World Endurance

Porsche svela la 963 e i nomi
dei primi otto piloti del programma

In occasione del festival della velocità di Goodwood Porsche ha svelato diversi dettagli, tra cui il nome della vettura, del ...

Leggi »
Rally

Rally del Kenya – 2° giorno finale
Rovanpera 1°, Ogier fora, debacle Ford

Ancora cambi al vertice del Safari Rally del Kenya ma, a comandare indisturbate nella classifica assoluta del WRC, sono sempr...

Leggi »
Rally

Rally del Kenya – 2° giorno mattino
Evans comanda, problemi per Hyundai

L’avvio del secondo giorno del Safari Rally del Kenya è stato ricco di colpi di scena. Come da tradizione la prova africana, ...

Leggi »
formula 1

Gasly in AlphaTauri anche nel 2023:
ora ufficiale, ma c'era già il contratto

Pierre Gasly sarà un pilota AlphaTauri anche nella prossima stagione di Formula 1. Il team di Faenza ha voluto fare un annunc...

Leggi »
formula 1

Ferrari, titolo ancora possibile:
le basi per costruire la rimonta

Per la Ferrari 76 punti di distacco dalla Red Bull, per Charles Leclerc 49 da Max Verstappen. "La stagione è ancora lung...

Leggi »
Rally

Rally del Kenya – 1° giorno
Ogier in testa, brividi per Rovanpera

Michele Montesano Con la prova spettacolo di Kasarani è ufficialmente partito il Safari Rally del Kenya, sesta prova stagio...

Leggi »
16 Giu [21:05]

Porpoising, la FIA ora agisce:
misure per la "salute dei piloti"

Jacopo Rubino - XPB Images

La FIA ha preso di petto la questione porpoising: le lamentele dei piloti in occasione del Gran Premio dell'Azerbaijan si sono fatte troppo forti per restare a guardare. Alla vigilia della gara in Canada, dove si torna subito a correre in questo fine settimana, è stata così diramata una direttiva tecnica per illustrare come verrà affrontato il problema nel breve termine, in attesa di una riunione con tutti i team per mitigare il fenomeno alla base. La Federazione, nel suo comunicato, lo ha messo in chiaro: si è scelto di intervenire dopo consulti medici "nell'interesse della sicurezza dei piloti".

"In uno sport in cui i concorrenti guidando per abitudine a velocità superiori ai 300 chilometri orari, si è ritenuto che tutta la concentrazione del pilota debba essere focalizzata su questo compito, e l'eccessiva fatica o dolore potrebbe avere conseguenze significative se dovesse verificarsi una perdita di attenzione", si legge. "In aggiunta, la FIA ha preoccupazioni sull'immediato impatto fisico per la salute dei piloti, alcuni dei quali hanno riportato dolori alla schiena dopo gli ultimi appuntamenti".

Da adesso in poi, o comunque al più presto, si controlleranno con maggior dettaglio i fondi delle vetture, e in particolare il pattino che serve a monitorarne l'usura: consumi elevati sarebbero il riflesso di "spanciamenti" eccessivi, che possono essere figli del porpoising, ma anche di assetti meccanici troppo rigidi, come richiedono le macchine 2022 a effetto suolo per ottimizzare il carico. Si definirà inoltre un sistema di misurazione, basato sulle accelerazioni verticali, per capire quale sia una soglia accettabile di oscillazione sull'asse Y. Ai team è stato chiesto di dare una mano nel trovare la giusta equazione matematica.

La sensazione è che la FIA non abbia voluto muoversi alla "cieca", ad esempio imponendo un'altezza minima da terra per tutte auto (idea peraltro bocciata dalle scuderie nei mesi scorsi), ma che preferisca mettere sotto la lente di ingrandimento ogni progetto e valutare il singolo caso. Alle squadre senza problemi di porpoising, o comunque sotto controllo come la Red Bull, potrebbe non essere richiesta alcuna modifica, mentre la Mercedes, forse la più sofferente in materia, sarà quasi certamente obbligata a sacrificare le prestazioni in nome della sicurezza, perdendo ancora più terreno.

Sarebbe quindi soddisfatto Christian Horner, team principal Red Bull, che durante il weekend di Baku aveva sottolineato: "Sarebbe ingiusto penalizzare chi ha fatto un buon lavoro, rispetto a chi ha mancato gli obiettivi. La cosa più semplice sarebbe alzare da terra la macchina, è questione di scelte". E in effetti, quella tracciata dalla FIA sembra una strada sportivamente più equa.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone