formula 1

Ferrari, Vettel "secondo pilota":
lo dice Binotto, ma era necessario?

Jacopo Rubino - XPB Images

"Charles è sicuramente è molto bravo, ma ci si aspetta di più ...

Leggi »
Mondiale Rally

Italia Sardegna, finale
Sordo resiste e trionfa

Jacopo Rubino

Per il secondo anno consecutivo Dani Sordo trionfa al Rally d’Italia Sardegna: pilota Hyun...

Leggi »
26 Set [11:45]

Sochi - Gara 1
Schumacher vince e si consolida

Massimo Costa

Come la si potrebbe chiamare se non la vittoria che consolida prima di tutto se stesso, poi la classifica di campionato e getta via tutti i dubbi che vi erano su di lui ? Mick Schumacher ha conquistato con grande abilità la prima posizione della gara di Sochi ed ha ottenuto una delle vittorie più belle e significative della sua carriera. Il tedesco, abilmente gestito dal team Prema, ha disputato la corsa perfetta che potrebbe definitivamente lanciarlo verso la conquista del titolo F2 2020 in un campionato che non ha saputo trovare dei veri dominatori. Dalla seconda fila si è subito portato in seconda posizione superando Jehan Daruvala, poi è rimasto alle spalle di Yuki Tsunoda, brillante poleman. Al 9° giro, il giapponese del team Carllin e Schumacher sono entrati ai box per il pit-stop, ben riuscito per entrambi.

Rientrati in gara in undicesima e dodicesima posizione, Schumacher ha gestito meglio le gomme rispetto a Tsunoda. Al 19° giro, il pilota Junior Red Bull ha cominciato ad evidenziare qualche difficoltà con l'aderenza anteriore e il figlio d'arte del Ferrari Driver Academy con una splendida manovra, un perfetto incrocio di traiettorie, lo ha superato. Tsunoda ha perso terreno venendo passato anche da Callum Ilott, il quale ha poi tentato un disperato inseguimento a Schumacher. Ma Mick è stato impeccabile e mentre Ilott veniva ripreso da Tsunoda, liberatosi dal graining che lo aveva rallentato in precedenza, il tedesco ha tagliato per primo il traguardo facendo suo il secondo successo stagionale dopo quello di Monza.

Sembra di rivivere il 2018 quando Schumacher, partito al rallentatore nel secondo anno di F3 FIA europea, via via ha preso sempre più sicurezza meritando il titolo. Ora si ritrova leader della F2 con 186 punti, 20 in più di Ilott, 41 in più di Christian Lundgaard e Tsunoda, appaiati a quota 145. Tutto può ancora accadere con cinque gare da disputare, ma la pietra posta a Sochi da Schumacher è di quelle pesanti. Quando acquisisce sicurezza, certezze, il piccolo Schumi diventa imbattibile. Vedremo se terrà fede a queste premesse nella gara 2 di domani e nel doppio appuntamento del Bahrain.

L'unico che sembra riuscire a tenere il suo passo è Ilott del team Virtuosi. L'inglese, da sempre ritenuto velocissimo, ma inconsistente, sta azzeccando la miglior stagione della sua carriera, benché non sia stato esente dai soliti errori nel corso del 2020. Anche Ilott appartiene alla FDA, che mai in F2 o precedentemente in GP2, si è ritrovata con due propri piloti al vertice. In gara 1, forse non ha gestito al meglio le gomme e questo gli ha fatto perdere la seconda posizione mettendo anche a rischio il podio con l'arrivo in volata con Luca Ghiotto.

Giornataccia per Lundgaard. Partito male, si è ritrovato alla prima staccata a centro gruppo. Pedro Piquet ha coronato il suo pessimo 2020 sbagliando completamente l'impostazione della curva, buttandosi addosso a Juri Vips e coinvolgendo nel parapiglia il danese del team ART, il compagno di squadra Louis Deletraz, Roy Nissany e Felipe Drugovich, questi ultimi due costretti al ritiro come Lundgaard e Vips. Il rookie della Academy Renault contava molto su questo weekend per recuperare punti su Schumacher e invece non ha completato il 1° giro e in gara 2 partirà dal fondo. Disastro totale.

Sorride così Tsunoda, che sta crescendo progressivamente di gara in gara. Considerando che è alla sua seconda stagione in Europa, dopo un solo anno in F3, tanto di cappello e il suo terzo posto sarà piaciuto non poco ai responsabili di Honda e Red Bull che stravedono per lui. Bel quarto posto per Ghiotto del team Hitech, con lo spunto finale entusiasmante nel tentativo di passare Ilott, benché non riuscito.

Daruvala (Carlin), partito dalla prima fila, non può essere troppo contento della quinta posizione finale davanti a un combattivo Jack Aitken (Campos). Dietro all'inglese, Nikita Mazepin e Guan Yu Zhou, autori di una prestazione poco convincente. Male Robert Shwartzman che proprio nella corsa di casa non ha preso punti, per via anche di un pit-stop infelice, ma non è mai parso in grado di graffiare come visto nella prima parte del 2020. E adesso, il giovane russo della Prema e della FDA, sembra essere uscito dalla contesa per il titolo. Punticini invece, per Marcus Armstrong (ART), nono, e Dan Ticktum (DAMS) finito nel mirino dei commissari sportivi per non avere rispettato il rientro in pista dopo aver tagliato la prima variante per evitare il crash innescato da Piquet.

Va detto che Ticktum, ex pupillo Red Bull poi defenestrato nel 2019 per comportamenti inappropriati tenuti nella Super Formula giapponese, era stato presentato come il rookie che avrebbe sorpreso tutti, ma a parte qualche spunto qua e là, non si è proprio visto. Ha 80 punti in classifica, 106 in meno di quel Schumacher che lo aveva battuto in F3 nel 2018 dopo un lungo testa a testa, scatenando le sue ire: l'inglese aveva accusato il tedesco di godere di favori esterni. La storia sta raccontando ben altro.  

Buon debutto in F2 per Jake Hughes con HWA Racelab, dodicesimo al traguardo, mentre il cambio di casacca (da HWA a MP) non ha modificato i risultati di Giuliano Alesi, quattordicesmo.

Sabato 26 settembre 2020, gara 1

1 - Mick Schumacher - Prema - 28 giri 55'02"871
2 - Yuki Tsunoda - Carlin - 6"358
3 - Callum Ilott - Virtuosi - 9"482
4 - Luca Ghiotto - Hitech - 9"507
5 - Jehan Daruvala - Carlin - 15"225
6 - Jack Aitken - Campos - 22"183
7 - Nikita Mazepin - Hitech - 23"129
8 - Guan Yu Zhou - Virtuosi - 25"392
9 - Marcus Armstrong - ART - 26"940
10 - Dan Ticktum - DAMS - 29"525
11 - Robert Shwartzman - Prema - 35"582
12 - Jake Hughes - HWA Racelab - 37"535
13 - Marino Sato - Trident - 46"326
14 - Giuliano Alesi - MP Motorsport - 48"045
15 - Artem Markelov - HWA Racelab - 52"107
16 - Guilherme Samaia - Campos - 1'07"006
17 - Pedro Piquet - Charouz - 1'08"704
18 - Louis Deletraz - Charouz - 1'19"307

Ritirati
Felipe Drugovich
Roy Nissany
Christian Lundgaard
Juri Vips

Il campionato
1.Schumacher 186; 2.Ilott 168; 3.Lundgaard, Tsunoda 145; 5.Shwartzman 140; 6.Mazepin 133; 7.Deletraz 122; 8.Zhou 112; 9.Ghiotto 101; 10.Ticktum 80.


Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone