 - 14 giri
35 - Trouillet/Droux/Page (Ligier JS P3-Nissan) - Graff - 14 giri
36 - Boyd/Cauhaupe/Wheldon (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosport - 16 giri
37 - Kaiser/Penttinen (Ligier JS P3-Nissan) - Graff - 22 giri
38 - Yoluc/Eastwood/Tincknell/Sargeant (Oreca 07-Gibson) - Racing Team Turkey - 25 giri
39 - Hauser/Hauser/Cloet (Duqueine M30-Nissan) - Racing Experience - 26 giri

Giro veloce: Nyck de Vries 1'31"788

Ritirati
Cresp/Lavergne/Chila (Ligier JS P3-Nissan) - MV2S
Hedman/Hayley/Taylor (Oreca 07-Gibson) - DragonSpeed

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone