8 Set [12:05]

Monza - Gara 2
Dalla battaglia emerge Aitken

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Massimo Costa

Gara 2 combattutissima quella della F2 a Monza. Ha vinto Jack Aitken, al terzo successo stagionale dopo Baku gara 1 e Silverstone corsa sprint. Poteva essere una tripletta tutta inglese perché il pilota del team Campos ha battagliato con Jordan King e Callum Ilott, ma proprio quest'ultimo, mentre era secondo, all'ultimo giro è arrivato lungo in frenata alla prima variante urtando il rail a sinistra e danneggiando la ruota anteriore sinistra. Peccato per il pilota del team Sauber by Charouz, che aveva disputato un weekend finalmente positivo, ma proprio nel finale ha commesso uno dei suoi proverbiali errori.

Aitken e King se le sono date di santa ragione per diversi giri, con sorpassi e "contro sorpassi ", dritti alla Roggia, bandiere di avvertimento per Aitken per alcuni spostamenti di troppo in rettifilo che hanno irritato non poco King, poi passato da Ilott. Per Aitken quelli tra Spa e Monza sono stati giorni pesanti essendo pilota della Academy Renault e molto vicino al povero Anthoine Hubert con il quale condivideva le sedute di allenamento. Sul podio, la dedica all'amico che non c'è più.

King di MP Motorsport ha conseguito il miglior piazzamento della stagione dopo il terzo posto di Baku gara 1. Una bella soddisfazione per questo pilota esperto che ha corso anche in Indycar e quest'anno ha partecipato alla 500 Miglia di Indianapolis. Sul terzo gradino troviamo Nyck De Vries, ormai avviatissimo alla conquista del titolo della Formula 2 e probabilmente a un futuro non in F1, bensì in Formula E con la Mercedes. Nei prossimi giorni dovremmo saperne di più.

Luca Ghiotto, eroe di gara 1, alla prima variante dopo il via ha danneggiato l'ala anteriore in una situazione di traffico estremo. L'italiano ha proseguito, ma al giro 8 alla staccata della prima variante ha urtato De Vries coinvolgendo anche Sergio Camara. Il brasiliano si è dovuto ritirare con una gomma a terra, l'olandese ha proseguito fino a raggiungere il podio, mentre Ghiotto cambiato il muso ha concluso fuori dai punti e con una penalità di 5" per l'incidente provocato. Peccato, un finale di weekend che non ci voleva.

Bella prestazione per Guan Yu Zhou (penalizzato in griglia di partenza di tre posizioni per il contatto innescato in gara 1 con Nicholas Latifi), autore di un bel recupero fino al quarto posto. Nobuharu Matsushita, vincitore di gara 1 e partito ottavo ed ha concluso quinto davanti a un grintoso Mick Schumacher, protagonista di un dritto alla prima variante. Giuiliano Alesi partiva dalla prima fila, ma non è riuscito a tenere il passo chiudendo settimo. Ci si attendeva una gara di rimonta di Latifi, ma è rimasto lontano e fuori dai punti.

Domenica 8 settembre 2019, gara 2

1 - Jack Aitken - Campos - 34'26"288
2 - Jordan King - MP Motorsport - 2"764
3 - Nyck De Vries - ART - 6"530
4 - Guan Yu Zhou - Virtuosi - 7"612
5 - Nobuharu Matsushita - Carlin - 8"189
6 - Mick Schumacher - Prema - 8"541
7 - Giuliano Alesi - Trident - 12"851
8 - Louis Deletraz - Carlin - 13"389
9 - Nikita Mazepin - ART - 13"941
10 - Nicholas Latifi - DAMS - 23"091
11 - Marino Sato - Campos - 29"564
12 - Callum Ilott - Sauber by Charouz - 41"390
13 - Mahaveer Raghunathan - MP Motorsport - 52"478
14 - Tatiana Calderon - Arden - 53"021
15 - Luca Ghiotto - Virtuosi - 1'32"691

Giro più veloce: Mick Schumacher 1'35"422

Ritirati
Sean Gelael
Sergio Camara

Il campionato
1.De Vries 225; 2.Latifi 166; 3.Ghiotto 155; 4.Aitken 153; 5.Camara 151; 6.Matsushita 116; 7.Zhou 115; 8.King 79; 9. Hubert 77; 10.Deletraz 61.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone