formula 1

Imola - Libere 2
Leclerc si conferma leader

Giovedì, Charles Leclerc appariva molto fiducioso per gli sviluppi portati sulla SF-24, un po' meno Carlos Sainz, il qual...

Leggi »
GT World Challenge

Sprint a Misano – Qualifiche
Dominio BMW con Martin e Weerts

Michele Montesano - Foto Speedy BMW ha brillato nella notte di Misano, palcoscenico del secondo appuntamento stagionale del G...

Leggi »
FIA Formula 3

Imola - Qualifica
Perentoria tripletta Trident
Ramos precede Fornaroli

Dopo la doppietta messa a segno nella qualifica del 2022 con Zane Maloney e Roman Stanek, Trident è riuscita ad infilare una ...

Leggi »
formula 1

Imola - Libere 1
Ferrari, scatto da leader

L'autodromo di Imola si tinge di rosso Ferrari e Charles Leclerc accontenta subito i tifosi accorsi in massa per il primo...

Leggi »
formula 1

Hamilton sponsorizza Antonelli
"Fossi in Toto lo prenderei al mio posto"

Lewis Hamilton non ha fatto troppi giri di parole parlando ieri pomeriggio alla stampa nella hospitality Mercedes: "Chi ...

Leggi »
FIA Formula 3

CLAMOROSO
Stenshorne e Tsolov esclusi
rispettivamente da Silverstone e Spa

Una leggerezza sorprendente, considerando il livello di professionalità in cui agiscono, è costata cara a Martinius Stenshorn...

Leggi »
12 Mar [23:38]

Prologo a Sebring – 2° giorno
Doppietta Toyota, Ferrari a muro

Michele Montesano

Il caldo della Florida ha accolto la seconda, e ultima, giornata del Prologo del FIA WEC. Sul tracciato di Sebring sono state ancora le Toyota a dominare la scena. Le GR010 Hybrid hanno monopolizzato entrambe le sessioni odierne occupando saldamente le prime due posizioni. Josè Maria Lopez, siglando un crono di 1’48”208, è stato il pilota più veloce dei test pre-stagionali. Mentre è toccato al campione in carica Brendon Hartley, autore di 1’48”216, chiudere la sessione pomeridiana.

Così come nella giornata di ieri, le GR010 Hybrid si sono rilevate decisamente affidabili completando 309 giri. In Toyota hanno lavorato molto per trovare la giusta finestra di utilizzo delle Michelin MHT (Medium High Temperature) e il corretto assetto da adottare sulle LMH. Inoltre il Direttore Tecnico Pascal Vasselon ha confermato che, il lunedì successivo alla 1000 Miglia di Sebring, il team nipponico effettuerà ulteriori tre giorni di test sul tracciato americano.



Ancora una volta è stata la Cadillac V-Series.R (nella foto sopra) la vettura più vicina alle LMH giapponesi. Richard Westbrook nella sessione pomeridiana ha stampato 1’48”890. Ciò nonostante, è stato Earl Bamber il pilota più veloce della squadra di Chip Ganassi grazie al crono di 1’48”429 ottenuto sabato pomeriggio. Il team Cadillac utilizzerà i dati raccolti nel Prologo del WEC, oltre che per la 1000 Miglia, anche per affrontare la 12 Ore di Sebring valida per l’IMSA.

Nella mattinata le Porsche 963 LMDh (nella foto sotto) sono riuscite ad accorciare ulteriormente le distanze sulle imprendibili Toyota. Michel Christensen ha fermato il cronometro in 1’48”957 ottenendo il terzo posto. Il danese ha guidato il team Porsche Penske Motorsport anche nell’ultima sessione, chiudendo al quinto posto davanti al compagno di squadra Kevin Estre.



Giornata dal doppio volto per Peugeot. In mattinata le 9X8 hanno completato 122 tornate con Nico Müller autore del sesto crono, seppure a 8 decimi dalla Toyota di Lopez. Distacchi che sono aumentati a quasi 2 secondi nella sessione pomeridiana, con Gustavo Menezes protagonista di un contatto a muro in curva 3 che ha costretto la direzione gara a esporre la bandiera rossa. Solamente tre le tornate completate dalla Peugeot numero 93, ferma per la maggior parte del pomeriggio ai box a causa di noie meccaniche.

Il quarto crono, ottenuto da Nicklas Nielsen nell’ultima sessione del Prologo, non è bastato a strappare un sorriso agli uomini Ferrari e AF Corse. La mattinata è iniziata nel peggiore dei modi per James Calado. Appena uscito dai box, l’inglese ha perso il controllo della sua Ferrari sui dossi della prima curva andando a sbattere contro le barriere. Tradito dalle gomme fredde, da quest’anno è infatti vietato l’uso delle termocoperte, Calado è uscito fortunatamente indenne dall’abitacolo. Purtroppo non si è potuto dire altrettanto della 499P, visibilmente danneggiata sull’anteriore e sulla fiancata destra. I danni riportati hanno costretto la vettura ai box per tutto il resto della giornata (nella foto sotto).



Mattinata più incoraggiante per la Vanwall. Seppur con un distacco di 1”565 dalla migliore delle Toyota, Tom Dillman è riuscito a issare la Vandervell 680 al nono posto nella terza sessione. La LMH realizzata dal team ByKolles però ha completato solamente 20 giri nella tornata pomeridiana. Leggermente più attardata la Glickenhaus 007 che, nella giornata odierna, non è andata oltre il quindicesimo crono assoluto inanellando solamente 69 giri.



Se nella mattinata si è ripetuto il duello in LMP2 fra United Autosports e il Team Prema, con Felipe Albuquerque (nella foto sopra) che ha siglato il riferimento di 1’50”577, nel pomeriggio il più rapido è stato Robert Kubica. Il portacolori del Team WRT, nonché campione in carica della ELMS, nelle ultime tre ore ha battuto Yifei Ye e Phil Hanson. Il Team Prema ha di che sorridere grazie al terzo crono nella classifica combinata ottenuto da Dorian Pin. Inoltre le Oreca della squadra italiana si sono dimostrate costantemente veloci e affidabili.

In netta ripresa anche le LMP2 dell’Alpine e del Vector Sport, rispettivamente quarta e quinta nel pomeriggio. Da segnalare anche il sesto crono ottenuto nell’ultima sessione da Robin Frijns. L’olandese del WRT è ritornato ad impugnare un volante dopo il brutto incidente accusato nell’E-Prix di Città del Messico, in cui ha subito la frattura del polso sinistro.



È proseguito il dominio Porsche nella classe LMGTE Am. Matteo Cairoli, al volante della Porsche 911 RSR del Project 1, ha siglato il miglior tempo del Prologo in 1’59”170 (nella foto sopra). L’italiano è stato 31 millesimi più veloce del tempo fatto registrare dall’Iron Dames Michelle Gatting nel corso della seconda sessione. Porsche si è ripetuta anche nella tornata pomeridiana con Ben Barker, autore del miglior crono, seguito dalla Ferrari in livrea Richard Mille portata in pista da Lilou Wadoux. Ancora una volta le Aston Martin Vantage GTE sono state le vetture più lente della classe.

Domenica 12 marzo 2023, 3° turno mattina

1 - Conway-Kobayashi-Lopez (Toyota GR010) - Toyota - 1'48"473 - 71 giri
2 - Buemi-Hartley-Hirakawa (Toyota GR010) - Toyota - 1'48"481 - 93
3 - Cameron-Christensen-Makowiecki (Porsche 963) - Penske - 1'48"957 - 45
4 - Bamber-Lynn-Westbrook (Cadillac V-LMDh) - Cadillac - 1'49"182 - 63
5 - Estre-Lotterer-Vanthoor (Porsche 963) - Penske - 1'49"285 - 65
6 - Duval-Menezes-Müller (Peugeot 9X8) - Peugeot - 1'49"302 - 58
7 - Fuoco-Molina-Nielsen (Ferrari 499P) - Ferrari - 1'49"558 - 80
8 - Di Resta-Jensen-Vergne (Peugeot 9X8) - Peugeot - 1'49"568 - 64
9 - Dillmann-Guerrieri-Villeneuve (Vanwall Vandervell 680) - Vanwall - 1'50"038 - 41
10 - Lubin-Albuquerque-Hanson (Oreca 07-Gibson) - United AS - 1'50"577 - 82
11 - Pin-Bortolotti-Kvyat (Oreca 07-Gibson) - Prema - 1'50"860 - 79
12 - Beckmann-Ye-Stevens (Oreca 07-Gibson) - Jota - 1'51"000 - 83
13 - Heinemeier Hansson-Fittipaldi-Rasmussen (Oreca 07-Gibson) - Jota - 1'51"000 - 81
14 - Gelael-Habsburg-Frijns (Oreca 07-Gibson) - WRT - 1'51"156 - 82
15 - Dumas-Briscoe-Pla (Glickenhaus 007) - Glickenhaus - 1'51"173 - 51
16 - Vaxiviere-Canal-Milesi (Alpine A470-Gibson) - Alpine - 1'51"286 - 81
17 - Pierson-Blomqvist-Jarvis (Oreca 07-Gibson) - United AS- 1'51"317 - 64
18 - Andrade-Kubica-Delétraz (Oreca 07-Gibson) - WRT - 1'51"432 - 65
19 - Ugran-Viscaal-Caldarelli (Oreca 07-Gibson) - Prema - 1'51"595 - 84
20 - Smiechowski-Scherer-Costa (Oreca 07-Gibson) - Inter Europol - 1'51"601 - 74
21 - Cullen-Kaiser-Aubry (Oreca 07-Gibson) - Vector - 1'51"877 - 81
22 - Negrão-Rojas-Caldwell (Alpine A470-Gibson) - Alpine - 1'53"230 - 72
23 - Hyett-Jeannette-Cairoli (Porsche 911) - Project 1 - 1'59"170 - 74
24 - Schiavoni-Cressoni-Picariello (Porsche 911) - Iron Lynx - 1'59"267 - 73
25 - Bovy-Gatting-Frey (Porsche 911) - Iron Dames - 1'59"270 - 79
26 - Ried-Pedersen-Andlauer (Porsche 911) - Dempsey-Proton - 1'59"302 - 82
27 - Tincknell-Hardwick-Robichon (Porsche 911) - Proton - 1'59"305 - 77
28 - Kimura-Huffaker-Serra (Ferrari 488) - Kessel - 1'59"332 - 17
29 - Flohr-Castellacci-Rigon (Ferrari 488) - Af Corse - 1'59"392 - 66
30 - Keating-Varrone-Catsburg (Chevrolet Corvette) - Corvette - 1'59"393 - 71
31 - Wainwright-Pera-Barker (Porsche 911) - GR Racing - 1'59"497 - 77
32 - Costantini-Mann-de Paw (Ferrari 488) - AF Corse - 1'59"689 - 73
33 - Perez Companc-Wadoux-Rovera (Ferrari 488) - AF Corse - 1'59"735 - 39
34 - Al Harty-Dinan-Eastwood (Aston Martin Vantage) - TF Sport - 2'00"183 - 65
35 - Hoshino-Stevenson-Fujii (Aston Martin Vantage) - D'Station - 2'00"372 - 51
36 - Dalla Lana-Jefferies-Thiim-Merril (Aston Martin Vantage) - TF Sport - 2'00"438 - 58
37 - Pier Guidi-Calado-Giovinazzi (Ferrari 499P) - Ferrari - Senza tempo

Domenica 12 marzo 2023, 4° turno pomeriggio

1 - Buemi-Hartley-Hirakawa (Toyota GR010) - Toyota - 1'48"216 - 70 giri
2 - Conway-Kobayashi-Lopez (Toyota GR010) - Toyota - 1'48"333 - 75
3 - Bamber-Lynn-Westbrook (Cadillac V-LMDh) - Cadillac - 1'48"890 - 53
4 - Fuoco-Molina-Nielsen (Ferrari 499P) - Ferrari - 1'49"300 - 58
5 - Cameron-Christensen-Makowiecki (Porsche 963) - Penske - 1'49"716 - 71
6 - Estre-Lotterer-Vanthoor (Porsche 963) - Penske - 1'49"856 - 48
7 - Duval-Menezes-Müller (Peugeot 9X8) - Peugeot - 1'50"137 - 65
8 - Andrade-Kubica-Delétraz (Oreca 07-Gibson) - WRT - 1'50"827 - 61
9 - Di Resta-Jensen-Vergne (Peugeot 9X8) - Peugeot - 1'51"217 - 4
10 - Beckmann-Ye-Stevens (Oreca 07-Gibson) - Jota - 1'51"324 - 71
11 - Lubin-Albuquerque-Hanson (Oreca 07-Gibson) - United AS - 1'51"414 - 67
12 - Vaxiviere-Canal-Milesi (Alpine A470-Gibson) - Alpine - 1'51"513 - 59
13 - Cullen-Kaiser-Aubry (Oreca 07-Gibson) - Vector - 1'51"609 - 62
14 - Gelael-Habsburg-Frijns (Oreca 07-Gibson) - WRT - 1'51"699 - 70
15 - Dillmann-Guerrieri-Villeneuve (Vanwall Vandervell 680) - Vanwall - 1'51"781 - 20
16 - Ugran-Viscaal-Caldarelli (Oreca 07-Gibson) - Prema - 1'51"939 - 61
17 - Pin-Bortolotti-Kvyat (Oreca 07-Gibson) - Prema - 1'51"965 - 59
18 - Pierson-Blomqvist-Jarvis (Oreca 07-Gibson) - United AS - 1'52"012 - 71
19 - Heinemeier Hansson-Fittipaldi-Rasmussen (Oreca 07-Gibson) - Jota - 1'52"149 - 71
20 - Smiechowski-Scherer-Costa (Oreca 07-Gibson) - Inter Europol - 1'52"228 - 44
21 - Negrão-Rojas-Caldwell (Alpine A470-Gibson) - Alpine - 1'52"457 - 54
22 - Dumas-Briscoe-Pla (Glickenhaus 007) - Glickenhaus - 1'52"533 - 18
23 - Wainwright-Pera-Barker (Porsche 911) - GR Racing - 1'59"253 - 55
24 - Perez Companc-Wadoux-Rovera (Ferrari 488) - AF Corse - 1'59"263 - 64
25 - Hyett-Jeannette-Cairoli (Porsche 911) - Project 1 - 1'59"478 - 40
26 - Schiavoni-Cressoni-Picariello (Porsche 911) - Iron Lynx - 1'59"516 - 60
27 - Bovy-Gatting-Frey (Porsche 911) - Iron Dames - 1'59"558 - 60
28 - Flohr-Castellacci-Rigon (Ferrari 488) - Af Corse - 1'59"599 - 62
29 - Keating-Varrone-Catsburg (Chevrolet Corvette) - Corvette - 1'59"632 - 44
30 - Tincknell-Hardwick-Robichon (Porsche 911) - Proton - 1'59"694 - 58
31 - Kimura-Huffaker-Serra (Ferrari 488) - Kessel - 1'59"749 - 66
32 - Costantini-Mann-de Paw (Ferrari 488) - AF Corse - 1'59"993 - 54
33 - Ried-Pedersen-Andlauer (Porsche 911) - Dempsey-Proton - 2'00"396 - 50
34 - Al Harty-Dinan-Eastwood (Aston Martin Vantage) - TF Sport - 2'00"460 - 59
35 - Dalla Lana-Jefferies-Thiim-Merril (Aston Martin Vantage) - TF Sport - 2'00"471 - 58
36 - Hoshino-Stevenson-Fujii (Aston Martin Vantage) - D'Station - 2'00"511 - 58
37 - Pier Guidi-Calado-Giovinazzi (Ferrari 499P) - Ferrari - Senza tempo