Rally

Rally di Montecarlo – 1° giorno
Ogier vola, Loeb lo marca a vista

Michele Montesano La novantesima edizione del Rally di Montecarlo ha aperto ufficialmente una nuova era del WRC, quella del...

Leggi »
formula 1

L'Alpine turbolenta,
fra uscite e tensioni

Via Ciryl Abiteboul, che era team principal, via Remi Taffin, capo del reparto motori, via Marcin Budkwoski, nel 2021 diretto...

Leggi »
Rally

Rally di Montecarlo – Shakedown
Ogier - Loeb è subito duello

Michele Montesano Finalmente è arrivato il tanto atteso giorno del debutto per le nuove Rally1. Come da tradizione è stato ...

Leggi »
formula 1

Gare sprint 2022 a rischio?
Manca l'intesa con tutti i team

Le gare sprint del sabato, nuovo pallino di Formula 1, quest'anno dovrebbero aumentare a 6. Dovrebbero, appunto, perché i...

Leggi »
Rally

WRC 2022: al via la rivoluzione ibrida
Chi sarà il successore di Ogier?

Michele Montesano Quello che si appresta a partire non sarà il solito Rally di Montecarlo, bensì l’inizio della nuova era p...

Leggi »
formula 1

Gomme da 18 pollici in Formula 1,
la grande sfida del 150° anno Pirelli

Nasce come anno importante, il 2022 della Pirelli. È il 150esimo di attività dell'azienda, con numerose novità in ambito ...

Leggi »
19 Ago [11:09]

Patto della Concordia, ufficiale:
hanno firmato tutti i team di F1

Jacopo Rubino - XPB Images

Ora è ufficiale: il nuovo Patto della Concordia, valido dal 2021 al 2025, è stato siglato da tutti i team di Formula 1. Ieri ad annunciare in anticipo la propria firma erano state McLaren, Ferrari e Williams, le tre compagini di maggior storia sulla griglia, mentre questa mattina (19 agosto) è stata Liberty Media a confermare che anche le altre sette scuderie hanno aderito al prossimo regime economico-sportivo del Circus. Per la proprietà americana è un indubbio successo, che conclude un percorso durato diversi mesi e in parte rallentato dall'emergenza Coronavirus.

"Avevamo detto che a causa della pandemia il Patto della Concordia avrebbe richiesto più tempo per essere definito, siamo felici che ad agosto sia arrivata un'intesa con tutti i dieci team", ha infatti rimarcato il presidente Chase Carey. Il quale, completata questa missione, dovrebbe prossimamente fare un passo indietro dal ruolo di vertice occupato in questi anni.

"L'accordo assicura la sostenibilità a lungo termine della F1, e assieme alle nuove regole tecniche che entreranno in vigore dal 2022, ridurrà le disparità finanziare e prestazionali fra le squadre, aiutando a livellare lo schieramento, e a creare gare più combattute. Questo attirerà più appassionati, a beneficio di ogni team, permettendo di continuare la crescita globale della F1", è il messaggio del comunicato diffuso Liberty.

"Sono orgoglioso di come tutte le parti coinvolte abbiano lavorato insieme negli ultimi mesi per i migliori interessi dello sport", ha invece commentato Jean Todt, presidente della FIA. Ma non è un mistero che fra le squadre, inevitabilmente, non siano mancate divergenze di vedute. Non più di due settimane fa Toto Wolff, capo della Mercedes, minacciava di non firmare, insoddisfatto del trattamento ricevuto dai dominatori dell'attuale epoca. "Siamo quelli che ci perdono di più", affermava l'austriaco. "La Mercedes ha dato il suo contributo, è competitiva in pista, e ha il pilota (Lewis Hamilton, ndr) di maggior appeal. In queste trattative sento che non siamo stati considerati come doveva essere". Ma alla fine il Patto è stato raggiunto, hanno vinto Liberty Media e la FIA.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone